Anime & Manga > Ranma
Segui la storia  |       
Autore: Giorgiaaisha    12/07/2022    1 recensioni
sempre diretta lei eh!?!.....
... Due sbadigli, si stiracchia apre finalmente gli occhi e mi vede, si blocca spalanca la bocca e inizia a balbettare qualcosa, mi fissa, sposta il suo sguardo su ogni cm del mio corpo...
> >... > > > >
Tratto dai primi capitoli
Genere: Romantico, Sentimentale | Stato: completa
Tipo di coppia: Nessuna | Personaggi: Altro Personaggio, ranma/akane
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno
Capitoli:
 <<  
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A

La mattina del matrimonio è arrivata. Sono agitato. E se decidesse all'ultimo momento di non volermi più sposare?

"Ranma scusami, ma non voglio più sposarti!"

Il mio cuore si ferma per un secondo, finchè non realizzo che è quell'idiota del mio migliore amico che si diverte alle mie spalle.

"Sei un cretino Ryoga! Che c'è Ranmuccio hai paura che Akane ti molli sull'altare?"
"Certo che no!"
" Bugiardo!"
" E va bene! Ho puara che possa cambare idea. Ammetterai che la nostra è stata sempre una storia poco convenzionale!"
"Stavolta non ci saranno intoppi. Lei ti ama, e le uniche persone in grado di rovinarti il matrimonio questa volta sono damigelle d'onore  e testimoni. Pensa a farti bello, anche se non sarai mai alla sua altezza!"
" Scherzi? Sarò molto più bello di lei! Puoi giurarci!"
" Sei un deficiente Ranma!"

Tra risate e battibecchi arrivo all'altare in attesa che la mia dolce Akane si palesi.
L'attesa è straziante. Sul viso di tutti noto gioia e ansia per l'arrivo della sposa.
La musica inizia, dolce e soave arriva al mio orecchio e capisco che sta per entrare lei.
Mi tremano le gambe. Mi sudano le mani. Al diavolo Ranma vuoi calmarti?
"Psst. Ranma appoggiati a qualcosa, nostra sorella sta per arrivare e tu rischi di cadere svenuto!" Afferma Nabiki. Lei e Kasumi saranno le testimoni di Akane, mentre Ryoga e Mousse i  miei.
Vedo entrare Shampoo, Ukyo, Akari, Yuka e Sayuri, e poi... eccola.
Bellissima nel suo abito bianco.  
Nabiki ha ragione, rischio di cadere. Mi appoggio a Ryoga e affermo:

" Sto rischiando lo svenimento, è bellissima!"

Si posiziona davanti a me, meravigliosa, eterea.
Mi sorride. Non riesco  a muovermi, sono pietrificato. Mi sembra di essere tornato indietro nel tempo.

"Tutto bene Ranma?" Mi chiede preoccupata.
"Io. Sì. Sei bellissima Akane."
"Anche tu Ranma."

La cerimonia prosegue bene. Nessuno si intromette. Soun e mio padre piangono felici e mia mamma li consola dicendo che presto sarebbe arrivato il tanto agognato erede.
Scuoto la testa nel vedere questa scena patetica e vedo Akane fare lo stesso.
Finalmente ci scambiamo gli anelli e io pronuncio le mie promesse:

" Mi sono innamorato di te dal primo giorno che ti ho vista, da quando mi hai troncato il tavolino in testa. In quel momento ho capito che tu saresti stata l'unica padrona del mio cuore. La nostra storia è stata tormentata, la nostra tmidezza ci ha impedito di esprimere il nostro amore, che era così forte da sconfiggere pazzi furiosi su barche volanti, principi di isole incantate e divinità. 
Ci siamo sempre stati l'uno per l'altra e sempre ci saremo. Tu sei un vero maschiaccio senza grazia e ti posso promettere che continuerò per il resto della mia vita a chiamarti con l'unico vero nomignolo che ti si addica: maschiaccio. Perché è proprio per questo che ti amo, per il tuo essere diversa da tutte!"

Sorrido e le infilo l'anello.

"Mi sono innamorata di te dalla prima volta che ti ho visto, da quando furibonda ti ho rotto il tavolino in testa. Sapevo che  mi avevi battuta e non riuscivo a digerire la sconfitta. Sapevo che eri diverso dagli altri ragazzi e questo mi ha completamente destabilizzata. Hai saputo riemipire un vuoto che era presente da troppi anni nel mio cuore.
E' vero il nostro amore è stato tormentato e abbiamo dovuto farci spazio con la forza e con tanta, tantissima pazienza. Ci siamo allontanati per via della nostra timidezza, della nostra ingenuità e perché tu sei semplicemente un Baka, con la B maiuscola. E ti prometto che per me lo sarai sempre, non smetterò mai di chiamarti con l'unico, vero nome che ti si addice: Baka!"

E mi infila l'anello. 

"Ora lo sposo può baciare la sposa"
Sorridiamo e ci baciamo felici.
Tra gli applausi e le grida di gioia di amici e parenti ci avviamo verso il rinfresco  che è stato allestito in giardino.
Ma noto qualcuno che non ho mai visto in vita mia che fissa Akane con un sorriso trionfante.

"Akane chi è quel tipo? Un tuo amico di corso?"
" No Baka. Lui è il mio angelo, è solo grazie a lui che ho potuto sposarmi con questo bellissimo vestito. Vieni che te lo presento."
"Pedro. Hola. Como estàs? Ti presento mio marito Ranma"
"Hola chika. Tu eres muy bella. Hola Baka, yo so Pedro, piacere di conoscerti. Esta es mi esposa Maria e mia figlia Pilar."

Akane scoppia a ridere per l'appellativo di Baka e io mi sento preso in giro, ma decido di passarci sopra e non rovinare la nostra festa. In fin dei conti il tipo ha permesso alla mia Akane di essere felice.

"Piacere mio. Spero che possiate divertirvi oggi."
"Seguro!"

I miei sensi sono allerta. Ho una strana sensazione e non promette nulla di buono. Fortuna che ormai io e Akane siamo sposati.

"Ranmaaaaa accontenta il tuo povero maestro e permettimi di ammirarti ancora una volta!"

In un batter d'occhio mi ritrovo completamente zuppo e nella mia forma femminile.

"Dannato vecchiaccio ma non l'avevate legato?" 
"Vieni qui e fammi toccare tutto quel ben di Dio"
"Ma levati mostro", io e Akane coordiniamo un pugno e lo spediamo in cielo, spero stavolta abbastanza lontano da farlo tronare a matrimonio finito.
"T-Tu eres el Diablo! Mi amor vamos, vamos!"
"No, aspetta Pedro, possiamo spiegarti." Akane lo supllica di rimanere e ascoltare, ma per tutto il racconto lui e sua moglie mi guardano con sguardo torvo. La piccola Pilar invece sembra divertita dalla mia trasformazione e continua a gettarmi addosso acqua calda e fredda.

"Basta Pilar. Smettila de jugar con el diablo", esclama Maria.
"Ma allora! Non sono el Diablo", rispondo irato.

Alla fine del racconto Pedro e Maria sono senza parole e rimangono per qualche secondo a bocca aperta, poi lui inizia a danzare intorno a me e dire strane cose nella sua lingua.

"Baka, ora qualcosa accadrà e tu potrai tornare normale. El diablo lascerà il tuo corpo."
"Non c'è nessun diavolo in me, è solo una maledetta trasformazioni dovuta alla stramaledetta sorgente cinese della ragazza annegata!" Esclamo.

Dopo pochi attimi Soun tira fuori un microfono e con le lacrime agli occhi annuncia:

"Cari amici, siamo felici di avervi tutti qui in questo giorno importante per la nostra famiglia", si blocca per continuare a piangere e Nabiki prende in mano la situazione.
"Mio padre voleva dire che ormai avevamo perso le speranze di vedervi finalmente insieme, insieme davvero. In questi due anni avete continuato ad amarvi in silenzio e poi qualcosa finalmente è cambiato. Noi tutti, insieme ai vostri amici più cari: Shampoo, Mousse, Ryoga, Akari e Kuno, abbiamo deciso di regalarvi il viaggio di nozze. 
La destinazione voleva essere segreta, ma vista la situazione attuale..." e indica me in versione donna, " direi che è meglio dirvelo. Andrete in Cina in un hotel lussuosissimo vicino alle sorgenti maledette. Ranma potrai finalmente sbarazzarti della tua maledizione, sappiamo quanto ti faccia star male essere uomo per metà."

Ho le lacrime agli occhi. Ryoga si avvicina e mi sussurra:

"Vai Ranma e goditi il tuo viaggio di nozze, ma al tuo ritorno ricordati di noi" e mi fa l'occhiolino.
"Certo. Come potrei dimenticarmi di voi. Grazie!"


_______________________________________________________________________________________________________________________________________


Akane

"Su, dai sbrigati che faremo tardi come al solito!"
" Non posso sbrigarmi se tutte e due i bagni sono occupati", ribatte Ranma.
"Oh ma insomma, Akemi! Daichi! Vi decidete ad uscire! Stiamo facendo tardi!"
"Arriviamo, arriviamo", rispondono in coro.


Dopo un'ora abbondante arriviamo alla mia vecchia casa. 
Quanti ricordi tra queste mura. Il giardino è addobato e pieno di pietanze deliziose. Kasumi è intenta a sistemare ogni dettaglio e io vedo i miei due nipoti gemelli ormai maggiorenni ,dirigersi verso me e Ranma e salutarci con un dolce bacio. 

"Zia, zio siete sempre bellissimi. Tanti auguri per il vostro anniversario!"
"Grazie amori belli, fatevi abbracciare."

Si lasciano stringere da me e Ranma e poi si voltano a chiamare la cugina Ena di 12 anni, figlia di Nabiki e Kuno.

"Zia, zio siete arrivati! Tanti auguri. Oggi il sole è splendente e la luce irradia ogni creatura vivente, ma solo due emanano raggi d'amore luccicanti e vivaci e siete voi con il vostro puro cuore."
"Tutta il papà!" Commenta Ranma stringendola e schioccandole un tenero bacio.
"Daichi mi devi 10000 yen"
"E anche una buona parte di sua mamma" commenta Daichi, dandole i soldi che le spettano per una scommessa persa.

All'improvviso lo vedo diventare una statua di sale, volgo lo sguardo nella stessa direzione del suo e vedo la bella Aoi in un cortissimo abito in stile cinese, tutta sua mamma. 
Aoi è l'unica figlia di Shampoo e Mousse, ha la stessa età di Daichi, 13 anni, è bella e dalle movenze feline come la mamma ma dolce e buffa come il padre. E Daichi ne è completamente cotto!
La vedo avvicinarsi a noi sorridente insieme ai suoi genitori che felici ci salutano. Aoi ci da un bacio, un regalo e poi si gira verso Akemi e Daichi.
Akemi è intenta a scherzare con i gemelli quando Aoi le si getta tra le braccia. Ha una vera adorazione per la nostra primogenita e lei ricambia con affetto le sue attenzioni.

"Ehi vita larga, questa gonna non sarà un pò troppo corta per i tuoi coscioni?" E Daichi è tale e quale a suo padre, è cotto di Aoi e non riesce a non offenderla, è il suo modo per dirle che le piace.
"Tu razza di cretino, che vuoi? Pensa per te, non sei mica costretto a guardarmi!"
"Occupi tutta li visuale con quel sederone, come posso guardare altrove?"
"Stupido. Puoi stare tranquillo, non mi avrai fra i piedi starò tutto il tempo vicino ad Haru!"

Vedo Daichi stringere i pugni e allontanarsi inferocito! Ma d'altronde cosa si aspettava?

"Questa è colpa tua Lanma! Tuo figlio è identico a te! Dovlesti digli che le vele lagazze non si conquistano così"
"Io così ho conquistato mia moglie", afferma fiero.
"Appuno ho detto le vele lagazze"
"Ehi Shampoo", dico stizzita.
"Akane non offendelti ma tu eli un velo msschiaccio. Aoi è un fiole delicato la deve conquistale con la dolcezza!"
"Si, proprio un fiore, che però lo pesta di botte, proprio come tu facevi con il povero Mousse!"

Scoppiamo tutti a ridere e ci godiamo la scena.

Aoi si dirige con Akemi da Haru e Ichiro, figli di Ryoga e Akari.
Ichiro ha la stessa età di mia figlia Akemi, 15, e Haru ne ha 14 uno in più di Daichi e Aoi.
La scena che ci si pone davanti è uno spasso. Da una parte c'è Aoi spalmata sul povero Haru che imbarazzatissimo si gratta la nuca sorridendo come un ebete e Daichi che inveisce contro Aoi.
Daichi si irrita e sfida Haru, così iniziano a combattere, proprio come Ranma e suo padre facevano anni indietro.
Dall'altra c'è Ichiro che è completamente rosso alla vista di Akemi e le porge un mazzo di rose farfugliando cose senza senso.
Mi giro sorridente e vedo Ranma furioso.

"Ranma che hai?"
"Ma dico! Hai visto Akemi come si è vestita?"
"Si, ha un bellissimo vestito"
" Un bellissimo vestito fin troppo scollato e corto!"
" Ranma ha 15 anni e non è ne cortissimo ne scollatissimo"
"Lo è abbastanza da mostrare le sue grazie e guarda quel pervertito di Ichiro come sbava. Ora mi sentono sia lui che suo padre!"
"Ranma dove vai. Torna immediatamente qui!" Ma non mi ascolta e prosegue per la sua strada.
"Ryogaaaaa, dì qualcosa a tuo figlio!"
"E che dovrei dirgli di grazia? Tua figlia non è più una bambina che devi proteggere e mi sembra che gradisca le sue attenzioni!"

Ranma sbuffa furioso e si dirige verso i due ragazzi. Io lo seguo a ruota sperando di riuscire a tamponare la situazione.

"Akemi vieni qui!"

La prende tra le sue braccia allontanandola da Ichiro.

"Che c'è papino? Perchè sei così turbato?"
" Sei troppo bella oggi amore mio, più del solito e quel porcello ti sta un pò troppo addosso!"

Sorrido dalla tenerezza della scena. Ranma adora i suoi figli e con loro è un padre amoroso e presente. Si dedica amorevolemente ai loro allenamenti e ai loro bisogni.
Akemi gli schiocca un bacio sulle labbra e gli dice:

"Papino, io non troverò mai un uomo migliore di te! Ichiro è molto dolce e mi vuole bene ma non prenderà mai il tuo posto", a queste parole Ranma si scioglie e l'abbraccia teneramente.
" Ranma io amo tua figlia da 15 anni e anche se non sarò mai alla tua altezza la rispetterò sempre"
"Non dovrai toccarla con un dito, e neanche pensare di toccarla. Non dovrai farla soffrire, mai! Se solo ti azzarderai a fare una di queste cose io ti ucciderò con le mie mani e lo farò con lentezza, estrema lentezza!"

Il povero ragazzo deglutisce e annuisce. Io mi avvicino a Ranma e gli sussurro:

"Oh insomma Ranma non lo spaventare, in fondo è figlio di quel timidone di Ryoga, prima che riesca a prendere l'iniziativa per una qualsiasi effusione amorosa passerà moltissimo tempo"
" Io mi preoccupo che sia lei a prendere l'iniziativa, non lui! Insomma lei è spigliata e furba. Non sembra neanche figlia nostra, ma lui deve sapere che non dovrà approfittarsi di questo!"
" Ichiro sei proprio un Baka" e teneramente Akemi abbraccia quel povero ragazzo che alza le mani al cielo e dice a Ranma:
"Non sto facendo nulla lo giuro!"

Scoppiamo entrambi a ridere e ci dirigiamo verso la sala da mio padre e dai signori Saotome che ci sorridono comodamente seduti con affianco alcuni dei nipoti.

"Papà! Signori Saotome!"

Veniamo a trovarli spesso, ma mi mancano terribilmente. 

"Akemi è stata la prima a salutarci ma quello scapestrato di Daichi ancora non è venuto!" Afferma mio padre.
"Sapete come è fatto Daichi, quando c'è Aoi non esiste più nessuno. Ora te lo chiamo papà"
"Daichiii, vieni immediatamente a salutare i nonni!"

Mio figlio lancia un'occhiataccia ad Haru e Aoi e corre verso di noi.

"Ciao nonnini, scusate ma quel cretino di Haru mi ha sfidato!"
"Lui ti ha sfidato?"
"Oh papà non ricominciare con la storia che tu eri come me bla bla, e ti piaceva la mamma, bla bla.  Io non amo Aoi!"
"Ok. Ok" ,  taglio corto per evitare di farlo sfogare con la povera Aoi.
"Che ne dite ragazzi iniziamo il pranzo per il vostro anniversario? Son ben 17 anni di matrimonio!"
" Si andiamo", esclamiamo insieme io e mio marito.
Tutti si posizionano a tavola. 
Ci sono le mie sorelle con le loro famiglie, i nostri amici e i loro rispettivi figli, Pedro e la sua famiglia, i nostri genitori e ovviamente mio marito con i miei due meravigliosi figli.
Ranma è un marito fantastico e un padre anche migliore, non avrei mai pensato di poter avere tanta gioia nella mia vita.
Due adolescenti timidi e impacciati, innamorati delle arti marziali e l'uno dell'altra che non riuscivano a esternare il loro amore, ora sono felicemente sposati con una splendida famiglia. Se potessi tornare indietro direi alla me stessa 16enne di vivere più serenamente perché il futuro sarà a dir poco meraviglioso.

"Maschiaccio, non vieni?"
"SI Baka, arrivo. Arrivo."

Si avvicina mi prende per mano mi da un tenero bacio sulle labbra e mi dice che mi ama, legandomi al collo una collana d'oro con le nostre iniziali.

"Sempre insieme maschiaccio."
"Sempre insieme Baka."

Fine.


Ho finalmente concluso la storia, spero che il finale vi piaccia! Commentate e fatemi sapere cosa ne pensate! Il vostro giudizio è davvro importante per me, mi permette di migliorarmi. Grazie  a tutti coloro che hanno seguito e commentato questa Fanfiction.
Un abbraccio e buone vacanze!

 
   
 
Leggi le 1 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
 <<  
Torna indietro / Vai alla categoria: Anime & Manga > Ranma / Vai alla pagina dell'autore: Giorgiaaisha