Storie originali > Azione
Ricorda la storia  |      
Autore: Allen Glassred    12/06/2022    1 recensioni
DA UNA MIA LONG
Mila è un'agente segreto: suo compito è catturare colui che tutti chiamano Hinode, un pericoloso terrorista. Ma cosa ccadrà quando la donna lo scoprirà innocente? E cos'accadrà quando ad entrare in scena sarà lo spietato agente Yoru, di cui nessuno sa nulla ma che pare conoscere bene il defunto fratello di Mila? Leggete e lo scoprirete.
Genere: Azione, Generale, Suspence | Stato: completa
Tipo di coppia: Het
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A

Succede tutto in un momento, talmente in fretta che nemmeno la stessa donna dalla chioma aranciata riesce a rendersi da subito conto di cosa stia effettivamente avvenendo: dopo aver confessato il suo amore a colui che tutti chiamano “ Hinode “, che teoricamente avrebbe dovuto arrestare ed assicurare alla giustizia per ordine dei servizi segreti per cui lavora, dopo avergli assicurato di essere disposta a rinunciare al sua missione per seguire lui, di credere alla su innocenza e che non è lui il terrorista che cercano, dopo tutto questo, dopo aver sperato di poter finalmente abbandonare il nome di “ Twilight “ ed essere semplicemente “ Mila Hayse “, ecco che un nuovo colpo di scena ha sconvolto i suoi piani: uno sparo. Uno sparo a non troppa distanza: non ha ucciso Hinode, ma lo ha ferito abbastanza gravemente da farlo cadere tra le braccia della donna, che sconvolta non può fare a meno di cadere in ginocchio. “ Hinode! “. Grida poi, realizzando che sulla sua mano è presente del  sangue e da dove venga.

 

“ Obiettivo neutralizzato, signore “. Una voce: una voce di chi pare parlare con qualcuno ma che, nella realtà dei fatti, esce dall’ombra totalmente solo: indossa il tipico vestiario degli enti segreti, i suoi occhi di ghiaccio fanno quasi contrasto con i suoi capelli corvini. La donna sgrana gli occhi sconcertata: ha già capito di chi si tratta.

 

“ Yoru… “. Mormora solamente, riconoscendolo: è lui. L’agente che lavora fianco a fianco con il capo degli agenti segreti, colui del quale si sa solo il nome in codice: Yoru. “ Tu! “. Tuona semplicemente la fanciulla, mentre lui la osserva mantenendo quello sguardo che potrebbe gelare l’inferno in un istante.

 

“ Lo avevo detto al capo, che non avresti portato a termine la missione “. Sentenzia solamente il corvino, quel misterioso agente i cui Mila non ha mai saputo nulla ma che, lo ammette, la incuriosisce e spaventa l tempo stesso. “ Penserò io ad assicurare questo terrorista alla giustizia “. Sentenzia, ma proprio mentre punta la pistola a Hinode, Mila si frappone tra i due. E per la prima volta lo sguardo di ghiaccio di Yoru tradisce sorpresa, una sorpresa che non ha forse mai  provato prima d’ora. Beh, a dire il vero non gli è nemmeno mai capitato di esitare come sta facendo ora: perchè, pensa? Perchè esita nello sparare a quell’agente che ormai, si è rivelata una traditrice? Stava aiutando un terrorista a fuggire, li ha visti baciarsi. Già, il bacio: forse pensa, di tutto ciò che ha visto ed udito è stato proprio il baco a dargli maggiormente sui nervi, a fargli desiderare di vedere morto quell’individuo che.. si riscuote dai propri pensieri.

 

“ Non ti permetterò di fargli del male! “. Sentenzia determinata arancione, mentre solo ora si rende conto: lei e Yoru condividono lo stesso, identico colore degli occhi. Un dettaglio del quale non si era mai resa conto o forse, al quale non ha mai dato importanza: come mai pensa, ora…?

 

“ Così, tu credi di poter essere felice con costui? E osa pensi ti offrirà? Una vita da fuggitivi? “. Chiede sprezzante il corvino, mentre lei scuote il capo con enfasi. “ Così com’è nel suo DNA essere un terrorista, ugualmente è nel tuo DNA essere un agente segreto. Come me, come tuo padre. E come tuo fratello “. Sentenzia, mentre a quell’ultima uscita lei si infervora maggiormente.

 

“ Cosa ne sai tu? Mio fratello è morto anni ed anni fa! Cosa… “. Si immobilizza: perchè pensa, guardando Yoru non può fare a meno di rivedere il viso di suo fratello? Che scherzo dei destino è mai questo? O forse pensa, è solo la sua mente stanca che si diverte a giocarla?

 

“ So solamente che l’agente Hayse si starà rivoltando nella tomba, vedendo come sua sorella stia proteggendo un terrorista. La sua amata, amatissima sorella minore… “. Mormora solamente, non nascondendo un pizzico d’ira che lei coglie subito.

 

“ Te lo ripeto: cosa sai tu ddi mio fratello?! Chi ti autorizza a parlarne come se lo conoscessi, eh?! “.  Si innervosisce maggiormente la donna, mentre l’altro ghigna notando che, quasi senza pensarci Mila ha afferrato la pistola di Hinode e gliela sta puntando.

 

“ Prima che tu prema il grilletto, ti avrò già fatto saltare il cervello. E credimi, nessuno obietterà nel sapere che mi sono difeso dall’aggressione di un’agente divenuta una terrorista e che ha cercato di spararmi “. La donna scuote il capo: perchè pensa, più sente Yoru parlare più la sua voce le ricorda quella di suo fratello, il cui nome tra l’altro è molto simile a quello in codice di costui? Perchè tutti questi dettagli le sovvengono solo ora, correndo come corridori impazziti nella sua mente, senza riuscire a dar loro un preciso ordine? “ Nemmeno ti sei presentata al suo funerale: dieci di amare tuo fratello, ma nemmeno nel giorno dell’estremo salto ti sei degnata… “. Si blocca, mentre a quella frase lei scuote il capo con enfasi: ma come fa pensa, a sapere tutto questo? A quei tempi, alla morte di Yuri non era nemmeno in città. Allora, come fa a sapere tutto ciò? Possibile che sia entrato in una tale confidenza con suo padre, da indurlo a raccontargli tutto questo?

 

“ Mio padre ha preferito essere il solo presente, alla cerimonia funebre: io e mia madre avremmo voluto partecipare, ma lui l’anticipò. Seppellì Yuri senza permetterci di dargli l’estremo saluto: diceva che era meglio così, che per noi sarebbe stato troppo doloroso. E non l’ho ancora perdonato per questo “. Sibila solamente, ed è vero: non ha mai perdonato suo padre per questo suo gesto. E se ne chiede i motivi: perchè? Perchè ha impedito a lei e sua madre di dare l’estremo saluto a suo fratello? Perchè eseguire la cerimonia funebre in totale solitudine? Tutte domande alle quali, lo sa, non potrà mai trovare una risposta sensata. In oltre è sorpresa: perchè si ritrova a parlare di suo padre e di Yuri, proprio  con Yoru? Yoru, che a quell’affermazione sogghigna lievemente per poi, repentinamente, cambiare argomento.

 

“ Hai solo due possibilità: o insegnarti e insegnare quell’uomo o tentare di difenderlo ed essere entrambi uccisi. Non avrò pietà di te, Twilight: non ne avrò, anche se se… “. Si blocca un istante: strano pensa, eppure non riesce ad affrontare lo sguardo di Mila. Non ora, almeno.  “ … anche se sei una donna “. Taglia corto l’agente segreto, mentre lei riflette: cosa stava per dire Yoru? Perche si è repentinamente Fermat, cambiando poi la propria frase e deviandola? Cosa nasconde quell’uomo? Chi è realmente e soprattutto, come mai pare conoscere così bene suo fratello? Tutte domande alle quali, pensa l’aracione, intende dare una risposta. Perchè è così, pensa, è nel suo DNA: non arrendersi mai e scovare la verità, a tutti i costi. E forse pensa, dopo anni il momento del confronto finale con Yoru è finalmente giunto.



Mila è un'agente segreto: suo compito è catturare colui che tutti chiamano Hinode, un pericoloso terrorista. Ma cosa ccadrà quando la donna lo scoprirà innocente? E cos'accadrà quando ad entrare in scena sarà lo spietato agente Yoru, di cui nessuno sa nulla ma che pare conoscere bene il defunto fratello di Mila?
   
 
Leggi le 1 recensioni
Ricorda la storia  |       |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Azione / Vai alla pagina dell'autore: Allen Glassred