Recensioni per
Fernweh
di Samoset

Questa storia ha ottenuto 2 recensioni.
Positive : 1
Neutre o critiche: 1 (guarda)


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
Nuovo recensore
19/07/21, ore 15:28
Cap. 2:

Arrivo dopo aver recensito la poesia precedente a questa (ne fai una, già che ci sei fai anche la seconda, no?). Ecco, questa poesia è più sviluppata per quanto riguarda i concetti. Ottimo uso del linguaggio, in questo modo si comunica al lettore, permettendogli di comprendere e allo stesso tempo riflettere: in questo caso, io come me stessa, comprendo un miscuglio di malinconia, solitudine, sensazione di essere diversi, in un certo senso rabbia e sconsolazione dovuto a ciò, il desiderio di annullarsi e contemporaneamente quello di vedere la propria esistenza confermata e di trovare qualcuno di simile. Per concludere, personalmente trovo la presenza di positività nella poesia un'ottimo modo di vivere. Come dire: "In tutta questa solitudine io so di apprezzare le piccole cose come la rugiada e, nonostante mi senta solo, penso e voglio sperare e mi convinco ci sia qualcun altro come me da qualche parte nel mondo". Indubbiamente chiunque potrebbe analizzare questa poesia, collegarla alla propria esperienza e a quella del misterioso autore e ne varrebbe la pena.

Nuovo recensore
19/07/21, ore 15:16
Cap. 1:

Ho voluto lasciare una recensione dopo aver riletto più volte questa poesia.
All'inizio ho pensato fosse una ballata, per via delle ripetizioni iniziali ("fai venir voglia di"), ma è troppo corta per essere ritenuta propriamente tale. Questa è la critica, unica ma piuttosto importante, che ti voglio muovere: dieci righe sono troppo poche, almeno per ciò che hai scritto tu, per far spiccare la tua opera rispetto a quella di qualcun altro. Io credo che se avessi continuato a scrivere sarebbero venuti fuori dei concetti interessanti e senza dubbio per cui il lettore si sarebbe sentito toccato. Sono del parere questo sia l'inizio di ciò che l'ispirazione possa dire ad un poeta, quindi l'inizio di una poesia. Perciò avresti potuto adottare il metodo ermetico, ma in quel caso la poesia sarebbe stata breve ed intensa; o ripiegare per scrivere una ballata/poesia lunga dove avresti avuto tutto lo spazio necessario. Prendi una qualsiasi delle poesie (lunghe) che ti piacciono e dimmi se, leggendo solo le prime righe, si comunicano le stesse emozioni: questo per farti capire come ho io ho letto la tua. Soprattutto, ci tengo a sottolineare mi sembra proprio tu ne abbia la capacità sia immaginativa che espressiva. Continua a provarci.