Storie originali > Fantascienza
Segui la storia  |       
Autore: dragun95    10/07/2023    2 recensioni
Amanirenas è il tenente della nave spaziale Mèigumi. In genere ha il compito di guidare spedizioni di recupero materiali in tutta la galassia.
Ma questa volta il suo incarico la porterà su Nèos. Un pianeta ostile ma con una grande ricchezza materiale, per recuperarla però, dovrà prima riunire una squadra di Esper sciolta anni fa. Anche se riluttante, sarà costretta a cercarli e convincerli a rimettersi insieme, poiché conoscono il pericolo che rappresenta la missione meglio degli altri.
Anche se forse la missione di raccolta potrebbe nascondere qualcosa di molto più grosso del matallo e i membri della E-titànes, potrebbero scoprirlo troppo tardi.
Genere: Avventura, Drammatico, Romantico | Stato: in corso
Tipo di coppia: Het, Shonen-ai, Shoujo-ai
Note: Lemon, Lime | Avvertimenti: Contenuti forti, Violenza
Capitoli:
   >>
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A

Prologo

 

Cinque minuti, era il tempo che Amanirenas aveva impiegato dalla sua stanza alla sala di comando della nave. Il Capitano aveva richiesto la sua presenza, per una questione molto importante.
Anche se lei pensava di sapere di cosa si trattasse. Si fermò davanti alla sala del capitano perfettamente immobile nella sua tuta high-tech corazzata.
 
La telecamera posta sopra di essa, la inquadrò subito, scannerizzandola e cercandola nei database della nave. Fosse stata un’intrusa i sistemi di sicurezza si sarebbero subito attivati.
 
<< Riconoscimento effettuato. Accesso consentito >> disse la voce della I.A, mentre la porta si apriva con un suono di sblocco. Appena entrata si mise subito sull’attenti.
 
-Capitano, sono qui come richiesto!- La stanza era abbastanza ampia, con al centro una scrivania metallica. La figura dietro ad essa, spense lo schermo olografico che stava guardando e fisso la sua subordinata.
Saydda il capitano della nave da trasporto Mèigumi. Era una donna nel fiore degli anni molto bella e avvenente, dai corti capelli neri e i penetranti occhi azzurri. Sul lato destro del viso si potevano vedere dei componenti elettronici sotto pelle collegati alla protesi del braccio destro.

-Si, Amani- rispose alzandosi dalla scrivania e girandovi intorno arrivò davanti al suo tenente.
La donna alzò la mano robotica, così da dare iniziò ad una registrazione olografica di un pianeta. Uno che la sua sottoposta conosceva molto bene: Néos.
 
-Come ben saprai, Néos nasconde molti tesori e non solo l’Orichus- iniziò alludendo al prezioso minerale esclusivo del pianeta. Molto ricercato e costosissimo, ancora più delle gemme preziose. Fece ruotare il dito indice e l’ologramma fece lo zoom fino a quello che sembrava un vulcano.
 
-Questo sarebbe l’obiettivo?- mentre parlava la visiera del suo casco si muoveva come con lo schermo di un elettrocardiogramma in cui le onde salivano e scendevano. Saydda annuì, percependo lo stato d’animo per niente felice dell’altra.
 
-Dovreste sapere quanto quel luogo sia uno dei posti più ostili del pianeta!- la mora annuì benissimo. Ma per questo aveva pensato ad un piano.
 
-Lo so benissimo. Proprio per questo dovremmo chiedere supporto- Amanirenas inclinò la testa.
Il suo capitano non era d’accordo a chiedere aiuto se non costretta. E quello poteva rivelarsi uno di quei casi. Ma dubitava che nonostante l’aiuto di qualche mercenario avrebbero potuto portare a termine il compito.
-Vuole reclutare degli Esper?!- il silenzio creatosi, gli fece capire che aveva azzeccato. Gli Esper erano esseri umani che si erano trasferiti sul pianeta, sviluppando capacità “sovrannaturali” come alludeva il loro nome. Così da resistere alla fauna del pianeta.
 
-Mi ha chiamato per fare una selezione dei possibili candidati?- l’altra scosse la testa. Lei li aveva già selezionati. Armeggiò un secondo con la protesi, inviando i dati alla visiera della sua sottoposta. Questi alzò la mano per aprire i dati attraverso la connessione virtuale della tuta, analizzando velocemente il contenuto.
 
-Dev’esserci un errore. Il nome della squadra: E-titànes. Ma è impossibile!- aveva sentito parlare di quella squadra di mercenari Esper. Ma aveva sentito anche che si era sciolta qualche anno fa.
 
-Nessun errore, tenente!- la risposta secca gli fece capire che non scherzava affatto. Il Capitano non era il tipo di persona che avrebbe fatto uno scherzo del genere. Con ciò capì che avrebbe dovuto rimetterla insieme. Ammesso che i membri fossero ancora vivi.
 
 
 
 
 
Note dell’autore
 
Benvenuti a questa mia prima storia sul fandom di Fantascienza. Essendo la prima che scrivo di questo genere, siate clementi.
Per ora niente da dire visto che siamo all’inizio, conosciamo la misteriosa Amanirenas (o Amani abbreviato) a cui è stato dato il compito di ritrovare gli Esper di una squadra di mercenari su un pianeta alieno.
Spero che la storia vi possa incuriosire e con questo vi saluto. A presto.
  
Leggi le 2 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
   >>
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Fantascienza / Vai alla pagina dell'autore: dragun95