Recensioni di Spettro94

Queste sono le ultime cinque recensioni che l'utente ha lasciato nella sezione nell'ambito del programma recensioni.


Recensione alla storia Tales of Wolf and Dragon - 01/11/19, ore 12:16
Capitolo 34: Regina di Ghiaccio
Allora, il capitolo sarà pure Regina di Ghiaccio ma qui si è virato decisamente verso il Sole e il cado di Dorne! È il prima volta che, nonostante la performance di Rheagar, sento davvero il soggetto spostarsi verso altri due personaggi. Quasi foss un passaggio di consegne nel momento, forse, più alto della storia tra la lupa e il drago. Elia osserva da spettratrice interessata la storia tra il suo principe e Lyanna, ricordandosi dei tempi che furono tra lei e Arthur. Detto così può sembrare sia accaduto secoli fa, ma di fatto la storia d’amore tra loro due è sbocciata molti anni prima. E si porta avanti, nonostante qualche alto e basso che è naturale. Diversa, rispetto i due freschi piccioncini, ed esaltata nei suoi caratteri da un flashback e una regia della scena che... Devo ammetterlo, è venuta molto bene. Le pedine che cadono mentre la raccoglie è una scelta quasi cinematografica veramente azzeccata. Mi ha fatto immaginare la scena a rallentatore, ha creato atmosfera. Davvero un bel lavoro. 
Sullo svolgimento non mi sono stupito poi molto. Insomma, lui è un donnaiolo che è già stato rapito da lei al primo sguardo, Elia la donna dal carattere gentile ma focoso, che abbiamo già visto. Insomma, non potevano che fare scintille. 
È anche per questo che la principessa dimostra di conoscere così bene cosa passa per la testa di Lyanna. C’è già passata. Ha vissuto gli stessi conflitti, le difficoltà, il dolce peso di una storia che molte delle lady presenti in quel salotto neanche si immaginano. La differenza è che Rhaegar canta con l’arpa, Arthur con quel sorriso arrogante che l’ha stregata. 
E niente. Non ci riesco proprio a vedere Rhaegar e Lya come protagonisti di questo capitolo, mi spiace. Nonostante lo sforzo che hai prodotto per quella canzone :(
Al prossimo capitolo
Spettro94
Recensione alla storia Tales of Wolf and Dragon - 12/09/19, ore 18:13
Capitolo 33: La Vera Forza di un Drago
Rieccomi ^^
Allora, qui mi rimetto alle doti resilienti di Arthur perché sinceramente non avevo mai pensato a questa ipotesi: quanti duelli si potrebbero sostenere, prima di sfinirsi? Nonostante l'aver scritto svariati combattimenti e guerre in Occhi di stelle, non ho mai pensato alla tenuta dei singoli personaggi. Comunque, per una Guardia reale che si allena tutti i giorni nell'arte della spada, sostenere tre livelli di seguito non dovrebbe essere gravoso quasi per niente. 
E dopo questa premessa di cui non se ne sentiva il bisogno (XD), passiamo ai punti chiave del capitolo. Lo sfottersi tra Arthur e Rhaegar a parte, si è definita in modo più accurato la situazione degli esterni alla storia tra Ned e Ashara; paradossalmente, sono proprio i due protegonisti che non danno molti indizi. Arthur sembrava aver capito qualcosa e sfida Ned. Un risvolto quasi manganiano, per certi versi, come il cozzare delle lame possa far cantare i loro cuori e permttere alla verità inespressa di uscire allo scoperto. In verità Arthur di queste cose ci avrebbe potuto campare, se non riconosce lui qualche "non detto" tra due coppie, chi dovrebbe? Magare potrebbe aver toppato alla grande e si scopre che è Bran, ma ci credo poco. È quello che non hai fatto vedere, però, che mi interessava di più :) Forse lo riprenderai nei prossimi capitoli, ma il duello Ned/Arthur mi sarebbe piaciuto un casino da vedere, magari dalla prospettiva della guardia reale. Sono sinceramente curioso di scoprire cosa penserebbe, esclusi i motivi di pancia: la possibile voglia di piantargli Alba nelle viscere.
Si scopre che tra i veli della sua... Si può parlare di lussuria? Nah, non credo. In confronto a Robert è quasi un santo. Comunque... tra i veli della sua forte attrazione per il gentil sesso Arthur cela un lato... dolce? Certo, rimane condito di rosso accesso. Quasi una passione quieta per la sua Elia. Ecco! Forse è il modo migliore per descriverlo. 
Ad ogni modo, è più coinvolto lui con Rhaegar che la sorella con Elia; e poi dicono che gli uomini fanno fatica a esprimere tra loro i propri sentimenti xD (È vero. Se Rhaegar non fosse così permissivo finiva a cartoni da decenni) È un po' triste che Elia non abbia un rapporto così stretto con il proprio seguito. Insomma, sì, ha Oberyn e Rhaegar e Arthur, e le sue dame possono gestire un gran numero di segreti personali, ma il Pov di Ashara, soprattutto dopo quello di Arthur, mette in luce che tra lady e principessa non è lo stesso che tra la guardia reale e principe. O forse è un modo poetico per definire l'ultimissima parte del capitolo: un principessa non può permettersi amicizie così strette, perché lei è tra le pedine che deve proteggere il suo re-drago. Uhm, se fosse così è davvero una scelta bellissima. Triste per Elia (poverina), ma bellissima nella sceneggiatura.
A presto!
Spettro94
Recensione alla storia Tales of Wolf and Dragon - 04/09/19, ore 15:10
Capitolo 32: Caduta di Stile
Buondì. Sono davvero, davvero costernato di aver lasciato la storia a sè stessa per così tanto tempo; anche per essere sparito, ovviamente, dopotutto è qualche mese che non mi faccio sentire. Mi spiace dirlo, ma il mio nick a volte riflette la mia malsana abitudine a procrastinare, soprattutto quando i periodi sono densi di impegni, o manca il 3G quando si è in vacanza :( :(
Quindi... Sì, mi spiace tantissimo. Ma non ho abbandonato nulla, te l'assicuro.
Allora, era da un po' che non passavo e ricordavo poco o nulla, infatti. Sì, mi era venuto in mente qualcosa, ma se non era per Ned i ricordi sarebbero stati ancora nebbiosi. Perciò grazie Ned, anche se mi dispiace che il tuo amichetto le abbia buscate come un pugile quando passava Mike Tyson. A dirla tutta è stato quasi comico l'alternarsi della carneficina di Arthur a Lyanna che ignara di tutto si beveva una tazzina di tè con tutta calma; e mi è piaciuto il parallelismo con Sansa per quanto riguarda le tartine al limone ^^ Quando ho sentito Ashara parlare di anice stellato, però, ammetto di aver sudato freddo. Non so... mi ricorda il cazziatone che fece Bastianich a una concorrente di Masterchef, che con l'anice stellato ci si spacca i denti. Poi non so, non m'intendo di cucina al punto da sapere dove metterlo come ingrediente. Per fortuna, la visita dal dentista se l'è risparmiata. Per Lya solo un logoramente mentale, accommpangato dalla soffocante compagnia di dame con cui non condivide nulla e deve fingere che sia il contrario. Se non fosse che Robert è stato umiliato alla stragrande, non avrei saputo dire chi stesse soffrendo di più tra i due promessi. Di certo, Ned ha raggiunto la pace dei sensi xD
Sul fronte del combattimento non c'è molto da dire. Non per la coreografia, che a dire la verità ho gradito, quanto perché non c'è stato un vero duello. Semmai un'esecuzione all'autostima di Robert, che essendo un carro armato subira il peso dello scotto con qualche anno di ritardo, iniziando al darsi a una dieta fatta di vino e cibarie per ignorare il trauma; un po' come Thor, se hai presente. Si scherza. Ovviamente Robert ha messo peso per una sequela di motivi che riguardano il suo carattere. Penso che se non era il cinghiale sarebbe stato il diabete, come Aegon IV (almeno, penso sia morto di diabete). Non c'entra neanche Lya, che non lo ama, perché alla fine della fiera nemmeno lui ama lei. Sì, l'ha idealizzata nella perdita, ma alla fine possiamo chimarlo una sorta di raptus d'orgoglio. Lo stesso che gli impedisce di accettare la resa, mettendosi in ridicolo. Lo stesso, però, che checcè ne dicano gli è valso la conquista del Trono di spade. 
Sul fronte del party, se così possiamo chiamarlo, abbiamo una Lya in aperto conflitto. Alla fine, nulla di nuovo rispetto a prima, ma da questo passaggio si capisce che l'hai impostata in un certo modo. Mi spiego. Io non ho un'alta opinione di Rickard Stark, e penso che neanche Lyanna l'avesse, ma parto solo da questo come base per analizzare. È possibile, a meno di smentite, che Lyanna provi per suo padre la stessa, cieca dedizione che Robert prova per lei. Sappiamo ormai che lei è intelligente e di politica qualcosa la sa; e se si avessero dubbio, basta vederla decriptare i poemi danteschi di Elia. Con occhi diversi saprebbe riconoscere che dentro suo padre alberga la malizia, ma dal punto di vista di figlia è rimasta solo all'apparenza. Lo considererà un genitore difficile, ma non oltre. L'essere cresciuta assieme a lui deve aver condizionato le sue ragioni e non riesce a capacitarsi che qualun altro, persino Rhaegar, possa parlare di lui in modi che non avrebbe mai creduto; ma non pensato, almeno inconsciamente, perché conoscendola avrebbe sgancaito a Rhaegar una cinquina storica, nonostante fosse lui. Lo stesso che fa Robert, che condizionato dalla sua bellezza non riesce ad andare oltre.
Ovviamente potrei essere partito per la tangente, quindi riportami in carreggiata se sono andato troppo oltre di fantasia ^^
Detto questo, è incredibile quanto ci si possa trovare sui carboni ardenti solo perché il gatto di una bambina ti sale sulla gonna. Sembrava quasi che potesse prender fuoco. Questo da la misura di quanto dovesse tirare al massimo la paranoia a quell'epoca. Non che oggi sia molto diverso, ma non si rischia la morte per oltraggio a reale minore xD Quantomeno Lewyn si diverte.
A presto e scusa ancora tantissimo per le sparizioni T.T
Spettro94
Recensione alla storia Le ombre del trono - 25/08/19, ore 17:59
Capitolo 20: I fatti si ripetono
Ciao ^^
Sono appena tornato dalle vacanze e, anche se ammetto di aver letto il capitolo settimane fa, avevo i giga del cellulare contati; oltre che scrivere recensioni col cellulare è la prova più ostica che esista al mondo.
Comunque, passano i tempi, arrivano e passano gli inverni, ma Ned non riuscirebbe a prendere una decisione diversa dall'affossarsi con le sue stesse mani neanche se Cersei girasse da settimane con un cartello in testa che esponesse modi e tempi di come aveva in mente d'infinocchiarlo. Non ci riesce proprio, è più forte di lui. Può dirglielo Jaime, Rhaegar che torna in vita quei cinque secondi per avvertirlo. Niente, tabula rasa e via di ribellioni aperte, con... i Baratheon che si schierano con Jon? Certo, se lo pensa con la stessa sicurezza con cui ha affrontato Cersei, c'è poco da stare allegri. L'ho già detto: finché non vedo Stannis schierarsi con Jon, per me i Baratheon sono in forse. 
Devo dire che pensavo a Daenerys in fuga, i primi capitoli. Insomma, che Rhaegar sarebbe morto era evidente, ma pensavo che le circostanze avrebbero costretto Dany a scappare. Invece, per il momento, resta uno dei nemici degli Stark. Forse il più pericoloso: menzogna o meno, chiunque appoggerebbe Joffrey se sposasse Dany. Questo è un pericolo che Jon dovrà affrontare, prima o poi.
Per non parlare di Robb. Nei libri, Cat raggiungeva livelli di depressione assurdi, sentivi proprio la vita oscurarsi attorno a lei. Per questo, e molti altri motivi, Robb aveva pensato di lascairla a Seagard. Adesso ha una Lyanna in lutto e una Cat che a poco a poco raggiungerà quello stesso livello di stress... Povero Robb... :'(
Al prossimo capitolo
Spettro94
Recensione alla storia Le ombre del trono - 28/07/19, ore 09:27
Capitolo 19: Caccia
Eccolo, il momento clue. Certo, non è qualcosa che piace vedere, ma siamo in Got: se vuoi che un personaggio non muoia, cambia storia. Un capitolo che ha sollevato punti di domanda, molti, e soprattutto ha dato origine al colpo di scena, prevedibile per forza di cose, che scatenerà l’effetto domino. Rhaegar muore, e anche male. Non so se ha sofferto più lui con qualche freccia, una alla gola, o Robert ubriaco e sbudellato. Ad ogni modo, muore e la colpa, l’accusa più che altro, fa ricadere su Jon tutte le colpe. Il che apre scenari controversi, tutti legati a una sola voce: guerra, su scala continentale. Poetico che Rhaegar pronunci comunque il nome di Lyanna alla morte. Preoccupa la prospettiva che dopo qualche mese è morta anche lei... Succederà anche in questa storia, mi chiedo? Spero di no, anche se Lyanna perderà molta della sua vitalità, vendendone a conoscenza.
Quello che mi ha incuriosito è stata la reazione di Nymeria ed Estate verso Rhaegar. Scontrosità. Non come Spettro verso Viserys, ma non erano neanche docili. Perché? Forse intuivano il pericolo in cui avrebbe messo i loro padroni, o Jon? Ma se così fosse, perché Spettro era così calmo con il re? È strano. Incuriosisce, ma è strano. L’unica certezza, evidentemente per altro, è che Rhaegar ha commesso gli stessi errori di Ned Stark e ne ha pagato il fio. E qui mi fermo, rispettando quel clima di solenne incertezza che si è venuto a creare. Niente teorie, nessun complotto: con la morte di Rhaegar è giunto il tempo delle spade e del sangue.
A presto!
Spettro94