Storie originali > Poesia
Ricorda la storia  |      
Autore: IlGattoSenzaRadici    14/01/2022    0 recensioni
Un quarto di cielo
incontaminato dalla superbia
di chi si crede forte
e vuole creare grandi dissidi.
Genere: Drammatico, Generale, Guerra | Stato: completa
Tipo di coppia: Nessuna
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A

Progrediva la grande guerra
nella nazione del Nord
di campi di ulivi
dalle foglie verdeggianti come pianure
e coi chicchi neri come la notte
di fabbriche e screzio
grigi tanto quanto fumi dei camini.
Camini sempre accesi,
alimentati di legna di quercia
e carta scarabocchiata
e il fuoco si nutriva di essi
e delle anime della casa.
Cadevano le bombe,
e i frastuoni impregnavano il petto
e i pochi esseri umani rimasti
tra i tanti vagabondi
che non riuscivano a udire
neppure le loro stesse urla.
Si diventa freddi
con le armi tra le mani
come se addirittura l'inverno
li circondasse con le braccia
e congiungesse le sue dita
col fiato sul collo
stringesse le loro anime
e le trasportasse dall'aldilā.
Se l'inferno č sulla Terra
dove i bambini riescono a ridere
e si tagliano un pezzo di erba
che continua a crescere fitta
e giocano lė coi mattoncini
mentre gli adulti si dilettano
tra spade affilate e mazzuoli
rivolte, rivoluzioni, assalti
il paradiso deve essere
un quarto di cielo
incontaminato dalla superbia
di chi si crede forte
e vuole creare grandi dissidi.
Quando persino le mura piangono
dalle parole che colgono
da soldati e fanciulle spaventate
allora č la speranza
che non rende pių vita
a chi esiste.

   
 
Leggi le 0 recensioni
Ricorda la storia  |       |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Poesia / Vai alla pagina dell'autore: IlGattoSenzaRadici