Storie originali > Noir
Segui la storia  |       
Autore: lmpaoli94    13/12/2020    1 recensioni
Liam Park, investigatore privato innamorata di una donna da quasi dieci anni.
Sally, giovane bellissima donna di quasi trent’anni con uno scopo vendicativo nella sua contorta mente.
Rose Whitaker, una misteriosa ragazza di appena diciotto anni che ha bisogno di un aiuto insperato per non andare incontro alla morte.
Un triangolo molto particolare dove i pregiudizi non saranno messi all’oscuro, mentre loro futuro sarà messo a dura prova da fatti collegati tra loro.
Ma chi tra i tre soffrirà di più? E soprattutto, ci scapperà il morto?
Situazioni compromettenti dove il giovane detective scoprirà una macabra verità.
Genere: Drammatico, Suspence, Thriller | Stato: completa
Tipo di coppia: Het
Note: nessuna | Avvertimenti: Triangolo
Capitoli:
 <<  
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
Ritornando nel suo appartamento mentre la pioggia l’aveva completamente bagnato dappertutto, la distruzione dello stato d’animo avevano preso il sopravvento su Liam.
Aveva rotto una relazione che si basava su principi fondamentali e la sua donna non l’avrebbe mai perdonato.
< Liam… >
< Vattene via da qui, Rose. Io e te abbiamo già fatto fin troppi danni > rispose l’uomo senza mezze misure.
< Liam, so che puoi sentirti a terra dopo che la tua fidanzata ha scoperto tutto questo, ma se ne dovrà fare una ragione. >
< No! abbiamo sbagliato noi due! Io non dovevo… non potevo… >
Mentre le parole gli si rompevano in bocca, Liam non riusciva più a sopportare tutto questo.
< Rose, io e te non ci conosciamo affatto. Tu potresti essere una criminale, mentre io… >
< Cosa? credi ancora che io sia la principale sospettata? >
< Per ora sei la prima e l’unica sospettata, di conseguenza sei la principale. Non ho intenzione di controllare le persone che lavoravano con il tuo ex marito perché credo che non ce ne sarà bisogno. >
< Puoi spiegarti meglio? >
< Adesso no. Perché devo avere ancora le prove necessarie… Quindi ti consiglio di andartene via subito. >
Contrariata dal volere di Liam, Rose non accettava di venire usata in quel modo.
< Prima mi scopi con piacere, mentre ora mi getti via come un panno usato. Ma non ti vergogni? >
< Forse sì. Ma questo sono io… E’ stato bello finché è durato, ma adesso è finito. Io e te non potremmo mai stare insieme. Nemmeno se volessimo. >
< Sei un fottutissimo bastardo! >
Gridando a squarciagola per far valere la sua presenza, Rose non accettava di essere scaricata in quel modo.
< Adesso che cosa vuoi fare? Vuoi uccidermi come hai fatto con il tuo ex marito? >
< Smettila! Stai solo dicendo delle sciocchezze! Io non avrei mai potuto farlo! >
< Davvero? Nemmeno quando l’hai scoperto a tradire? >
Mentre lo sguardo di Rose si era perso nel vuoto, il racconto di Liam fu molto dettagliato e soddisfacente.
< Mercoledì 2 gennaio, ore 18:30.
Dopo che tu e Tom avete passato un bellissimo ultimo dell’anno e il successivo giorno, una brutale litigata rischia di minare i vostri rapporti per sempre.
Lui ti vedeva come la donna di casa, mentre tu volevi essere libera lontano da tutti.
Ma in verità, era il tuo ex marito che voleva sentirsi libero. E in che modo? Andando a letto con donne diverse.
Adesso dimmi, Rose: sai con quante donne tuo marito è andato a letto? >
< Ha fatto sesso solo con me! >
< Eppure i giornalisti non erano dello stesso avviso… Si da’ il caso che io abbia riscontrato delle somiglianze molto vaghe nel viso del tuo ex marito: un uomo bello, ombroso e molto seducente… Nonché mio grande amico. >
< Ma che diavolo stai dicendo? >
< Ero là anch’io quando l’hai colto sul fatto mentre stava scopando con una brunetta.
Lui mi aveva trascinato in una vita che non mi apparteneva, ma evitando tutte le sue insistenze, ho deciso di acconsentire alla sua follia.
Sia chiaro che io non ho mai fatto sesso con una puttana, essendomi limitato a rimanere nel locale a sorseggiare qualche cocktail e a parlare con il barista.
Ma non siamo qui per parlare di questo… Tu hai sorpreso tuo marito e non hai fatto niente per coglierlo sul fatto.
Stavi soffrendo come non mai e il tuo pianto si era riversato nelle mie orecchie in maniera disperata.
Ma fu in quel momento che avevo capito che la tua vendetta aveva preso il sopravvento.
Non so cos’hai fatto dopo aver beccato tuo marito, ma per molte settimane (matrimonio compreso), hai fatto finta che non fosse successo niente.
Fino a quando non hai sputato tutto il veleno contro di lui, inveendo come una dannata.
L’hai strangolato con tutta la forza che avevi in corpo e l’hai appeso al ventilatore sul soffitto della cucina facendo pensare ai poliziotti che era stato un incidente.
Per non dimenticare di come l’hai corrotti: un’ottima mossa.
Avevi tutto da perdere… Ma adesso c’è un punto che non comprendo: perché hai deciso di assoldare me come detective per arrivare in fondo a questa storia? Solo perché hai sentito parlare di me? O volevi distruggere la mia relazione? Avanti, adesso non è più il momento di nasconderci. >
Nascondendo agli occhi di Liam un sorrisetto malefico, Rose non poté che fare i complimenti al giovane uomo.
< Sei sicuro di voler sapere ancora la verità? >
< Che cosa vuoi da me? >
< IO? Niente in particolare… Sono solo una povera vedova che ha bisogno di riscoprire il piacere della vita. E tu sapevi bene come aiutarmi. >
Ancora una volta, Rose si avvicinò a lui con sguardo fuorviante e seducente.
< Stavolta sarà diverso, Liam. Saremo definitivamente soli. >
Mentre la giovane donna continuava ad abusare del detective, improvvisamente tirò fuori dal suo vestito un coltello affilato che per poco ferì mortalmente il detective.
< Perché adesso scappi da me? È ora che inizia il divertimento, Liam. >
< Tu sei solo una povera pazza. Vattene via da qui! >
< Perché dovrei farlo? non vuoi conoscere la mente di tutto questo? Magari posso chiamarla dinanzi a te… >
< Di cosa stai parlando? >
Componendo un numero sconosciuto, appena Liam sentì la voce dall’altra parte del telefono, rimase visibilmente sbigottito.
< Rose? Perché mi stai chiamando? Ti avevo detto… >
< Liam sa tutto. Vieni subito a casa tua. Dobbiamo concludere il giorno del tuo anniversario con il botto. Ti aspettiamo, amore. >
Liam, fissando Rose con lo sguardo perso nel vuoto, non sapeva più come comportarsi.
< Che cosa significa tutto questo? >
< Significa che Sally non è mai stata innamorata di te. Voleva solo vendicarsi… In tutto questo tempo ti ha preso in giro e tu non ti sei accorto di niente. >
< Io… non capisco… >
< E’ successo tutto dieci anni fa’ > cominciò a raccontare Rose < Tu e lei stavate uscendo da pochi giorni.
Era tutto magnifico e voi vi stavate iniziando a conoscere.
Una bella sera, mentre stavate passeggiando sul parco, tu e Sally vi siete fermati su una panchina a baciarvi appassionatamente.
Ma improvvisamente qualcosa ha interrotto il vostro amore.
Inizialmente credevate che fosse un volgare ladro intanto a rubare la borsa della sua amata… Peccato che fosse il suo ex ragazzo di cui era ancora segretamente innamorata.
Però quella sera qualcosa andò storto e tu lhai ucciso con la sua stessa arma… Non è forse così, Liam Park? >
< E tu come diavolo sai di questa storia? >
< Sono stata io a raccontarglielo > rispose Sally irrompendo nell’appartamento puntandogli addosso la pistola < Rose, che cosa volevi dimostrare con questo? >
< Liam ha scoperto tutto. Dovevamo entrare in azione. >
< Non avrei mai creduto di avere un fidanzato davvero intelligente… Allora Liam, pensavi davvero che dopo quel fatto io ti avessi perdonato? Ho fatto finta per tutto questo tempo. Oltre che a tradirti in maniera indegna, proprio come oseresti dire tu. >
< Quindi tu e lei… >
< Vuoi forse una dimostrazione? > domandò Rose < Eccola. >
Prendendo dolcemente il viso di Sally, Rose cominciò a baciarla con passione sotto lo sguardo atterrito di Liam.
La sua rabbia stava per avere il sopravvento, mentre doveva fare di tutto per guardarsi dalla pericolosità di quelle donne.
< Adoro sentire la tua lingua dentro la mia tesoro > rispose Rose con tono seducente < Mi sei mancata tantissimo. Ora così non potremmo più nasconderci da nessuno. >
< Sì… Ma prima che ne dici di far fuori il nostro uomo in comune? >
< Certo, Sally. Non ci devono essere testimoni. In nessun caso. >
Mentre Rose si avvicinava a Liam con lo sguardo assetato di sangue, lo minacciò dicendogli che gli avrebbe tagliato il suo pene con tanta delicatezza che non avrebbe mai sofferto.
Ma grazie ai riflessi pronti e alla fortuna dell’uomo, Liam tirò fuori dalla scrivania una pistola che nemmeno Sally sapeva che potesse possedere.
< Sally! Che significa questo?! >
< Io non pensavo… >
< Abbassate subito le armi prima che uno di noi si faccia male. >
Ma Rose, per quanto arrabbiata e determinata potesse essere, decise lo stesso di attaccare l’uomo, riuscendo a ferirla di striscio.
Ma Liam, per difendersi, fece partire un colpo di pistola al suo indirizzo, uccidendola a sangue freddo.
Assistendo a quel macabro spettacolo, Sally non poteva sopportare che un’altra persona a lei molto cara, potesse morire in questo modo.
< Maledetto! Hai ucciso la mia amante! Ti odio! >
< Stai indietro! Tu potresti essere la prossima. >
Mentre lo squadrava con ghigno malefico, Sally lu punzecchiò dicendogli che non avrebbe mai avuto il coraggio.
< Sarò io che ti ucciderò… dolcemente o freddamente. A te la scelta. >
Mentre Anche Sally si apprestava nel disarmarlo, inavvertitamente Liam fece partire l’ennesimo colpo, uccidendo anche la sua ormai ex fidanzata che in tutto questo tempo l’aveva tradito impunemente.
Ma Liam, per quanto potesse odiare quelle donne, non avrebbe mai voluto che potesse succedere tutto questo.
< Hai visto, Liam? Hai fatto i conti con il tuo passato… Adesso le tue sfumature ombrose ti perseguiteranno. Per tutto il resto della tua vita. >
< Smettila di parlare. Tu ti salverai, Sally. Non puoi morire. >
< Non ho più nessun motivo di rimanere in vita, tesoro… Hai ucciso la mia dolce metà. Pensavi davvero di prendere il suo posto? >
< E’ stato un dannato incidente, cazzo! >
< No… Non è così… Ma adesso non ha più importanza. Addio, Liam. È stato bello finché è durato. >
Esalando l’ultimo respiro proprio dinanzi ai suoi occhi, Liam cominciò a sfogare la sua disperazione con un pianto silenzioso e agonizzante.
Non sapendo cosa fare e con due cadaveri nel suo appartamento, Liam non aveva nessuna intenzione di finire in prigione per colpa di quelle due donne.
“Non finirà così… non mi prenderanno mai.”
Prendendo solo la sua pistola e qualche soldo per tirare avanti, Liam scappò dal suo appartamento senza voltarsi indietro a guardare quello che aveva fatto, scomparendo misteriosamente nel buio senza lasciare alcuna traccia.
Dove si trovi tutt’ora il giovane detective, rimane ancora un mistero.
   
 
Leggi le 1 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
 <<  
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Noir / Vai alla pagina dell'autore: lmpaoli94