Recensioni per
Lunatica
di Shakana

Questa storia ha ottenuto 64 recensioni.
Positive : 64
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
[Precedente] 1 2 3 4 5 [Prossimo]
Recensore Master
04/12/21, ore 23:25

Cara buonasera, eccomi qui per continuare. Caspita, questo sì che è un capitolo tagliente, diretto, quasi confusionale perché ancora non si sa molto di Samira/Luna ma abbastanza per capire un paio di cose di lei – dallo psicologo, ai rapporti occasionali molto più strani di quello che si pensava, al coinvolgimento di un tizio X che è lì che fa, vede e torna nella normalità con lei, mezzo fumato, mezzo ubriaco, e dopo averla scop*ta con uno sconosciuto e qualcuno che riprendeva.
Se è questo che ho intuito, credo.
Perché qui è tutto volutamente mostrato nel modo in cui vuoi tu, da una parte per farci cogliere quale sia il problema della protagonista, dall’altra per farcelo interpretare prima di farcela scoprire fino in fondo. Lei cerca in questi comportamenti qualcosa, un modo per sentirsi presente, fisicamente viva immagino, che valga qualcosa e che sia contro ciò che i suoi genitori vogliono per lei: una sorta di miscuglio di bisogni, fastidi, concezione di sé e lotta contro tutto.
Poi figuriamoci, rientrare in casa con un contesto simile non è certo facile, e suo fratello? Mannaggia non lo sopporto proprio, anzi, lo detesto al momento.
I tuoi personaggi sanno essere così umani da spaventare quasi, perché il loro modo di affrontare la vita è così schietto, diretto e incurante delle difficoltà e del futuro che riescono a sorprendermi e spiazzarmi nello stesso momento, creandomi quasi un moto di fastidio nel modo in cui hanno deciso di vivere la loro esistenza.
Sono sempre coinvolta, sempre curiosa del tuo mondo così crudo, selvatico, eppure tanto reale quanto spiazzante.
Alla prossima cara, buon lavoro e buona ispirazione! :3

Recensore Master
04/12/21, ore 10:37

Ciaoooo cara,
felicissima di riprendere la tua Lunatica e di scambiare ancora con te.
si inizia subito con qualcosa di forte.
Questa descrizione nuda e cruda del porno e delle sensazioni che suscita, per poi passare ala concezione del sesso che hanno inculcato alla povera Luna, diretta conseguenza di com’è cresciuta… e la preferenza che hanno sempre spudoratamente riversato verso il fratello, beh, di certo non ha aiutato.
E la madre che continua a dirle che il suo corpo è sacro, non so perché ma è un’immagine forte anche quella.

eehhh Alessandro pare proprio essere la sua ossessione lo si nota anche dall’attenzione che pone a ogni dettaglio mentre lo osserva, dalla posizione che ha sul banco al borsone poggiato a terra… e sì, stavolta non sembra esserci nessun riavvicinamento fra i due e la cosa la preoccupa un po’, anche se non vuole darlo a vedere.

ho adorato come promette che farà l’esercizio alla lavagna, una volta tornata dal bagno e poi ahah si dilegua con una nonchalance che un po’ le invidio.
Su questo Gabriel non so ancora esprimermi, te lo saprò dire man mano che leggo.

In effetti sono venuto un po’ i brividi anche a me quando Luna è andata da quell’uomo e come ci ha portato anche il povero Gabriel, che è confuso e cerca un po’ di tranquillità nell’alcol.

Ho apprezzato molto la tua scelta stilistica di ‘tagliare’ la scena e farcela intuire sia dai preamboli e da quello che si dicono Luna e l’uomo misterioso, sia soprattuto nel dialogo finale col fratello ravi, tornato per riprendersi tutte le attenzioni della famiglia, temo, anche se con Luna sembra legato da un rapporto sincero… ma con te è tutto in divenire e non si può mai essere sicuri di nulla.
Lo so che sono ripetitiva, ma, bravissima, sei e rimani a mio parere la migliore autrice qui su EFP.
A presto, spero.

Recensore Junior
03/12/21, ore 23:30
Cap. 3:

Ok, rieccomi.
Alessandro. Pensavo onestamente che poi fosse sparito dopo la prima volta, invece rieccolo qui. Ancora si vedono, anche se in segreto. Lui si vergogna perché lei non è molto femminile ed è "invisibile" socialmente, anche se non esplicitamente per razzismo, comunque quasi. Appena lei però ricevi i complimenti dei suoi amici, improvvisamente sembra quasi cambiare idea, farsi più interessato. Giustamente lei lo manda a stendere e lo pianta lì. Brava.
Lei è indiana quindi. Inizialmente pensavo fosse di origine africana, per la battuta sull'abbronzatura. Scusa. Insomma, ci fai vedere come sia divisa tra la famiglia che vorrebbe seguisse le tradizioni indiane, la scuola dove non la accettano se non è figa alla maniera italiana, e il suo animo di persona con le scatole ampiamente girate che vuole solo nascondersi dal mondo e non ci pensa proprio ad essere femminile, né in un modo né nell'altro.

Recensore Junior
30/11/21, ore 21:06

Ciao!

Lo dici nelle note finali, ma sì per certi versi questo è un capitolo un po' strano. All'inizio non avevo dato peso eccessivo alla riflessione sul porno, o meglio, pensavo fosse sempre sulla scia delle riflessioni a cui lei si lascia andare anche nei precedenti capitoli, quindi mi ha sorpresa la svolta che la storia ha preso - sebbene io abbia apprezzato il collegamento. A quanto pare le riflessioni a inizio capitolo non era mere riflessioni sulla vita, ma servivano anche ad altro. Certo, è una situazione particolare quella in cui collochi la protagonista ora, soprattutto date le radici familiari e ora scopriamo anche il caro fratellino perfetto - insomma, già la sua vita era bella, un fratello del genere lo meritava 😆? La scena finale molto azzeccata, tra l'altro.  
Comunque, invece di ricevere risposte, si formano nuove domande, anche se essendo ancora al terzo capitolo dopo il prologo è un po' naturale; siamo solo all'inizio. 
Ho apprezzato complessivamente il capitolo, nonostante la scena a scuola non l'ho trovata molto realistica, o meglio la parte in cui lei va via come se nulla fosse. Non so in che scuola lei vada, ma perché nessuna l'ha fermata? Perché nessuno ha chiamato i genitori? Nel senso, lei ha girato dei porno in orario scolastico (quando in teoria lei era loro responsabilità), se n'è andata senza essere fermata da nessuno e la direzione non ha informato nessuno? Forse mi sto appigliando su una cosa futile ai fini della storia, ma in queste condizioni mi sembra sia poi troppo facile scoprirla. Forse il suo obiettivo è quello, non posso ancora saperlo a questo punto della storia, e d'altronde lo ha anche detto apertamente al fratello - che non l'ha creduta - ma è un'incongruenza che mi ha fatto un po' riflettere. 

Curiosa di leggere oltre. A presto! ❤

Recensore Master
30/11/21, ore 14:12

Ed eccomi qui, seppure con un ritardo mostruoso, per lo scambio libero del giardino.
Per fortuna i poliziotti hanno capito che Luna non è assolutamente una prostituta, l'hanno rilasciatq e Virginia, la sua migliore e santa amica l'hpotuta venire a prendere e portare via da quella orribile situazione, perché si, pur trattandosi di un malinteso finire arrestate non è certo l'esperienza migliore della vita, spero di non viverla mai, nemmeno per sbaglio D:
Virginia adesso ha un nuovo fidanzato, così a prima vista sembra un bravo ragazzo spero che sia davvero così, come spero che Luna sfanculizzi Una volta per tutte quell'Alessandro, perché davvero una relazione tossica come la loro non si può portare avanti!
Lo stile è come sempre perfettamente fluido e scorrevole, non ho notato errori grammaticali o di battitura perfetto.
Ti faccio i miei più sinceri complimenti, continua così e alla prossima, ciaoo.

Recensore Veterano
30/11/21, ore 00:36

Ciao, eccomi qui anche se questa volta con un po' di ritardo rispetto alla pubblicazione.
Leggere questo capitolo ha aperto uno squarcio nel mio cuore. In mezzo a tutto questo disagio percepisco tante emozioni che si scatenato: pietà, rabbia, dispiacere e anche tanta tenerezza.
Luna è in rivoluzione: con la sua famiglia, con il mondo, con sé stessa. La vera domanda è questa: che cosa vuole realmente Luna? Perché lei è la prima a non saperlo. Pur di andare "contro", a prescindere da contro cosa effettivamente combatta, lei si autodistrugge; ma, alla fine, non è mai realmente felice. Nel momento stesso in cui va "contro" la sua famiglia, la sua religione, le istituzioni in generale, il suo stesso corpo, lei si sente potente come se così avesse lei il potere di gestire il tutto, è l'unico momento in cui si sente appagata perché va "contro". Ma è solo una questione di attimo, subito dopo quella magia sfuma e resta solo una profonda amarezza e un senso di smarrimento, si sente solo perduta.
Luna sta cercando a fatica il suo posto nel momento. Ed è quasi drammatico sentire una ragazza così giovane dire che forse lei un futuro nemmeno lo vuole. Crea uno squarcio nel cuore.
Il momento con Gabriel è fortemente rivelatore. Tramite le parole di questo ragazzo scopriamo finalmente, in modo molto sottile, che quella seduta di porno deve essere stato quanti di più drammatico ed al contempo disgustoso da vivere e da vedere; vecchi maiali che si sono approfittati di una ragazzina che, in quel momento, non era nemmeno li: c'era solo con il corpo, ma la mente era altrove, come se lei fosse una "bambola di pezza", un corpo inerte che gli altri plasmano a loro piacimento. Luna vuole solo dimenticare quanto accaduto ma, al tempo stesso, aveva bisogno di parlarne con qualcuno, e Gabriel le ha dato questa possibilità. Forse è davvero così: Luna ha bisogno disperatamente di un amico, di qualcuno che la capisca perché, in parte, vive il suo stesso disagio, quello di essere un ultimo, un emarginato della società. Però, paradossalmente, con tutti i suoi problemi e le sue sofferenze, Gabriel mi sembra più inquadrato di Luna; il giovane fa uso di droghe e le spaccia, quindi non è che viva proprio una vita retta e lineare, e se persino lui vede quando Luna sia masochista, ciò dà la misura del disagio profondo che vive questa ragazza.
La storia con Alessandro è una sorta di limbo. È un rapporto sicuramente disagiato e, forse, un po' malato. Un rapporto da cui nessuno dei due riesce veramente a staccarsi, un bisogno ma, al tempo stesso, fonte di sofferenze e dolori. Alla fine Alessandro ha bisogno di Luna, tanto quanto lei ha bisogno di lui. A modo loro, forse, si amano; sono quegli amori che ti fanno crescere, anche se ti segnano dentro.
Credo che nel suo cuore Alessandro voglia bene a Luna; ne sente davvero la mancanza: ha una ragazza, è un bel ragazzo, di buona famiglia e benestante, e non avrebbe bisogno di Luna. Non se non gli mancasse davvero. Forse un po' è vero: a modo loro sono più felici di tante altre persone, perché quello che c'è tra di loro, con tutte le creature, le imperfezioni e il ferirsi reciprocamente, è comunque vero (non come tante persone che fingono, perché certe situazioni sono imposte). Alessandro vorrebbe, ma non può perché Luna è così diversa dal suo mondo, e magari con lui non c'entra niente davvero, il pregiudizio è forte e lui non è ancora abbastanza grande, maturo e sicuro per capire. E Luna, tra testa e cuore, segue sempre il secondo: con la testa si chiede come sarebbe una vera storia alla luce del sole, ma con il corpo ed il cuore si aggrappa ad Alessandro perché tra le sue braccia trova un suo conforto. E, nel guardarlo negli occhi, cerca di scorgere una ragione per restare.
È davvero intensa questa storia, molto bella. Grazie per averla scritta, perché mi sta dando modo di emozionarmi e riflettere su tante cose.
A presto.

Recensore Junior
28/11/21, ore 09:49

Ok, con questo capitolo torni indietro nel tempo, credo. Sono gli anni della scuola quelli che ci mostri.
Una cotta non corrisposta, una prima volta piuttosto disastrosa, e in effetti viste le premesse non credo che ci fossero molte speranze, ma qui andiamo anche sotto le aspettative minime. E poi una amica cuore a cuore con cui consolarsi, con cui dirsi tutte quelle cose che si sanno e che però restano in superficie, che (ancora?) non sono riuscite a entrare dentro e diventare concreta determinazione e reale amor proprio.
Insomma il racconto continua onesto, credibile, realistico.

Recensore Master
26/11/21, ore 21:46

Ogni volta che leggo un tuo capitolo rimango a bocca aperta, davvero *__*
Ti bastano pochissime parole per trascinarmi nell'universo di Luna e nello "squallore emotivo" in cui vive. È proprio come ha detto Gabriel: Luna vuole autodistruggersi, forse perché anche lei stessa si rende conto che sta affogando in una melma che non la porterà lontano, ma al contempo non sa come reagire e liberarsene, quindi l'unica cosa che riesce a fare è distruggere sé stessa. Penso che l'unico modo per Luna di uscirne sia incappare in sentimenti puri e degni di questo nome, come l'amicizia che Gabriel le sta offrendo. Lui mi sembra sincero e credo che tenga davvero a Luna... così come Virginia, d'altronde. Ma non credo che Luna si renda conto davvero del prezioso supporto che i due amici le stanno offrendo.
Il fatto che si nutra delle briciole di attenzione che le dà Alessandro la dice lunga su quello che prova; si accontenta di poco pur di sentirsi apprezzata, ma è proprio su questo che fa leva Alessandro, una specie di bastone con carota. Lui sa che finché lei sarà disposta ad accontentarsi dei rimasugli d'amore, potrà farne praticamente ciò che vuole. Mi sento un po' in pena per lei, ma il processo per amarsi è sempre qualcosa di molto lungo. Spero quantomeno che succeda qualcosa che possa farle aprire gli occhi... a volte i cambiamenti possono accadere anche in maniera fulminea!
Trovo molto interessante il capitolo POV Alessandro, non vedo l'ora di leggerlo!

A presto e ancora complimenti, come sai la tua storia mi piace moltissimo *___*
holls

Recensore Master
26/11/21, ore 19:32

Ciao cara **
Questo capitolo mi è piaciuto davvero tanto e mi ha fatto raggiungere picchi elevatissimi sia di dolcezza/voglia di abbracciare i personaggi fortissimo, sia di esasperazione mista a rabbia e voglia di prendere a sprangate un muro con su dipinta la faccia di Alessandro, ecco sì, l'ho detto xD

Innanzitutto, qui ho amato ancora di più Gabriel. Già sai quanto io lo apprezzi come personaggio, praticamente è uno dei miei preferiti, e qui ancora una volta ho avuto modo di adorarlo ancora di più.
Prima di tutto ho adorato il modo in cui si è approcciato a Luna, in particolare quando le ha detto che secondo il suo parere lei avrebbe bisogno di un amico – già qui la BROTP cresce prepotente in me –, ma poi è stato proprio bello il modo in cui le ha parlato perché è stato sì tagliente, ma non da far male, bensì da smuovere all'interno delle consapevolezze.
Perché alla fine Gabriel non ha insultato Luna, l'ha semplicemente descritta – e lei per prima si ritrova nelle parole che lui dice.
Spero di poter leggere sempre di più su questo personaggio, mi piace davvero tanto.

Poi, Alessandro. Ecco, qui ho provato l'esatto opposto e il tutto può essere riassunto in questo modo: detesto visceralmente le persone che tradiscono, perché per me non c'è giustificazione alcuna a riguardo, il tradimento rimane tradimento in ogni sua forma.
Già tollero male coloro che tradiscono dopo aver intrapreso una relazione, quindi figuriamoci uno che invece tradisce la sua ragazza fin dall'inizio con un'altra e a quest'altra ragazza non dice nemmeno di essersi impegnato in una relazione, no cioè, MA FAI SUL SERIO ZIO.
Senza contare che lui sa fin troppo bene di tutto il potere che è in grado di esercitare su Luna, e infatti ecco che il capitolo si conclude con loro due nuovamente “uniti”, dopo tutti i sacrifici che Luna ha fatto per staccarsi da lui e ignorarlo.
Madò quanto sono arrabbiata con Alessandro, altroché tendergli la mano, in questo capitolo per me si è bruciato buona parte delle possibilità di essere rivalutato come personaggio – anche se già lo sai, io in fondo spero sempre che cambi.

E dopo quest'immenso delirio, penso sia meglio concludere qui la recensione, che non si sa mai xD
Non vedo l'ora di proseguire!
Alla prossima!

M a k o

Recensore Master
26/11/21, ore 13:36

Ciao cara, sono sempre molto curiosa di leggere i nuovi capitoli e quindi eccomi qui.
Oh, Alessandro non lo sopporto proprio. È un bel personaggio, ma a livello di persona penso che se lo incontrassi lo prenderei a sprangate sui denti. Senza dubbio lui e Luna hanno un legame forte, che purtroppo è dei più tossici (mi fa ridere il fatto che Luna dica che qualcuno potrebbe scriverci una fanfiction, perché in effetti ci starebbe), questo è uno di quei legami da cui è difficile uscire, perchè anche se alla fine le fa male, Alessandro per lei rappresenta una certezza. Da questo punto di vista preferisco Gabriel, sia come atteggiamento che come carattere. Capisce che a Luna non farebbe male avere un amico e del resto mi pare anche sinceramente interessato a capire perché Luna stia così male, perché faccia certe cose. Io sono anche curiosa di leggere il pov di Alessandro, perché ho l'impressione che nemmeno lui abbia una vita felice, ci deve essere un motivo se è così visceralmente attaccato a Luna. Anche la situazione familiare di Luna non è delle migliori, sembra proprio invisibile davanti ai genitori (al contrario del fratello) e si da un valore nel momento in cui si sente desiderata o fa sesso. I tuoi personaggi sono sempre stati molto sfaccettati, complesso, un po' dannati se vogliamo, ma Luna è davvero la mia preferita, perché c'è tanto da apprendere in lei.
A presto, un abbraccio <3

Nao

Recensore Master
26/11/21, ore 09:48

ciao Shaky carissima!! :D
ti ho letto questo capitolo e devo dire che a me piace molto, per quanto possa valere il mio parere, per come sta venendo fuori questa storia. Ovvio, ancora siamo appena al sesto capitolo ed è giusto che non debba accadere niente di esageratamente intenso. Però diciamo che oramai i tratti dei personaggi e le loro caratteristiche principali, le conosciamo e tu sei stata bravissima, già per questo!! :)
In questo capitolo, in particolare, vediamo dapprima Luna riammessa in classe dopo la sospensione per essere praticamente scappata da scuola (a tal proposito direi che la battuta infelice i suoi compagni, avrebbero potuto tranquillamente risparmiarsela) e, poi, forse ha visto la cosa che meno di ogni altra avrebbe voluto vedere: Alessandro con Sofia. Beh, dai, al massimo gli tira un calcio negli stinchi ho pensato ahahah
Ad ogni modo, Luna ha fatto amicizia con Gabriel e, chissà, io immagino che questo Gabriel avrà un ruolo abbastanza centrale nella storia. Il classico aiutante morale della protagonista, più di Alessandro che vedo un po' troppo immaturo per Luna. Non so. Anche se pure lui ha un po' di problemi con lo spaccio e certamente questa cosa va risolta il prima possibile...
Comunque anche il fatto che si sia lasciata andare nel raccontare come ha conosciuto quello che a me ha tutta l'aria di sembrare l'antagonista della storia (anche se finora lo abbiamo incontrato una volta sola), secondo me è un qualcosa di abbastanza indicativo. Dato che, magari anche per paura della reazione delle altre amiche, non ha detto nulla a costoro.
Il finale l'ho trovato abbastanza sorprendente, se devo essere sincero: non mi aspettavo proprio di trovare Alessandro che l'aspettava sotto casa. E sono ancora più sorpreso nello scoprire la ragione per cui la stesse aspettando. Non sembrava sentisse molto la mancanza di Luna quella mattina a scuola, con Sofia... quindi appunto, non so se fosse una frase sincera da parte sua, o il suo egocentrismo l'ha portato a dire una cosa del genere. Non ci siamo molto... Luna, dal canto suo, è troppo accondiscendente con lui, dovrebbe lasciarlo un po' senza pagnotta e poi magari, si renderebbe conto che non può fare il doppio gioco. Perchè per me, sapendo quanto Luna lo desideri, un po' ci gioca e se n'è approfitta.
Su Alessandro comunque aspetto a dare un giudizio definitivo, anche perchè hai detto nelle note, che presto ci sarà un capitolo con il suo punto di vista. Chissà, magari si scopre che in realtà era sincero, e magari, cambia tutto...
Ad ogni modo, Shaky ti ringrazio moltissimo per aver aggiornato. Questa storia comincia davvero a prendermi, come le altre che hai scritto finora e che ho avuto la fortuna di leggere!!! :D
Ti faccio tantissimi complimenti anche per i miglioramenti nella punteggiatura (delle quali, mi sembra, una volta, all'inizio delle letture alle tue storie, di averti fatto notare). Direi che a questo punto, io ho trovato tutto perfetto, davvero!!! :D
Ti rinnovo i complimenti, carissima! e non vedo l'ora di leggerti il prossimo aggiornamento, per vedere come continua!!
A presto, spero
Dani

Recensore Master
23/11/21, ore 10:50
Cap. 3:

Tesoro buongiorno, sono qui per regalarti una recensione ^^ Innanzitutto parto dalla fine, dalle note: non è affatto una storia con parti noiose, non vbisogna caricare tutti i capitoli di fatti avvincenti, colpi di scena e cliffhanger… insomma, la storia ha il suo ritmo da seguire e i suoi momenti, i ritmi lenti e quelli più rapidi, altrimenti come facciamo a conoscere i personaggi, l’ambiente che li ha cresciuti e la quotidianità con cui hanno a che fare? Ritengo che il concetto di noia non esiste in una storia costruita bene. Ma il ritmo, quello sì, può rallentare e accelerare a seconda delle informazioni che vuoi far passare al lettore, e qui sta la buona gestione della tua long.
In questo capitolo ho modo di approfondire i personaggi, le loro interazioni, capire qualcosa in più attraverso i dialoghi, gli avvenimenti privati che tanto distano dalle facciate in pubblico, e anche con quell’avvenimento passato che ha fatto capire tante cose. Ci sono temi importanti e contemporanei, situazioni che coinvolgono moltissime persone e in un contesto che a tutti è familiare – chi non è mai andato a scuola? – che permettono a ognuno di noi di riconoscersi o far riflettere almeno su uno o più elementi di questo racconto. Ho notato che hai modulato molto bene il lessico considerando si tratta di una storia coinvolgente adolescenti: il tutto è molto aperto, giovanile, spesso ho la sensazione che la protagonista si stia rivolgendo proprio a me con la faccia di chi vuole sapere un commento sulla propria vita e le proprie scelte, magari advanti a un panino, un caffè, o un trancio di pizza preso al volo tra un impegno e l’altro.
Alessandro è un tipo che inquadro bene fino a un certo punto, perché noto che è mooolto diverso in privato e a scuola, tra gli altri, in branco. Per sfida? Per paura dei giudizi? Perché non vuole far sapere con chi si vede e chi si scopa? Al momento non si sa, ma penso che lui e la protagonista provino qualcosa uno per l’altra, ma sono così spaventati di scoprirlo che non voglio no nemmeno affrontare l’argomento.
C’è sensibilità qui, importanza alle emozioni, al mondo dell’adolescenza togliendo innamoramenti, farfalline e cuoricini lasciando spazio alla realtà nuda e cruda, così come è: questo è il tasto vincente, questo riesci a farlo in modo così squisitamente spontaneo da spiazzarmi spesso, ho come l’impressione che tu sappia leggere dentro alla gente, o semplicemente interpretare ciò che ti sta attorno con una sensibilità più alta rispetto alla media – alla massa. È sempre un grande piacere confrontarmi con te e con ciò che hai da raccontare, le tue storie danno modo di riflettere, di tornare indietro, fermarsi a pensare e cogliere le sfumature del detto e non detto, interpretando con libera direzione gli eventi del racconto.
Alla prossima cara, buon lavoro e buona ispirazione! :3

Recensore Junior
18/11/21, ore 18:33
Cap. 1:

Allora eccomi qui. Mi aveva intrigato la trama di questo racconto, anche se di solito non leggo het, e men che meno ambientate nel mondo di tutti i giorni. Però mi era persa una storia scritta bene e adatta alle serate di umore un po' più tetro... Così eccomi qui.
Questo prologo mi è molto piaciuto. È scritto proprio bene, con uno stile diretto, netto e intimo al contempo. Le scene sono molto vivide, quasi quanto le emozioni: ti fa subito entrare nel mondo della protagonista, in quello che vede e fa e pensa. Una sensazione come di soddisfazione nel vedere come il quadro viene dipinto frase dopo frase. È tutto molto... Chiaro, senza essere assolutamente banale o scontato. Brava.
Questo Luca sinceramente non mi piace molto, sarà che dalla descrizione non è il mio tipo. La protagonista invece mi è stata subito simpatica. Sembra schietta, un po' depressa ovviamente, ma spigliata e spiritosa quando è in buona. Non sappiamo molto altro di lei. Non sappiamo ancora cosa che fa nella vita, quanti anni ha, quale sia la sua storia, i suoi hobby. Tutto quello che ho immaginato fino ad ora è che sia tra i 20 e i 30, italiana e afrodiscendente. Ma anche se non sappiamo molto di lei di pratico, sei riuscita lo stesso a darle personalità, a farla vivere con le tue parole. Per il resto ci sarà tempo nei prossimi capitoli sicuramente. Spero di continuare presto.

Recensore Master
17/11/21, ore 14:35

Che piacere cara essere nuovamente da te! Lo so, avrei altri lavori da seguire ma che ci posso fare? Mi piace vedere come procedono le storie, cosa stai vivendo nella tua ispirazione adesso, quindi oggi do priorità a ciò che hai aggiornato nell’ultimo periodo. Prima di tutto: quanto è bella la copertina, mi piace sia studiata appositamente per essere quella di un libro che potrebbe tranquillamente leggersi in cartaceo e fare la sua figura.
Ecco che riconosco lo stile di una delle mie scrittrici preferite: asciutto, senza peli sulla lungua, mostra la realtà così come è, compresa di sensazioni e sentimenti. Le cose non le mandi a dire, le fai vivere a noi attraverso i tuoi personaggi, e questo mostra quanto di più vero ci possa essere dentro di loro senza bisogno di edulcorare il tutto. Mi piace quando è tutto imperfetto esattamente come la vita, come il quotidiano, come i nostri pensieri e le nostre emozioni. Non vedo storie d’amore tra i due personaggi, no, vedo sesso, cose fatte in fretta, indifferenza, voglia di sfogarasi, dove l’amicizia sembra invece l’unico vero appiglio a cui affidarsi col sorriso e con entusiasmo.
Scoprirò poco a poco cosa c’è al di là di questi loro comportamenti, cosa provano e come vogliono vivere, per ora mi sono fatta una idea della loro indole attraverso il modo di concepire ciò che gli accade attorno e addosso, e da come e cosa hanno bisogno. Capitoli brevi e di impatto, tu dici che sono meno impegnativi rispetto alle tue long: può essere vero, ma vedo comunque tutta l’attenzione che ci metti, la tua energia la sento scorrere attraverso le parole e nel modo pi coinvolto possibile.
Il testo è scorrevole, rapido, uno stile adatto alle young adult, pulito e corretto in ogni sua parte. mi sembra davvero di trovarmi nella mente della protagonista, e so che sarà – che sarai – capace di stupirmi.
Alla prossima cara, e buona ispirazione! :3

Recensore Junior
17/11/21, ore 12:31
Cap. 3:

Ciao! 

In questo capitolo presenti più di una tematica complessa, a partire dal razzismo, bullismo fino a finire con il bigottismo e le barriere culturali. Direi che la protagonista veramente ne fa il pieno e viene naturale pensare che ne esca con qualche problema, soprattutto durante una fase delicata quale l'adolescenza. 
Mi sono ritrovata a pensare durante le prime righe che, in effetti, il liceo Classico è uno dei luoghi più infernali che possa esistere - e non credo che sia una cosa che cambi da paese a paese - quindi ci sta pure come teatro dei suoi anni da liceale. 
Mi ha un po' confuso il fatto di Samira/Luna, ma si capisce comunque che sono la stessa persona che la voce narrante rimane la stessa, almeno il modo in cui si esprime. 
La scena del sesso orale l'ho trovata davvero bene fatta. Sei riuscita a descrivere bene i sentimenti contrastanti di Luna, l'inadeguatezza e la disperazione. Piuttosto immagino che qualcosa in più su Alessandro la sapremo sempre e soltanto attraverso il punto di vista di lei, giusto? Sarebbe interessante capire un po' di più su di lui, anche se si rivelassere essere il solito stronzo da cliché che non merita più di due righe. 

Curiosa di leggere oltre. 
Alla prossima e buona scrittura 😘. 

[Precedente] 1 2 3 4 5 [Prossimo]