Storie originali > Poesia
Ricorda la storia  |      
Autore: Baudelaire    21/11/2022    6 recensioni
Una poesia molto personale. Avevo una gatta, che è rimasta con me 17 anni. Mi ha lasciata a giugno.
Questi versi sono tutti per lei, ma non avrebbero raggiunto una tale magia senza il tocco inconfondibile di Bilbo, che ringrazio con tutto il cuore.
L'amore degli animali è unico, entra nel nostro cuore per non andarsene mai più.
Non ho mai pianto scrivendo una poesia a quattro mani. Stavolta è successo.
Grazie B.
Genere: Poesia | Stato: completa
Tipo di coppia: Nessuna
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A


Il gatto, Charles Baudelaire, 1857

Vieni, mio bel gatto, sul mio cuore innamorato;
ritira le unghie nelle zampe,
lasciami sprofondare nei tuoi occhi
in cui l’agata si mescola al metallo.
Quando le mie dita carezzano a piacere
la tua testa e il tuo dorso elastico e la mia mano
s’inebria del piacere di palpare il tuo corpo elettrizzato,
vedo in ispirito la mia donna.
Il suo sguardo, profondo e freddo come il tuo, amabile bestia,
taglia e fende simile a un dardo, e dai piedi alla testa
un’aria sottile, un temibile profumo
ondeggiano intorno al suo corpo bruno.







HJYpwu9.jpg

Pelosina, piccolina
Era lei, la mia micina
Così dolce, delicata
Silenziosa, molto amata.
 
Pelosina, una gattina,
se è tua amica è amica mia:
manda dài la sua fotina.
Come dici, è andata via?
 
In estate ci lasciò
Il mio cuore sprofondò
Mille lacrime così amare
Piu nessuno con cui giocare.
 
Ma che dici, sono mesto.
Chi permise un tal tormento?
Non capisco tutto questo,
il motivo dell'evento.
 
È un dolore che è rimasto
E non c'è più nessun posto
Dove possa dimenticare
E la mente riposare.
 
Non temere, amica cara,
dura solo poche ore
quello che la vita spara,
sia il dolore che l'amore.
 
Un amore incontrollato
Immenso, smisurato
Un amor per cui son grata
Che per anni mi ha appagata.
 
Solo tu Donna m'insegni
che un amore così grande
può sconfiggere i millenni
Senza limiti si espande.
 
Ora lei corre felice
È il cuor mio che me lo dice
Pelosina ora è una stella
Guarda, Bilbo, è la più bella!
 
Non lo so, gli occhi m'appanni:
quelle stelle son miliardi.
Sono troppi i nostri affanni
e non so come scacciarli.
 
Stringi forte, amico umano
La mia mano, il mondo è strano
Lei mi manca da morire
Vorrei smetter di soffrire.
 
Prendo tutto il tuo dolore
La tua mano è nella mia
Che rimanga solo amore,
Su scriviamo una poesia.
   
 
Leggi le 6 recensioni
Ricorda la storia  |       |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Poesia / Vai alla pagina dell'autore: Baudelaire