Recensioni per
Contro ogni ragionevole previsione
di crazyfred

Questa storia ha ottenuto 161 recensioni.
Positive : 161
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
Recensore Master
09/01/22, ore 08:35
Cap. 19:

Ciao!
Finalmente ritorno da Maya e Alex! E qui le cose si fanno sempre più interessanti! Ahahah, mi sto trasformando in Alice, non vedo l'ora che succeda ... Quello che "deve" succedere tra quei due! 😂
E poi ci si mette pure l'allarme antincendio a creare situazioni che continuino ad avvicinare Maya e Alex!
La parte con Giulia è molto carina, mi ha fatto ridere quando la bambina racconta del fidanzatino... Che schifo i bacini! No, no, stiamo scherzando? 😂 Basta tenersi la mano e prestarsi le tempere! Peccato che tra adulti non sia così semplice, Maya ha proprio ragione.
Nonostante però le sue riflessioni e il fatto che ritenga di aver fatto la scelta giusta nel mettere distanza tra lei e Alex, quando nasce un sentimento serio tra due persone, alla fine non c'è nulla da fare, questo viene percepito. E il ritorno in macchina che sa così tanto di "famiglia", potrebbe essere un assaggio di come cambiare ancora la sua vita. Maya in fondo è cresciuta tanto negli ultimi tempi, ha sistemato molte cose della sua vita sia a livello personale che economico e forse ora è pronta a prendersi anche altre responsabilità ancora più impegnative. E anche Alex, da parte sua, ha capito di aver fatto degli errori con la sua famiglia che non credo ripeterebbe con Maya. A partire dal fatto che sicuramente sarebbe una compagna sicuramente più compatibile di Claudia che sicuramente è una donna bella e in gamba, ma che forse Alex ha scelto, più o meno consapevolmente, perché rappresentava la giusta compagna per l'uomo di successo che era diventato, più che per "Alex".
Claudia intanto si è data una mossa anche lei, chissà magari questa separazione alla fine porterà benefici a tutti!
A presto ♥️
AlbAM

Recensore Master
29/11/21, ore 10:16
Cap. 19:

Ciao crazyfred. Ho ben immaginato Alice nel suo modo di fare. Povera Maya. Quando ho letto Albelli ho sorriso e alla fine Maya ha parlato. Quando Alice ha detto "è solo questione di tempo "ho pensato anch'io che è proprio così. La scena che mi è piaciuta di più in questo capitolo è stata quella dove era presente la bambina, nel suo interagire con Maya. Ho letto con interesse il tutto, dove quel disegno è davvero significativo. Come non notare Maya al posto della madre. E poi quella risposta della bambina riguardo il ridere. Quello che sconvolge Maya, come scritto nel finale, è il fatto di provare un sentimento e sta avendo un'evoluzione nel suo essere. Nelle note scrivi che questo è uno dei tuoi capitoli preferiti ed è piaciuto molto anche a me, in modo particolare la caratterizzazione di Giulia. Al prossimo capitolo. Un caro saluto.
(Recensione modificata il 29/11/2021 - 10:19 am)

Recensore Master
29/11/21, ore 01:00
Cap. 19:

Ciao CrazyFred, tu hai pubblicato con 24h di anticipo e io sono tremendamente in ritardo di quasi 3 giorni nel leggere e recensire. Purtroppo questa settimana sono stata assorbita da un impegno imprescindibile, e tutte le mie autrici preferite hanno aggiornato nell'unica settimana in cui non potevo leggere 😂😂 ho storie arrretrate a valanga (il che non è affatto male perché ne avrò di storie per rilassarmi).
Non vedevo l'ora di leggere questo capitolo perché il sesto senso mi diceva che sarebbe stato un capitolo a bomba. Ed, infatti, lo è stato, e non poco.
Voglio dirti che, prima di tutto, è stato un capitolo molto fresco e leggero. Alice è un personaggio veramente singolare: sembra una bambina, dall'anima fanciullesco e un po' nerd; più che una collega sembra una fan degli "Albelli" come li ha shippati lei. Maya ha un potere strano: più tratta la gente a pezza da piedi, più gli altri la venerano e le vogliono bene. Credo che Alice le voglia sinceramente bene: entrambe, ciascuna per il proprio motivo, sono le outsider dell'ufficio; e questo probabilmente ha fatto sì che Alice idealizzasse Maya, la sola con cui ha un qualche rapporto in quella redazione di iene e squali. Ed, alla fine, benché non siano propriamente amiche, Maya le ha confidato - e chi non lo avrebbe fatto con un terzo grado in piena regola - del bacio con Alex. Alice ha centrato il punto: Maya potrà dire quello che vuole e negare ciò che prova all'infinito, ma quel bacio lo ha voluto lui, tanto quanto lo abbia voluto lei. La razionalità e la paura sono venuti dopo; ma quel ricordo del bacio è sempre lì, vivido dentro di lei, pronta a riemergere con il sorriso ogni volta che le sovviene. E Alice ha ragione quando dice che quei due hanno bisogno di una spintarella. Ho un po' la sensazione che Alice sia la tua nemesi: una sorta di deus ex machina che compare nella storia per creare situazioni, in modo da far avvicinare questi due testoni.
Che, se dobbiamo dirla tutta, quella che ha bisogno di una vera spinta è Maya. Alex, a suo modo, è carico a pallettoni. Lui si sarebbe lanciato di brutto, e senza alcun paracadute; del resto, appena ha avuto la sua occasione, ha creato una situazione per avvicinarsi di nuovo a Maya. Portarla da casa a lavoro e viceversa ogni giorno è una tentazione continua: il profumo di lei è inebriante, e restare concentrarti alla guida quando hai quelle gambe così vicine è per Alex una continua fonte di agitazione. Ad Alex non importa niente nemmeno delle chiacchiere di redazione che, come immaginavo, sarebbero piovute a valanga: il grande capo e la sua assistente che arrivano e vanno via insieme ha dato alla redazione materiale per spettegolare. Ad Alex questa situazione sembra non importare poi molto, altrimenti non avrebbe proposto questa soluzione, pur di stare con Maya in quella intimità e complicità solo loro, passa oltre anche a queste situazioni. E mi ha stupita anche Maya: persino lei è passata sopra alle malelingue (di cui, invece, prima tanto le sarebbe importato), poteva rifiutare di andare a lavoro con Alex, ma credo che, in cuor suo, anche Maya desiderasse e volesse quei momenti.
Del resto, ogni vera barriera tra Alex e Maya è venuta meno. Prima il galà, poi il bacio, poi il tempo trascorso con la sua bambina; in ultimo, l'ingresso di Maya nello studio di Alex, lo stare seduta alla scrivania di lui, ad usare il suo pc, con la sua bambina che domenica pacificamente sul divano e poi disegnava. Praticamente, anche l'ultima sottile linea che demarcava il confine tra i loro ruoli e stati abbattuto: può sembrare un dato di poco conto, ma sul piano simbolico significa tantissimo; è un pieno ingresso di Maya nella totalità di quello che è Alex, non solo come uomo, ma anche come capo.
Giulia è una bambina meravigliosa. Sveglia come poche e dolcissima, ma al contempo sembra avere le idee più chiare di tanti degli adulti che affollano questa storia.
Quando è con quella bambina Maya si trasforma totalmente. Se ripenso a lei, come era all'inzio, non la riconosco nella donna che è ora, così premurosa ed affettuosa. Maya sta recuperando la sua dimensione: il lavoro è stabile, ha una nuova casa e sta rimettendo la sua vita, circondandosi di amicizie più vere e sincere.
Però, dentro qualcosa non va. E, probabilmente, Giulia le ha dato senza volerlo le ha dato la chiave di lettura. In quel disegno che la bambina ha fatto c'è lo specchio della situazione che tutti loro stanno vivendo: Alex sorride insieme a Maya, ed è così e basta. Semplice, normale, niente che meriti di essere discusso o contestato; è un dato di fatto, un qualcosa di oggettivo ed è sotto gli occhi di tutti quanti. Ed è, soprattutto, visto con gli occhi di una bambina: gli occhi più limpidi e sinceri del mondo, occhi che non giudicano ma prendono atto di quello che accade e lo accettano. Semplicemente, Giulia ha visto che insieme la sua mamma ed il suo papà non sorridono più, e che invece quando il suo papà è con Maya è semplicemente felice, ed a lei va bene così.
D'altro canto, però, Giulia ha anche dato a Maya un ulteriore motivo per essere così restia a quella storia con Alex. Alessandro e Claudia hanno dato il via a quella loro guerra personale, ad una separazione non facile ed arrivata all'improvviso; e quella situazione ha coinvolto due persone innocenti, che nulla hanno potuto fare per impedirlo, ma lo hanno solo subito. Buttarsi a capofitto in una storia con un uomo che ha dietro di sé un peso come quello è per Maya estremamente pericoloso; se qualcosa non dovesse andare bene, le sue scelte finirebbero per ricadere non solo su di lei ed Alex, ma anche, inevitabilmente, sui figli di lui.
È in atto una guerra tra testa e cuore, che sta dilaniando Maya. Io onestamente non so quanto Maya riuscirà a tenere ferma questa sua razionalità. Tutte le motivazioni per cui dovrebbe fuggire a gambe levate io le condivino in pieno. Ma, al tempo stesso, so anche che quando il cuore parte, la testa non può fare più nulla. E Maya io la vedo partita. La parte finale è quella che rispecchia pienamente cosa sta realmente accadendo nel cuore di questa ragazza. In quella macchina con Alex e la bambina seduta dietro, a conversare amabilmente, di ritorno da una cioccolata presa al bar, e da un pomeriggio con quella bambina, Maya si sente dentro il quadro di una apparente normalità quotidiana, che le è così estranea, ma al contempo le piace molto. Maya sente cosa le sta succedendo: sta provando una sentimento, per altro anche facilmente riconoscibile, per quell'uomo e questo se da un lato le fa venire voglia di lanciarsi a tutto spiano, dall'altro la spaventa così tanto che vorrebbe fuggire via.
Che dirti, si vede che questo è uno dei tuoi capitoli preferiti, perché lo hai scritto proprio con affetto e meraviglia. Mi è piaciuto dall'inizio alla fine (anche se il mio preferito, per ora, resta quello di Maya a casa di Alex durante le feste di Natale; questo capitolo viene subito dopo però, anche se solo per ora perché credo che il meglio stia per arrivare).
Non vedo l'ora che arrivi il seguito, aspetto con trepidante attesa. Al prossimo appuntamento 😘