Recensioni per
Non svegliate i cieli addormentati
di WindoftheNight

Questa storia ha ottenuto 2 recensioni.
Positive : 2
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
Recensore Master
13/12/21, ore 17:18

Ciao WindoftheNight. Leggendo nell'introduzione che questa storia è collegata a un'altra tua storia che ho commentato ero curiosa di leggere. Nella parte iniziale hai ben descritto quello che accade nel suo divenire sempre più angosciante fino a quella voce che si può sentire, come scritto, con l'anima. Scopriamo il motivo della spedizione e a volte forse è meglio non sapere. Suggestiva nel finale l'espressione riguardante il Sole e la Luna e le parole che riprendono il titolo. Poesia e orrore. Mi piacciono le atmosfere che crei. Un caro saluto.
(Recensione modificata il 13/12/2021 - 05:19 pm)

Recensore Master
30/11/21, ore 23:14

Ciao,

bellissimo racconto! Mi sono piaciuti anche gli altri, ma trovo che con questo ti sia superato!

Penso che questo racconto lanci un messaggio che tutti dovremmo tenere presente: è bene e saggio essere curiosi, ma la nostra curiosità non deve farci dimenticare che il nostro pianeta è questo, qui siamo e qui dobbiamo rimanere. Insomma, faremmo meglio a essere curiosi riguardo a ciò che abbiamo sotto i nostri piedi (e magari a trattarlo con più saggezza e benevolenza) e non dovremmo essere tanto arroganti da pensare di poter superare ogni limite.

Oltretutto, sono sempre stato un po' scettico sulla corsa allo spazio. Siamo andati sulla Luna, forse tra qualche anno andremo anche su Marte, ma lì dovremo fermarci. Ho sempre visto l'esplorazione spaziale come una sorta di evoluzione delle antiche speranze: un tempo l'essere umano cercava l'immortalità dell'anima nel paradiso, ora cerca l'immortalità della razza oltre le stelle. Sempre di quello si tratta, scrutare il cielo sperando che nasconda il segreto dell'immortalità che qui non c'è da nessuna parte.

Un racconto bellissimo, e mi piace molto anche il modo in cui si ricollega all'altro – il che, ancora una volta, ci fa pensare a come andare in qualche "altrove" non sarebbe davvero una buona idea.

Complimenti!
Alla prossima!