Storie originali > Nonsense
Ricorda la storia  |      
Autore: Aspasia_    31/01/2022    1 recensioni
Andrés e Thomas sono stati incaricati di studiare le attività di un laboratorio nel Mississipi. Quello che troveranno li farà innamorare.
:
Dal Testo: "-Si, come no certo. Una divinità mai esistita è morta e il suo corpo, perché a quanto pare aveva un corpo, è stato ridotto in cenere e infilato in questo vaso-"
Genere: Comico, Demenziale, Romantico | Stato: completa
Tipo di coppia: Het, Slash
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno
- Questa storia fa parte della serie 'Cane non mangia cane'
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
Il dottor Andrés Williams si allontanò velocemente dalla guardia che giaceva svenuta sull’erba, trascinando dietro di sé l’amico, e collega di una vita, Thomas Smon.
-Siamo sicuri che sia il posto giusto?- Protestò Smon.
-Se non lo è usciremo immediatamente e nessuno noterà che il Pass è rubato da una delle guardie-
-Si, ma la guardia lo sa. E avrà già dato l’allarme-
Ma Williams proseguì per la sua strada, addentrandosi nella base, alla ricerca del luogo giusto. Non c’era tempo per le accortezze.
 
Spalancò con violenza la porta del Laboratorio Centrale. Una delle due scienziate all’opera si arrabbiò immediatamente per l’interruzione. L’altra, più giovane, si spaventò e fece volare una delle provette che aveva in mano. Il contenuto sbatté sul soffitto, dove rimase attaccato.
-Oh, no!- Disse allora -E’ già la quarta volta che mi finisce sul soffitto- Concluse incrociando le braccia al petto.
-Chi siete?- Intervenne l’altra.
-Una specie di controllo sanitario- Rispose Williams con sufficienza. Poi divenne più serio e aggiunse -Vogliamo sapere cosa fate in questo laboratorio e perché la gente è convinta che stiate nascondendo qualcosa di grosso qui-
La dottoressa sbuffò e fece roteare gli occhi -E con l’autorità di chi? Nessuno può bloccarci. E probabilmente avete meno di 3 minuti per scappare da qui prima che venga chiamato l’esercito-
-Scusate?- Li interruppe Thomas -Esattamente che cosa è questo?- Chiese, mostrando un coniglietto chiuso in una gabbia, di colore blu elettrico.
 
La dottoressa rimase per un attimo in silenzio, ma poi rispose -E’ un esperimento a carattere genetico. Può apparire, ad occhi inesperti, inutile e privo di senso, ma credetemi, ha un suo perché-
-D’accordo… E allora come spiega questo?- Continuò Smon, togliendo il telo bianco che copriva un grosso contenitore.
Al suo interno era contenuta, immersa in un liquido chiaro, una figura umanoide, per metà pesce.
-Avete una sirena qua dentro?- Urlò Williams, per poi riprendere subito la sua compostezza.
-Beh…-Provò a scusarsi la donna -E’ sempre per questioni di ricerca- Poi lanciò uno sguardo veloce alla collega, aggiungendo -Non è un essere creato da noi, lo abbiamo ritrovato sulle rive del fiume-
-Ah certo, ora vuole convincermi che esistono le sirene!- Controbatté Andrés.
-Ma è la verità- Urlò lei.
-Se fosse così all-
Il litigio venne interrotto dalle urla della dottoressa più giovane.
-Che succede?-
 
Nella teca, la sirena spalancò gli occhi, che cominciarono ad illuminarsi.
-Ricopri la teca!- Urlò, allora, la ragazza e Smon obbedì immediatamente.
 
A quel punto, la dottoressa andò su tutte le furie.
-Andatevene- Ordinò -Ci state mettendo in pericolo!-
-Non credo proprio. Prima voglio scoprire tutto ciò che nascondete qua… Tipo questo!- Urlò Williams, scoprendo un altro degli oggetti del laboratorio.
Ma finì per disvelare semplicemente un vaso dalla forma allungata.
-Bah, mi spettavo qualcosa di meglio- Si lamentò.
 
Solo in quel momento, i due notarono che, invece, le scienziate erano palesemente spaventate.
-Devo ricoprire pure questo?- Chiese.
-Mi ascolti- Disse la dottoressa più giovane -Si deve allontanare ed evitare, in qualsiasi modo, di inalare il contenuto dell’urna, è chiaro?-
-Inalare il contenuto? Perché?-
-Il vaso contiene le ceneri della dea Afrodite. Chi le respira si innamora immediatamente della prima persona con cui incrocia lo sguardo-
 
Williams fece roteare gli occhi.
-Si, come no certo. Una divinità mai esistita è morta e il suo corpo, perché a quanto pare aveva un corpo, è stato ridotto in cenere e infilato in questo vaso-
-Esattamente! E quella polvere è pericolosa-
-E voi avreste conservato una roba del genere? Allora perché non metterci magari un’etichetta o qualcosa che-
Andrés venne interrotto dal rumore della porta che si spalancava.
 
Due uomini, armati e con abiti militari, erano entrati nella stanza.
-Chi siete e per chi lavorate?- Chiese minacciosamente uno dei due.
Williams sbuffò. -Tranquillo, voglio solo dimostrare che qua dentro il Governo nasconde varie… Cose che non vuole che la gente veda. Compresa questa polverina- Concluse alzando il coperchio e provando a toccarla.
-No!- Urlò la dottoressa più anziana, precipitandosi contro di lui.
 
Williams venne battuto contro il vaso, che si rovesciò a terra, creando una scura nebbia avvolgente.
Tutti iniziarono a tossire, mentre si muovevano freneticamente nel laboratorio, scontrandosi fra di loro.
Finalmente la nube si calmò, ma gli effetti furono inevitabili.

Il dottor Andrés Williams alzò lo sguardo e cercò di assicurarsi che il suo collega stesse bene, incrociando così quello di Thomas Smon: tra i due fu amore a prima vista.
La dottoressa più anziana, Donna Loris, si guardò intorno e finì per fissare il Caporale Maggiore Roberts, uno dei due militari entrati poco prima nella stanza: si sposarono solo sette giorni dopo.
Fine peggiore fecero, invece, gli altri due: la dottoressa Milly Shell alzò gli occhi e si ritrovò a fissare il suo riflesso nello specchio. A distanza di anni, il suo viene considerato il peggior caso di narcisismo della storia.
Per quanto riguarda, invece, il giovane Capitano Nicolai Vlim, a lui toccò la finale più inaspettato. Alzato lo sguardo, si rese conto che il telo che copriva la sirena era caduto e tra il ragazzo e l’essere metà pesce nacque una strana storia d’amore.
 
 
 
 
   
 
Leggi le 1 recensioni
Ricorda la storia  |       |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Nonsense / Vai alla pagina dell'autore: Aspasia_