Recensioni per
Il destino di un bastardo (storia in pausa)
di Scarlett Queen

Questa storia ha ottenuto 5 recensioni.
Positive : 5
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
Recensore Master
09/06/21, ore 16:39

Un flashback migliore non poteva esserci. Ogni parola contribuisce a una bellissima atmosfera che passa Dalla pragmatica disperazione al castello, la mistica foresta dove il destino di Guts viene parzialmente rivelato con affascinanti trucchi e infine al sistematico e spettacolare assedio da parte di Tudor. Il linguaggio continua ovunque a mostrarsi quasi impeccabile e mai noioso mentre i vari eventi e personaggi vengono presentati, la piaga manca ancora di dettagli, ma resta comunque una minaccia concreta agli occhi del lettore e su cui sono curioso di vedere di più, così come il ruolo della bellissima Gwynivere paragonata alla sua versione canon. Unici due errori grammaticali un leggera con l'accento all'inizio e un Busto invece di giusto quando parli del testamento di Marcel. Ansioso di leggere se e come le cose sono ulteriormente cambiate da qui ai tempi di Guts, buon lavoro coi prossimi scontri.

Recensore Master
28/05/21, ore 20:11

Non so perchè questo capitolo mi fa venire in mente la campagna di un gioco di ruolo nella sua struttura, in particolare in questo fantastico duello. Ma procediamo con ordine.

L'inizio del capitolo è estremamente dolce, mostrando un'atmosfera bucolica e felice nei limiti di quest'epoca, creando una comunità in cui è molto facile immedesimarsi. Questo rende ancora più d'impatto l'arrivo di quei bei vichinghi, che mescolano i clichè che più amiamo assieme a qualche briciola di realtà storica.

Al di là di sparuti errori come uno spazio in più o un plurale erroneo, il linguaggio scorre in maniera estremamente fluida e pulita, mostrandoci un Guts a noi ben conosciuto nel suo atteggiamento sprezzante eppure ancora vittima dell'autorità di Apollyon.

Dopo un'affascinante mito che ancora una volta si affaccia su quanto amiamo di più dei vichinghi ' moderni', parte questo elegante e affascinante duello. Come detto sopra, mi ricorda i sistemi da tavolo, dando un preciso eppur dinamico sistema di attacco, schivata e risposta che attira fino alle ultime righe in cui Apollyon allarga la sua compagnia grazie all'entrata dei guerrieri del nord.

Dopo questo excursus sui protagonisti, sono sempre più curioso di vedere il quadro generale che si allarga intorno a loro e come Guts proseguirà la sua carriera. A presto.

Recensore Master
26/05/21, ore 20:30

Le prime righe sono appena un pò meccaniche nel mettere tutte quelle frasi in fila, ma con l'introduzione di Bascon la narrazione parte in quarta con grande efficacia. Il punto di vista dell'uomo è descritto in maniera molto fluente e interessante, ritraendo l'assedio a tutto tondo prima dell'arrivo di Featherine, che mostra bene il suo sadico carisma, con tanto di risata ridicola che nasconde però un vero mostro e un'eleganza non indifferente. La scena tra i due coniugi è bellissima, mostrando una dolcissima pausa da battaglie e complotti prima di giungere al più grande( per ora) esponente dei secondi, lasciando intravedere per bene l'improvvisa follia del giovane imperatore e di nuovo Featherine, ammantata stavolta da un'oscura gloria che ho adorato. Ansioso di leggere oltre, a presto.

Recensore Master
22/05/21, ore 21:01

Altro lavoro impressionante che si butta a capofitto nel genere che ha reso Berserk tanto famoso, la pura azione condita da litri di sangue e dalla furia di Guts. Il nostro amato spadaccino, dopo momenti di riflessione e amicizia che ne mostrano l'umanità per cui è quasi più conosciuto della sua furia, mostra la suddetta in un bellissimo caos i cui dettagli, dalla magia di Aurora( il cui nome mi aveva fatto pensare un pò alla bella addormentata, un pò all'Aurora di Prezzemolo) ai movimenti degli Ossidiana, sono nuovamente descritti con un'estrema cura e soprattutto passione che lascia di sasso una volta arrivati alle ultime righe.

Il dialogo con Apollyon e i dettagli sulla chiesa sono tra le parti più interessanti del capitolo, mostrando altri sparuti elementi di World building e soprattutto un personaggio che ricorda Griffith tanto quanto se ne distanzia, mostrando fascino e durezza in egual misura.

Pochi errori nella prima metà non rovinano affatto quest'ottima lettura che pone bene le basi per quello che spero sia un lungo viaggio. A presto.

Recensore Master
21/05/21, ore 21:34

Carissima Scarlett, ritrovarti in questo fandom è sempre un grande piacere, soprattutto quando si notano tutti i miglioramenti degli ultimi due anni. L'atmosfera da città medioevale è descritta con un delizioso stile Grimmdark, volgare senza mai esagerare, aggirandosi nella psiche dei vari personaggi con cura( specie nell'uso del linguaggio) e in altri dettagli della vita di quest'universo, la cui spiegazione procede senza essere rovinata da due o tre errori grammaticali in croce.

Il lavoro dei cavalieri dona poi un buon tocco thriller, permettendo di immaginarsi a dovere gli uomini sparsi nella città che cercano Celine, il cui strano attimo di follia e fuga pongono più che bene le basi per quelli che saranno i momenti horror della storia. E sia se Gwynevere è chi dice di essere, o se è qualcun altro, suppongo ce ne saranno molti.

Insomma, se questo vuole essere un omaggio al povero Miura, è uscito fuori a puntino e non vedo l'ora di leggere le prossime battaglie. A presto.