Recensioni per
Pezzi in decadenza
di Rosmary

Questa storia ha ottenuto 13 recensioni.
Positive : 13
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
Recensore Veterano
19/07/21, ore 15:44

Beh vabbè.
Non so quando smetterò di scriverlo, forse mai. Oppure quando finalmente avrò recuperato ogni cosa e allora i miei pensieri seguiranno di nuovo (per quanto possibile) un filo logico e coerente.
Perché ad oggi nella mia testa ci sono tani piccoli omini di James e Rose che si scontrano in ogni tua fic a suon di plic ploc. Non lo so, sto svalvolando.
E la data! Questa è del 2016! Ma ti rendi conto? Cioè significa che questi due sono radicati, aggrappati nella tua testa con le unghie e con i denti da chissà quanto e questo mi dà speranza! ♥ Una flebile lucina che brilla nel mio cuore e mi dice che Lorcan e l’Ombra niente può tenerli separati. Ma non smetto di temerti.
 
Dopo aver letto questa shot, è tutto ancora sotto una prospettiva diversa, nonostante questa venga prima di PP. Quando ti ho chiesto se tu avresti seguito il canon con Rose e Scorpius e non ti sei sbilanciata… ecco! Lo avevi già fatto! Ed è stato sbagliato! E’ tutto assolutamente stonato, non va bene, è evidente da come lei si muove, si vede, dagli ambienti inadeguati che la circondano. Lei stessa è inadeguata in quella vita. Quel vestito verde le sta male perché lei non è per quel vestito.
 
E James. Che qui lo presenti come non mai. Lì, seduto su quel letto, in decadenza. Come si fa a non amarlo? Qui tu stai dicendo al lettore “sto ragazzo è un Dio” e Rose ha anche il coraggio di farsi problemi, capisci? Scherzi a parte, è meravigioso tutto questo lato… fisico, diciamo così, al quale però si accompagna un lato mentale così risoluto. Lui è lì per strapparle quel vestito (si, lo ha fatto davvero ma io GIURO che intendo in senso metaforico) da dosso, per convincerla che sta commettendo un errore, e che lui è abbastanza sicuro per entrambi. Per entrambi. Ti fa capire la grandezza dei sentimenti che prova questo ragazzo nei confronti di Rose. “Lascia che sia il mio coraggio a sanare la tua paura.” Glielo dice davvero! Nonostante si capisca come le parole di Rose sia tutte scuse, perché non puoi davvero avere paura se qualcuno ti ama nel modo in cui ti ama James! Nei suoi modi rudi, nelle sue parole sincere, lo senti, lo tocchi con mano tutto quell’amore!
 
Uh! Sai cosa ho amato anche? “via da lei, da loro” “verso di lei, di loro”. C’è, per tutta la fic, questo senso di unicità di questi due. Sono due e sono uno soltanto. Io amo questa cosa. Se dovesse arrivare una persona qualunque a leggere queste righe e che non sa niente di loro, potrebbe solo amarli. Vederli come indissolubili, perché quello fai tu. Ci mostri come non ci siano scappatoie a questo amore.
Nemmeno un matrimonio che sa di sano e giusto, perché in realtà non lo è. Anche quella relazione che lei credeva spensierata e innocente, alla fine si è rivelata essere con una persona furba, che l’ha pretesa e che si compiace di averla sottratta a James.
E questa è un’altra differenza in queste due personalità. James la desidera, la pretende anche lui, ma glielo dice apertamente senza nascondere i suoi sentimenti.
Suo marito (toh, non riesco più a chiamarlo per nome. Un soprannome ce l’ha?) l’ha condizionata invece in modo impercettibile, mostrandosi contrariato a quel rapporto col cugino e al cugino stesso, mostrandole sé stesso come la possibilità più giusta. Facendo lo gnorry davanti a quei fiori, contrassegnando il gesto come qualcosa di trascurabile e di poco importante per lei, tanto ha vinto lui. Egoista.
 
Alla prossima vita, James. Se mai dovessimo nascere ancora, vienimi a cercare e io verrò via con te.”
Posso tirare a indovinare e dire che questo momento è legato a quello simile in PP? Mi sembra che tu abbia ridato nuova vita a queste righe nella long. ♥
 
Ma quanto sono belli questi consigli di Fede? Devo consultarla ancora, non appena finisco con i titoli che mi ha dato! *.*
 
Rosmary, il tuo stile è poesia. Non hai nemmeno bisogno di scrivere in versi, la poesia è in ogni riga di ogni cosa che scrivi. Da sempre, a quanto pare! Non smettere mai! ♥ Sono egoista anche io e non voglio scendere dalla giostra!
 
Un bacione,
gabry

Recensore Junior
14/06/21, ore 18:34

Che tragedia...
l'amore tra consanguinei è un tabù genetico, prima che morale. Ma se accade? Se l'universo, tra tutti, sceglie per te proprio ciò che è proibito? Che fare?
Non lo so.
Essere desiderati e desiderarsi al punto di lasciare crepe e feriti dietro di sé e in sé.
L'amore ferito di Scorpius che ha trasformato Rose in ossessione e preda; l'amore ferito di James che si vede strappare dalle mani ciò che reputa il bene assoluto; l'amore ferito di Rose, sepolto tra morale, bugie e il male minore.
Che storia tragica e dolorosa: si percepisce, si sente, ti si allarga dentro. Perché io, al loro posto, non avrei saputo che fare: probabilmente me ne sarei andat*.
Bravissima.

Recensore Junior
27/12/20, ore 10:23

Cara Rosmary, 
stamattina la dedico a te - anche se dovrei studiare, e la dedico a questa che è senza esagerare una delle mie storie preferite di sempre. Mi vergogno di non avertelo mai detto, o non averti mai lasciato nemmeno un pensiero, ma per me è difficile perchè questa storia mi stringe le viscere e mi strega del tutto, da sempre, dalla prima volta che l'ho letta. Ho visto che hai scritto un seguito, e quindi prima di leggere quello ho pensato che fosse giusto e doveroso lasciarti un pensiero qua. Ti avverto: non so che cosa sarà di questa recensione, perchè ho appena finito di leggere la storia ed è stata (come ogni volta) un pugno nello stomaco. 
Sei stata bravissima in questa storia a portarci un dualismo, una contrapposizione incessante: un amore calmo, sereno, convenzionale e dall'altra parte un amore irruento, quasi animale, famelico. Due amori diversi - probabilmente il primo non si può chiamare amore. Ma Rose lo chiama così, perchè lei vuole serenità, vuole la certezza, la sicurezza che le braccia calde di Scorpius (così premuroso nei suoi confronti, fin troppo) le donano e si appoggia a questo. Una frase trovo bellissima, riguardo a ciò
"Scorpius era un’equazione splendidamente risolta, senza incognite nascoste o un risultato beffardo – era la quiete nella vita di chi s’era rassegnata alla burrasca."
Questa frase riassume in tutto e per tutto il rapporto che hai deciso di costruire tra questi due: Rose (codarda), pur se Grifondoro, ha rinunciato e rinuncia alla burrasca di James e si rifugia nella calma di Scorpius. 
Vorrei soffermarmi un secondo su Scorpius: ce lo mostri come devoto, innamorato, forse anche ingenuo per tutta la shot. Ma poi alla fine arriva il colpo di grazia, è quasi calcolatore questo Scorpius così razionale, che finge di non sapere per tenersi Rose ancora più vicina. James, come ce lo hai presentato, sapendo di un tradimento non sarebbe mai stato zitto. Invece Scorpius ha lasciato indizi ma mai conferme, sapeva ma ha accettato, non perchè debole, ma per raggiungere il suo obiettivo: tenerla con sè. Scorpius ha capito perchè Rose gli sta vicino, ha capito che a Rose piace quella calma, quella pacatezza, quell'equazione perfetta, e pur soffrendo per il tradimento continua a dargliela. In modo egoistico, però, non altruistico come si potrebbe pensare. 
E poi c'è James, irruento, passionale, fa quasi male questo James. Perchè non guarda in faccia niente e nessuno, procede nella sua vitalità e nella sua bramosia di vita. Vuole Rose perchè la ama e perchè sa, che per quanto lei si sposi, loro rimarranno sempre, da sempre, per sempre. E un po' la capisco Rose, perchè uno come James ti deve proprio lacerare gli organi con la sua continua spinta in avanti, con il suo essere famelico, erotico, vivo. Mi è piaciuto tanto questo rapporto che mangia tutto, che si mangia tutti, che rimane costante (sempre presente) nonostante l'assurdità del rapporto. Bellissimo il momento dell'amore, del sesso passionale che vediamo in quella camera del Maniero, ma ancora più bello e indicativo è il bacio soffice, a fior di labbra, quasi casto che Rose gli lascia come addio. Ma un addio non è, per quanto lei voglia allontanarsi, loro resteranno sempre. 
E di Rose, di Rose che cosa posso dire? Voglio dirti tra le tante cose che ho amato quello spaccato di odio verso i cugini, ognuno per motivi diversi. Mi ha proprio lasciato così, l'amaro in bocca, perchè Rose è tutto tranne che perfetta in questa one shot dolorosa, e non posso non amarla nella sua imperfezione.
Ti voglio ringraziare per aver scritto questa storia: so che sembra banale questa mia frase, ma ci sono storie che ti rimangono dentro e anche solo recensirle diventa faticoso, perchè significa toccare punti e sentimenti che pensavi di non poter provare.
Un abbraccio forte
Matilde

 

Recensore Master
11/10/20, ore 14:21

Ma buongiorno!
Colgo l'iniziativa del gruppo e mi metto a recuperare un po' di letture, tra cui questa OS: come sai non sono una fan della coppia, più per ignoranza che per altro, quindi mi hai realmente incuriosita quando mi hai proposto questa storia.
Partiamo dal presupposto che hai avuto la mia attenzione - cosa non semplice - fin dal titolo (anche qui esplicitato nel corso della storia), che ho trovato davvero meraviglioso e dall'impaginazione, che curi sempre moltissimo. Detto ciò: la storia mi è piaciuta un sacco, l'ho trovata diversa dalle altre tue che ho letto recentemente (complice anche il fatto che sia scritta in terza persona e non in seconda).
L'incipit della storia mi ha interessata subito, d'altronde sai quanto io ami Scorpius in ogni sua caratterizzazione e, presagire che ne sarebbe uscito "male" da questa vicenda, mi ha distrutto emotivamente. Anche perché lo hai fatto veramente adorabile, mi è piaciuto veramente tanto: se c'è una cosa che odio sono gli Scorpius-Draco, cioé quegli ibridi dove il padre e il figlio hanno la medesima caratterizzazione, cosa che qui non ho trovato.
Anche Hugo mi ha letteralmente conquistata, con la sua somiglianza con i gemelli (a proposito, la parte su George mi ha fatto male, era bellissima), mi è piaciuta molto la sua ironia e lo hai reso veramente in una maniera originale e inedita.
James, nonostante la mia preferenza fosse chiaramente per Scorpius, mi è piaciuto parecchio: è disperato, totalmente innamorato di Rose, l'ho a malincuore apprezzato molto, soprattutto perché è il perfetto contrappeso per il carattere di questa tua Rose.
La scena di sesso l'ho trovata molto bella e coinvolgente, ma senza che scadesse mai nel "troppo" né nel "troppo poco", anzi è perfettamente equilibrata e devo dire che mi è piaciuta parecchio, anche nella conclusione un po' più spiritosa, se mi passi il termine.
Mi è piaciuto molto come tu abbia affrontato l'argomento dell'essere cugini, ma non solo cugini, essere letteralmente i figli della Guerra, argomento che io reputo più necessario in una storia come questa. Peraltro mi complimento con te per aver rispettato il pacchetto - che mi sono ricordata - del contest di Mary, cosa che hai fatto sicuramente meglio di me.
La conclusione mi è piaciuta da impazzire: l'analogia tra Scorpius e Rose - sebbene lui abbia avuto più coraggio - è una vera e propria perla, ho adorato James oltre ogni misura (e ti detesto, mi hai fatto amare una mia NOTP, argh!)
Ti riporto infine la mia frase preferita di tutta la storia: «Alla prossima vita, James. Se mai dovessimo nascere ancora, vienimi a cercare e io verrò via con te», che mi ha fatto letteralmente venire i brividi da quanto è intensa.

Complimenti per davvero, spero di avere presto il tempo di recuperare Paradiso.
Gaia

Recensore Veterano
08/09/20, ore 00:24

Tanto prima o poi dovevo arrivare a questa storia, a questo colosso importantissimo che citiamo con una frequenza quasi giornaliera ormai da mesi. Quindi, mi sono detta che non ci fosse un giorno più speciale di questo per una storia così speciale come questa qui.
Nei miei tanti ma intermittenti anni di bighellonaggio nel meraviglioso mondo di EFP sono solo tre le storie che sono diventate il mio personalissimo canon, quelle che mi sono rimaste talmente impresse che a distanza di dieci anni ricordo alla perfezione. Ecco, Pezzi in decadenza fa parte di questo mio personalissimo trio, di quelle storie che hanno rappresentato una vera e propria rivelazione, dalle quali una volta lette la mia mente non poteva più tornare indietro.
È entrata in questa confusa e strana Top Three e la cosa più assurda è che i protagonisti non sono affatto i miei personaggi preferiti, a parte James, ovviamente, che è il mio preferito soltanto perché ha addosso due nomi che lo hanno reso il preferito di diritto (almeno per quanto riguarda noi due - sì, parlo anche per te perché tanto SO!).
Come sono arrivata a questa storia, lo sai già: giravo nella sezione delle Storie Scelte e questa mi è balzata subito all’occhio, il che, a pensarci con il senno di poi, è molto molto molto strano perché due su tre di questi protagonisti imperfetti non rientrano affatto nella mia categoria di preferiti e l’indicazione Scorpius/Rose non prometteva niente di buono ai miei occhi.
Tra l’altro, momento confessione (!), Rose è uno di quei personaggi della Nuova Generazione che di solito mi è anche discretamente antipatica, soprattutto nel suo essere una copia perfetta della madre, Regina dei Grifoni, dei Corvi, dei Tassi e delle Serpi. Poi, però, è arrivata la tua Rose ed incredibilmente l’ho adottata, guardata da un’altra prospettiva e vista concreta, umana, piena di incredibili difetti e sfumature - quelle che solo tu sai dare - e l’ho amata come non mai in questo rapporto viscerale e senza scampo, che la fagocita completamente.
Insomma, come dicevo all’inizio questa Rose ha segnato un punto di non ritorno perché ora non riesco più ad immaginare una Rose che non sia così. 
Per non parlare del fatto che io, proprio io, quella che ti intasa le notifiche di Facebook per shippare James Sirius/Rose (i tuoi, ovviamente), non leggo mai di rapporti tra cugini, anzi, non leggevo mai di rapporti che vedessero il mio adorato e prediletto appioppato ad una certa cugina che non riscuote la nostra simpatia. 
Alla fine, ho aperto, ho letto questa storia e l’ho riletta altre millemila volte dopo allora perché è entrata nella mia Top Three, è nell’Olimpo delle mie storie del cuore e questo vuol dire che mi emoziona ogni singola volta anche se la conosco parola per parola.
Il punto banalmente è questo: il rapporto che hai costruito tra James e Rose semplicemente non ha eguali, non ho mai letto niente che si avvicinasse a questo - né prima di questa storia, né tanto  meno dopo. 

È assurdo come io riesca a percepire ogni singola volta che rileggo questa storia (e ti assicuro, sono tantissime!) il senso di sbagliato in Rose che sposa Scorpius. Non è qualcosa che è subito chiaro - non finché non arriva Lui - ma c’è, c’è dall’inizio in questa sposa che non si sente veramente una sposa, nonostante ci sia Scorpius pronto a rassicurarla, a ricoprirla di attenzioni, di amore. 
Persino nel momento più scanzonato, quello in cui Rose parla con Hugo (certo che quel filo francese di Louis te le soffia tutte! Resta umile!), si percepisce che qualcosa sta sfuggendo e che non è così che dovrebbe andare la storia.
Insomma, quale fratello il giorno delle nozze chiede alla sorella se è sicura? (Risposta facile: quello che sa che lei è innamorata di James, in tutti gli universi!). 
Nonostante tutto, c’è qualcosa che non va, qualcosa che stona in tutta quella perfezione, qualcosa che finisce per soffocare anche Rose in più momenti ma è nello scoprire perché le manca l’aria che c’è tutta la magia di questa storia e, in fin dei conti, anche l’essenza di questo amore che mi ha incantata non appena abbiamo avuto questo incontro provvidenziale. 
Ecco, io fino al momento in cui Rose risale in camera sua ero una persona normale, che approcciava a questi personaggi con serenità e tranquillità, curiosa come una scimmietta ma NORMALE. 
Poi c’è stata questa frase («Il buffet è al piano di sotto, non in camera mia») e mi hai rovinata perché dopo una ship non proprio felicissima me ne sono scelta una praticamente impossibile (aggiungo, poi, che solo tu puoi realizzare).
Questo loro primo incontro mi ha conquistata in modo irreversibile, ho iniziato il famoso percorso di tornanti fatti insieme a loro e, nonostante soffra la macchina come poche cose al mondo, non ne sono più scesa!
In questa scena mi hai definitivamente conquistata con il tuo James dai capelli neri, nerissimi, e ribelli e dalle iridi blu che al buio anziché brillare svanivano. Insomma, come si può leggere questa descrizione di James e non esserne più innamorate di Rose? Io non lo so. Qualcuno me lo spieghi! 
Ma, soprattutto, come si può non shippare Rose con - parole tue, non mie, eh! - il più bello, il più affascinante, il più desiderabile e il più sbagliato? Anche qui, sono in attesa di una spiegazione perché per me non c’è storia e forse, anche se mi dessero una risposta esaustiva, non l’accetterei perché ormai sono saltata a bordo (e non succede quasi mai) e non scendo dalla nave, nemmeno se affonda. 
Tornando seria e non facendo la buffona come sempre, credo che tutto il dialogo tra Rose e James, tra la logica, la ragione e la passione e l’amore, tra il dovere e il volere (quanto ho amato quel «Invece ho capito benissimo. Io ti ho chiesto se lo volessi, tu mi hai risposto che dovrei»), abbia definito in modo quasi irreversibile l’idea dei tuoi James e Rose, in qualsiasi universo e, ahimè, soprattutto nella mia mente.
Ricordo che nella presentazione del gruppo scrivesti che qualcuno aveva definito James devoto. Ecco, non so chi sia questo qualcuno ma non posso che essere d’accordo perché c’è un James che è estraneo alla resa, familiare all’amore, che la cercherà sempre, che tornerà sempre a cercarla e non nella prossima vita ma in questa. 
Lui è e resta sempre quello che Rose vorrà ritrovare nella prossima vita, quel pezzo che la rende intera ma che non ha il coraggio di vivere, la delusione schiacciante che provocherebbe nei loro genitori, lo scandalo ma, soprattutto, il terrore di un amore che rischierebbe di annullarla perché è sempre la scelta più grande di tutte amare qualcuno che reputi la stessa cosa di te stessa, perché è sempre difficile amare un eccesso, una persona di cui sei in balia, la più grande incognita (cit.).
(Sì, lo so che questa Rose non lo ha detto ma lo ha detto un’altra Rose ed anche tu nel gruppo quando hai presentato questa storia e vale come interpretazione autentica!).
E, sì, in questi due che si amano a poche ore dal matrimonio di lei, nella sua futura camera da letto coniugale, con tutto il Mondo Magico riunito al piano di sotto, c’è tutto di sbagliato, di socialmente e moralmente sbagliato. 
Eppure, questi due insieme sono perfetti, sono oltre l’amore stesso, sono per dirla alla «nostra maniera» scintillosi, ingabbiati in una storia che non può e non sa finire.
Le dichiarazioni continue e costanti che James le fa sono meravigliose, struggenti, emotivamente devastanti («Io ti voglio sempre»/«Penso che ti amo, che voglio essere io a sposarti, io a viverti giorno dopo giorno, mese dopo mese, anno dopo anno. […] Fuggi pure, Rosie, rifugiati pure in un matrimonio bugiardo, fai l’amore con un altro tutta la vita… Fai pure, Rosie, ma non sarai felice, né ti basterà. E tornerai da me, come hai sempre fatto, e io sarò lì ad aspettarti, come ogni volta»/ «Ci apparteniamo, Rose, e da questo non patrai mai fuggire. Forse hai ragione tu: siamo sporchi, malati, sbagliati, siamo due che cadono a pezzi. Ma siamo noi, e per me niente e più importante di questo»).
Ecco, tutta questa devozione di James si scontra con il senso del dovere di Rose, con i suoi sensi di colpa, con la sua seconda pelle cucita addosso, con i suoi timori e, alla fine, ho compreso - non fino in fondo però, ti assicuro, che l’ho compreso - il punto di vista di Rose, quel che la frena, la necessità di un sentimento che non la divori («Con lui sono serena»). Ma quanto è sbagliato questo rettilineo, questa equazione splendidamente risolta a fronte del suo rapporto con James?

Te lo prometto, ho finito - quasi
Ho amato il fatto che Scorpius sapesse e devo pubblicamente ringraziarti per averlo reso detestabile e non il Principe delle Serpi, perfettino ed immacolato (!), ma manipolatore e a modo suo coraggioso nel prendersi Rose e sottrarla a James. 

Ho cercato di tagliare il più possibile ma avrei ancora trilioni di cose da dire. Questa storia mi aspettava da troppo tempo. Non penso di aver lasciato una recensione all’altezza delle sensazioni che ogni volta mi suscita questa storia MA io so che tu sai perché sono proprio qui e proprio oggi e confido nel fatto che questo ti cambierà le vibrazioni!
Sappi che fosse per me dovresti scrivere ad oltranza di James e Rose, del loro rapporto, del loro cercarsi, perdersi, ritrovarsi ed amarsi a oltranza.
Quando lo farai, sarò sempre pronta a leggere con un occhio alla shipwar!
Un abbraccio enorme e SCUSAMI PER LA LUNGHEZZA INFINITA.
Fede
(Recensione modificata il 08/09/2020 - 08:35 am)
(Recensione modificata il 08/09/2020 - 08:37 am)

Recensore Master
23/04/20, ore 14:23

Ciao! Sono qui a leggere un'altra delle storie che mi hai consigliato e devo dire che hai scelto bene, visto che tutte le storie che ho letto sono state premiate... ma sono sicura che sia merito tuo, che scrivi con grande sensibilità e delicatezza e sai rappresentare ogni tipo di storia. Sono passata infatti da quella di un Ron abbattuto e desideroso di morire che scopre il valore della sua vita grazie all'aiuto dello spirito di James Potter a una storia sulla nuova generazione, che mi incuriosisce parecchio perché non la conosco affatto, non ci sono stati film su di loro né una saga di libri, quindi posso immaginarmeli come tu li racconti.
Rose è fidanzata con Scorpius e sembra felice, all'inizio della storia, lui è bello, gentile, innamorato e le nozze sono imminenti, ma la ragazza prova un'angoscia e un disagio che vengono sempre più fuori con il proseguimento della storia anche se, inizialmente, non ne conosciamo il motivo. Ho apprezzato molto anche questo rivelarsi graduale della situazione! Poi, nella camera che dovrà essere degli sposi, scopriamo che James Potter, primogenito di Harry e cugino di Rose, la sta aspettando. I due sono attratti da sempre, si amano e si desiderano, ma sono cugini e Rose teme lo scandalo che potrebbe venire fuori se la loro storia uscisse allo scoperto... così ha deciso di sposare Scorpius ma continua a vedere James di nascosto.
Devo dire che fino a questo punto ero abbastanza solidale con i protagonisti e pensavo che, insomma, James avrebbe anche potuto imporsi e dire a tutti della sua storia con Rose, anche se lei non aveva il coraggio di farlo. Ci sarebbero state chiacchiere e pettegolezzi, certo, ma pian piano la vicenda si sarebbe sgonfiata, i due innamorati sarebbero stati insieme alla luce del sole e non ci sarebbero state più finzioni. Ero perfino dispiaciuta per Scorpius che sembrava tanto gentile e innamorato e pensavo che non meritava di essere ingannato così, che avrebbe meritato una ragazza che lo amasse davvero.
Il finale quindi mi ha colta del tutto di sorpresa (e anche qui sei stata una maestra della suspence!). Dopo le nozze, davanti ai fiori mandati da James, Scorpius rivela che ha sempre saputo tutto del legame tra Rose e suo cugino e che l'ha sposata per portargliela via. E lì i miei sentimenti sono cambiati. Scorpius ha dimostrato di amare Rose in modo passionale e irragionevole, forse anche un po' pericoloso... però ha avuto il coraggio di lottare per ottenere ciò che voleva. Del resto anche James ha dimostrato molto coraggio, mandando i fiori e il biglietto e sfidando la gelosia di Scorpius. Devo ammettere che l'unica che, alla fine, non ha riscosso le mie simpatie è stata Rose. Fin dall'inizio è parsa in balia degli eventi, non ha saputo decidersi, non ha avuto il coraggio di vivere il suo amore per James alla luce del sole, ma nemmeno di troncare con lui ed essere una moglie fedele per Scorpius. Alla fine mi ha fatto pensare che lei non sia veramente innamorata né dell'uno né dell'altro, perché se si ama veramente qualcuno si ha il coraggio anche di sfidare il mondo intero (mi viene in mente un'altra Rose, quella di "Titanic", che proprio per amore smette di essere una bambolina apatica e si trasforma in una donna forte, capace di sfidare tutto e tutti per Jack). Ho avuto la sensazione che Rose fosse soprattutto opportunista, da un lato si gode la bella vita e la ricchezza con il marito Scorpius, ma non si negherà la passione con l'amante James. Forse non era questo ciò che volevi trasmettere con la storia, ma io l'ho vista così, mi dispiace se non l'ho capita del tutto.
Ad ogni modo mi hai coinvolta fino in fondo come al solito, sei una scrittrice eccezionale e i tuoi personaggi sono così veri che, come vedi, ho finito per immedesimarmi e "parteggiare" per l'uno o per l'altro!
Complimenti davvero, è sempre un grande piacere leggerti!
A presto!
Abby

Recensore Master
06/09/18, ore 15:30

(Segnalazione indirizzata all'amministrazione per l'inserimento della storia tra le scelte)
Ciao, Rosmary!
Quando mi sono ritrovata a dover scegliere quale delle tue storie segnalare all’Amministrazione, avevo pochi dubbi su quale sarebbe stata la prescelta. Ero un po’ indecisa, perché temevo che il fatto che i protagonisti fossero personaggi della Nuova Generazione costituisse un impiccio, ma per le ragioni che evidenzierò in seguito ora sono convinta del contrario. Questa storia è la perfezione, e merita di essere letta da più gente possibile.
Il tuo stile pulito e tagliente scaglia il lettore attraverso quella che, secondo me, è una delle storie d’amore più infelici e travolgenti che abbia mai avuto il piacere di conoscere. Ogni parola è studiata, ogni virgola è stata pensata e scelta con cura: il tuo modo di scrivere è ricercato, persino sofisticato, e allo stesso tempo scorrevolissimo. Ho iniziato questa storia e in cinque minuti ero arrivata alla fine, l’ho letteralmente divorata, e ancora non ne avevo abbastanza.
Con il tuo stile unico, maturo e perfettamente riconoscibile, hai iniziato a costruire uno scenario credibile e dettagliato attorno ai tuoi protagonisti. I personaggi fanno tutti parte della Nuova Generazione e, sebbene tu ti sia concentrata sulla coppia principale, non hai dimenticato di costruire intorno a loro due una cornice fatta di parenti, amici, fidanzati. Sono presenze minime, ma chiave per la trama: non solo la arricchiscono, rendendo il mondo in cui Rose e James si muovono vivo e vivido, ma danno un senso di compiutezza a una one-shot che aveva il duro compito di presentare personaggi praticamente inediti. Non si sa quasi nulla dei figli dei nostri eroi nella saga originale, ma quel poco che si sapeva l’hai rispettato a puntino e il resto l’hai inventato con grande verosimiglianza: Harry che chiama Rose e Hugo “figli extra” potrebbe benissimo essere uscito dalla penna della Rowling.
Nonostante i protagonisti fossero praticamente degli OC, non peccano di mancanza di complessità. I tuoi sono personaggi a tutto tondo, sfaccettati, pieni di sfumature. Nonostante si vedano solo in una chiave amorosa, il carattere di entrambi emerge prepotentemente: Rose, così insicura, così impaurita, così spaventata da se stessa; e James, James Sirius che è irruente, innamorato, devoto, impavido. James che manderebbe al diavolo tutto e tutti per lei, mentre lei – James non posso, James ti prego. Verrebbe da odiare Rose, ma come si fa? Chi può leggere questa storia e non capire? Hai descritto una situazione che tutti, chi più chi meno, si è ritrovato a vivere almeno una volta nella vita: la ragione dice una cosa, il cuore un’altra. La lezione più dura che impartisci è che, spesso, l’amore non basta.
Non c’è romanticismo in questa storia, ed è un altro dei motivi per cui io credo meriti di essere letta da tutti. Insegna che l’amore non è solo smancerie e farfalle nello stomaco, no. L’amore vero è più spesso quel qualcosa che ti toglie l’aria, che ti fa soffocare, che ti fa sbagliare di continuo, a ripetizione – che ti fa rotolare con tuo cugino nel letto che dovresti condividere con tuo marito nemmeno tre ore più tardi. È una storia amara, è una storia dolorosa, ma è coinvolgente: i sentimenti dei personaggi sono così forti che è impossibile non sentirsene toccati. Qualcuno potrebbe giudicare Rose, il tradimento, James impenitente e lei così debole, e “povero Scorpius!”, ma la verità dura e cruda è che all’amore non interessa un fico secco dei “non dovrei”. Non sono quelli che ti fanno battere il cuore.
Una nota di merito va sicuramente a come hai saputo costruire dal niente due personaggi così complessi. Rose, in particolare, la trovo assolutamente riuscita: è contorta, non saprei come altro definirla. È un personaggio complesso che sa amare senza limiti, ma che non è abbastanza forte – abbastanza coraggiosa – da buttarsi a capofitto in una storia che reputa “complicata”. Complicata dalla famiglia che forse non capirebbe, dal mondo sempre pronto a giudicare, dal fatto che James è sangue del suo sangue, ma soprattutto una storia che è resa pericolosa dalla mancanza di limiti. Rose è “schiavizzata” da James in sua presenza, Rose sa che amare lui significherebbe una perdita di controllo totale che non è disposta a permettersi. Rose col suo amore – vero, ma così tiepido! – per Scorpius, Rose che a vent’anni sceglie la calma e non la tempesta, ed è un po’ come ne avesse ottanta, come se avesse già perso tutto. E James, con la sua bellezza catastrofica, con gli occhi blu “che al buio anziché brillare svanivano”, James senza paura, non riuscirà mai a convincerla che possono farcela, che lei può farcela.
“Alla prossima vita, James. Se mai dovessimo nascere ancora, vienimi a cercare e io verrò via con te.”, “La prossima vita è tardi, io ti voglio in questa. Tornerai da me, come hai sempre fatto, e io sarò lì ad aspettarti, come ogni volta.”. James che, nonostante tutto, resta. Ho di nuovo voglia di piangere.
Questa storia è così coinvolgente ed emozionante che mi sono sciolta in lacrime, la prima volta che l’ho letta come l’ultima, pochi minuti fa. È così vera da togliere il fiato. I personaggi sono costruiti alla perfezione, pieni di errori e fremiti e delitti. Lo stile è superbo, la narrazione è affascinante e meravigliosamente empatica. La storia d’amore è inserita in uno scenario credibile e preciso che richiama bene il mondo di Harry Potter così come l’autrice originale l’ha descritto. È una storia commovente, triste, disperata, ma l’amore fa sempre male – e tu, Rosmary, hai messo in scena questa massima nel migliore dei modi.
Spero che verrà inserita tra le scelte, perché lo merita veramente.

Un bacio,
Mary

Recensore Master
26/09/17, ore 17:07

Recensione premio "La bellezza di un cuore spezzato (e rimesso insieme) [Flash Contest]"

Nonostante avessi in proposito di non recensire One shot troppo lunghe, questa l'avevo letta poco tempo dopo la pubblicazione e, dal momento che l'avevo anche inserita nelle storie da recensire, mi sono finalmente decisa a farlo!
Confesso che non amo la Nuova Generazione e raramente leggo qualcosa incentrato su questa; però già dall'introduzione questa storia mi aveva catturata e non posso dire di essere pentita della lettura, tutt'altro!
Il punto di forza di questa Fanfic sono, secondo me, i personaggi che compongono questo triangolo: Rose, Scorpius e James, che con la loro caratterizzazione così particolare hanno reso una trama non originalissima – due lui che si contendono una lei alla vigilia del matrimonio – un piacere da leggere. Cominciando da Rose, non potevi renderla più diversa da Hermione, e questo è senz'altro un altro punto originalissimo: Rose è così contraddittoria, determinata nel scegliere Scorpius, ma così pronta a soccombere davanti al desiderio di James – e codarda nella paura dei pregiudizi e degli scandali. E lei è senz'altro più debole di entrambi: più debole di James che a dispetto di tutto non smette di volerla, più debole di Scorpius che sapendo tutto non si fa remore a reclamarla.
Gli altri due personaggi principali, Scorpius e James, sono d'altra parte agli antipodi, eppure ugualmente affascinanti nella luce in cui ce li hai presentati: c'è James, il fuoco che sembra tenere viva Rose, e di fronte alla smania di farla sua che si percepisce persino attraverso il punto di vista di lei non ho potuto che tifare per lui per tutto il tempo; dall'altra parte invece c'è Scorpius, anche lui piuttosto distante dalla caratterizzazione che lo vede solitamente accostato a Draco, e nonostante all'inizio sembri solo il povero promesso sposo ignaro che viene tradito, in realtà è stato cosciente di tutto, fin dal'inizio – e la determinazione che l'ha spinto a non lasciar andare Rose è quanto di più diverso ci possa essere dalla codardia del padre.
Oltre ai tre protagonisti hai reso benissimo anche tutte le altre comparse, sullo sfondo: non solo ho apprezzato i vari rapporti che legano Rose a tutta la famiglia, ma soprattutto il piccolo momento tra lei e Hermione, che riesce a leggerle dentro con un solo sguardo.
Come al solito ho apprezzato il tuo stile, mi è parso persino più curato del solito e l'ho trovato adattissimo nella descrizione della scena erotica: incalzante, adatta alla coppia e al momento stesso, perché sia Rose che James sono consapevoli del tempo che sta per finire.
Concludo dicendo che ho amato il finale aperto che hai riservato ai tuoi personaggi: penso che non ci fosse fine più adatta ad una Rose incapace di scegliere, e le parole finali di James sono bellissime e perfettamente IC e quasi ti fanno sperare in un passo indietro di Rose, persino nella consapevolezza che forse è troppo tardi.
Insomma, non posso che farti per l'ennesima volta i complimenti per una tua storia!
Grazie ancora per aver partecipato al Contest!
Un bacio

Recensore Master
25/03/17, ore 01:12



2 - “Pezzi in decadenza” di RosmaryEFP
Totale: 53.9/55. 

1) Grammatica e ortografia: 9.9/10.
 
La grammatica è perfetta, c'è solo un piccolo errore di distrazione. 
“Gli occhi di Rose seguirono Scorpius sino a quanto non si lasciò la porta della stanza alle spalle”: “quando” (- 0.10). 

2) Stile (lessico, figure retoriche, uso di aggettivi e avverbi): 10/10. 
 Adoro come scrivi, ormai non c'è nemmeno più bisogno che io lo dica. Hai un modo ordinato e scorrevole di organizzare una storia che la rende avvincente, oltre che di semplice lettura. 
 Il lessico vario, le immagini stupende (sono impazzita letteralmente per gli occhi blu di James Sirius che al buio, invece di risplendere, scompaiono) e le figure retoriche contribuiscono a farmi adorare il tuo stile, che nella sua semplicità è estremamente ricercato. Non ci sono sbavature, mai, ogni espressione, ogni frase, è curata fin nel minimo dettaglio. 
 Non sto nemmeno a sottolineare quanto trovi il testo coinvolgente. Hai ben poche rivali in quanto a trasmettere l'emotività dei personaggi e i loro sentimenti, che siano lievi o turbolenti. In questa storia, tra l'altro, sei stata bravissima anche a far trasparire il desiderio, la chimica, la voglia, il bisogno di saltarsi addosso reciproco... so che non ami scrivere di questi argomenti, ma ti esce così bene che spero lo farai più spesso, per il mio piacere! 

3) Titolo: 4/5. 
 Devo dire che il titolo non mi entusiasma. È sicuramente adatto alla storia e all'atmosfera che vi si respira, però non lo trovo particolarmente grazioso. È poco musicale e l'uso del termine “pezzi” non mi piace, gli dà un che di grossolano, mentre l'accenno alla decadenza – che tra l'altro si respira per tutta la narrazione – l'ho gradito molto. 

4) Caratterizzazione dei personaggi e sviluppo della coppia: 15/15. 
Hai preso una delle coppie che io amo di più e hai costruito una storia magica, seppure amara, che mi ha spezzato il cuore. 
 I tuoi Rose e James sono perfetti l'una per l'altro, eppure sembrano destinati a non stare insieme. O meglio, insieme restano fino all'ultimo, ma non nel modo “giusto”. 
 Rose, pur con tutte le sue debolezze e i suoi difetti, resta la mia preferita. Non so perché ma io ho un debole per questo personaggio, e più è disturbata e infelice più io stravedo per lei. 
 Rose colpisce perché è la “causa del suo male”. Rose sceglie non l'infelicità, ma comunque una seconda scelta perché è terrorizzata dall'intensità dei sentimenti di James Sirius, ma soprattutto dai suoi – è indicativo come sia irritata dal non apprezzare le sue cugine, perché sa che quell'antipatia dipende da James. Non è nemmeno in particolare la paura dell'abbandono a frenarla, è che un amore del genere, una passione così incondizionata, un abbandono così totale, la terrorizzano. Rose sceglie qualcosa di più pacato, di più sereno, di più tranquillo... eppure non sceglie veramente, perché sa che James ci sarà e sa che ci sarà anche lei. Non puoi accontentarti di qualcosa di mediocre se hai a disposizione una botta d'adrenalina, com'è James per lei. 
 James mi è piaciuto molto. L'avrei forse preferito con una punta di meschinità in più, ma questo James, il tuo James, è devoto. Devoto, non ci sono altre parole. Nella storia non è scritto, ma si intuisce fino in fondo che sacrificherà la sua felicità, la sua vita, pur di non separarsi da lei. James resta anche quando lei sceglie un altro, e questo ci fa capire che questo sentimento travolgente non era nemmeno a senso unico. Stupida, stupida Rose! 

5) Attinenza alle mie indicazioni: 5/5. 
Hai scelto: “2. Rose Weasley/James Sirius Potter. 
Mi piacerebbe che descriveste un'attrazione folle, una chimica pazzesca, impossibile non cedere. Rose fidanzata con un altro si ritrova a non riuscire a resistere.” 
Sei stata fantastica. Davvero non potevo chiedere di meglio, hai sviluppato questo pacchetto come avrei potuto farlo io, nel modo che mi piace e che volevo leggere. 
 Tutta la trama si basa su quest'attrazione folle, impossibile, a cui i due protagonisti non riescono a resistere – per lo meno Rose, James mi pare ci sguazzi piuttosto allegramente! 
 Il lato fisico è estremamente presente, come volevo che fosse, ed è un po' la base della loro relazione. Oltre all'amore, è il desiderio dell'altro a non permettere che si separino. Come Rose è incapace di resistere – sia pure il giorno delle sue nozze -, James è incapace di andarsene da lei – seppure lei lo meriti, non scegliendolo mai, soltanto per paura. È un rapporto complesso, estremamente sfaccettato, e ha un qualcosa di tragico, di definitivo: il desiderio è una catena, è una condanna. 
 Tuttavia, tu non hai solo inserito quest'elemento di carnalità molto forte, ma hai “spinto” il concetto di “chimica pazzesca” a un desiderio dell'altro non fisico ma emotivo, di possesso, da cui Rose è letteralmente terrorizzata. Mi è piaciuto molto questo dettaglio, perché hai reso tue le mie indicazioni e hai dato loro un'impronta del tutto personale. 
 Oltretutto, per quanto diversi e con personalità distinte dai miei, mi hai piacevolmente ricordato i Rose e James Sirius della mia long – a cui purtroppo non ho dedicato lo spazio che meritavano -, per cui sono impazzita per questa storia. 

6) Gradimento personale: 10/10. 
Ho amato questa storia. Solo in due avete ottenuto il massimo in questo punteggio, spero ti faccia piacere! 
 Era esattamente ciò che volevo leggere su questa coppia. Hai reso perfettamente tutta la passione, il desiderio, il declino e il tragico che io associo a Rose e a James Sirius. Anche lo spunto del “proibito” - in quanto cugini –, sebbene molto classico, l'ho apprezzato veramente tanto – anche se poi risulta essere una copertura per le vere paure di Rose, com'è giusto che fosse. 
 Mi sono innamorata di questa storia, non c'è che dire!

Nuovo recensore
07/01/17, ore 10:07

Ciao,
essendo una Scorpius e Rose, super fan..non amo quando non finisce bene tra di loro, e non amo onestamente neanche quando Rose ama Albus o Jemes. Ma cavolo, questa storia e` scritta cosi` bene, con una tale enfasi e passione, che mi ha preso. Per una volta non ho tiffato per Rose&Scorpius. Davvero complimenti per la storia e` incantevole, sublime !
Un saluto.
Emma

Recensore Master
03/01/17, ore 22:04

Ciao!
Questa penso sia la prima volta che recensisco una tua storia (sebbene sia sicura che sia tu ad aver scritto una Fred/Hermione di cui mi sono innamorata un po' di tempo fa), ma ci tenevo a lasciarti un commento perché questa storia mi ha stregata. Nonostante io, di tuo, abbia letto solo queste due storie, penso di poter affermare in tutta tranquillità di adorare il tuo stile: è elegante, ricercato, ogni parola sembra essere nata per stare nella frase in cui tu l'hai inserita. Lasciami dire che davvero, mi piacerebbe scrivere come te - e in tutta onestà penso che questo sia uno dei migliori complimenti che un'autrice possa fare ad un'altra. Ad ogni modo, passo ora a commentare questa storia.
Non ci sono capitata esattamente per caso, perché stasera, una sera come mille altre e senza impegni, ho deciso di cercare e leggere qualche James/Rose. Non ho mai nutrito alcun interesse per questa coppia fino a ieri, quando frugando un po' nel sito mi sono imbattute in alcune fan fiction che ne trattavano e che hanno instillato in me una certa curiosità. Non sono mai stata una fan delle Rose/Albus né tantomeno delle Rose/Scorpius (di fatti, sono e sarò sempre per Lily e Scorpius), ma, sebbene io per anni abbia letteralmente adorato le Dominique/James, questa coppia mi ha lasciato qualcosa. La cosa divertente è che non so neanche cosa mi abbia effettivamente colpito così tanto. Mi sono sembrati giusti, ecco tutto. Come hai sottolineato tu nel testo, entrambi primogeniti di due coppie a dir poco celebri. Due figli delle stelle, in un certo senso: ragazzi cresciuti sotto la luce dei riflettori, ragazzi che brillano di luce riflessa, ragazzi che proprio per questi motivi sono più soggetti a scandali di tanti altri coetanei. E mi sono piaciuti, perché in loro vedevo quella che tu definisci tempesta: vedevo un amore incondizionato e un destino segnato, avverso. E Dio solo sa quanto io ami tutte queste cose.
E Dio solo sa quanto mi sia piaciuta questa storia.
Mi hai letteralmente tenuta incollata allo schermo dall'inizio alla fine, curiosa di scoprire come potesse finire, come una bambina che cerca per caso i regali di Natale che i genitori hanno nascosto. E mi hai straziata, perché l'ultima parte, con quel suo "... ma Scorpius a differenza di Rose aveva avuto coraggio" mi hai stesa completamente.
Sei riuscita a dare a tutti i personaggi una caratterizzazione esemplare, sia a quelli più presenti (Rose e James) che a quelli più assenti (Scorpius). Il rimorso di Rose (che ai miei occhi non è che la maschera dell'amore di lei per il cugino), la disperazione di James, l'egoismo (passami il termine, spero tu capisca ciò che intendo dire) di Scorpius. E' tutto talmente vivido da sembrare palpabile; hai descritto ogni emozione, ogni sensazione con una maestria impressionante, riuscendo a darne un'immagine quasi visibile. Non ho davvero parole per descrivere quanto io abbia apprezzato questa storia.
L'unica cosa che so, è che mi piacerebbe tanto che ci fosse un seguito. Non oggi, non domani - anche tra un po' di tempo. "Pezzi in decadenza" mi è piaciuta da morire, ma il suo finale mi ha lasciato l'amaro in bocca; perché io vorrei vederlo, James che torna a correre verso di lei, verso di loro. Perché vorrei vedere anche una Rose familiare all'amore, all'amore di James e per James. Voglio vedere una Rose che prende coraggio, una Rose che sceglie di viversi questo amore che la consuma e logora da dentro.
Vorrei davvero vederli di nuovo, James e Rose.
Probabilmente è una follia e probabilmente un seguito è fuori discussione, ma pensavo fosse giusto dirlo - in fondo, se nutro questo desiderio vuol dire che la tua storia ha avuto un certo impatto su di me.
Complimenti ancora, spero di leggere nuovamente storie da parte tua (soprattutto un certo seguito... ops). Penso davvero che questa storia possa arrivare prima a qualunque concorso, e se così non dovesse essere non ti nascondo che ne rimarrei sorpresa.
Un bacio,
Alessia

Recensore Master
30/12/16, ore 15:18

Oddio ma questa storia è meravigliosa **-------**
L'ho letta restando incollata allo schermo, e mi sono sentita addosso tutta la tristezza di Rose e le sue scelte sbagliate, che crede giuste. Mi sono appena appena incazzata con James che, inerme, sembra accettare la situazione senza lottare... E il fatto che tutti sappiano è così triste che mi ha stretto il cuore.
Sigh, Rose, sei così idiota! Ma chi mi fa più pena è Scorpius, che ha scelto consapevolmente una donna che ama un altro - e non ha potuto fare altrimenti, dato che lui la ama.
È una storia molto amara, perfetta per il contest.
In bocca al lupo!
Baci,

Mit :3

Recensore Veterano
27/12/16, ore 13:51

Come ti ho già detto nella recensione alla Fremione, solitamente preferisco leggere storie dalle vene più drammatiche. Questa qui, quindi, rientra decisamente più nelle mie corde! :D Complimenti per la scelta della coppia, intanto: mi ha sempre intrigato e le indicazioni date la rendevano ancora più affascinante! Le cose che ho apprezzato di più di questa storia sono principalmente due: in primis, la caratterizzazione dei personaggi, soprattutto per quanto riguarda Scorpius e James. Scorpius, poverino, è la "parte lesa" della situazione, e io sono la prima a bistrattarlo sempre e a renderlo poco sveglio XD Qui ho ritrovato questa caratterizzazione, ma mi ha sorpreso moltissimo il tuo dargli, nel male, una sorta di riscatto. Scorpius sa, sa da tempo, e ha comunque deciso di perseguire il suo obiettivo, di prendersi e tenersi ciò che è suo, a qualunque costo, anche a quello di farsi male e di fare del male ad altri. Abbiamo uno Scorpius poco sveglio, sì, visto ciò che James e Rose hanno fatto alle sue spalle per tanto tempo, ma abbiamo anche uno Scorpius totalmente innamorato e pronto a fare di tutto per uscire vincitore dalla situazione. Questo Scorpius è a pezzi, ma i pezzi continua a tenerseli stretti per non vederli crollare ai suoi piedi. Ha anche un chè di malsano (altro che romantico!) la sua voglia di tenere tutto sotto controllo e di voler sposare Rose nonostante James, di volerla tutta per sé, di credere che con il matrimonio si possano riparare i cocci e suturare la distanza crescente fra di loro. Mi piacerebbe leggere un seguito di questa storia, proprio per capire come sarà la vita dei due dopo il matrimonio, per capire quale potrebbe essere la prossima mossa di uno Scorpius disperato, ma incredibilmente freddo e calcolatore.
Passando a James: io ho una mia idea specifica del personaggio, ma è un'idea che mi sono fatta esclusivamente sul James più giovane, durante gli anni di Hogwarts. Immagino che le abitudini siano dure a morire, ma che, crescendo, si maturi e si cambi, seppur i tratti di base continuino a trasparire. Il tuo James rappresenta perfettamente il mio James da adulto, e la cosa mi è piaciuta da impazzire. E' stato quasi come rivedere dopo anni un amico della propria infanzia e osservare con attenzione il suo cambiamento, pur riuscendo a riconoscere sotto di esso la persona che si conosceva (ho fatto un casino con questa frase, ma sono troppo pigra per riformularla xD). James è ancora spregiudicato, impulsivo, noncurante delle regole, passionale e affascinante. Ed è ancora, a modo suo, prepotente, ma di una prepotenza quasi tenera, perché se prima forse faceva le cose tanto per fare e pretendeva le cose e le persone per il gusto di farlo (nella mia concezione), ora lo fa con il senno di poi e con la consapevolezza che bisogna assumersi la responsabilità delle proprie azioni, e che se si decide di sconvolgere un sistema, lo si fa perché è un desiderio covato da tempo, una decisione ponderata.
Scusami per lo sproloquio, ma, davvero, mi ha colpito moltissimo tutta la loro caratterizzazione (in così poco spazio, poi! *_*). Come dicevo all'inizio, sono due le cose che ho adorato particolarmente. La prima, come avrai capito, erano i personaggi. La seconda, invece, è il finale: di grande impatto, ma totalmente inaspettato, con l'improvvisa rivelazione di Scorpius, l'arrendersi di Rose e l'estraneità alla resa di James. Ripeto, c'è tanto materiale per un seguito con i fiocchi, secondo me! ** E spero tanto che sia nelle tue intenzioni! :D 
In bocca al lupo per il contest!

Giulia