Storie originali > Generale
Ricorda la storia  |      
Autore: FrankyAce    11/08/2022    0 recensioni
Primavera 2020: mentre tutto il mondo Ŕ fermo per via dei lockdowns,un gruppo di tre ragazzi italiani trova il modo di recarsi in uno dei pochi posti rimasti ancora attivi nel mondo: la Svezia! SuccederÓ di tutto e di pi¨.
Genere: Avventura, Commedia | Stato: completa
Tipo di coppia: Het, FemSlash
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
Marzo 2020: Luca,Marco e Elisa sono tre ragazzi di 22 anni. Vivono in un paesino della provincia italiana,e sono un p˛ precari ed un p˛ disoccupati,come molti giovani di etÓ simile alla loro. Sono amicissimi sin dai tempi del liceo. All'epoca,Luca e Marco avevano entrambi una crush per Elisa,poichŔ erano molto affascinati dal suo essere una bella ragazza ma anche una ragazza un p˛ 'maschiaccio',la vedevano quindi piu' vicina a loro. Ma scoprirono ben presto che Elisa era..lesbica! Cosi' i due diventarono soltanto amici della ragazza,e adesso erano ormai un trio molto affiatato,facevano tutto insieme,e si spalleggiavano in tutte le cose,fosse esso il mondo delle relazioni,il mondo del lavoro,o qualunque altra cosa con la quale uno di loro fosse alle prese,sapevano di poter contare sugli altri due. Inoltre,nonostante fossero appunto sempre in bilico tra il precariato e la disoccupazione,pensavano comunque in grande. Pianificavano infatti di fondare un trio comico,e sfondare un giorno,chissÓ. In quel periodo erano tutti e tre single,e meno male,poichŔ forse,probabilmente,in caso opposto quello che stava per arrivare sarebbe stato ancora piu' duro per loro,ovvero,il lockdown nazionale italiano,che fu realizzato in Italia ad inizio Marzo 2020. Si sentiva ormai da piu' di un mese parlare in giro di quel virus,ma i nostri tre,come molti altri giovani,giustamente avevano voglia di vivere la vita e non pensavano che si sarebbe mai arrivati ad una scelta del genere. "Addirittura chiudere un intera nazione? Assurdo!" si dicevano,eppure,era successo. E nei giorni seguenti assistettero anche alla chiusura a ruota di altre nazioni europee,ed ad un certo punto anche gli Stati Uniti. Inutile dire che questo fu sicuramente un brutto colpo,anche perchŔ i tre ragazzi,che non erano a favore del provvedimento preso,vedevano anche in giro che purtroppo per loro la loro opinione era una minoranza. Per˛,in quel momento altro non potevano fare. Era proibito anche solo mettere il naso fuori di casa,ed in quel periodo solo Marco lavorava,come precario in un ufficio,e lo avevano messo in smartworking,quindi nessuno dei tre aveva nemmeno una scusa per uscire. I tre comunque si sentivano tutti i giorni via webcam,ed era sempre bello chiacchierare insieme. Cosi',si era arrivati ormai a fine Marzo,quando improvvisamente,Elisa si vide arrivare a casa..Luca e Marco! Che ci facevano li'?? La madre di Elisa li lasci˛ fuori di casa,poichŔ non voleva rischiare il contagio,ma Elisa usci' perchŔ a quanto pare avevano grandi notizie. "Ragazzi! Scusate se vi resto a 2 metri di distanza,ma altrimenti mia madre poi non mi fa rientrare! Comunque,che ci fate qui?" chiese Elisa. "Ah,non lo so!" rispose Marco. "So solo che Luca Ŕ venuto a prendermi a casa,e mi ha detto che non c'era problema,potevamo uscire poichŔ avevamo i permessi. Ma mi ha detto che mi avrebbe spiegato il motivo solo una volta che fossimo venuti da te. Quindi adesso parla,Luca!" concluse quindi Marco. Allora Luca spieg˛ tutto: "Ragazzi,si va in Svezia! Immagino abbiate letto in questi giorni che Ŕ uno dei pochi paesi dove la vita scorre come sempre,no? Beh,ho mandato una domanda di lavoro,e hanno accettato! Ed ho anche la delega a farvi firmare un contratto anche a voi due,per questo possiamo stare fuori! Andremo li' a fare i camerieri per qualche mese. Allora,ci state?" chiese quindi Luca. Inutile precisare che sia Marco che Elisa risposero subito "Si!" visto quanto bramavano un p˛ di libertÓ. Cosi',nonostante dovettero discutere un p˛ con alcuni dei loro genitori (mentre qualcuno era favorevole alla loro scelta) il trio ad inizio Aprile si imbarc˛ quindi per la Svezia! Appena arrivati,i tre non potevano credere ai loro occhi. Si erano ormai abituati a vedere le strade deserte,in tv o quando si affacciavano sul balcone,ed adesso invece,si trovavano di nuovo di fronte a delle strade affollate,a dei locali aperti pieni di gente,tra cui ovviamente quello dove avrebbero lavorato,a persone senza mascherine o guanti. Era davvero una grande ventata di libertÓ! Quindi,il trio inizi˛ a lavorare nel locale con entusiasmo,e man mano che i giorni passavano,vivevano la libertÓ della societÓ svedese,causando,quando postavano sui social,da una parte l'invidia di alcuni coetanei,dall'altra parte anche la rabbia di alcune persone che scrivevano le peggio cose sulla Svezia e su di loro. Un post in particolare divent˛ molto virale,e vennero contattati da una giornalista italiana per rilasciare delle dichiarazioni,ma si rifiutarono. Era tempo di lasciarsi alle spalle quelle polemiche,disse Marco agli altri due,ed invece provare a conquistare qualche ragazza svedese! "Del resto tutti e tre abbiamo gli stessi gusti,no?" aggiunse Marco. Ballando in un locale,Luca conobbe una ragazza di nome Lena,con la quale ci fu subito complicitÓ. Mentre Marco faceva un p˛ da wingman ad Elisa,che cercava di capire se ci fosse qualche ragazza lesbica nel locale. Sia Marco che Elisa rimasero per˛ in bianco quella volta. Ma col passare dei giorni,tutti e tre trovarono delle conquiste per loro. Era proprio vero che in Svezia si era molto piu' "aperti" da quel punto di vista. Luca e Marco trovavano ragazze sforzandosi molto di meno rispetto all'Italia,ed anche Elisa trovava ragazze molto piu' esplicite nel vivere la propria omosessualitÓ. Anche Aprile stava ormai per finire,e il trio si sentiva come in una grande festa,sopratutto quando confrontavano la loro situazione con quella italiana. Ma a quella grande festa,stava per arrivare un ostacolo: Luca si stava innamorando di Lena! Era infatti una ragazza,tra le varie conquistate da lui in quel periodo,con la quale aveva continuato a frequentarsi,e sentiva che stava nascendo una storia seria con lei. Marco ed Elisa quindi gli chiesero "questo vuol dire che,quando a Giugno torneremo in Italia,sperando che nel frattempo il paese sia aperto,tu resterai qui,e ci separeremo?" Luca rispose che era possibile,e Marco ed Elisa erano un p˛ amareggiati da questo. Ma forse,si resero conto ad un certo punto,crescere era anche questo,rimanere amici nonostante la distanza li avrebbe divisi. O magari,sarebbero potuti restare anche loro in Svezia? ChissÓ. Il tempo pass˛,arriv˛ anche fine Maggio,e l'Italia nel frattempo aveva riaperto. Il contratto dei tre ragazzi finiva a metÓ Giugno,quindi anche il loro ritorno si stava avvicinando,Luca doveva prendere una decisione,cosa avrebbe fatto? Marco ed Elisa provarono a parlare con Lena,e nonostante le barriere linguistiche (Marco ed Elisa conoscevano un p˛ meno l'inglese rispetto a Luca) alla fine riuscirono a capirsi. Marco ed Elisa capirono che Lena teneva molto a Luca,e sembrava essere la donna giusta per lui. Allora i due si prepararono a separarsi dall'amico una volta arrivato metÓ Giugno,e non erano amareggiati,sapevano che era la cosa migliore per lui,anche se sicuramente l'amico gli sarebbe mancato,ma pazienza,andava bene comunque. Ma improvvisamente,Marco ricevette una proposta di lavoro in Spagna. Il titolare del locale,infatti,ne aveva anche uno in Spagna,e credeva che un italiano che giÓ sapesse come lavorare con lui sarebbe stato perfetto per lavorare li' in Spagna,e Marco rispose si' all'offerta. Mentre Elisa,nel frattempo,ricevette un messaggio da una sua ex,una ex della quale era ancora innamorata,che le chiedeva di dare una seconda chance alla loro relazione. "Facciamolo prima che il mondo chiuda un altra volta!" disse quella ragazza,che si chiamava Alessia,ed Elisa si trov˛ d'accordo con quelle parole. Decise quindi che sarebbe rientrata in Italia. Il trio quindi si sarebbe diviso! Ma i tre erano sicuri che sarebbero rimasti amici per sempre,e si sarebbero visti ogni volta che avrebbero potuto! E chissÓ,magari un giorno,neanche troppo lontano,sarebbero tornati a vivere di nuovo tutti e tre nella stessa cittÓ. Ma in ogni caso sarebbero rimasti amici per sempre.á
   
 
Leggi le 0 recensioni
Ricorda la storia  |       |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Generale / Vai alla pagina dell'autore: FrankyAce