Serie TV > Cuore Selvaggio ( Coraz˛n Salvaje )
Segui la storia  |      
Autore: ValeAlcazar    26/05/2023    0 recensioni
Un crossover dove i due personaggi di Cuore Selvaggio Juan e Beatrice scoprono la storia di Oscar e Andre
Genere: Malinconico, Romantico, Triste | Stato: in corso
Tipo di coppia: Nessuna
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
cap.1 Parigi, autunno 1900 Juan e Beatrice camminavano a braccetto per gli immensi viali che costeggiano la Ville Lumiere, ammirando la bellezza, i maestosi monumenti che ne facevano una delle citta'piu' belle al mondo..Beatrice si era estasiata di fronte alla magnificenza di Notre Dame, la Tour Eiffel da poco eretta come supremo emblema di questa citta, fino agli affolati Champs Elysees, che raccoglievano l' anima vitale e pulsante della metropoli, il Louvre sede eletta degli antichi regnanti..Ma c era un luogo che Beatrice desiderava visitare pi¨ di ogni altra cosa quella Versailles, suprema meraviglia, gloria eccelsa di fasto borbonico...Chiacchierando allegramente, la loro attenzione fu attirata da un piccolo edificio, ninnolo in puro stile barocco che si ergeva solitario, apparendo dissonante e in netto contrasto con le architetture di quelle stradicciole di periferia... " Juan, guarda ci siamo ritrovati di fronte a questa costruzione, non l'avevo mai notata, le volte che siamo passati da qua....e talmente affascinante che desidero visitarla" Juan era perplesso, quel luogo emanava uno strano sentore di antico come se le pareti richiamassero una melodia che pareva perdersi in una sorta di sinfonia remota e misteriosa, quasi magica quasi a voler accogliere tra le sue mura dei visitatori. Entrati si ritrovarono in un locale simile ad teatro, dove in lontananza s intravedeva in penombra un palcoscenico...La sala che gli accolse una vasta platea, presentava pareti interamente coperte di velluto che rendevano la loro permanenza solitaria avvolta in un'aurea magica...Sulla pedana di fronte a loro erano collocati enormi specchi che parevano animarsi e prendere corpo e vita, spandendo i loro riflessi sui muri circostanti... " Non ho mai visto niente del genere, queste immagini sembrano parlare" disse sottovoce Beatrice...Juan, volse la testa vedendo nettamente apparire nel bianco chiarore riflesso del vetro la visione di due bambini che giocavano con le spade nel cortile di una dimora signorile... " Beatrice hai notato anche tu?" " Si, Juan....ascolta...." continuo" Beatrice " in lontananza sembra suonare una musica, un sussurro quasi un eco di una voce armoniosa" Le note era come se fluttuassero e danzassero nell' aria, sibili indistinti, di quella strana rappresentazione, tenero mormorio che rapiva i due spettatori rendendoli partecipi di quelle due tenui esistenze vissute in un passato lontano. Il triste timbro della melodia accompagnava leggero le oniriche immagini che piano piano si materializzavano come corpi reali e concreti, Beatrice era commossa da quella malinconica musica, tutto pareva animarsi e perdersi in un sottile mormorio che nell'aria imprimeva sottile e quasi impercettibile il nome dei due giovani... " Juan non puo' essere...la mestizia di questa composizione...e quella voce che simile ad una debole brezza ci ha rivelato il loro nome Oscar e Andre..." Improvvisamente i bambini si fecero giovani portando il tenero fragore del suono ad imprimersi ed nella vicenda di Oscar, la bellissima giovane bionda, l" angelica ed algida figura a cui un fato cruento e beffardo aveva suggellato un destino segnato da un padre che fece di lei un soldato...Il fanciullo che le si materializzava accanto, era cresciuto con lei ne era divenuto l essenza vitale... "Juan ci stanno parlando sono loro che con le loro anime ci hanno condotto fin qua...a volerci far partecipi della loro storia"
   
 
Leggi le 0 recensioni
Segui la storia  |       |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Torna indietro / Vai alla categoria: Serie TV > Cuore Selvaggio ( Coraz˛n Salvaje ) / Vai alla pagina dell'autore: ValeAlcazar