Recensioni per
Morning Hunting
di Raccoon31

Questa storia ha ottenuto 5 recensioni.
Positive : 5
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
Recensore Junior
22/05/19, ore 17:08

Salve,
mi sono subito appassionata a questa serie tv scoperta un po' per caso e in poche settimane ne ho "divorato" le tre stagioni. "L'uomo nell'alto castello" è molto più di una serie fantascientifica e trovo molto strano che non sia stata pubblicizzata a dovere. Comunque uno dei personaggi che mi ha particolarmente colpito è proprio John Smith e la vicenda straziante di suo figlio Thomas. Nella tua storia, tra ricordi e presente, hai saputo descrivere molto bene le diverse facce di questo personaggio così difficile da comprendere, diviso tra amore per la famiglia, crudeltà verso gli altri e sensi di colpa. Complimenti!
Alla prossima,
Nadine

Recensore Veterano
16/01/18, ore 10:34

Ciao! Sto guardando in questi giorni questa bellissima serie incontrata assolutamente per puro caso, e trovo che questo tuo racconto sul momento prima della caccia sia davvero molto bello. Adoro il personaggio di Jonh, penso sia il migliore, è il più complesso psicologicamente. Trovo che questo tuo scritto riesca bene a descrivere le luci e le ombre che lo compongono, la diversità del mondo esteriore, come appare e del suo mondo interiore, com'è con la famiglia, com'è con se stesso. Se scriverai altro su questa serie avvisami che mi piacerebbe leggere altro. Ciao!

Recensore Master
10/06/17, ore 00:17

Ho finito la visione della serie in questione giusto ieri e, per curiosità, mi sono affacciata a questa sezione. E non mi pento affatto di questa scelta, anzi!, ne sono felicissima, dato che mi ha permesso di leggere uno scritto elaborato egregiamente.
Trovo che John Smith sia uno dei personaggi più complessi, oltre che tremendamente affascinanti dell’opera, pertanto, potrai ben immaginare il piacere con cui mi congratulo con te per averlo reso IC!, un’impresa non da poco.
Sei riuscita a mostrarci il lato umano di una persona che compie atti deplorevoli, cogliendolo nel gesto intimo e commuovente di dare quello che potrebbe rivelarsi l’ultimo addio alla stessa famiglia che, come abbiamo scoperto, lo tiene in piedi. Originale e brillante la decisione di alternare passato e presente, frammenti di guerra e di pace – lo ammetto: mi si è stretto il cuore nel leggere la scena in cui compare un Thomas ancora bambino, desideroso di ottenere le attenzioni del genitore, ma già sufficientemente disciplinato da non indulgere in capricci, tratto che ci permette d’intuire il ragazzo che diverrà – , avvalendoti così della possibilità di scavare ancor più affondo nella sua caratterizzazione. Con una vivida pennellata hai saputo peraltro rendere giustizia anche ad una figura in apparenza secondaria come quella di Helen: una donna ben più intelligente di quel che sembra.
Ho al contempo apprezzato lo stile che hai deciso d’adoperare: scorrevole, fluido, elegante. Coinciso, in linea con il protagonista. Interessante anche la simmetria tra principio e fine (paralleli dal punto vi vista formale, eppure in antitesi sul piano del contenuto: il brano incomincia di notte presentandoci un marito, un padre, e si conclude con il sopraggiungere del mattino, quando questi torna ad indossare i panni di ufficiale), entrambi resi in una manciata di righe incisive che conferiscono in tal modo al testo una, permettimi, “forma a clessidra”.
Rinnovo i miei complimenti,
un abbraccio.

Recensore Veterano
02/01/17, ore 17:03

Ciao! Volevo farti i miei complimenti, credo tu ci abbia mostrato un lato di John che nei primi episodi della prima stagione ci è stato accuratamente nascosto ma che poi è affiorato fino ad esplodere nella seconda. Penso sia il personaggio migliore della serie (pur essendo teoricamente un "cattivo") e in questa storia è stato tratteggiato molto bene. Brava ✌
Baci.
(Recensione modificata il 11/01/2017 - 06:45 pm)

Nuovo recensore
12/12/16, ore 21:45

Ciao!
Ho scoperto da poco 'The Man in the High Castle', (fortunatamente vicino alla messa in onda della seconda serie!), e devo dire che il personaggio di John Smith è stato quello che subito mi ha colpito. Forse sono di parte dato che adoro Rufus Sewell, ma credo veramente che sia il personaggio con la caratterizzazione più complessa dell'intera serie. Uno spettacolo!
E mi è piaciuto molto anche questa tua storia, davvero in linea con Smith! Ci sono arrivata per caso, non pensavo di trovare già qualche cosa scritta. Pensi di scrivere qualche altra cosa in futuro?
Un abbraccio,
StClaire