Anime & Manga > Haikyu!!
Ricorda la storia  |      
Autore: lolloshima    06/08/2022    7 recensioni
Tre personaggi estratti quasi a caso, che cui storie si incrociano in un determinato momento.
C'è chi deve affrontare le sue debolezze, e chi deve affrontare i più difficili degli avversari.
Questa storia partecipa alla challenge "3personaggiincercadestate" indetta dal gruppo Facebook Haikyuu!! Italia
Personaggi:
A) Ryunosuke Tanaka
B) Koutaro Bokuto
C) Akiteru Tsukishima
Genere: Slice of life | Stato: completa
Tipo di coppia: Het | Personaggi: Akiteru Tsukishima, Keiji Akaashi, Koutaro Bokuto, Ryuunosuke Tanaka, Tanaka Saeko
Note: Missing Moments | Avvertimenti: nessuno
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A

 

“Hay Hey Hey!! Vai così! Forza Hinata!!”

Koutaro Bokuto, avvolto nella lunga giacca bianca della divisa, si sbracciava sotto le gradinate, mentre in campo la squadra del Karasuno stava affrontando l’Inarizaki.

Non la smetteva di saltellare e gridare, togliendo la visuale ad Akaashi che, dietro di lui, cercava di spostare la testa a destra o a sinistra per non perdersi nessuna azione.

Il tifo dell’Inarizaki era assordante.

Un’intera banda suonava il loro inno, e le majorette ai lati delle gradinate scandivano ogni battuta musicale muovendo ritmicamente i pon pon, in una coreografia perfettamente coordinata.

Fortunatamente, a dare manforte al tifo del Karasuno era arrivato all’ultimo momento un gruppo di percussionisti, con i loro tamburi wadaiko, per supportare la squadra dei corvi.

Miya Atsumu era al servizio. Improvvisamente, ad un suo cenno della mano, tutto il frastuono cessò.

Mentre Miya si preparava a battere in salto, e la squadra del Karasuno era schierata in ricezione, dagli spalti del pubblico si alzò un’unica voce femminile, che sovrastò ogni rumore di fondo: “Forza Ryu!!!!”

“Forza Kei!!” urlò subito dopo una voce maschile.

Tanaka buttò velocemente lo sguardo sulle scalinate. A guidare la tifoseria, avvolta nella divisa tradizionale dei suonatori di taiko, c’era sua sorella Saeko. Accanto a lei, come di consueto negli ultimi tempi, Akiteru Tsukishima.

Tanaka non potè fare a meno di arrossire, ma nello stesso tempo sentì la sua forza e il suo coraggio moltiplicati.

Un po’ si vergognava, è vero, ma allo stesso tempo si sentiva pieno di orgoglio per l’affetto dimostrato da sua sorella in quel momento tanto importante.

Con questo supporto, non potevano assolutamente perdere!

“Fatevi sotto!!” gridò a sua volta.

Ai bordi del campo, Bokuto si arrestò, ammutolito.

Akaashi intuì subito che qualcosa non andava dall’improvvisa immobilità dell’amico.

I suoi sospetti furono confermati quando lo guardò in faccia, e vide che aveva lo sguardo fisso, perso nel vuoto.

“Bokuto-san, qualcosa non va?”

“Io… Io…”

Ci risiamo, pensò Akaashi. Di cosa si tratterà, questa volta? Una debolezza già affrontata, o una nuova e sconosciuta, da aggiungere alla lista?

Attese qualche momento, e poi tornò alla carica.

“Bokuto-san, non fai più il tifo per il tuo allievo Shoyo? C’è qualcosa che ti preoccupa?”

“Anche io…” cominciò a brontolare sottovoce, come se fosse in trance.

“Anche tu cosa? Vuoi giocare anche tu? Noi abbiamo appena finito una partita, Bokuto.san, e abbiamo anche vinto.”

“No, anche io… anche io voglio un fratello, o una sorella, che faccia il tifo per me e urli il mio nome dagli spalti...”

Ecco. Debolezza conosciuta, la numero 5. Bokuto a volte si struggeva per il fatto di essere figlio unico. E di non avere fratelli né sorelle che andassero a vedere le sue partite.

“Bokuto-san. Ma tu hai l’intero palazzetto che fa il tifo per te, e che grida il tuo nome per le tue schiacciate fenomenali. E poi… di Bokuto Koutaro ce ne può essere uno solo, al mondo!”

Akaashi attese paziente qualche minuto, mentre l’amico rifletteva tutto concentrato.

Finchè le sue parole non fecero l’effetto sperato.

“Hey hey hey!!” esplose l’asso. “Io non solo sono il migliore, ma sono anche l’unico me!! Forza Shoyo!!”

Debolezza superata.

Intanto, sugli spalti, Saeko guidava con sicurezza i percussionisti.

Akiteru, al suo fianco, senza distogliere lo sguardo dalla partita, con un braccio cingeva lo schienale del posto che aveva occupato per lei.

Era in ansia, e non solo per il torneo. La prova più difficile, lo aspettava dopo.

Quando si erano svegliati insieme, quella mattina, prima di prepararsi per partire per Tokyo, lui e Saeko avevano preso una decisione. Comunque fosse andata, dopo la partita avrebbero affrontato gli avversari più temibili e più importanti della loro vita.

Avrebbero svelato a Ryunosuke e Kei una verità che per loro stessi era stata tanto inaspettata quanto emozionante: che i loro fratelloni si erano innamorati.

 

 

* * *

ANGOLO AUTRICE

 

Ciao, grazie per aver letto questa piccola storia.

Mi sono capitati tre personaggi che sono solo all’apparenza semplici da collocare in una storia, ma in realtà molto difficili da mettere insieme.

Mi è venuto in mente il tifo di Saeko durante la partita contro l’Inarizaki, quando anche Bokuto era presente a bordo campo e faceva il tifo per Shoyo.

Ci ho collocato anche Akiteru, che non si perde una partita dell’amato fratellino.

Per motivi di narrazione ho dovuto coinvolgere anche altri personaggi: le debolezze di Bokuto non sarebbe affrontabili senza il contributo del fidato Akaashi!

Spero di avervi fatto divertire.

Grazie <3

   
 
Leggi le 7 recensioni
Ricorda la storia  |       |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Torna indietro / Vai alla categoria: Anime & Manga > Haikyu!! / Vai alla pagina dell'autore: lolloshima