Crossover
Segui la storia  |       
Autore: fulmineo    30/04/2021    0 recensioni
Jeremiah Danvers trova due ragazze nella foresta e le porta a casa, ove le giovani dovranno imparare ad integrarsi e non solo.
Genere: Generale, Romantico, Sentimentale | Stato: in corso
Tipo di coppia: Het, Slash, FemSlash
Note: AU, Cross-over, Missing Moments | Avvertimenti: Tematiche delicate
Capitoli:
 <<  
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A

Passarono un paio di giorni ed Isobel, pian piano, migliorava, con Maggie che stava sempre al suo fianco, rinunciando ad andare a giocare e divertirsi con Kara e le altre amiche.

"Io portato questo."

"La spremuta di arance... Grazie!" Le sorrise Isobel, mettendosi seduta.

Maggie le passò il bicchiere ed Isobel ne sorseggió un po', mentre la castana di sedeva accanto a lei.

"Tu bene... Io contenta!"

"È anche merito tuo, sei sempre rimasta qui a tenermi compagnia..."

Maggie le sorrise "Io bagno... Dopo io torna qui."

"Va bene!" Sorrise Isobel e Maggie lasciò la stanza con dei vestiti puliti per andare in bagno a lavarsi.

Lì trovò Kara, che le sorrise "Tu bagno?"

"Si... Tu?"

"Si!" Sorrise la bionda "Io aiuta, come quando noi in giungla!"

Allora le due Alpha, dopo aver chiuso la porta, si spogliarono ed iniziarono a lavarsi, con Maggie che lavó i capelli e la schiena di Kara, che ricambió il favore.

Prima di uscire dal bagno, le due si vestirono e misero gli abiti sporchi nel cesto apposito, come Eliza aveva mostrato loro.

Lasciarono il bagno, ma Maggie si fermò poi, innanzi alla porta della stanza di Isobel, quando vide un ragazzo all'interno che, seduto sul letto, teneva le mani della mora Omega e si sorridevano.

Proprio Isobel la notò "Oh... Maggie!" La chiamò, sorridendo "Vieni, voglio..." Iniziò senza finire, visto che la castana corse via.

"Ma... Perché è corsa via?" Chiese il tipo, fissando la mora.

"Non lo so... Lei è dolcissima e molto socievole. Ci tenevo, a fartela conoscere..."

"Peccato, ma sarà per un'altra volta... Mi fermerò un po' in città."

"Bene... Spero verrai a trovarci!"

"Certo!" Rispose lui, abbracciando la mora, che fece altrettanto, quindi il tipo se ne andò, notando Maggie seduta sul dondolo assieme a Kara.

Volle provare a parlarle, ma lo sguardo della bionda gli fece cambiare idea, così prese e si incamminó verso la cittadina.

Eliza, dopo diversi minuti, uscì a chiamare le due Alpha per la cena, fermandosi quando vide Maggie piuttosto giù "Tesoro, perché quel viso tanto triste?"

"Isy no piace me... Lei ragazzo."

Kara cercava di consolare la castana facendole le fusa, con la donna che si sedette vicina a lei e le carezzó le spalle con fare materno, con un dolce sorriso "Quello è Theo, un amico di Isobel... Prima viveva qui, adesso abita a Washington."

"Lui amico?"

"Si! E... Adesso vieni a prendere la scodella con la zuppa per te e quella per Isobel. Prima era piuttosto triste..."

"Lei triste?"

"Si... Credo che ti volesse con lei, invece tu sei corsa via..."

Maggie chinò il capo "Io dice lei... Io deve dire!" Se ne uscì la castana, prendendo ed entrando in casa, correndo di sopra.

Si fermò innanzi alla camera di Isobel e vi entrò, trovando la ragazza piuttosto triste che, tuttavia, la notò e sorrise "Maggie... Sei qui..."

La castana si avvicinò e si sedette sul letto, fissando intensamente Isobel, facendola arrossire "Io ama te, Isy!"

L'Omega la fissò, a bocca aperta "Come?"

Maggie le prese le mani tra le proprie e la guardò con tenerezza ed amore "Io ama te, Isy! Io ama tanto te."

La mora, dapprima molto sorpresa, sorrise alla castana "Anch'io sono innamorata di te! Mi piaci tanto."

L'Alpha era molto felice e si sporse, abbracciando Isobel, che fece altrettanto "Quando tu bene, io bacia te..." Sussurrò, sfiorando il viso della mora con una tenera carezza.

"Aspetterò quel giorno con ansia!"

  
Leggi le 0 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
 <<  
Torna indietro / Vai alla categoria: Crossover / Vai alla pagina dell'autore: fulmineo