Storie originali > Storico
Ricorda la storia  |      
Autore: AlexSgrilli97    21/07/2022    0 recensioni
Partecipa a una challenge indetta dal gruppo Non solo Sherlok Italia. Generi: storico, soprannaturale (esoterismo)
"1915.
Seduta sul letto stava guardando la fiamma della candela.
-Cosa vedete Signora River Park?- Nessuna risposta.
Improvvisamente il buio.
Luci e ombre confuse.
Una casa in fiamme, un bambino in lacrime.
Urla.
......
Uscì dalla stanza, fuori da essa la targhetta col nome.
"C. G. Jung,
Genere: Hurt/Comfort, Sovrannaturale, Storico | Stato: completa
Tipo di coppia: Nessuna
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno | Contesto: Il Novecento, Guerre mondiali
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
Dieci anni prima/dopo
Spiegazione scientifica a un fenomeno paranormale
Prompt a cui mi sono ispirato

 
Avvisi ambientazione storica, non voglio dare altri avvisi. Se non presenza di PG storici realmente esistiti.
Fandom originale


 
Medium

 
Dieci anni prima
1915.
Seduta sul letto stava guardando la fiamma della candela.
-Cosa vedete Signora River Park?- Nessuna risposta.
Improvvisamente il buio.
Luci e ombre confuse.
Una casa in fiamme, un bambino in lacrime.
Urla.
-Io... Io...- vide l'uomo davanti a lei.
-Volete davvero sapere?- L'uomo annuì.
-Ne siete sicuro?- Lui annuì convinto.
-Cosa mi succederà?- Lei sospirò.
-Ho visto vostro figlio in lacrime, fuori da casa vostra casa vostra ha un giardino e due finestre che danno su di esso, vero?- Lui si paralizzò.
-Giá...-
-Andrá a fuoco...- Lui la guardó.
-Mio figlio morirà...?- Era sconvolto.
-No.- Lui sospirò.
-Ditemi altro.- Lei annuì e guardò ancora la fiamma, si perse.
"È rimasto dentro."
"Non è riuscito a uscire. Il bambino sta bene? Dio mio..." Immagini offuscate, dio mio...
-Voi morirete.- Concluse e l'uomo si alzò di scatto.
-Non è possibile.- Lei sospirò, affranta.
-Il disegno divino non si muta.- L'uomo scappò.
Dieci anni dopo.
La donna era seduta su un lettino.
-Come mai vi siete affidata a me?- La voce fuori campo, non vedeva l'uomo.
-Uomini... Sempre uomini. Li ho accudito, cresciuti. Ho sette figli, tutti maschi. Le due bambine sono morte presto. Era destino. Uomini a cui prevedevo il futuro. Uomini... Uomini nel mio letto.- Sproloquio.
-Uomini nel mio letto... Ne ha avuti tanti.- Lei sospirò.
-Mio marito si ammalò presto, complice la prima guerra da cui miracolosamente tornò. Complice la malattia e la nostra scelta iniziale di cercare geni sempre migliori... Lui sapeva. Non era adulterio. Ha accettato tutti i figli nati da altre relazioni, per lo più occasionali.- silenzio.
-Sono qui perché a sette anni ero agitata, in adolescenza vidi un manicomio, qualche mese. In età adulta ero quella strana... Prevedo il futuro, ma sono sicura mi farete rinchiudere per questo. Però devo dirlo. Ne ho bisogno. A 27 anni avevo già previsto mille cose. A 31... Ah, a 35 sono crollata. Una vita passata come quella mandata dal diavolo. Sono stata posseduta... Sono stata... Troppe cose. Vorrei un aiuto, non rivoglio il manicomio.- un pianto.
-Cosa vi succede quando prevedete il futuro?- Chiese l'uomo e lei rise amara.
-Mi isolo dal resto del mondo e vedo, percepisco il futuro. Posso prevedere qualsiasi cosa... Posso...- Silenzio.
Un sussulto.
-Ho controllato questo fardello per anni, ora.. non è la prima volta che...- Il medico rimase impassibile.
-Cosa vedete?- Domandò.
-Mio figlio che adesso ha 17 anni che si sposa con una cameriera, non la conosco. Poi... il mondo vedrà cose davvero brutte, temo- Nessuna risposta.
-Mi credete pazza?- Chiese e l'uomo sospirò.
-Credo che l'inconscio collettivo sia molto potente. E che i suoi stati ipnotici siano interessati. Avete solo perso il controllo della vostra psiche.- La donna annuì.
-Signora River Park, continuiamo la prossima volta?- Lei si alzò.
-Grazie dottore.- Si alzò e lo pagò.
Uscì dalla stanza, fuori da essa la targhetta col nome.
"C. G. Jung".
Mentre camminava il cuore perse un battito.
Un solo momento e vide altro.
Un fungo fatto di fumo.
Cosa stavo vedendo?
Qualcosa di ben peggiore della prima guerra.



Note autore
"Lo stato di trance in cui versa la persona che ha il dono della medianità non è altro che uno stato ipnotico che il soggetto riesce a indursi da solo".
Ovviamente ci tengo a precisare che questa spiegazione deriva da mie ricerche al riguardo e riguarda la sppiegazione della psicoanalisi. Che è considerata, counque, una discilina non esattamente categorizzata come scienza esatta. .
   
 
Leggi le 0 recensioni
Ricorda la storia  |       |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Storico / Vai alla pagina dell'autore: AlexSgrilli97