Storie originali > Poesia
Ricorda la storia  |      
Autore: HellWill    17/06/2022    1 recensioni
"Pomeriggi lunghi e
assai noiosi, quelli dell’estate.
Brevi, assai oscuri
quasi effimeri, quelli d’inverno."
Challenge Giugno 2022 #RaynorsHall
Genere: Generale, Introspettivo, Poesia | Stato: completa
Tipo di coppia: Nessuna
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
POMERIGGI
-
-
Pomeriggi pallidi e assorti,
dice il signor Tale;
ma a me i pomeriggi paiono
più un’onda, che sale
e si abbatte su noi corpi morti.
-
Sarà che sono solo
un po’ son solo al mondo, e un po’
in senso figurato;
un po’ di biscotti al cioccolato
sbriciolo, e caffè mo’
sale, berrò; rondini in assolo.
-
Pomeriggi lunghi e 
assai noiosi, quelli dell’estate.
Brevi, assai oscuri
quasi effimeri, quelli d’inverno.
Ma scrivo sul quaderno,
con tratti leggeri ed insicuri,
tutto, purché non siate 
cose vere, reali, banali, finché
-
ignorare il cuore 
diventa arduo: mentre l’esterno è
facile trascurare. 
Ma sento il battito disonesto
di un animo: sboccia 
un male che non ha nome. E goccia
dopo goccia, ‘sì lesto
fuggo: ma io non so dove andare, 
peregrino eterno. 
Se solo bastasse un po’ d’amore.
-
   
 
Leggi le 1 recensioni
Ricorda la storia  |       |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Poesia / Vai alla pagina dell'autore: HellWill