Storie originali > Introspettivo
Ricorda la storia  |      
Autore: Musical    26/01/2024    0 recensioni
Quando senti di poterti solo trascinare tra le vie della città, a volte un volto amico è tutto ciò che vorresti incontrare, che non ti faccia sentire invisibile, inadatta, sola.
~~~~~~~~~~~~~~~~
Un piccolo esperimento originale scritto di getto, senza pretese, cercando di non superare le 2500 battute.
Genere: Generale, Hurt/Comfort, Slice of life | Stato: completa
Tipo di coppia: Het
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A

Per le strade vagava, la pioggia le stava entrando dentro i vestiti ormai fradici, facendole avvertire ancora di più il freddo autunnale... L’acqua delle pozzanghere le bagnavano le ginocchia quando passavano le macchine, ma a lei non importava, con gli occhi vitrei, lucidi e fissi sul marciapiede. I passanti le passavano oltre, senza accorgersi di lei, le sembrava di essere un fantasma. Il corpo teso e il fiato corto le provocavano maggior fatica nello spostarsi.

Fermatasi al semaforo, si guardò intorno, ormai era la sola a non essere in macchina.

Attraversò, era pronta per proseguire, sentendo i clacson delle macchine alle sue spalle. Improvvisamente, il rumore della pioggia venne ovattato da un ombrello, lei voltò gli occhi e un sorriso che ben conosceva l’accolse.
“Vuoi un passaggio?”

D’impeto gli avvolse le braccia al collo, ringraziandolo per non averla trattata come un fantasma. Le lacrime questa volta si distinguevano dalle gocce di pioggia, ma il calore che avvertì in quell’abbraccio le riscaldò il cuore e il corpo infreddolito, facendole rilassare i muscoli ed esalare un sospiro.

Si sentiva di nuovo a casa.

   
 
Leggi le 0 recensioni
Ricorda la storia  |       |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Introspettivo / Vai alla pagina dell'autore: Musical