Recensioni di therentgirl

Queste sono le ultime cinque recensioni che l'utente ha lasciato nella sezione nell'ambito del programma recensioni.


Recensione alla storia May the force be with you - 17/09/15, ore 17:28
Capitolo 1: May the force be with you
/fissa EFP come se fosse una terra sconosciuta/
Vorrei fare un paragone come quelli che ho trovato qui, ma io non ne ho trovato la FORZA e quindi, se Sam vuole, può prendere il mio posto per quanto riguarda questo ingrato compito. COMUNQUE. Sono qui da nemmeno due righi e sto già divagando, forse dovrei fare un corso su come scrivere recensioni e allo stesso tempo dire grazie. Vabbè, tu mi conosci, quindi bando alle (prime) ciance e passiamo oltre, che sennò qui facciamo notte e probabilmente passa anche la festa.
VA BENE /autoschiaffo della convinzione.
Prima di tutto: GRAZIE. Insomma, non sono abituata a ricevere di queste dolcezze uniche e speciali, ma d'altronde solo una persona unica e speciale come te poteva dedicarmi qualcosa del genere. E con la Syder per di più ;; /strombazza.
NESSUN ALTRO LO FAREBBE.
Okay /respira in una busta con i Syder dipinti sopra/ penso di avere bisogno di un'iniezione di calma e forse anche di un po' di sale e limone per contrastare tutti gli zuccheri che mi sono arrivati in corpo fino a questo momento. Anzi, siccome ho bisogno anche di caffè, diciamo che fingerò di non essere adrenalinica (esiste questo termine vero? Io mi sa che ho dimenticato come si parli in italiano) e di recensire come una persona normale [fireworks.mp3 che suonano in sottofondo.]
[pausa caffè attentamente studiata prima di dover RILEGGERE la one shot che mi stamperò e che conserverò in qualche luogo super segreto come il reggiseno]
Ora che le mie dita scorrono sulla tastiera alla velocità di circa 10 km/h (che per delle dita, se fai un calcolo approssimativo del tempo in cui potrebbero percorrere un km, è davvero un sacco), posso cominciare a rileggere e scrivere la mia recensione punto per punto, anche perché sono sicura che tu ti sia stancata di leggere frasi sconnesse e cose pazze che certo non hanno nulla a che vedere con la one shot in sé. Perdonami, l'eccitazione del momento di leggere qualcosa di Syder che non mi appartenga, persino il mio corpo ha un rigetto. Bene /autoschiaffo/ veniamo al dunque e smettiamola di sparare syderciance.
Partiamo da un punto di nazionale interesse, visto che è proprio posto all'inizio della storia: che ometto adorabile è Sam Evans? Insomma, se io fossi una maestra dell'asilo probabilmente lo intrappolerei in un abbraccio asfissiante e rimpiangerebbe di avere me. Lui e i suoi paragoni con Star Wars e la sua proverbiale paura per l'asilo lo rendono ancora più adorabile, e io in questo momento non posso che sentirmi un po' Mary Evans, perché per quanto mi sia piaciuto Star Wars, devo ammettere di aver guardato la saga una sola volta (buuuh, come posso essere una fan di Sam Evans non lo so nemmeno io, ma hey, a ognuno il suo, sicuramente siamo delle soulmates per quanto riguarda gli eroi della Marvel). Però Sam è anche un bambino coraggioso, quindi non poteva che tenere fede al suo patto con la mamma e cercare di affrontare l'asilo con il coraggio di un Jedi. Bravo lui /dà biscotto. Immancabilmente si presenta il primo ostacolo che è il nostro PANC preferito -che poi io lo vedo Puck a prendere una macchinetta dal barbiere e fare il suo lavoro da solo, per poi mostrare quelle braccia/pangrì come fossero chissà che muscoloni. Povero cuore, bullato da nemmeno cinque minuti che si trova dentro la scuola, se non si chiamano questi traumi infantili io non lo so. Ma ecco una vocina, una vocina ina ina che solo a immaginarla mi si fa il cuore quanto un granello di sabbia, quanto un atomo o forse persino quanto la minima particella di un atomo (NON LO SO OKAY), che appartiene a un bimbo. UN BIMBO CHE FA SENTIRE SAM A SUO AGIO A PRIMO SGUARDO. Amore a prima vista non mi interessa di niente /va in giro agitando i bimbi e smusandoli al contempo/ CHE SIETE BELLISSIMI.
[Riproduzione casuale → Juke Box Hero]
Beh, io non potevo dubitare del fatto che Ryder avrebbe ascoltato ogni singolo respiro di Sam e preso nota di come si dipani la storia di Star Wars, perché è il più grande e sa il fatto suo. Ma è anche quello che pone una piccola incrinatura laddove ci dovrebbero essere solo orsacchiotti di peluche, caramelle e tante cose belle. Insomma, come si permette Ryder ad arrivare con il fratello di NOAH (Sam è l'unico che lo riconosce in tutto il mondo, probabilmente, perché io vorrei sapere se Jeff e Brittany sarebbero d'accordo nell'ammetterlo) e giocare con lui?? Oltraggio alla corte suprema dei Jedi, al BroCode e quello degli Avengers. Povero cuore, che imita anche il padre che chiude il telefono in faccia a qualcuno che lavora in un call center, perché con chi altri lanci il telefono in una scarpata urlando un super educato BUONA GIORNATA e___e. Povero cuore, a me viene da piangere più di lui, ma devi contare che ho bevuto una tazza di caffè e sono in uno stato ormonale non indifferente /mette copertina a Sam. Piccolini ; ______ ; < /ancora in uno stato emotivo troppo fragile, non scherzo se dico che sto facendo una risata pazza e al contempo mi sto buttando dal balcone per la tristezza. Ed è la seconda volta che leggo. Quindi, stupidini con gli occhi quanto una padella, non dimenticatevi l'uno dell'altro, prima che vengo io a giungere come una Syderombra sul vostro futuro e vi sconvolgo tutti i piani per quello che avevate pensato di fare - sì, anche diventare ALTO, Sam, ho visto che era nella tua agenda. Che la forza sia con voi, bimbi ; ___ ;
... Immagina che schiaffo vorrei dare a Ryder nel momento in cui la Beiste li presenta - PERCHE' QUALE ALTRO PAZZO AL MONDO FAREBBE PARAGONI CON STAR WARS PER OGNI SINGOLA COSA CHE RIGUARDA LA VITA QUOTIDIANA - e lui non gli salta al collo per dirgli che gli è mancato un casino e che non vedeva l'ora di rivederlo, che ha passato ogni giorno a cercarlo alle elementari e alle medie. ; ____ ; [M'immagino i JJ che ascoltano gli schemi di Sam e lo fissano come se fosse sotto l'effetto di chissà che droga pesante, ma parliamo di liceo quindi al momento saranno impegnati a tagliare i capelli a Jessie che li avrà alle spalle o qualcosa del genere :D]. Quindi, momento di super imbarazzo per Sam che allarga le braccia e si ritrova per tutta risposta una mano tesa che nemmeno ai meeting con gli agenti di Wall Street. Vergogna Ryder, vergogna, non vedi che il Bro sta soffrendo per questa tua fondamentale dimenticanza. A meno che tu non lo faccia apposta ;; non lo so, sei un cretino.
Ahh, quanti richiami canon in questo paragrafo, quanti? QUANTI? Perché io qui vedo un Sam piuttosto soddisfatto di aver battuto Hunter Clarington, ma di questo ne discuterà con qualcun altro, specie considerata la sua attuale situazione. COMUNQUE è bello che in un modo o nell'altro lui e Ryder si siano ritrovati, anche se in modo diverso da quello che si aspettava, nelle piccole sfumature che li caratterizzano in canon: la dislessia, la dolcezza, la passione per le stesse cose, il modo in cui si approcciano anche Mr Schue (fidati studenti, loro, altro che il resto del Glee u_u). Ed è RYDER il primo ad avvicinarglisi nel momento in cui è più sconsolato, perché io lo so che in qualche modo c'è qualche Bro vibe che gli arriva (NON IN SENSO PORNO) ogni volta che Sam non si sente bene, e ha bisogno di avvicinarsi e controllare che stia bene e non sia vicino ad annegarsi nelle docce degli spogliatoi cantando una canzone super triste. Okay, forse si era avvicinato per festeggiare con lui, ma non può essere immune a una smorfia triste, io non lo sono nemmeno attraverso una gif, chissà lui che se lo trovava di fronte, posso solo immaginare /carezza tenera a entrambi. Comunque, il quesito interiore che si pone Sam non è certo qualcosa da poco. Penso che chiunque a cui piace il personaggio si sia domandato almeno una volta: MA QUAND'E' CHE TROVI QUELLA GIUSTA TESORO (con annessa altra carezza perché se la merita come nessun altri). E' dolcissimo il fatto che lui non si senta in grado di amare, quando invece il problema è proprio il contrario e nessuno apprezza il suo sforzo di amare con tutto se stesso, io sono ancora emotiva, vorrei ricordartelo. Ma Ryder, che alla fine SA benissimo chi è Ryder e soprattutto cosa si merita, lo doveva rassicurare alla stessa maniera che farebbe qualche doppione alla Brown. [Insomma, se qualcuno dovesse fare un ESTREMO sacrificio per lui, sarebbe lui u__u se non si sente amato a dover- basta, non c'entra con la one shot.]
No gli aeroporti no. Lo so che l'ho già letta e tu starai pensando che sono pazza perché non si può tornare punto e a capo con la commozione, ma non è giusto che si debbano separare di nuovo. Non basta una volta all'asilo? ;; No, a quanto pare no. E che schifo però. Che destino proprio brutto dentro quanto Bree, Marley e la Banana bionda messe insieme :((( E lo capisco che gli aeroporti mettono ansia a Sam, anche io ne avrei se somigliassi al bambino di Mamma Ho Perso L'Aereo, probabilmente ha vissuto all'ombra di questo scherzo per anni. Scusa, dovevo essere seria ed emotiva quanto basta (una ricetta??) per questa recensione. Quindi. Beh. Certo Sam non voleva partire senza il suo Bro che gli desse un ultimo saluto. E' brutto essere quello che se ne va, ma per chi rimane c'è sempre quell'impressione che all'altro si aprano 150 universi mentre tu resti legato sempre allo stesso punto in attesa di sapere come l'altro se la passa. Terribile. Non che l'altro non senta nostalgia di quello che si sta perdendo a casa e agli affetti che sta lasciando, quindi... beh, non è giusto comunque. Però loro sono loro, e dopo un paio di parole dette con l'amaro in bocca non potevano non provare quel BRIVIDO che si attende lungo tutta la narrazione ;; se lo meritano e basta /spalma l'uno sull'altro. E siccome a me piacciono i finali aperti io SO che Ryder andrà a trovarlo per il Ringraziamento e lo passerà lì anche se Rachel sarà super contraria ad avere l'ennesimo ospite, e poi tante cose belle come gli arcobaleni che devono condividere mentre viaggiano insieme alla ricerca della Forza. E dell'Amore. :)
Quindi, arriviamo al momento finale. Qui serve un altro ringraziamento che riguardi solo te. Grazie di essere la mia soulmate letteraria (beh sei tu quella che scrive, io mi beo solo di ciò che fai ogni volta che metti mano sulla tastiera), la metà di ogni singola coppia, da quella interessante a quella più golden, a quella più giovane e sbocciata da un'idea irrazionale :p. Grazie soprattutto di essere parte delle mie giornate, anche virtualmente, perché non importa la distanza, ma quello che sta in mezzo, che è l'affetto. E io ti voglio un bene che non puoi immaginare. Grazie di questo dolcissimo pezzo Syder, che nessun altro avrebbe accettato di scrivere se non una mano maestra come la tua... LADY S :P. La tua Harmony, ma anche la tua Kliss, ma soprattutto...
La tua Seb- Ryder (eh, misure speciali richiedevano nomi speciali, per ora accantono le volpi e prendo i pastori tedeschi).
Recensione alla storia Drink it if you can - 09/01/15, ore 19:52
Capitolo 15: Epilogo
Buongiorno. Superata la voglia di prendere a cascate di zuppa la nostra Marley Robot preferita, ho aperto l'epilogo. Ora, è l'epilogo, io lo dico a te nel caso in cui tu te ne fossi dimenticata e mi stia preparando qualche sorpresone doloroso giusto alla fine di questa fanfiction. Ti assicuro che vorrei spulciare e andare un po' avanti per vedere se me ne combinerai qualcuna, ma non posso e non penso che sia una cosa giusta da fare, quindi mi appresto a leggere, ma sappi che ti tengo d'occhio. Inutile che fai la disinteressata con il quaderno alla mano. Per i saluti alla fanfiction, penso che sia meglio riservarli a dopo e fare tutto alla fine, che è meglio. Sia mai che io abbia delle puntualizzazioni da fare. TU NON MI CONVINCI MAI D'ACCORDO, get over it.
Partiamo bene, su. Partiamo benissimo. All'inizio non capivo cosa volesse Hunter con la sua sfortuna cronica perché alla fine forse sarebbe preferibile dormire davvero sotto il bancone del bar che non condividere l'appartamento con Kurt e Sebastian per una notte. Non voglio sapere cosa farebbe Sebastian solo per il puro gusto di rendergli la notte insonne e, ad essere sincerissima, sono sicura che Hunter non gradirebbe certi... rumori :D. Ma hey, nessuna tragedia è capitata ad Hunter - anche se volevo il racconto originale sul COME fosse rimasto fuori casa! - e invece è una dolcissima sorpresa. Ora, non so grazie a quale potere divino Sebastian sia riuscito a ottenere la laurea con il massimo dei voti, visto che ha trascorso un anno a non fare altro che sabotare il matrimonio del suo attuale ragazzo, ma in presenza di lieto fine tutto si può trasformare con leggerezza e non voglio chiedere come funzioni la Columbia, perché sennò mi verrebbe voglia di iscrivermi. Il dialogo tra Kurt e Sebastian è... beh, Kurtbastian. Quell'alone sensuale donato da Sebastian, quel suo cercare di fare la persona dalla scorza dura e impenetrabile sotto la quale si rivela poi la dolcezza nell'essere considerato dal proprio fidanzato e persino l'accontentarlo nel vestirsi elegante per una festa che poi si tiene a casa sua. Sono come i due profumi nell'armadio, i Kurtbastian, un misto tra un profumo dolce e accattivante che crea un insieme unico nel suo genere.
Ah, che tenero flashback stavolta. Insomma, un flashback che immagino anche piuttosto recente, ma non scendiamo nei particolari di linguistica semantica che non mi va di tornare indietro di due anni. Quindi sono in periodo natalizio. E' passato pochissimo ma in fondo, anche se io l'albero l'ho rimesso tutta sola nella sua scatola un paio di giorni fa, non posso che sentire ancora la sensazione (di cibo buono) addosso. E poi insomma, finalmente si possono vedere entrambi nella loro veste di fidanzato-e-fidanzato, cose che non capitano poi ogni momento. Specialmente in piccoli, dolci spaccati di quotidianità come questo: l'aiuto con l'albero di Natale, con lo studio, rendono l'atmosfera persino più magica. Adorabili.
Oh, che bella cosa. Credevo che Sebastian fosse già tornato alla festa, ma è stato bello ritrovare una vecchia conoscenza che ero pronta a biasimare se avesse mantenuto lo stesso atteggiamento di poca comprensione dell'altro. Invece vedo che far parlare Kurt invece che Sebastian, e pare che Séline sia cresciuta quanto il suo amico d'infanzia negli ultimi tempi. Era giusto che anche il loro rapporto trovasse un lieto fine, d'altronde è stata un tormento della mente stessa di Sebastian per tanto, tanto tempo, non sarebbe stato giusto perseverarvi ancora e lasciare una cosa del genere in sospeso. A+ per aver concluso questa storyline con successo, me ne ricorderò. Sto attualmente provando a immaginare Kurt che spera che sia una racchia gigantesca per non doverla fronteggiare, come se poi il problema fosse quello. Dehe.
Ohhh, qualcuno si è messo in affari e sta avendo una crisi di panico? Mi chiedo come si possano deludere duecento persone contemporaneamente solamente aprendo un atelier, ma d'altronde è Kurt e non mi sorprendo più di tanto. Anche se in dolcezza comincia a vincere Sebastian con le sue fantasie sul futuro e con le sue minacce assolutamente vaghe di sfondamenti di porte. Che, ci fanno notare dalla regia più nevrotica che mai, E' DI MASSELLO - come se poi contasse qualcosa nel bilancio di uno sfondamento. Di porte, si intende. Ma Sebastian ce la fa, e vince anche il trofeo per il fidanzato di supporto migliore dell'anno 2014/15 e per tutti gli anni a venire, solamente perché sarebbe disposto a comprare tutti i suoi vestiti per amore di Kurt. A+ boyfriend right here, lads and gents. SPECIALMENTE NEL FLASHBACK. A parte accertarsi che Isabelle non sia una farabutta (cosa in cui crederei nella versione canon, visto che era un'accanita Klaine shipper, grazie tantissime), ma addirittura fermarsi prima che firmi per dirgli quant'è fiero di lui, io non /annega nei fazzoletti usati per pianto e raffreddore.
Hunter. Io non so che cosa ti venga in mente. Come osi cercare di costruirti una carriera e non essere barista per tutta la vita? Sia mai. Che cosa farà Scorpius quando diventerai chirurgo e non sarai più al Penguin Bar? Fa bene Kurt a osservarti, ti meriti un cappotto a doppio petto quasi quanto Kurt si merita che il suo atelier vada così bene. E haha, Brittany che pensa che Santana sia solamente INGRASSATA, spero per lei che non vada a dirglielo, prima di ritrovarsi cinque dita stampate sulla guancia. Non sarebbe carino da nessuna delle due parti. PFFF. Blaine, anche lui è arrivato dopotutto, e portanto /interessanti/ sorprese. Posso solo immaginare la sorpresa di Sebastian nel ritrovarsi quello stesso spogliarellista, ma voglio sapere se alla fine Blaine sia andato in cerca di Kyle in sé o se invece abbiano avuto molti altri rendez-vous prima di Funny Girl. Ma forse quelli dovevo includerli al famoso Ezra Factor finale. Vabbè aspettatelo comunque perché sto accumulando le domande. Comunque, alla fine anche se Blaine è MezzaSega si meritava un minimo di felicità tra attacchi di cagarite e robe varie che l'anno colto nel corso di questa fanfiction. Io sono per l'amore da distribuire a tutti tranne a Marley perché boh non se lo merita nemmeno troppo in my opinion. Scherzo. Heh :D
Viva i nuovi Klaine, viva gli spogliarellisti fighi dagli occhi azzurri. Viva Kyle.
/pausa lunghissima per un telefonata che nemmeno se dovesse raccontare vita morte e miracoli a tutti quanti/ /ritorno alla fanfiction con accomodamento sul divano/.
Ohh, lo sapevo, me lo sentivo dentro, nelle ossa. Certo, ci poteva anche essere il rischio che tu li facessi ammazzare da una gru che crollava sulla platea, perché con te non si può mai sapere cosa c'è in serbo, nella vita in generale. Ma hey, mi sentivo nelle ossa che sarebbe arrivata una proposta di matrimonio, e se non mi merito un premio Divinazione io allora non se lo merita nessuno. Ovviamente sto ancora ridendo, perché adesso il trend del 2015 sarà farsi fare un video con la voce narrante di Hunter Clarington con tanto di incisi insultanti che vanno oltre la megalomania dell'autore. Non so se mi abbia fatto piegare dal ridere di più l'indignazione per il fatto di non essere citato (PERCHE' GIUSTAMENTE PRETENDE ALMENO UN RICONOSCIMENTO NEI TITOLI DI CODA) o perché Sebastian si stava sentendo veramente Jeoffrey Chaucer nello scrivere quel riassunto della loro relazione. Certo si deve dire che è davvero originale, il nostro Sebastian, per pensare a una proposta così. E anche nella piccola differenza tra l'anello di fidanzamento che ha al dito adesso e quella che ha avuto al dito per diversi capitoli della fanfiction: quello che distingue a colpo d'occhio la persona giusta e quella sbagliata. Al bacio, come quello che si danno dopo essersi detti le solite paroline al miele :')
/risata che risuona in tutto il condominio/. Sebastian che si risente del fatto che Hunter possa avere una vita all'infuori delle sue grane in campo amoroso o in generale nella vita è la mia nuova cosa preferita, insieme a Hunter che finge educatamente di ascoltare qualsiasi conversazione e lamentela venga messa su da Sebastian nel momento stesso in cui entra dentro il locale. Quindi Hunter finalmente si sta laureando, penso che anche per lui si dovrebbe festeggiare con tre feste solamente perché ha avuto modo di laurearsi nonostante abbia una vita di merda. Che continua a perdurare nella vendetta di Sebastian di annunciarlo testimone a soli due giorni dal matrimonio, facendolo andare totalmente nel pallone. Vorrei proprio sapere cosa ci si aspetta da una persona che più che parlare grugnisce o dà consigli d'amore che poi sono sempre la stessa cosa > ESPRIMIGLI I TUOI SENTIMENTI E STAI ZITTO. Beh, chissà, io ci scriverei uno spinoff sull'avventura di Hunter che scrive il discorso per il loro matrimonio e poi va ad annegarsi nella boccia del pesce rosso (perché entrando in una mente Sebastian, una persona inutile come Hunter deve avere un animale inutile almeno quanto lui): A parte questo, sono contenta per Hunter, almeno lui nella vita amorosa sta andando benone /pacca sulla spalla.
Credo che ogni casalinga, dopo la lettura di questo capitolo, stia andando alla ricerca di Hunter al supermercato. Protagonista indiscusso di questo epilogo, si sta facendo spazio persino nella vita di coppia di Kurt e Sebastian, arrivando ad occupare casa loro (la famosa camera di Kurt che aveva già insidiato, tra l'altro) in periodo di ristrutturazioni. Andiamo tutti a trendare #HunterHaUnaCasa #HunterUsaLAmmorbidente. Non so nemmeno se ridere del fatto che si diano consigli sul Coccolino o se Sebastian finirà per ucciderlo nel sonno. Accidenti, devo appuntarmi un sacco di domande per questo epilogo, non so se ce la farò a ricordarle tutte.
LANCIAMO CONFETTI. Sti due ce l'hanno fatta a sposarsi finalmente. E anche lì, Sebastian alla fine riesce a distrarsi e a pensare a tutti i loro trascorsi. Complimenti all'artista, quindi nel frattempo si compiaceva anche del discorso che aveva scritto durante la proposta di matrimonio? Immagino solo la faccia che ha fatto, tutto volposo. Ma hey, intanto siamo già al ricevimento e vorrei sapere com'è che Hunter si permette a iniziare il suo discorso dicendo di essere MANUALE senza pensare di fare partire un coro di persone che gli darebbero volentieri una mano per dimostrare che anche lui a Mezze Seghe non risparmia nessuno. Però hey, rievoca addirittura ricordi (s)piacevoli di un arrivo a un certo Bar che è stato poi teatro di buona parte di tutta la vicenda, e nonostante lui possa vederla come una sorta di maledizione, sappiamo tutti che senza l'appoggio delle spalle larghe di Hunter, Sebastian non sarebbe andato troppo lontano nella sua conquista a Kurt Hummel. MA IL FLASHBACK IN REALTA' SMENTISCE TUTTO. Beh, intanto possiamo desumere solo che Sebastian abbia una confidenza con gli sconosciuti che sfiora quasi l'assurdo, e poi che Hunter sembra quasi felice di averlo lì e del fatto che sia un avventore silenzioso. E ora ho capito perché Sebastian non paga mai, sta ancora pensando ai soldi che ha lasciato lì la prima sera, e da allora Hunter non solo non ha più ricevuto un centesimo, ma ha dovuto sborsare di tasca sua... doveva sperare che tornasse il gemello buono, altro che Sebastian. Però diciamocelo, tra un insulto velato e dei ricordi davvero poco commoventi messi sul tavolo, alla fine Hunter sa benissimo come fare a incantare la platea e nessuno meglio di lui sa quanto il loro amore meriti un lieto fine come questo. /si soffia di nuovo il naso. Non poteva mancare la commessa che confonde Hunter per il suo fidanzato. Hunter, questa era una fanfiction Kurtbastian, te ne stai andando per favore? Però hey, vorrei sapere anche io che faccia ha fatto Kurt leggendo la simpaticissima iscrizione che poi è solo una verità che nessuno si sente di esprimere perché 'hey no, no homo dude'. A Kurt e Sebastian, che possiate trovare una fanwriter meno angst di questa a cui siete capitati tra le mani :D
HUNTER BASTA RUBARE LA SCENA AGLI ALTRI MA CHE E'. Persino al matrimonio degli altri si permette di fare altre proposte di matrimonio. Però hey, magari porta bene, e soprattutto hanno Kurt dalla loro parte. Deduco che il poveretto non sappia che Sebastian è stato la spina del fianco che nessun matrimonio vorrebbe avere.
A Kurt e Sebastian, che questo bacio finale possa essere solo uno dei tanti, tanti che avrei sempre voluto tra loro :3 ♥
Siamo arrivati alle note finali e qui mi congratulo con te per non aver fatto cadere un pianoforte a coda su nessuno dei personaggi della fanfiction né di aver fatto comparire qualche Signore Oscuro pronto a sterminare tutti. Il sentimento è dolceamaro, ma d'altronde le parole ci sono e rimarranno, per chi come me potrebbe volerle leggere ancora una volta o per chi vorrà farsi cogliere dalla magia Kurtbastian per la prima volta. Ma io so che tra noi continuerà questo scambio di meravigliosi scritti e che avrò ancora la possibilità di farmi incantare quindi sì, sono triste ma non troppo. Un bacio grandissimo a te, per aver fatto trascorrere parte del mio 2014 all'insegna Kurtbastian e un paio di anni nella magia (tra un po' sono 4 anni!!).
La tua Sebastian, che non ha zaffiri ma al massimo uno scaldino :D
[MOMENTO DELLE DOMANDE:
- Sebastian quindi si laurea prima di Hunter? Hunter è più giovane?
- Rachel e Kyle hanno avuto una relazione? :D
- Il buttafuori e l'altro barista saranno presenti al matrimonio Huntany?
- Hunter con quanto si è laureato?
- Il proprietario del Penguin Bar permetterà a Hunter di seguire la sua carriera nel mondo della medicina senza relegarlo al bancone?
- A quanto ammonta il debito di Sebastian al Bar?
- Kurt ha fatto davvero una linea di papillon?
- Alison DiLaurentis ha ricattato qualcuno di loro nel frattempo?]
[Ho finito, volevo solo aggiungere qualche ultima cavolata prima di svolazzare via :D]
Recensione alla storia Drink it if you can - 20/12/14, ore 14:32
Capitolo 14: Capitolo 13
Okay, dunque. In realtà non so come iniziare perché ieri ero fuori casa e avevo dato per scontato che ci fosse il nuovo capitolo pronto, e invece eccolo qua. Una bella sorpresa per iniziare il finesettimana, quindi mi accingo a recensire, sperando che mia madre non mi faccia uscire dai gangheri più di quanto abbia fatto già nell'ultima ora - e sai quanto riescano a farcela quando si mettono d'impegno :))) -. Comunque, ciance materne a parte, ho già avuto modo di leggere la traduzione di Bon Jovi che hai inserito a inizio capitolo. Ora come ora sono abbastanza positiva, quindi cerca di non farmi cambiare idea giusto alla fine perché sono ancora armata di padelle e posso farti arrestare dal mio amico Chord, ma senza la variante sexy delle superspalle e delle megamani che- /si perde in sproloqui inutili/. Quindi. NO. Tu da brava angstwhore ti sei portata avanti abbastanza capitoli da poter dire di averci fatto una raccolta crudele, ora direi di smetterla e di concludere bene, che ne dici? Brava. E io magari inizio anche a recensire che tra un'oretta dovrei pranzare, anche se non conto di finire per allora. OKAY VA BENE BASTA. Serietà.
Bahaha, bel colpo Kurt. Devo dire che hai reso la confusione e il brusio della chiesa abbastanza bene. In tutto ciò, le parole che si rivolgono Kurt e Blaine in questa parte sono davvero di due persone mature e che hanno finalmente accettato la loro condizione dopo tanto averla negata. Non so se lo 'scoppio' sia stato in sé il rifiuto di Kurt (almeno parlando per Blaine). Certo è che loro due si sarebbero potuti chiarire prima e avrebbero evitato lo shock generale dicendo una roba tipo 'sapete, alla fine abbiamo scoperto di essere allergici l'uno al pH dell'altro'. Scuse deboli che si accettano e amen. Certo la famiglia Anderson l'ha presa peggio di quanto non abbia fatto il figlio, ma sono contenta che almeno qui sia finita meglio di quanto fosse preventivato, senza alcun vittimismo né piantarello da compatimento altrui, è stato abbastanza maturo da ammettere che il suo atteggiamento era stato infantile (ha senso? Credo di sì. Non biasimarmi troppo, ho fame e sono sveglia dalle 8 solo per finire la letteratura) e che SAPEVA del loro allontanamento già da tempo prima. Ammettere di essere stati egoisti è il primo passo per farsi apprezzare, e dall'altro lato Kurt ha saputo prendersi la sua colpa nell'intestardirsi a volerlo sposare pur sapendo di essere preso completamente da Sebastian. Bel colpo entrambi. Bello il contorno di Santana che lancia banconote con il disprezzo della milionaria che non è, di Hunter e Brittany che non cuccano e non per scelta del povero barista, di Burt Hummel che se la borbotta riguardo il costo del buffet e di Cooper che tratta tutto come una trovata pubblicitaria. Ma adesso è il momento di un chiarimento, che penso arriverà tra un po'. Attendiamo.
Ah, ma che bel ricordino. Vedi che quando ti impegni riesci a darmi del fluff bello e sano come si deve? Ecco, continua così che finora stai andando bene. Nonostante adesso le cose si siano 'sistemate' in un certo senso (anche se siamo in sospeso con la chiacchierata di Kurt e Sebastian), fa sempre piacere vedere come la conversazione tra i due sia sempre stata tanto scorrevole e priva di problemi sin dai primi momenti. Come lo scherzo e la finta arroganza si mescolassero a dolcezza ed ammissioni che non ci si aspetterebbe da un Sebastian e nemmeno da un Kurt - a meno che quello non sia solo un mio headcanon, perché tutti lo vogliono più 'accollante' e dedito alle tenerezze ma lui è sempre così composto :p. La quotidianità si mischia qui alla nostalgia e al bisogno di sapere che il ritorno a casa di Kurt sarà alla fine una sorta di ritorno alla normalità che penso a Lima non si senta più troppo. Immagino che Sebastian alla fine abbia una bella sorpresa per Kurt, ma il suo buon umore non gli impedisce di prendere in giro una allora fidanzato-di-Jenna/Jessica/comesichiama Hunter. Mai risparmiato, nemmeno in momenti come questi. Povero lui.
Aaah, e i nostri eroi hanno finalmente chiarito quello che cercano di dirsi da millantamila capitoli e con aggiunta di prologo e probabilmente di epilogo. Tutto ciò che Sebastian non è stato in grado di dire per tanto tempo è diventato una certezza, probabilmente ancora con il timore di rovinare qualcosa, da parte di Sebastian, ma Kurt ha ancora tempo per fargli cambiare idea. E per fargli rendere conto che è solo una sua paura inconscia, che non ha a che vedere con la sua capacità di amare o meno, ma con la certezza dei suoi sentimenti. E lui è certo di amare Kurt, quindi il problema in teoria non si porrebbe nemmeno :p. E c'è anche la certezza che quello sia il /vero amore/, quello destinato a diventare la quotidianità tanto sperata, un po' mutata da quella vissuta fino ad allora, qualcosa di più dolce.
Vuoi davvero che commenti il flashback? Con tanto di nota sull'angst. Lo schiaffo te lo do dopo, e più forte di quello che Santana ha smollato a Quinn nella S4, puoi crederci. Sapere che Sebastian era pronto a mettersi in discussione già da quel momento è tutta un'altra storia e dà ai precedenti capitoli un sapore differente anche sul problema di fiducia che ha avuto. Spero che tu sia contenta, mi hai rovinato il fluff di mezzo capitolo e me la pagherai. Non so come e non so nemmeno quando, ma succederà, e sarà qualcosa di improvviso e crudele. Sappilo.
Almeno è collegato all'ulteriore dialogo del paragrafo seguente, non avrei sopportato che fosse messo lì a buffo giusto per dirci che sei stronza e angstwhore più di quanto tu non millanti già di essere - e non osare mai più dire che IO sono l'angstwhore, visto che riesci a inserirlo in parti anche brevi. Ormai le domande trovano solo conferme e i gesti sono solo loro. E nonostante Sebastian abbia ancora le proprie remore ad esprimere i propri sentimenti, alla fine di fronte a Kurt non riesce a nascondere più quello che ha già palesato. Se Kurt lo spinge a riconsiderare tutti i propri sentimenti in maniera più dolce e delicata, dall'altro lato Sebastian lo spinge ad essere molto più leggero nelle proprie scelte, di essere più 'vivo' e, appunto, di cogliere l'attimo. Ormai non resta loro che godersi quello che hanno, in maniera diversa da come avessero preventivato, di come Kurt avesse preventivato, ma almeno sono insieme.
Ah, forse ti vuoi fare perdonare, credo, anche se non ne sono sicurissima, visto che manca ancora un po' alla fine del capitolo. Comunque, non vedevo l'ora che anche per l'adorabile barista arrivasse un lieto fine, perché non si poteva più aspettare davvero che smettesse di morire dietro i nomignoli folli di Brittany e dietro i favori pseudo cavallereschi che le offriva. Certo, a quel punto poteva fare il marpione d'assalto e dirle di pernottare da lui fino a quando non avesse trovato una sistemazione adeguata a lei e al suo gatto di 56 kg escluso il peso del giubbotto di pelle, ma in fondo è meglio così. L'attesa aumenta il desiderio e il desiderio aumenta amore e passione. Il che spiega perché al timido bacio di Brittany lui abbia reagito con slancio epocale e con, penso, l'Inno alla Gioia di Beethoven che risuonava nelle orecchie come fosse la sua nuova melodia preferita - insieme al grugnito di dolore di Lord Tubbington. Ben fatto, Hunter Clarington, anche tu ti sei meritato il tuo lieto fine, con molto sudore, molta fatica e molti cocktail di Sebastian a carico. Bravissimo.
Ahi ahi, Kurt, che senso dell'humor poco soddisfacente che hai. Dare il nome della persona che hai lasciato all'altare invece che quella del tuo vero (FUTURO) marito. Mi chiedo come tu possa averlo fatto :D Bella l'idea degli anelli presi dal pacchetto di patatine, che prenderò come richiamo J. (stavo scrivendo D. e questo lapsus è poco interessante) rivolto personalmente a me, anche se ovviamente non lo è e non mi arrogo di dire una cosa del genere mai più (MA NON E' VERO MAI CHE VADO DICENDO). Quindi sono di nuovo a Parigi, il che mi porta a pensare che almeno potranno avere quello che non hanno avuto in quell'infame capitolo che hai interrotto con la cacarite di Blaine o con qualche attacco di vomito che era davvero poco interessante e di cui dovresti pentirti per una vita intera. Fallo, perché non sono disposta a contrattare su questo punto. Incredibile come Kurt cerchi di continuare a sminuirsi nonostante le ripetute proteste di Sebastian a riguardo, ma il fatto che entrambi accettino di dirsi l'un l'altro i propri difetti riconoscendoli come tali e addirittura ridendone, è segno di un ottimo inizio di relazione, non tutti possono vantarlo senza cominciare a tirarsi posacenere di cristallo dritti sul naso. Ma in fondo è quello che sono loro, e non potrebbero essere più perfetti di così :)
Ho la vaga sensazione che Hunter senza Sebastian si annoi. Che senza quel brivido di rabbia che gli procura avere un cliente benestante che non paga nemmeno se il fisco fa una retata contro di lui, Hunter si spenga piano piano e abbia bisogno di darsi da solo dell'emerito cretino o qualcosa del genere. Che Sebastian per lui sia una sorta di 'ricordati che la vita reale ha le sembianze di uno stronzo alto un metro e ottantotto e con il ghigno da volpe malefica'. Ma al contempo è bello vederlo finalmente sereno a sua volta con Brittany, a trovare le soluzioni per la sua sbadataggine e a ricordarle che per quanto lei possa essere un disastro nella vita di tutti i giorni, in due i rimedi si trovano sempre meglio che non da soli. E che il mal di pancia ogni tanto fa bene. Certo, non so cosa Brittany abbia intuito da dei monologhi in spagnolo (che immagino Santana le abbia fatto durante un cambio di costume e l'altro), ma va bene così. Spero che Lord Tubbington non se la sia presa troppo a male.
Okay, ti stai facendo abbondantemente perdonare (per questo capitolo mica per l'angst intero propinatomi). Tra le cose belle della vita ci sono Kurt e Sebastian che fanno progetti per la loro nuova casa. La casa che sin dal primo momento è stata di entrambi ma che adesso è più che una conferma, il modo di dirsi quanto siano l'uno dell'altro nella semplice unione dei loro profumi, di pigiami coordinati e non utilizzati, di una moda del diritto o diritto della moda. Tutto ciò che sono Kurt e Sebastian riassunto in un breve momento come quello e in una 'regola' che è in realtà una promessa: tornare sempre l'uno dall'altro. Dolcissimi e bellissimi come non ci si aspetterebbe -w-. Aaaah, Clarington, cosa mi combini... cosa penserebbe il tuo amato datore di lavoro se sapesse cosa NON fai a casa del tuo cliente meno fidato? Probabilmente ti relegherebbe nel sottoscala del suo locale, specie dopo aver non dormito su una nuvola morbida. Adorabile quanto il primo paragrafo, il finale di questo capitolo, in una perfetta risposta Kurtbastian.
E si quasi conclude così, ormai resta l'epilogo e dubito che lì resti molto di cui lamentarsi :D credo, anche se magari hai pensato a chissà che finale aperto e pieno di angst che mi sfasci tutto quanto per tempo e che mi tolga il piacere di dire HAPPY ENDING. Se osi farlo, ti stacco il braccio e lo regalo a Santana per qualche coreografia, dico sul serio. Non mi resta che concludere questa recensione, in orario sul mio pranzo e penso in megaritardo con il tuo, ma almeno troverai la recensione dopo qualche altra ora di studio, immagino (?). Ti saluto qui e ti-mi auguro tante altri sprazzi Kurtbastian come questo.
La tua Sebastian, che non ha anelli di plastica ma ti lancia volentieri un temperamatite, primo oggetto disponibile a distanza di 10 centimetri.
Recensione alla storia Drink it if you can - 07/12/14, ore 16:59
Capitolo 13: Capitolo 12
Salve! Mi venga perdonato il ritardo, sono stata due giorni fuori casa e ho deciso che se dovevo soffrire, non c'era motivo di farlo per strada o di svenire perché tu sei una sorta di angstwhore che ha deciso che tutti dovremmo soffrire per colpa tua. Dunque, in questa bella domenica, al normalissimo orario delle 13.41, io comincio a recensirti con amore. Quasi, perché in realtà ho già letto la canzone che hai scritta e che mi metterei come sottofondo per leggere, se non fosse che ho sulle spalle solo poche ore di sonno e non vorrei compromettere la mia lettura più di quanto possa fare normalmente il tuo amatissimo angst. Come se già non fosse abbastanza che non scrivi di unicorni rosa e zollette di zucchero a cadenza bisettimanale. Potrei davvero pensare di boicottarti, un giorno. Ma sicché il momento non è ancora arrivato, direi che mi concederò questa oretta/due di stress angstato e smetterò di fare preamboli.
INIZIO VERO DELLA RECENSIONE.
AH. Lo sapevo che era un sogno solo perché la situazione era troppo diversa da come l'avevo lasciata. E FIDATI che mi ricordo benissimo come tu hai lasciato tutto quanto l'ultima volta. Se poteva essere un flash forward, secondo me tutto è stato smentito dalle parole di Kurt che riflettono esattamente quello che nel corso della storia si è andato a ricostruire del pensiero di Sebastian riguardo la situazione: la paura di non poterlo amare ogni giorno come merita e di non saper amare come tutte le persone 'normali' in quanto se stesso. E qui si palesa una figura di cui devo ben scoprire l'identità, possibilmente un qualche frutto di passato tormentato? A fare da ulteriore calco sulle sue paure, cosa interessante soprattutto perché si fa richiamo a un qualche dialogo precedente, di cui adesso sono parecchio curiosa. E al contempo il sogno riflette la realtà: Kurt è sfuggito dal mio abbraccio e il risveglio reca il ricordo della sua lontananza e del giorno che da tanto viene atteso. Che brutte cose, stiamo già partendo malissimo, lo sai vero?
Ahh, lo sapevo. Quindi lei sarebbe, diciamo, il 'mezzo' attraverso il quale capisce di non potersi innamorare di una ragazza per ragioni ben diverse dal semplice amare. Certo, in teoria sarebbe anche facile dirgli che non è una sua colpa non ricambiare un sentimento che valichi l'affetto che si può provare per una persona cara, ma immagino che dipenda tutto da altre situazioni e, prima di parlare, aspetterò di vedere cosa combina questo Pierre. Che sembra anche molto mellifluo e parecchio stronzetto, ma non vorrei dare un giudizio affrettato, perché il rapporto sembra teso, ma potrebbe essere anche da parte di Sebastian che cerca di trattenere in qualche modo un qualcosa che sente. Vedrò, vedrò, inutile farsi domande se poi non posso trovare da sola le risposte.
u^u
Ahh, Burt. Per un momento credevo che la notte di addio al celibato fosse andata a buon fine e che Blaine e Kyle avessero cuccato alla grande, ma pare non sia così perché si presenta niente poco di meno che Burt Hummel in persona, e finalmente non con la proposta di promuovere il matrimonio tra adolescenti gay. Per fortuna, non avrei sopportato che avesse la stessa parte che ha avuto nella 5x01 ma d'altronde non dovevo nemmeno aspettarmi che tu inserissi qualcosa di tanto riprovevole. Direi che con Burt raggiungiamo un numero di persone che ha capito dei sentimenti che Sebastian prova per Kurt pari alla popolazione mondiale. La differenza è che lui gli lascia campo libero, non fa la morale, dice le cose per come stanno, schietto e sincero va fino in fondo a una serie di constatazioni che hanno come unico scopo quello di capire se i sentimenti fossero uguali da ambo i lati e poi lasciare libertà di scelta. Nessuna ramanzina, nessun 'dovresti fare così e dire così'. Immagino che dopo tutte le ramanzine di Hunter questa sia una novità interessante nell'albo di dialoghi che ha potuto raccogliere Sebastian durante tutto il corso della storia, ma in questo momento importa capire cosa sceglierà e se farà la scelta giusta PER NOI, fosse per lui dovremmo piangere fino alla fine. Il risultato, comunque, è che non sembra essere un sentimento poco comune, quello di non essere capaci di amare come si dovrebbe e potrebbe. Vedremo.
HA, anche questo, lo sapevo. Quindi deduco che Pierre lo stia apertamente provocando e non ero andata lontana con l'attrazione che Sebastian prova per lui. Certo, potrei fargli un appunto riguardo la scelta del partner non esattamente da coppa del mondo, ma immagino che l'attrazione si basi principalmente su un gioco di chimica e di fisicità più che di personalità, a meno che non ci sia un rapporto particolare dietro. E' bello scorgerne un altro tipo di insicurezza e un vero e proprio tormento interiore, per quanto alla fine penso che sia tutto un grosso pasticcio quello che lo vede sbagliato per Kurt. Un'enorme para mentale che dovrebbe essere conclusa parlandone con Kurt stesso, che in risposta dovrebbe dargli un bel coppino in testa e dire 'ma stai zitto, baciami e viviamo insieme per sempre'. In ogni caso, vedremo gli sviluppi nel prossimo flashback e per ora torniamo al presente, mi chiedo quale sarà la prossima mossa della nostra volpe :3
NO, Kurt ha ragione. Ha ragionissima e non ho intenzione di vedere ancora qualche scena del genere. Insomma. Siamo lì, è una delle risoluzioni finali da prendere perché mancano degli stupidissimi 10 minuti e tutto quello che fai è continuare con la panzana di non andare bene per Kurt. Come se poi invece sposarsi a 19 anni faccia bene alla salute. Nemmeno la persona più irrazionale del pianeta ce la farebbe con Sebastian perché si sta comportando assolutamente da matto e lo sa anche lui. Lui, Kurt, il mondo intero e spero che Hunter si stia sbattendo la testa al muro. Io ho l'armadio vicino e devo dire che l'effetto è molto simile. Adesso, devo capire perché dovrebbe lasciare che sposi Blaine dopo aver tanto penato per farli lasciare, questa nuova risoluzione è davvero una di quelle cose che ti fa venire di prendere il protagonista e di lanciarlo dall'altra parte del globo. No, Sebastian. Assolutamente no. PUOI BENISSIMO E LO SAI ANCHE TU. Ma vaffanculo, Sebastian, qualunque problema del passato ci sia dietro questa scelta stupida, sappi che ti sto giudicando molto intensamente. Ciao.
/lunghissima pausa pranzo in cui sono stata costretta a guardarmi TUTTO il servizio su Gianni Morandi/
/uno su mille ce la fa/ /nel mio caso le probabilità di farcela nella vita sono sotto il miliardo/
Oh, ecco. Lo sapevo. Che arrogante quel Pierre. Non si può nemmeno dare la colpa a Sebastian in questo caso, colto dalla confusione in cui si ritrova, quanto più si dovrebbe dare allo stesso Pierre che ne coglie la debolezza e lo 'rende suo', diciamo così, per puro divertimento, quasi fosse una sfida. Non si può giustificare il fatto che non ne abbia parlato con una persona che era stata al suo fianco per tutto quel tempo, ma in un certo senso riesco anche a capire il perché. Vediamo come si evolve perché immagino che quest'altro pezzo spiegherà perché Sebastian tema tanto di lasciarsi andare.
Ecco, me lo sentivo. Penso che le parole di Séline siano più uscite dalla rabbia e dalla delusione del momento che non da una vera riflessione. Più dal fatto che avrebbe potuto accettare, in onore dell'amicizia con Sebastian e dell'affetto e amore che aveva provato per lui lungo l'arco di una vita, il fatto che il tradimento fosse scaturito da un sentimento sincero e non da un capriccio fisico. E nell'ira del momento, sputare una sentenza può essere giusto, penso, in una persona che abbia un minimo di consapevolezza in più riguardo se stesso e ciò che ha provato lungo l'arco di più anni. Sebastian era ancora giovane e, si può dire, inesperto, con un passato di un rapporto che non riusciva a valicare il limite dell'amicizia sol perché non c'era quell'approccio fisico in più a mescolarsi anche con quella confidenza e quella sintonia proprie di una relazione sana. E non sapere se avesse mai potuto amare davvero era un punto interrogativo finché non incontra Kurt, con cui ha delle dinamiche da coppia, ha l'attrazione e l'intesa necessarie perché il rapporto sia bello ma c'è il ricordo stesso a bloccarlo, quasi come un monito: se non ha amato davvero Séline, è probabile che allora vada a rovinare tutto con Kurt per il medesimo motivo? Non si sofferma a vagliare proprio il fatto che allora la situazione fosse completamente diversa ed è quello che lo fa sbagliare in questo momento. Beh, forse NON in questo momento, mi manca un paragrafo.
YES. Bravo Kurt. Per la prima volta in tutta questa fanfiction in questo capitolo ti meriti il bacio accademico e la dignità di stampa solo per aver rifiutato questo gesto folle. E fremo nella curiosità di vedere cosa succederà dopo questo capitolo perché significa che adesso le cose, dopo aver raggiunto il fondo, possono solo migliorare. Come diceva Daniele Silvestri: "E invece più in giù di così non si poteva andare, più in basso di così c'è solo da scavare, per riprendermi, per ri-riprendermi ci vuole un organo a motore". E siccome pare che Sebastian fosse stato privato di qualsiasi organo e neurone utile al funzionamento della vita e quindi in generale dei neuroni, direi che è Kurt quell'organo a motore che adesso cambierà le cose.
Bene, questo capitolo... diciamo che ti ammazzo a metà, ho avuto i punti in cui avrei voluto ucciderti, ma diciamo che stiamo migliorando sensibilmente e ce la possiamo fare. Forse posso unirmi a Gianni nel cantarti che forse ce la fai e che puoi riprenderti. Vedremo.
[Apro la rubrica "Le domande di Terent":
1) Ma Kurt ha invitato Hunter... perché?
2) Hunter ha una macchina normale o rapisce le ballerine e le infila nel forgone di padri splendidi per il puro gusto di avere un +1 alle feste?
3) Kyle LARRIS è presente all'afterparty per fare uno spogliarello?
4) Chi c'è di conosciuto al matrimonio dell'anno?
5) Pierre è un parente lontano di Ian? :D]
E con questa concludo, è stato davvero un bel capitolo e mi sono accorta, ora che ci avviciniamo alla fine, che mi mancherà davvero questa ff e tutti i suoi 'ghiribizzi angst' in cui ti sei cimentata. Certo, alcune volte ti strangolerei, ma sei sempre tu. STAY AWESOME 'Bro'.
La tua Sebastian, che ha detto no al farcela nella vita. E a Valsoia.
Recensione alla storia Drink it if you can - 21/11/14, ore 19:23
Capitolo 12: Capitolo 11
Salve.
Giungo in ritardo perché, perché, perché... ho avuto lezione fino ad ora e sto un po' dormendo sulla tastiera anche se sono appena arrivata a casa, ma non volevo leggerlo domani, visto che non so se me ne verrà dato il tempo o meno. Comunque, da quello che vedo, non mi si prospetta un tempo molto felice con questo capitolo, quindi sappi sin da ora che se non ci sarà almeno un po' di fluff, io ti prendo a colpi di quaderno e di luperini finché non mi riprendo da eventuali shock. I mean, insomma, siamo arrivati al punto che già le canzoni e le citazioni a inizio capitolo sono avvolte dall'angst, non vorrei che tu in questo capitolo mi accoltelli ad ogni paragrafo.
E siamo già a due settimane dal matrimonio. Due settimane in cui Kurt sembra accorgersi di non essere stato poi troppo presente nella vita del futuro marito e, dopo aver detto quella frase che sembra essere compendio di tutto il rapporto con Sebastian, sparisce senza lasciar traccia. Come se non fosse mai nemmeno stato nella vita di Sebastian. Il che mi fa fare parecchie domande, visto che di fatto non abbiamo mai visto il seguito della discussione dei Klaine e tanto meno siamo arrivati a capire cosa gli passi per la testa. Solo che probabilmente gli sembra giusto sparire dalla faccia della terra e non parlare con Sebastian fino a quando non sarà sposato. Chissà se Blaine non ha fatto lo stronzo come sempre. Di una cosa sono sicura, che Sebastian e i 'Larris' (che a proposito, come musicalità con il nome Kyle fa davvero schifo, lo dico perché alcuni sono davvero indignati a proposito, anche se capisco l'esigenza. Quasi u_u) che interagiscono sono proprio interessanti. Certo, per un momento ho creduto che Sebastian stesse superando i propri sentimenti con uno (s)conosciuto incontrato al Penguin Bar e sotto il naso di Hunter, e invece... proprio. Ancora a quanto pare non si convince ad abbandonare il proprio, fallimentare metodo per fare complotti con degli spogliarellisti (lieti della lode but still indignati) e perché Blaine giunga alla conclusione che lui e l'alcol non sono proprio OTP. Condivido il fatto che Hunter continui a mostrargli la strada giusta e semplice, perché in cuor mio so che alla fine sarà quello che risolverà tutti i problemi. Sebastian potrà continuare a non pagare, ma io e Hunter sappiamo benissimo che alla fine nessuno gli risparmierà il 'te l'avevo detto', anche se dovesse confessare i propri sentimenti all'altro. Hey, alla fine avevamo ragione u_u
Ah certo, magnifico. Kurt torna a casa non accompagnato dalle damigelle, dalla squadra di SWAT che lo dovrebbe difendere da Sebastian e da chissà quale forza armata random che possa allontanarli ulteriormente e la sorpresa è quella dell'abito da sposo. Wow, non vedevamo tutti l'ora, grazie mille per averci reso partecipi di questo momento, Kurt. Non ce ne frega una sega, quindi non ci soffermeremo e ignoreremo il suo timido sorriso e il suo invito.
Interessante flashback. Intendo quello lì di San Valentino - specifico perché non sono sicura nemmeno di essere abbastanza sveglia da scrivere in un italiano decente, figurarsi mettere frasi di senso compiuto una dopo l'altra, una vera utopia. Per un momento ho creduto che Kurt stesse pulendo via la sporcizia dalla camera di Sebastian con qualche aspirapolvere supersonico, forse perché è una delle cose da cui vengo svegliata più frequentemente (di solito il pomeriggio, dopo qualche esame). Comunque, il viaggio è improvviso almeno quanto il cambio di data repentino e adesso mi sento abbastanza confusa, perché Kurt non ha voluto Sebastian e Sebastian desiderava tanto andare lì con lui e il suo rifiuto l'ha ferito. Kurt, perché vuoi donarmi tanto disappunto in così poco tempo e persino nel passato? Ho fatto qualcosa che ti ha fatto cambiare idea? POSSO CAMBIARE LO GIURO. Però il flashback si conclude (quasi) bene quindi per ora ti sei risparmiata le quadernate. Per ora. Non respirare di sollievo proprio adesso perché ti sto ancora aspettando, ANGSTWHORE. Regina dell'angst ad honorem.
Allora.
Io non so se ti rendi conto che io mi sono ritirata da una giornata folle e tu invece fai questo.
Dillo che ti vuoi fare odiare.
E non odiare con semplice odio, di quello lì > beh sì sono arrabbiata prima o poi mi passerà.
NO. TU TI VUOI FARE ODIARE FINO ALLA PROSSIMA APOCALISSE E QUALCOSA MI DICE CHE NON SARA' PRESTO. No. Sono offesa. Non so nemmeno se ti meriti che io continui a scrivere la recensione e che ti legga tutto ciò con chissà che sorriso sadico sulle labbra, io non mi merito tutto questo. Aumento la mia richiesta di fanfiction a 14 solo perché io voglio carrellate di fluff e baci e bellezze e non baci e ripensamenti. Mi senti? HO DETTO "NON RIPENSAMENTI", anche se in questo paragrafo non sembri averlo colto molto bene e adesso non so se dovrei prenderti a calci o semplicemente interrompere la lettura, la recensione e tutta la vita di questa giornata dopo questo momento e basta, infilarmi sotto le coperte fino a domani. Perché oh 1) non avevo capito che Sebastian alla fine si fosse fermato a guardare l'abito da sposo di Kurt (non l'avrei fatto). 2) Eravamo vicini. Ma proprio vicini vicini. Cos'è che induce Sebastian a non collegare la lingua al cervello e fargli dire solo il nome dell'altro, facendo un ping pong di nomi? Cos'è che induce Sebastian a non dire due parole, cinque lettere come Chuck Bass? E' una malattia delle persone ricche? Ci sarà qualche batterio a New York che intacca solo le persone con il soldone? Non si sa, ma per qualche motivo invece di collegare la lingua al cervello, Sebastian preferisce collegarla a quella di Kurt, attività parecchio più interessante (per citare alcuni colleghi) e decisamente poco casta e degna di essere motivo di allontanamento dell'altra persona.
E-FUCKING-NVECE.
Ovviamente no. Perché Sebastian non è che non colleghi solo la lingua al cervello, ma dimentica di avere dei neuroni completamente e dice solo un "No" che oltre a non avere senso dimostra il sadismo della fan writer in questione, che pare stia godendo parecchio della situazione. No, basta, io me ne vado Maria, lascio questo studio e non torno più.
No.Non ce la farai ad ammorbidirmi con qualche scenetta Dramedy. No proprio no. Perché puoi anche infilarci Brittany per addolcire la pillola, ma la verità è che se tu già stai prevedendo di lasciare questo capitolo con un cliffhanger io ti prendo, ti apro la testa a metà e mi mangio il tuo cervello a cucchiaiate così da poter sapere cosa accade fino alla fine. Non mi interessa se è più semplice prendere i file dal tuo computer, diventare hacker o qualcosa del genere. Non mi sembra corretto. Quindi perdonami se non mi soffermo su quanto tu sia stata brava a mischiare la serietà della confessione di Sebastian e del dialogo con Psicolarington (sarebbe psicologo + clarington, non PSYCHO, non bullarmi), ma sono seriamente arrabbiata e non sono nemmeno sicura di voler davvero soffermarmici. Perché nel momento in cui Kurt dà un ultimatum (perché ovviamente la minaccia è che se tu non mi ami allora io mi butto tra le braccia del mio ex perché ho il cervello che mi funziona come un quadro di Picasso, completamente a casaccio) Sebastian sembra avere qualche problema cerebrale di nuovo. E nonostante io abbia sperato che Hunter corresse a casa di Kurt a dirgli > "guarda che l'alcol ha annebbiato il cervello di Sebastian sino a renderlo completamente cretino e adesso ha bisogno di dirti che ti ama ma non ce la fa" (senza punteggiatura) (because yolo) qualcosa mi dice che non ce la farà ad arrivare in tempo.
Fuckity fuck :)
Bene. Come se non bastasse già il dolore del tempo presente, si aggiunge il momento del flashback che è altrettanto doloroso. Perché Sebastian realizza di provare qualcosa per Kurt e lui invece sta partendo. Ma c'è qualcosa che va mai bene? No, Jacques mi dice di no, da lontano della sua condizione di fantasmino irriverente. Sono parecchio arrabbiata con te, col mondo intero. PERCHE' SEBASTIAN SAPEVA DI POTER COLLEGARE LA LINGUA AL CERVELLO E INVECE NON L'HA FATTO. Io basta. Io non. Io non voglio fare più niente e da oggi mi ritiro in Azerbaijan a coltivare qualsiasi cosa si coltivi in Azerbaijan pur di non vederti mai più.
Quando ti dico che le scenette semifluff non mi addolciscono, sono seria. Come la signora Rottermaier che tanto faceva penare Heidi, sono più seria di una Moai, di una sfinge o di un Faraone. Perché non mi sto concentrando su Hunter, che ha una vita sentimentale piatta quanto il ripiano di un tavolo da caffè, e nemmeno su Brittany, che finalmente sembra aver capito (O HA ORIGLIATO) qualcosa delle conversazioni di Hunter. Secondo me, un giorno davvero rinascerà gay e decisamente bicurioso solo per far impazzire la gente ma adesso davvero stai zitta e fatti odiare, credo di essere all'ultimo paragrafo.
Ah certo, ovviamente. Perché insomma Sebastian, per quanto ne sapeva Kurt, poteva essere in Nevada in quel momento e non avere abbastanza tempo per arrivare, ma lui prende la sua decisione così in fretta che io boh, non lo so. Non so nemmeno a cosa pensino tutti e due perché la soluzione è a portata non di mano, ma della manina di un neonato. MA NOOO :) Che cosa dico, rendiamo tutto più complicato e aggiungiamo un momento strappalacrime che naturalmente lascia un cliffhanger di merda giusto nella fase peggiore della vita. Spero che Blaine si stia godendo la nottata di ebbrezza perché sennò non mi spiego niente.
No, non ho nulla da dirti. Sono offesa, amareggiata, indignata e davvero, BASTA. Vado in Azerbaijan a vita.
La tua (ex) Sebastian che non ha niente da dirti perché non è giusto e non ti meriti nessun complimento per essere una bitch senza cuore.