Recensioni di Relie Diadamat

Queste sono le ultime cinque recensioni che l'utente ha lasciato nella sezione nell'ambito del programma recensioni.


Recensione alla storia La voce dell'Inverno - 19/08/19, ore 20:14
Capitolo 12: A cavallo di un Drago
A ME QUESTO MAESTRO RONALD STA PROPRIO SULLE SCATOLE.

Oh! L'ho detto.

Ma io dico, questi due idioti finalmente si stanno baciando, hanno trovato questo coraggio immenso per avvicinarsi, conoscersi, assaggiarsi per la prima volta... e arriva questo qui.
MA CHE CAVOLO.

Spettro non ha nemmeno abbaiato, non si è nemmeno messo a giocare con la coda. Nessuno al mondo li stava disturbando, se non il nostro adoratissimo - quanto una zanzara immortale - Maestro Ronald.

Però va bene lo stesso. Mi sta bene che non sia già crepato: sono sicurissima che lui sia il bad guy della situazione - o almeno uno dei tanti - e ogni storia ha bisogno di un cattivo. E, ahimè, questa long è bellissima e affascinante anche per questo.
Anche """"""""""""grazie""""""""""" a lui.

Ma torniamo a noi e lasciamo quell'antipatico al suo triste destino. (Perché creperà male, vero? :D)

Sansa e Jon vogliono l'una la sicurezza dell'altro. Sansa vuole che Jon sia al sicuro, che non corra nessun tipo di rischio, anche se questo vuol dire non rivederlo più. Jon, invece, preferirebbe rischiare la propria vita pur di sapere salva quella di Sansa.

Sansa si fida di Brienne, sa che non le torcerebbe un capello. Ma non sa se riserverebbe lo stesso trattamento anche a Jon. Lo stesso vale anche per questo Davos.

Jon, come sempre, si dimostra il solito good guy. Quello che si fida degli altri - e non dovrebbe, come gli ricorda Sansa -, quello che bacia la donna che ama e rischia d'inciampare quando viene colto in flagrante.
Questa storia ti sta facendo apprezzare il personaggio di Jon più di quanto mi sarei mai aspettata xD
Non che prima non lo apprezzassi, ma non c'ho mai visto tutta questa "bellezza". Insomma, non è mai stato il mio favorite.

Tu lo sai muovere benissimo, e con una dolcezza...
Sansa invece è perfetta.
Lei è un personaggio che sai muovere come se fosse tuo; è sempre lei, qualsiasi cosa tu le faccia dire o fare.

Ma, come dicevo, c'è stato il bacio finalmente!
Quindi adesso non possono più tornare indietro. Adesso SANNO. Hanno varcato una linea, hanno commesso "l'errore".

E io ho paura che da adesso si complichi tutto.
Troppa paura.


Un capitolo breve, purtroppo, ma scritto benissimo - come sempre!
Ho amato determinate espressioni che hai usato, ho amato le sensazioni che Sansa ha provato nel bacio, nel pronunciare il nome di Jon...

E adesso sono anche finiti tutti i capitoli online.
NO.
Da un lato sono felice di essere in pari con la long, ma dall'altra... TI PREGO AGGIORNA PRESTO.
Recensione alla storia La voce dell'Inverno - 18/08/19, ore 13:24
Capitolo 11: Sono qui per te
Ciao!
Mi era mancata questa storia, ma sapere che i capitolo online sono quasi terminati mi dispiace troppo. Vorrei averne ancora altri cento a disposizione.

A ME QUESTO MAESTRO RONALD NON PIACE.
E non mi convince per niente.
Ti dirò, all'inizio pensavo che stesse avvelenando Sansa - e che fosse questa la causa del suo indebolimento -, ma poi mi son detta che se davvero lui è uno dei bad guys non farebbe mai una cosa simile: si scaverebbe la fossa da solo, visto che tutti i sospetti ricadrebbero su di lui e non sulla ferita. O forse no?
Comunque, è palese che lui c'entri qualcosa: non solo perché camuffa il farla restare a letto, lontano da decisioni e altro, con "ordini del medico", ma anche perché le guardie sembrano dare più conto a lui che ad altri.
Quelle stesse nuove guardie di cui né Sansa e né Jon si fidano.

Questa situazione mi incuriosisce tantissimo, anche se mi rende nervosa: non deve succedere nulla ai miei poveri Sansa e Jon. Ne hanno già passate di ogni e continuano a patire le pene dell'inferno.
Meritano un po' di gioia e Sansa merita di avere l'uomo che ama al suo fianco.
QUINDI BASTA CON QUESTI FRAINTENDIMENTI.

Sansa e Jon mi faranno diventare matta. Si vogliono, si desiderano... ma soprattutto si amano: in modo gentile, profondo e incondizionato. C'è della tenerezza nel loro rapporto che non ho MAI riscontrato in nessun'altra ship con Sansa.
Sansa e Jon si amano innocentemente, senza rancore e senza accuse.
Sono solo due persone che si amano e che vogliono proteggersi, ma che purtroppo sono legate dalla propria famiglia.
CHISSENE.

Quando Jon pensa di essere respinto da Sansa, quando lei gli dice chiaramente che dovrebbe andare - sempre per proteggerlo - mi si è spezzato il cuore. Esattamente come a Jon.
Ho provato tutto ciò che ha provato lui: vergogna, umiliazione e forse anche un bel coltello nel petto.

Per Jon quelle parole sono una doccia gelata. Come quando ha visto Olly – e gli altri confratelli – piantargli un pugnale nel cuore. Come quando Daenerys ha nominato Grande Inverno e Tyrion e Arya hanno tirato in ballo Sansa. Come aver tenuto tra le braccia il corpo senza vita di Ygritte. O sapere che suo padre, Ned Stark, era morto ad Approdo del Re. E Robb… E Rickon. O scoprire che Grande Inverno era caduta per mano degli uomini di ferro.
Sansa non lo vuole a Grande Inverno. Sansa non lo vuole nella sua stanza. Accanto al suo letto. Al suo fianco.
Jon fa un passo indietro, poi un altro. Si sente come stordito.


Ho semplicemente AMATO questo pezzo.
Troppo.


Vado e ritroso e parlo di Sansa e Spettro.
Le loro interazioni sono dolcissime. Spettro che è lì al suo fianco a difenderla, a mangiare il suo cibo xD
L'ho adorato.


Poi ancora Jon.
Jon che - come dice Sansa - è quello buono. Jon che nonostante Bran ormai abbia perso del tutto la sua umanità crede ancora in lui. Si fida, pensa ancora che non lo tradirebbe.
Jon che è sempre pronto a dire la cosa giusta al momento giusto, per non versare altro sangue. Ma adesso nessuno lo ascolta più, se non una tra tutte quelle guardie.

E finalmente Brienne torna a Grande Inverno! E come l'ha chiamata Tormund? La donna grossa... Ok. Non so se sia un nomignolo canon, ma mi ha fatto troppo ridere. Non so, non badare a me. xD

E dunque torno da Jon e Sansa.
Al fatto che lei non aspetti altro che restare sola con lui. Al fatto che Jon sembra una mamma preoccupata per la sua bimba perché "non mangia".
L'ho già detto che sono di una dolcezza incredibile?


Insomma, anche questo capitolo mi è piaciuto tantissimo.
Vorrei sapere tutto e subito e allo stesso tempo voglio godermi man mano questa storia, scoprendo i loschi piani di Maestro Ronald e di chiunque lo stia aiutando.
Sì, non smetterò mai di dubitare di lui.
Manco se dovesse rivelarsi innocente.
Manco se muore da eroe nel prossimo episodio.
Manco se mi pagano. OH.

Scleri a parte, ci tengo a dirti come sempre che mi hai trasportata in questo mondo così lontano grazie alla tua scrittura, al tuo stile. Sembra davvero di guardare una puntata della serie.
Sai che sono una grandissima sostenitrice delle AU, ma credo che questa sia la storia che più sto amando tra tutte quelle che hai scritto nel fandom di GoT.

Detto questo mi eclisso, lasciandoti la consueta bandierina verde.
Recensione alla storia Quare iam te cur amplius excrucies? - 14/08/19, ore 15:35
Capitolo 1: Da mi basia mille
Ciao!
Questa minilong mi aveva incuriosito non solo dal titolo o dalla coppia, ma anche per l'introduzione.
Non sono un'esperta di GoT (ho visto poche puntate della prima stagione), ma avendo amiche che editano video su youtube e che amano la serie, ho sviluppato delle piccole preferenze.
Avevo già letto di questi due personaggi e nella tua storia ho ritrovato la stessa chimica avvertita in precedenza.

La storia è chiaramente la punto di vista di Sandor; il Mastino che trova rifugio nell'alcool. L'uomo che si prende ciò che desidera senza chiedere.
L'uomo che - per sua sfortuna - s'innamora di un uccellino.

Ho sentito la disperazione di Sandor nel sentirsi così dipendente da quegli occhi azzurri e quelle trecce ramate; l'urgenza di averla e allo stesso tempo la consapevolezza che - per una ragione o per un'altra - Sansa è diversa dalle altre.

Non è una prostituta con cui passare del tempo; non è un oggetto di cui può sbarazzarsi quando non gli serve più.
Una parte di lui tiene troppo a Sansa.
Forse tiene più a lei che a se stesso.

Gli è entrata nella testa. Non se ne va più.

Ho amato il modo in cui l'ha cacciata via, conscio di essersi spinto oltre senza varcare nessuna soglia: il Mastino non l'ha posseduta, nonostante ne avesse avuto l'occasione. Non l'ha divorata, come avrebbe divorato chiunque altro.
Sansa, la sua piccola Sansa... Non poteva comportarsi così con lei. Ma allo stesso tempo non può permettersi di far avvicinare qualcuno in quel modo. Dunque la manda via, ferendola.

Ma ormai l'ha baciata e nessun'altra regge il confronto.

Ho adorato la "rudezza" del testo, perché credo rispecchi perfettamente l'ottica di Sandor. Il suo essere brusco, scostante, rude.
Credo sia il suo meccanismo di difesa, un modo per tenere gli altri lontani e per non scottarsi. Dopotutto, l'hanno sempre trattato come un "mastino".
Credo tu abbia fatto davvero un ottimo lavoro da questo punto di vista - ma anche in generale, per quanto mi riguarda.
Sembrava proprio di essere nella testa di Sandor, di pensare con le sue parole annebbiate dal vino.

L'ultima parte, quando Sandor ritrova Sansa in lacrime e sporca di sangue con un pugnale tra le mani... è stata... non so nemmeno definirla. Quasi una visione onirica.
Quando non riesci più a distinguere la realtà dal sogno.
Non so, mi ha dato quest'impressione.

In genere non prediligo testi prettamente introspettivi, ma questo mi è piaciuto. Era perfetto così com'era.
E sono curiosa di sapere cosa c'è in questa seconda parte.


Ho apprezzato anche lo stile, a tratti poetico. Le frasi erano sempre della giusta lunghezza: non mi hanno mai stancato né lasciato a bocca asciutta. Erano giuste.

Cos'altro dirti? Una bandierina verde più che meritata!
Recensione alla storia La voce dell'Inverno - 11/08/19, ore 15:30
Capitolo 10: Corvi
Guess who's back lol

I capitoli stanno finendo e io comincio a sentire sempre di più la mancanza dell'inverno, del freddo polare e delle felpe. GoT non aiuta a sopportare tutto questo caldo, ma la tua storia la leggerei anche se si superassero i quaranta gradi, sappilo.

Bando alle ciance e passiamo alla storia.

Brienne... poverina. Già dal capitolo in cui avevi introdotto il suo personaggio si respirava l'assenza di Jamie, il suo fantasma... ma qui il tutto è ancora più accentuato.
Brienne non potrà mai riavere indietro l'uomo che ama e quei posti... sono pieni di ricordi.

I momenti più belli della sua vita li ha trascorsi con lui. Solo lui aveva il potere di spezzarle il cuore – ha fatto crack quando ha sellato il cavallo ed è andato via – e solo lui ora potrebbe rimetterne insieme i pezzi.
Ma alla morte non c’è rimedio.


Questo pezzo mi ha colpito come un treno in corsa.
Credo sia orribile l'idea di una Brienne lontana da Jamie, è ingiusto e terribile. Meritavano di meglio, meritavano di stare insieme.
E invece adesso tutto ciò che le resta sono i ricordi... Lo senti il mio cuoricino che si spezza in mille pezzettini?

Inoltre, devo informarmi meglio su Davos perché proprio non ricordo chi sia xD
Scusami!
Ma reputo interessante quello scambio di battute tra lui e Brienne. Non so effettivamente quale sia la posizione di uno rispetto all'altra, ma è chiaro che Brienne non nutra una grandissima fiducia in Davos. O almeno, così credo.
Ti prego, correggimi se sbaglio, non voglio dire cretinate.
Resta il fatto che Brienne sta tornando a Grande Inverno e presto lei e Sansa si rivedranno e io proprio non vedo l'ora di leggere di loro due!


Cambio scena.
Ho sorriso soddisfatta anche io insieme a Jon quando il Maestro, obbligato da un ovvio lasciapassare della regina, è costretto a far entrare i Bruti.
A me quel tipo proprio non piace. Non mi convince, mi puzza di bruciato. Ho le stesse sensazioni di Jon: non mi fido di nessuno ed è ovvio che chi vuole Sansa morta sia ancora lì.
Ma come accusare qualcuno senza prove concrete? Non puoi, è quella la fregatura.

Nota positiva e colorata: Spettro!
Ho adorato il modo in cui lo hai inserito nella storia, come hai descritto le interazioni tra lui e Jon, e poi anche con Sansa.
Come la neve e gli storici, anche gli animali sono nati per essere mossi dalla tua penna. Si vede che li ami e che li conosci bene.

Sai che la morte di Lady è stata una delle principali ragioni del mio allontanamento da GoT, quindi GRAZIE per aver ritagliato questo spazio di storia a Spettro - che poverino, ha un orecchio mancante.
Nessuno viene risparmiato in questa serie tv xD

Jon confida i suoi dubbi a Tormund e poi si dirige nelle stanze della regina per portarle Spettro.
Ho adorata la reazione di Sansa e ho di nuovo rosicato malissimo per il comportamento di Jon.
Ormai è palese che provi qualcosa per lei, è palese che vorrebbe toccarla - e non come una semplice sorella -, ma sa che non può. Sa che deve nascondere questi sentimenti a tutti, soprattutto a lei. Quindi la lascia sola con Spettro, chiedendo al metalupo di proteggerla per lui.
Awww, mi sono sciolta!


Poi entra in scena Arya L'Esploratrice!!
Finalmente!!!
Non ho la più pallida idea di cosa stia facendo, ma il corvo giunge da lei portandole un messaggio - il messaggio sull'attentato di Sansa, presumo - e lei sa di dover tornare indietro.
Dunque, il momento si sta avvicinando. Presto tutti questi personaggi si rincontreranno. E io onestamente non vedo l'ora!

Bella l'idea del titolo del capitolo che richiama non solo il corvo mandato ad Arya, ma anche Jon "piccolo corvo".

Il tutto si fa sempre più interessante!


Per quanto riguarda il testo, ovviamente non ho trovato neanche un errore - e mi sento quasi scema a ripetermi ogni volta xD
Sai come far immergere un lettore in un nuovo mondo e sai come attirare l'attenzione dei fan del fandom.
Bravissima!

Anche questa volta, ho apprezzato particolarmente l'impaginazione. Sempre sobria, elegante e ordinata. I miei occhi ti ringraziano.

Detto questo, mi eclisso.
Recensione alla storia La voce dell'Inverno - 10/08/19, ore 15:01
Capitolo 9: Non sono la tua Regina
Ciao!
Eccomi di nuovo qui, a scriverti una nuova sconclusionata recensione, ahahah.

In questo capitolo i personaggi sembravano proprio camminare sul ghiaccio, anzi su un lago ghiacciato. Ogni parola, ogni frase e ogni gesto era una crepa in più.

Sansa sa, e sa che Jon sa.
Entrambi sanno di volersi ed entrambi sanno che è sbagliato. Jon tra tutti - che non preferisce assolutamente Dany alla sua Lupa! (shipping war time) -, pensando a cosa ne direbbe la gente. Pensando sempre a fare la cosa giusta. Ma come si distinguono le cose giuste e quelle sbagliate quando si tratta di sentimenti e dovere?
Amare qualcuno potrebbe sul serio essere un errore? Forse, ma se quel qualcuno ti ama a sua volta...

E anche in questo capitolo, invio un abbraccio virtuale alla mia povera Sansa perché ne merita cento alla volta. Ma POVERA!
Daenerys ormai è morta e sepolta ma continua ad essere un ostacolo, per Sansa.
Continua a esserne gelosa, a sentire il peso del confronto; continua a pensare che Jon abbia una sola regina nel cuore.

Jon che evita il suo sguardo, che preferisce ammirare quella bella porta di legno manco fosse Monica Bellucci invece di sostenere lo sguardo di Sansa... aaaaaa. MA WHY. DUE ZUCCONI.
Io urlerò come una pazza nel momento in cui - FINALMENTE - si baceranno. Perché ci sarà un bacio, vero?

Sansa vorrebbe solo averlo accanto, sentirsi meno sola e confortata col calore della sua presenza. Jon pensa a fare la cosa giusta e a non lasciarsi trasportare dai sentimenti. JON E ANDIAMO!!!

Passiamo alla seconda parte della storia, dove compare di nuovo il nostro - neanche lontanamente - amato Maestro. Non so se tu l'abbia reso così ostile per sviare i sospetti al lettore o se effettivamente questo sia un pezzo di *beeeep*
Sta di fatto che non lo sopporto. Il Maestro è sempre pronto a contrastare Jon, a mettere in dubbio ogni sua parola. E per il momento è una delle persone più vicine alla regina. Da non dimenticarlo.

I Bruti sono al cancello. Sono alleati di Jon, lui stesso sta garantendo per loro... ma quel cretino niente oh.

Bellissimo il discorso di Jon. Quella sembrava proprio una scena di GoT, e sono sicurissima che in una situazione simile Jon Snow avrebbe agito così. *Si finge esperta di GoT avendo visto pochissime puntate*


E adesso passiamo alla parte "tecnica".
Come sempre, il capitolo scivola via come l'olio. La lettura è più che scorrevole e ti incanta. Riesci ogni volta a trasportarmi in un mondo lontano, freddo e bianco.
Grazie.

L'impaginazione è curata, ordinata e una gioia per gli occhi. Grazie anche per questo xD

Volevo soltanto segnalarti una svista:
“Grande Inverno è tua, Altezza.”

Quanto ai video... Ricordo di aver visto quello su Jon e Sansa e di averlo adorato! Hai avuto proprio una bella idea nel postarli ad ogni capitolo.

Detto questo... mi eclisso.
I capitoli online stanno terminando e me ne mancano solo tre, aiuto.