Storie originali > Poesia
Ricorda la storia  |      
Autore: luna45    23/01/2023    0 recensioni
Giuseppe Impastato fu un uomo onesto che s'impegn a combattere la mafia, ma purtroppo molti ancora non lo conoscono, perché il suo omicidio venne oscurato dal ritrovamento del corpo di Aldo Moro , ucciso dalle rigate rosse il 9 maggio 1978.
Fondò una radio, si candidò con il partito "Azione proletaria" come consigliere di Comunale di Cinisi, scriveva perfino poesie. questo era Peppino una persona speciale, spesso nemmeno menzionata nelle vittime di mafia e lo dico con rammarico.
Genere: Drammatico | Stato: completa
Tipo di coppia: Nessuna
Note: Raccolta | Avvertimenti: Tematiche delicate, Violenza
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A

GIUSEPPE IMPASTATO

Peppino così lo chiamavano,
lui vedeva la bellezza
in ogni cosa
anche in un’isola ferita
dal sangue sparso,
intrisa dal veleno
del mostro,
Lui voleva renderla migliore,
rendere il mondo un posto
migliore,
Così scelse di combattere quel male
Che serpeggiava nel suo paese
Nella sua meravigliosa isola
Fatta di mare e sole,
E così fondò una radio
In cui parlava apertamente contro quel mostro
Che sembrava divorare ogni cosa bella
E portare solo bruttezza.
Ma il mostro stufo di sentire le sue parole
In un giornp di maggio
Prima mischiò il su sangue ad una pietra
E poi  non contento,
Volle che cessasse di esistere
E così il suo corpo pieno di tritolo
Esplose come una bomba.
Provarono a cancellarlo,
ma non ci riuscirono
perché lui vive nel cuore
di chi combatte e ha combattuto il mostro.
 
 
   
 
Leggi le 0 recensioni
Ricorda la storia  |       |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Poesia / Vai alla pagina dell'autore: luna45