Recensioni per
Ombre nelle Tenebre
di Puffardella

Questa storia ha ottenuto 17 recensioni.
Positive : 17
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
[Precedente] 1 2 [Prossimo]
Recensore Master
21/01/22, ore 09:14
Cap. 5:

Ciao^^
una cena veramente inquietante, non c'è che dire.
Il nostro Davide si trova in una condizione strana, esperisce sintomi fisici mai provati prima, dà prova di una signolare e per lui insolita disinibizione verbale. Cosa gli starà succedendo?
Le persone presenti alla cena sono strane dalla prima all'ultima, si capisce che c'è qualcosa di non detto, di segreto, tutto è molto misterioso e anche decisamente inquietante.
Chi sarà questo Victor? sarà vero che si occupa di malattie rare? E come, poi?
Adesso sono curiosissimo di scoprire cosa intende mostrare a Davide, quindi aggiorna presto!

Recensore Master
20/01/22, ore 14:45
Cap. 5:

Carissima,
la signora delle pulizie sta bellamente mentendo. Più numerosi sono i dettagli più grande è la panzana e Davide lo sa.
Con i commensali parte subito un botta e risposta come se li conoscesse da tempo e ci fosse della ruggine, non fossero persone appena presentate.
E poi le strane sensazioni, forse risalenti all'aura che Victor sembra esercitare. Certo è lui il perno della serata e tutti ne sono coscienti, qualcuno forse con fastidio malcelato.
Ho come il sospetto che la caccia cui si riferisca il maresciallo non sia quella della comune selvaggina, ma mi saprai dire.
È poco credibile che il misterioso e antipatico Ludovico sia stato escluso dal convivio per ragioni d'età. Gatta ci cova.
Bel capitolo, che ci lascia con una curiosità in più.
Un bacio e alla prossima! ^^

Recensore Master
16/01/22, ore 16:47
Cap. 4:

Ciao^^
un capitolo piuttosto sinistro, direi. Lo sai cosa mi ha ricordato? Quel bellissimo film di Pupi Avanti che si chiama "La casa dalle finestre che ridono". Anche lì c'è un parroco che in realtà è tutt'altro...
Perché sì, questo parroco, dietro l'aspetto e l'atteggiamento pacifico e amichevole, risulta alquanto sinistro. La sua strana visita unita a tutti gli altri elementi strani del piccolo paese, fa veramente una pessima impressione.
Impressione che peraltro è perfettamente confermata dall'ultimo paragrafo, nel quale il parroco conferma di avere parecchio da nascondere, anche se in effetti non capiamo ancora cosa.
Ottimo capitolo, molto avvincente. A presto!

Recensore Master
10/01/22, ore 15:04

Ciao^^
che bella casa e che bel paesino, lo dico senza ironia. Se avessero afferto anche a me un posto così bello, di sicuro l'avrei accettato senza esitazione.
La casa per certi aspetti sembra sinistra, ma ha anche una strana aura di familiarità, che il protagonista coglie subito. Vi individua elementi positivi, che gli danno buone sensazioni, salvo poi essere destato nel cuore della notte da una musica che sembra provenire dal nulla.
L'incontro con lo strano bambino, qualcosa a metà fra un'esperienza onirica, paranormale o semplicemente strana, porta il nostro a confrontarsi con l'aura di mistero che aleggia sul paese da quando ci ha messo piede. Esisterà davvero quel bambino o sarà una sua allucinazione? Sono assai curioso di scoprirlo.
Complimenti e a presto!

Recensore Master
03/01/22, ore 12:27
Cap. 2:

Ciao^^
ritroviamo i fratelli, che in ventidue anni non mi pare si siano modificati nel carattere. Un dubbio: come mai hanno tutti nomi stranieri?
La faccenda saliente del capitolo è però la comparsa di una vecchia casa in un paesello della bassa reggiana. Qualcosa che evocherebbe gli scenari di Don Camillo e Peppone, ma si porta dietro una strana aura sinistra. Eppure sembra che la misteriosa magione conquisti immediatamente Ethan, che decide addirittura di andarci ad abitare. È come se avvertisse un misterioso richiamo provenire da quel luogo, e sa che in qualche modo laggiù troverà qualcosa che sta cercando da tempo.
Un capitolo che apre la strada al mistero: chissà quali segreti nasconderà quella strana casa?
Complimenti e a presto!

Nuovo recensore
24/12/21, ore 16:43
Cap. 4:

E così, casualmente ti ritrovo.
Ho letto i primi capitoli tutti d'un fiato, e devo dire che la storia promette bene, anche se decisamente diversa dal genere con cui ti conobbi.
Aspetto i prossimi capitoli, nel frattempo ti auguro buone feste.

Recensore Junior
22/12/21, ore 14:03
Cap. 4:

Ed eccomi finalmente qui, giunto al capitolo più recente (per ora) della tua storia: continua a mantenere il mio interesse sugli stessi livelli precedenti se non di più, quindi devo davvero farti le mie congratulazioni! E intanto ne approfitto per dirti che ho letto la tua risposta alla mia recensione precedente, e preciso che la mia era, ovviamente, una semplice domanda: quindi, nel caso in cui preferissi lasciare titolo e suddivisione attuali, sentiti libera di farlo dal momento che è semplicemente una scelta personale che dipende dai propri gusti!

Per quanto riguarda il capitolo attuale, invece, qui scopriamo padre Umberto, il parroco del paese che è spesso un personaggio importante in setting di questo tipo—e qui non fa eccezione. È un personaggio abbastanza calmo e composto, esattamente ciò che ci si aspetterebbe dal suo ruolo; ed è anzi abbastanza alla mano e razionale, nel senso che quando Ethan gli ha chiesto del bambino credevo lui avrebbe risposto con qualcosa del tipo «Lei ha sognato tutto»—cosa che in parte ha detto, sì, però poi quando ha visto la foto non ha cercato di arrampicarsi sugli specchi solo per dare un'aria più misteriosa al tutto ma ha vuotato il sacco (almeno per ciò che poteva dire senza scontentare quell'altro personaggio, Victor), dando a Ethan una spiegazione tutto sommato sensata (anche se non so fino a che punto corrispondente al vero) circa la presenza di quel bambino di notte nel paese. Viene citata anche Lidia, la donna delle pulizie, la quale a questo punto potrebbe pure giocare qualche ruolo nella storia che sono davvero curioso di vedere.

Infine vediamo Victor, il quale decisamente nasconde qualcosa—ma probabilmente si tratta di qualcosa di ‘terreno’ anziché di soprannaturale, e quindi, almeno allo stato attuale, dubito che il bambino (che a quanto pare si chiama Ludovico) sia dotato di chissà quali poteri soprannaturali, ma semplicemente debba stare confinato e sorvegliato per altri motivi. Anche se effettivamente Victor stesso dice che il bimbo sta diventando sempre più... ‘ingestibile’, e non so cosa intenda quindi diciamo che è ancora tutto possibile! Di sicuro questo capitolo mi ha messo molte domande che ora sono curioso di veder risposte, incluso anche il fatto che quasi tutti sembrino voler evitare il paese (come le imprese di traslochi, che quindi per qualche motivo sono consapevoli del fatto che a Mestrieri stia succedendo qualcosa di strano?); inoltre, la ‘curiosa camera per bambini’ effettivamente è curiosa davvero, e mi chiedo se questo si colleghi in qualche modo a Ludovico...

Insomma, il mio giudizio su questa storia è finora estremamente positivo: la inserirò fra le seguite, così non perderò i prossimi capitoli quando li pubblicherai! Complimenti ancora per il lavoro svolto finora!

Recensore Junior
21/12/21, ore 20:39

Fantastico! La storia continua a essere interessante, e sta mostrando ora i suoi toni horror in tutta la sua forza. Il paese semideserto e sospetto dove non si vede un'anima viva, la casa spaventosa (descritta splendidamente tra l'altro, complimenti davvero per essere in grado di descrivere dei luoghi in maniera che il lettore ci si possa immergere del tutto ma senza mai suonare pesante, prolissa o noiosa), e infine il bambino simil-demoniaco che gioca sull'altalena di notte e si comporta in modo strano per inquitetare il protagonista (e il lettore) e far salire la tensione al massimo. Sono cliché tipici del genere, ma esattamente come dicevo nella scorsa recensione ciò che conta davvero è come si lavora con idee che per forza di cose non possono essere originali—ormai è già stato fatto tutto, in fondo. E tu ci stai costruendo su una storia davvero ben scritta: mi lascia col fiato sospeso e la voglia di sapere come continuerà, quindi proseguirò certamente nella lettura con interesse!

A tal proposito, mi chiedo come continuerà la storia... e anche fino a che punto si spingeranno gli eventi soprannaturali/horror. Finora non sembra ancora essere successo nulla di effettivamente inspiegabile dal punto di vista fisico (solo solo eventi ‘strani’, ma realisticamente possibili), e c'è la possibilità che man mano gli eventi che capitano attorno a Ethan diventino sempre più implausibili fino a che dovrà ammettere di essere capitato nel bel mezzo di qualcosa di più grande di lui; viceversa, c'è l'opzione ‘romanzo giallo’ in cui si scoprirà che ogni evento aveva una sua spiegazione perfettamente razionale, un po' come una puntata di Scooby-Doo. Ciascun approccio ha i suoi pro e i suoi contro, quindi non c'è qualcuno per cui parteggio particolarmente: anche se il primo dà più spazio alla fantasia se ci si mette nei panni dello scrittore, perché si possono fare più cose quando non si è più limitati dalle leggi del mondo fisico. Detto ciò, sarò soddisfatto in ogni caso—e non vedo l'ora di capire che piega prenderà la storia!

Insomma, sono davvero contento di aver cominciato a leggere il tuo racconto, e dopo cena leggerò (e recensirò) anche l'ultimo capitolo attualmente disponibile. Intanto ho una sola domanda: come mai questo capitolo sembra essere diviso in due sottocapitoli più corti (‘Mesrieri’ e ‘Il bambino’)? Immagino fossero venuti particolarmente brevi e non ti andava di pubblicarli singolarmente, ma come mai non li hai fusi in un unico capitolo con un solo titolo? Comunque sia, complimenti davvero per ciò che hai scritto finora!

Recensore Junior
21/12/21, ore 16:03
Cap. 2:

Ed eccomi qui, a recensire il primo capitolo come avevo promesso! È stata una lettura molto carina, ma d'altronde lo immaginavo già o non mi sarei interessato a questa storia sin dal principio. Qui si cominciano a delineare meglio i personaggi, la storia, e soprattutto l'elemento horror: ora ho un'idea migliore di dove si andrà a parare e di che tipo di ambientazione si tratta (entità misteriosa nei pressi di un'antica casa in un posto nebbioso appartenuta a qualcuno morto di recente e di cui si sa poco o nulla—un setting abbastanza comune, ma se usato bene è perfetto per storie di questo tipo!). In quanto a scrittura l'ho trovato, esattamente come il prologo, molto ben scritto, e la scena dell'incubo era inquietante a sufficienza da renderla spaventosa quel tanto che basta nel contesto di una storia horror; per la trama, come dicevo, s'inizia a capire come si dipanerà ma c'è ancora poco da commentare, se non che l'espediente narrativo dell'eredità da parte di un parente lontano è sempre interessante—specialmente se i dissidi familiari (fra fratelli) saranno importanti all'interno della storia, cosa che mi pare di capire sarà effettivamente così.

Mi rimane però un dubbio, che non credo di aver chiesto nel prologo ma che qui devo per forza domandare: mi è sfuggita una qualche spiegazione dell'origine di questi personaggi? Nel senso che qui mi sembra chiaro e tongo che la storia abbia luogo in Italia per via dei riferimenti geografici, eppure i personaggi si chiamano Eithan, Nathan e Meredith. Ovviamente è possibile che abbiano nomi stranieri o che siano immigrati di seconda o terza generazione, però mi chiedo se effettivamente tu avessi scritto che a un certo punto la loro famiglia si è trasferita in Italia e la cosa mi è semplicemente sfuggita. In caso contrario, forse sarebbe necessario specificarlo in qualche punto (a meno che non sia un punto importante della trama) per evitare che altre persone abbiano gli stessi dubbi che, leggendo, erano venuti anche a me.

In ogni caso, come dicevo, per me questo capitolo è stato molto bello: e mi ha dato un sacco di curiosità per i successivi, quindi appena posso leggerò immediatamente anche il successivo e lo recensirò!

Recensore Master
21/12/21, ore 11:30
Cap. 1:

Ciao carissima,
ed ecco di nuovo la tua bella storia horror, spero che stavolta non ci farai lo scherzone di cancellarla sul più bello!
Sul funerale mi ero già dilungato per cui non starò a ripetermi. Sei riuscita a creare un bel connubio tra situazione contingente e "stream of consciousness" del protagonista, che contemporaneamente al dolore per il funerale della madre ci mostra lo scorrere dei suoi pensieri e delle sue fantasie.
Già da questa prima, breve immaginer familiare riusciamo a farci un'idea dei vari componenti della stessa, e la ritroveremo più avanti, nei capitoli successivi.
Come sempre bravissima, a presto!

Recensore Junior
20/12/21, ore 12:38
Cap. 1:

Be', devo dire che questo è uno dei prologhi più intriganti che abbia letto sul sito finora! Non soltanto perché termina in un effettivo cliffhanger che mi fa venir voglia di leggere la continuazione della storia (e vedo che sono già presenti altri tre capitoli, quindi non dovrò nemmeno aspettare), ma anche perché... si tratta di un prologo ben scritto in generale, e con questo intendo proprio la grammatica, la sintassi, la punteggiatura, il ritmo e lo stile. Solitamente c'è sempre qualcosa che mi fa storcere il naso—dialoghi indicati con punteggiatura inusuale, poca cura dell'estetica, tono piatto—ma qui non è così. Sembra davvero un estratto da un romanzo che potresti ragionevolmente aspettarti di trovare in biblioteca o in libreria, e la cosa non può che farmi immenso piacere. Dopo pranzo passerò certamente a leggere i capitoli successivi, ma intanto sono più che contento di farti i complimenti per questo prologo: l'horror poi è forse il mio genere preferito in assoluto, quindi non vedo l'ora di vedere cosa ne tirerai fuori!

Recensore Master
19/12/21, ore 11:57
Cap. 4:

Ciao cara,
il parroco è molto ambiguo e pare arrampicarsi sugli specchi in tante situazioni. In primis la chiesa aperta. Forse si sbottona più del dovuto ed è costretto a mettere le toppe su ciò che si è lasciato sfuggire. Ethan è molto attento e vorrei ben vedere, dopo la notte passata a metà tra realtà assurda e incubi fin troppo veraci.
L'invito a cena sarà uno snodo fondamentale e sono curiosa di conoscere il misterioso Victor, che pare essere un'autorità nello strano paesino. Chiaramente un'autorità notturna. Pur non avendolo ancora incontrato nella lettura, Ludovico mi sta già sulle scatole e di solito il mio sesto senso letterario non sbaglia. :D
Un bacio e a presto.

Nuovo recensore
09/12/21, ore 22:31

Si davvero, che accidenti succede? Questa storia è così avvincente...torna presto, un abbraccio

Recensore Master
09/12/21, ore 21:08

Carissima,
un arrivo davvero particolare per Ethan, che viene accolto da una strana casa e da uno strano paesino. Non disabitato ma serrato in se stesso e difeso dalla nebbia serale.
La casa ha dettagli inquietanti e la notte non fa che confermarlo. Tra sogni e visioni, il protagonista si trova a inseguire realistiche ombre, fino a una chiesa che sembra parte del mondo onirico. Ma qualcosa mi dice che non sarà così.
Come mai l'aggiornamento è diviso in due? Curiosità mia. ^^
Attendo il seguito.

Recensore Master
04/12/21, ore 12:10
Cap. 2:

Carissima,
ho letto con piacere questa revisione del secondo capitolo e devo dire che mi convince. Vai dritta al punto e le personalità dei tre fratelli emergono chiare, in pochi ma chiarificanti tratti. Anche quella del padre lontano, con i problemi che Ethan sembra avere ereditato, è semplice ed efficace.
Interessanti gli indizi che offri, molto vivida la descrizione del "sogno" premonitore del protagonista.
Suppongo che il terzo capitolo illustrerà l'arrivo del giovane a Mestrieri, quindi direi che ci siamo. Almeno, a me piace. ^^
Unica osservazione: togli il "ne" da "spegnimento che ne avevano causato il proliferarsi della muffa". La frase non ha bisogno del complemento di specificazione, è chiaro che l'acqua causa poi la muffa, la frase è troppo pesante.
U bacione e alla prossima! 😺

[Precedente] 1 2 [Prossimo]