Recensioni per
Il Linguaggio Segreto dell'Anima
di CherryBomb_

Questa storia ha ottenuto 36 recensioni.
Positive : 36
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
[Precedente] 1 2 3 [Prossimo]
Recensore Master
02/05/22, ore 00:11

Ciao mia cara,
Eccomi qui. Ogni tanto ritorno, e faccio sentire la mia presenza. Ho deciso di fare una sola recensione, dove condensare i vari capitoli che ho letto.
Partendo dal capitolo 16 - "Devo confessarti una cosa" - è vero è un capitolo di passaggio, in cui però Jason ed Haley raggiungono una ulteriore tappa nella loro conoscenza, riuscendo a toccare dei lati intimi e profondi delle loro anime.
Jason parte con una importante confessione: lui non ha iniziato ad interessarsi ad Haley durante quella vacanza, ma ben prima di questa, grazie a Becca, alla curiosità che lei ha ingenerato in lui, e ai racconti del piccolo Adam. Becca ha sempre saputo che Jason ed Haley fossero compatibili e perfetti insieme, e ha cercato di farli incontrare già in passato. Purtroppo il destino si è messo di traverso, impedendo quell'incontro. E, forse, a mio avviso è stato meglio così: se Jason non avesse avuto la curiosità verso Haley, se non avesse parlato con Adam e se non avesse iniziato a osservare Haley da lontano, probabilmente si sarebbe incontrati con anche Jason pieno di pregiudizi, come Haley all'inizio, e non avrebbero potuto consocersi davvero. Invece, sentire raccontare, dalla voce genuina e sincera di un bambino, quella che è la vera Haley ha spinto Jason a guardarla, da lontano e in silenzio, per capire come fosse possibile che la ragazza sempre rigida e acida che lui conosceva fosse, in realtà, una persona amorevole, giocosa e di buon cuore, legata a quei bambini che ama così profondamente. Ed è stato così che Jason ha potuto osservare, in un momento di grande fragilità per Haley, come la donna indossasse sempre costantemente una maschera ed ha capito che dietro quella donna così rigida, fredda e dura ci fosse, in realtà, una ragazza sensibile, fragile, e anche triste, a volte infelice, ma così testarda e caparbia da nascondersi dietro falsi sorrisi di circostanza, pur di non far vedere le sue fragilità agli altri. Jason ha capito che Haley è più simile a lui di quanto potesse immaginare: anche lei, come lui, ha eretto un muro, riserva il vero sé solo per chi lo merita, probabilmente per paura di soffrire, di mostrarsi debole e consegnare le proprie debolezze nelle mani di chi se ne può servire per colpire e ferire.
Credo che Jason si sia innamorato di Haley in quel preciso istante. E questa stessa confessione penso abbia fatto innamorare, definitivamente, anche Haley dell'uomo davanti a sé. Un uomo che lei credeva insopportabile, ma profondamente empatico, sensibile e profondo, è anche estremamente fragile e un po' insicuro. Jason, probabilmente senza nemmeno rendersene conto, ha rivelato molto di sé e dei suoi sentimenti, rendendo così ad Haley noto quanto lui sia legato a lei, intimamente e profondamente, e di quanto anche Jason abbia paura di restare scottato. Credo che questo l'abbia predisposta maggiormente verso Jason, perché le ha perso di rendersi conto quanto, agli occhi di Jason, lei appaia unica e speciale.
Ma, più di tutto, quello che lascia Haley senza parole ogni volta è quanto Jason riesca a leggerle dentro, scrutando nelle pieghe della sua anima. Jason ha capito quanto Haley desideri avere una famiglia tutta sua, e dei figli - è portata per i bambini della sua amica Becca, la vedo veramente come una mamma, anche per come si comporta nei confronti di Colin ed Adam; ed ha capito, però, che Haley ci ha un po' rinunciato a questo suo sogno di essere una madre perché ha perso la speranza di trovare la persona giusta per lei. Del resto, Haley ha avuto una mamma ed un padre, ma separatamente, e vorrei per il suo futuro una famiglia unita, e non tante persone singole che si incontrano. Penso che Jason sia riuscito a capire questo perché, nel suo cuore, lo desidera anche lui: credo sia un uomo desideroso di avere un suo nucleo, una sua "casa" ed una sua famiglia, non avendo mai avuto niente di tutto questo.
Ed infatti, nel successivo capitolo 17 - Fai di me ciò che vuoi - Jason si lascia andare, e rivela ad Haley un altro piccolo pezzo di lui: nella sua vita la sola ed unica persona che si è preso davvero cura di lui, che li ha amato, capito, coccolato, viziato e compreso anche quando sbagliava è Albert. L'uomo è stato prima maggiordomo dei suoi genitori e poi è diventato il maggiordomo di Jason. Albert lo ha praticamente cresciuto, c'era quando Jason aveva bisogno di aiuto e, nei momenti in cui era in difficoltà, ha accolto i suoi sfoghi; Jason scaricava la sua rabbia su Albert, perché era un bambino ed un adolescente solo, non considerato, che sfogava su Albert, perché sapeva bene che Albert c'era e ci sarebbe stato sempre. Nel suo girovagare per varie città del mondo e nel sentirsi sempre solo perché trasparente per i suoi genitori, Albert è stato la costante della vita di Jason, perché c'è da quando lui ha memoria. Tanto è vero che per Jason è più casa quella che Albert divide con sua moglie, piuttosto che quella dei suoi genitori; a casa di Albert, Jason può essere sé stesso, non si sente giudicato e può parlare liberamente, svagarsi con la mente e staccare da tutto.
Questa familiarità che Jason ha con Albert io vedo che inizia ad averla anche con Haley, la quale, a sua volta, si sta lasciando andare sempre di più, a livello sia fisico che mentale. Haley riconosce quanto sia bello trascorrere il suo tempo con Jason, indipendentemente da quello che fanno il tempo corre veloce e in modo rilassato, ogni momento è comunque divertente, leggero o talvolta profondo. Quel che è certo è che tra i due si è creata una familiarità, una quotidianità, sono profondamente a loro agio in una circostanza normale e quotidiana. Tra i due si sta creando una confidenza forte, è un po' come se si conoscessero da sempre, le loro abitudini si sono incastrate alla perfezione, dalla colazione al mattino fino a stare tranquillamente sul divano, l'uno a lavorare e l'altro a leggere. E questa complicità li ha portati, finalmente, ad unirsi anche fisicamente. Haley ha mollato definitivamente, ha spento il cervello e, dopo tanto tempo, ha vissuto le sue sensazioni e si è donata a Jason. Il momento in cui hanno fatto l'amore per la prima volta è stato molto intenso, e trovo tu lo abbia descritto molto bene, in modo delicato ma profondo, facendo ben comprendere tutte le emozioni che entrambi stavano vivendo. Non è stata solo un'unione di corpi, ma anche di anime che, dopo tanto tempo a vagare smarrite, si sono finalmente incontrare, riconosciute e amate. Avevano una fortissima passione, inarrestabile, si sono stuzzicati per tanto tempo e morivano dalla voglia di aversi, ma lo hanno fatto con calma, assaporandosi poco per volta, vivendosi il momento.
Haley si è fonanta a Jason ma non solo fisicamente, anche spiritualmente ed emotivamente, perché nel successivo capitolo 18 - "Un banchetto prelibato" - Haley confida a Jason l'ultimo dei suoi segreti, quello relativo alla morte della sua amata mamma. Già nel precedente capitolo, Jason aveva rivelato ad Haley che Becca gli aveva raccontato di come lei fosse in passato, sempre con la testa tra le nuvole e molto più divertente, rilassata ed espansiva di come fosse ora, perché Haley adesso non spegne mai il cervello e non si abbandona mai. È un po' come se Jason avesse percepito che, ad un certo punto, qualcosa abbia cambiato Haley. Ed ora può finalmente rispondere alle sue tacite domande, perché l'evento che ha segnato la vita di Haley è stata la morte tragica ed improvvisa di sua mamma. Nel momento in cui colei che è stata la sua vita, il centro intorno a cui ruotava la sua intera esistenza, la sua forza, la sua guida e la sua alleata è venuta a mancare, Haley ha dovuto smettere di essere una giovane sognatrice ed ha dovuto diventare una donna. Quella perdita è ancora lì, dentro il suo cuore, più viva che mai, perché certi vuoti sono incolmabili, e per quanto si vada avanti, la vita continui e si cerchi di essere forti, il momento di sconforto è sempre lì dietro all'angolo, a ricordarci che siamo umani. Haley pensava alla sua mamma e a quanto lei gli mancasse la sera che Jason l'ha vista, davvero, per la prima volta. Così fragile e debole, ma anche forte e determinata.
Si è spogliata davanti a lui ben prima di questo momento, ed ora lo fa con la volontà di aprirsi davvero con qualcuno. Haley rivela a Jason questa parte di sé che ha sempre tenuto nascosta a tutti, di cui non ha mai voluto apertamente parlare con nessuno perché, dentro di sé, sente che Jason è quello giusto. E lui si rivela, ancora una volta, in grado di raccogliere quella fiducia che viene riposta in lui, senza tradirla e senza deludere le aspettative. Jason va oltre le parole di Haley, capisce quanto stretto fosse quel legame mamma e figlia, e quanto quella sofferenza sia così radicata in Haley, che però ha avuto la forza e l'orgoglio di andare avanti da sola, con le sue forze e a testa alta. Jason la abbraccia, la tiene stretta a sé, la accarezza, e Haley sente così di non essere sola, si sente capita, accolta e protetta da quel dolore insopportabile. E può lasciare che quelle lacrime, a lungo trattenute, escano fuori, perché sa che Jason è in grado di raccogliere e di asciugargliele, e farle ritornare il sorriso.
Jason sembra davvero stato mandato dalla sua mamma, è l'uomo che la donna avrebbe voluto per la figlia: un uomo buono, intelligente, capace di vedere sempre oltre, di interpretare i silenzi e leggete gli sguardi, un uomo che sapesse smussare le spigolosità di Haley, che sapesse accettarla per ciò che è, e tenerle anche testa. Quando Jason dice ad Haley che gli piacerebbe conoscere la sua mamma, quelle parole vanno oltre qualsiasi cosa: lui ha riconosciuto quanto di quella donna meravigliosa ci sia in Haley, e gli piacerebbe davvero saperne di più, consoscere di lei attraverso i racconto di Haley.
Quest'ultimo capitolo è stato veramente molto intenso e, confesso, nel leggerlo mi sono commossa. Hai descritto benissimo le emozioni di Haley, si percepiva tutta la sua sofferenza, no respirato quel senso di vuoto che la attanaglia e come quel vuoto sia stato colmato dalla presenza di Jason, che è stato l'unico capace di dare ad Haley l'idea di avere qualcuno accanto e dentro di sé.
Direi di fermarmi qui con la recensione prima di scrivere la divina commedia. Mi riservo il resto che devo dire nei prossimi due capitoli, un abbraccio grande.

Recensore Junior
01/05/22, ore 18:38

Io credo a Jason, e per quanto trovi fastidiosa lei,credo di capire perché abbia deciso che è colpevole. Semplicemente perché ha avuto paura che fosse troppo bello per essere vero e dunque fosse di nuovo un inganno. Poveri, tutti e due.

Recensore Junior
01/05/22, ore 18:21

Woo che finale! Adesso sono preoccupata. È evidente che il povero Jason si aspetti qualcosa da lei anche dopo e spero che lei riesca a lasciarsi andare. Corro a leggere il seguito!

Recensore Junior
01/05/22, ore 17:51

Eccomi,come promesso sono tornata! Sono effettivamente molto curiosa di sapere come andrà alla fine di questi giorni. Credo tu abbia toccato un nodo che un po’ tutti gli orfani si trovano a dover affrontare, ossia “sarebbe fiero di me se sapesse come sono?”. Quindi molto reale la situazione. Continuo!

Recensore Veterano
01/05/22, ore 00:04

Ciao!
Hayley non è una persona particolarmente sveglia... Questa sua tirata contro Jason stride con la personalità del personaggio. No tanto per come lui si descrive, ma proprio per come si comporta. Un ragazzo talmente schivo da riuscire a nascondere un'amicizia in comune non agisce in quel modo.
Piuttosto io sarei curiosa di fare un paio di domandineal padre. Che ha un comportamento che puzza di bruciato...E pure Becca non mi convince del tutto...
Bha... Hayley è un personaggio controverso.
A presto!
Jean

Nuovo recensore
30/04/22, ore 20:05
Cap. 1:

Complimenti, storia avvincente, rimango sempre con il fiato sospeso e curiosa di leggere il prossimo capitolo. Come oggi, erano due capitoli che non leggevo, ed ora sono qui trepidandante di leggere il prossimo.

Recensore Veterano
24/04/22, ore 08:00

Ciao! Io sono convinta che il padre di Hayley sia complice di Becca... E secondo me stanno arrivando i paparazzi!
Ti è riuscita bene la scena del litigio. Ne ho vissuti di simili.
Comunque secondo me Hayley non riuscirà a separarsi da Jason. Un conto è allontanarsi da una persona a cui sei indifferente, ma se lui ti vuole è tutta un'altra storia.
A presto!
Jean

Recensore Master

Ciao carissima.
Eccomi finalmente, sono tremendamente in ritardo e lo so (cospargo il capo di cenere). Ho letto questo e il capitolo precedente e finalmente constato che il rapporto tra Haley e Jason si è sbloccato. E direi anche: era ora.
In particolare a sbloccarsi è stata Haley: era lei a avere ancora il freno a mano tirato, e a non volersi lasciare andare a quel sentimento che, piano piano, sta nascendo dentro di lei. Però la sua titubanza la comprendo, così come la sua ritrosia a lasciarsi andare del tutto: è perfettamente coerente con quello che lei è, con la sua personalità, la sua storia personale e le sue paure e fragilità, che sono poi anche la parte più bella, vera e sincera di lei, e che me la fanno sentire molto vicina.
Nel capitolo "I tuoi occhi parlano" succedono delle cose molto intime tra Haley e Jason. Dopo quel bacio lunghissimo che si sono scambiati, quasi come se il tempo si fosse fermato e il mondo fuori scomparso, Haley e Jason raggiungono un nuovo livello di intimità, che è quello interiore. Haley si è già confidata su una parte fondamentale della sua vita. E, stavolta, tocca a Jason ricambiare la fiducia che la ragazza ha riposto in lui, così le confida un pezzo di sé, e della sua storia personale. Jason ha avuto una "non famiglia, due genitori troppo concentrati su di sé, e attaccati solo ai soldi, all'apparire, all'avere e al potere. E a colpire è stata la fredda indifferenza con cui Jason ha raccontato quella che è stata la sua famiglia, un po' come se lui fosse così abituato a quello da essersi creato un scudo; quella situazione, che tanto lo aveva ferito quando era solo un bambino, l'ha interiorizzata, razionalizzata e accettata. Paradossalmente, ad esserne più turbata è stata Haley: attraverso quel racconto si è resa conto non solo di essere fortunata perché, benché non abbia più sua mamma, ha ancora suo padre a farle da scudo e proteggerla, una famiglia accanto, ma ha anche compreso quanto, in fondo, Jason si senta solo e quella solitudine sia parte di lui. E Jason è rimasto colpito da quanta fiducia Haley abbia riposto in lui e nella sua empatia: lei ha subito capito che Jason si è fatto da solo, che non è uno attaccato ai soldi, che ha costruito i suoi futuri con le proprie forze, lavorando da che era ragazzo per avere i soldi da investire, così da non dover ringraziare nessuno, da non dipendere da nessuno. Però Jason si sbottona a piccoli pezzi, lui non si apre mai del tutto, centellina quello che ha da dire, si concede poco per volta, e quell'aria di mistero lo rende ancora più affascinante. E mi sono piaciute molto due considerazioni che lui ha fatto.
La prima è quella sul passato. Il passato segna quello che sei, ti modella, ti plasma ma non è tutto. Quello che conta è la persona che sei diventata, indipendentemente dalle esperienze che hai avuto. Certo, il passato c'è sempre nelle pieghe della tua anima, lascia delle cicatrici e quando accanto hai una persona che fa parte della tua vita deve sapere anche ciò che hai vissuto e quanto hanno influito su ciò che sei.
E la seconda è quella sui rapporti. Alla base di essi c'è sempre una reciprocità, non si può mai avere un legame a senso unico. E quando anche ci sono delle incomprensioni, deve esserci la voglia da entrambe le parti di riconciliarsi, di chiarirsi, di ripartire da zero.
Di questo capitolo, inoltre, mi è piaciuto anche che Jason abbia detto ad Haley di avere tempo per conoscersi ancora. Significa, di fondo, quanto per lui conti averla nella sua vita, di come guardi in una prospettiva di costruzione, veda un futuro con lei e abbia la voglia di costruire quel legame giorno dopo giorno. Perché, di fondo, i rapporti più duraturi sono quelli che si costruiscono con lentezza, annusandosi, assaporandosi, scoprendosi poco per volta. Perché l'amore parte anche dalla testa, non solo dal cuore; e quanto più ti doni a piccole dosi, tanto più riesci a legare a te l'altra persona.
Haley, di fronte a questa tacita promessa di un domani non meglio specificato, sente crescere dentro di sé un po' anche la speranza che quel qualcosa duri per sempre, quella carezza sul cuore del sapere di essere importante per qualcuno. E Haley deve ora ammettere a sé stessa quando Jason le faccia bene, e quanto le piaccia stare con lui: Jason le fa perdere la cognizione del tempo, e le fa mettete da parte un po' delle sue ritrosie, è più sciolta, divertente e leggera quando sta con lui.
E, benché il sesso ancora non sia arrivato, credo che, ancora una volta, ci sia stato un momento forse anche più intimo tra Jason e Haley: quello di dormire insieme. Penso che questo gesto sia ancora più familiare, intimo e personale, il condividere il letto, che è un po' iluogo più "intimo" di sé, dormire abbracciati, accuciati, sentire il calore dell'altro, il respiro di questo sul tuo corpo.
Così come ha un valore enorme lo svegliarsi insieme, il condividere gli spazi, quel tepore che ti avvolge quando sei ancora mezzo addormentato e piano piano stai riacquistando le tue facoltà intellettive, ma sei ancora piacevolmente molle e spossato. Ed è così che si apre il capitolo "La goccia che fece traboccare il vaso (o quasi)". In questi capitolo Haley e Jason mi sono sembrati quasi una coppia a tutti gli effetti - e, non a caso, nel suo subconscio, Haley considera già Jason il suo ragazzo. I due si sono svegliati insieme, in quella dolce intimità di una coppia, che si accarezza, si stuzzica di primo mattino e si lascia andare ad una tenera passione, per poi fare colazione insieme. Mi sono sembrati leggeri e spensierati, felici di stare insieme, a proprio agio, divertiti dall'altro e desiderosi di prendersi anche un po' in giro, con leggerezza. Tra di loro si respirava un'aria di familiarità, di quotidianità, come se non fosse una prima volta per loro ma, anzi, un qualcosa che rientrasse nella loro routine. E quel senso di tenero "possesso di Jason verso Haley è toccante, per lei soprattutto; Jason, forse, non se ne accorge ma le sue parole hanno un effetto ammaliante per Haley, che si sente importante per lui. Così come è divertente anche quella leggera gelosia che c'è tra loro e che Jason maschera malissimo. E Haley è un po' stronzetta a provocarlo così, ma lo fa anche perché si sente lusingata da quelle attenzioni.
Ho trovato molto carino far rifare ad Haley e Jason - questa volta insieme - lo stand up paddle, a riprova di quanto non sia l'attività in sé ad essere proibitiva per qualcuno, quanto piuttosto rilevi la persona che è con te: Haley in questo caso, stretta tra le braccia di Jason che la sorreggeva, ha vissuto questa attività in modo più sereno e piacevole, meno disastroso della volta precedente, si è sentita più a suo agio. Piano piano si sta fidando di Jason e anche la passione sta iniziando a farsi strada tra di loro; trattenersi è sempre più difficile da entrambe le parti. Tra battutine e baci infuocati la voglia di aversi sta crescendo di volta in volta, unitamente alla fiducia che Haley soprattutto sta riponendo in Jason. Però, anche se in apparenza è Haley quella più spaventata, dentro di sé lo è anche Jason. Stretto tra le braccia di Haley, Jason si lascia timidamente andare nel dirle quanto lei gli piaccia; ha parlato di istinto, lasciandosi cullare da quella sensazione di benessere, ma subito dopo, capito di essersi esposto, ha avuto timore di aver detto troppo. Perché alla fine, anche Jason, come Haley, ha paura di essere ferito, di non essere ricambiato. Ed è lì che Haley ha capito quanto, ancora una volta, siano simili, quanto le sue paure siano anche quelle di Jason e si lascia andare anche lei nel confidargli di quanto anche lei sia presa da lui.
Perché in effetti quello che stanno provando reciprocamente è destabilizzante, qualcosa di improvviso ma così speciale, unico, una complicità che raramente si riesce ad avere con qualcuno che conosci da così poco. Però si stanno vivendo, quasi come se si stessero un po' aggrappando alla speranza di aver trovato, finalmente, la loro persona.
In tutto questo c'è un "ma". Qualcosa che Jason tiene solo per sé e che non condivide con Haley. Quel qualcosa che è nel suo pc, un qualcosa a cui sta lavorando, che sta scrivendo e sulla quale mantiene il massimo riserbo. E ho la sensazione che questa cosa sarà poi l'elemento di discordia tra i due. Sono sincera: non riesco ancora a farmi una idea di cosa stia nascondendo Jason. Mi verrebbe da pensare che si tratti di qualcosa di lavoro ma, ove fosse così, Haley non potrebbe arrabbiarsi con lui per averglielo tenuto nascosto, perché comunque lavorano per due aziende diverse. E quindi mi viene da chiedermi se si tratti di qualcosa di più personale. Sono super curiosa e vedremo se i prossimi capitoli che ho in arretrato soddisferanno la mia curiosità o ci vorrà ancora un po'.
A presto.

Recensore Veterano
14/04/22, ore 21:03

Ciao! Fialmente si frulla!! XD Era ora! 
Ho trovato il capitolo piutosto veloce da leggere! Penso che in questo caso avresti potuto sviscerare ancora di più l'interiorità dei personaggi, siccome hanno parlato di persone ed eventi significativi delle loro vite. O forse sono io che oggi leggo veloce!
C'è un'altra cosa che non ho capito. D aquanto tempo i due sono nell'appartamento di Jason insieme? Perché da come si svolge la storia sembrerebbe un giorno o due, ma da come parla Hayley sembra molto di più!
Comunque ritengo che dopo un prima volta ci stia sempre una doppietta... Così, tanto per capire meglio cos'è successo! :P
A presto!
Jean

Recensore Junior
11/04/22, ore 20:36

Che super capitolo! Io sono convinta ormai che Jason sia uno scrittore segreto, e questo mi piace un sacco. Onestamente non riesco a immaginare qualcosa che li possa separare, sono curiosa

Recensore Junior

Fantastica la scena del cane, è successo a tutti 😂😂😂! Io penso che lei tra poco molli, non le manca poi tanto. Dai continuo!

Recensore Junior
10/04/22, ore 22:57

Davvero un ottimo lavoro, cara mia! (Sì mi allargo anche se non ci conosciamo 😂). Chapeau, sul serio. Ho apprezzato moltissimo il saliscendi emotivo. Spero solo che lei non se ne penta dopo, ma continuo a leggere per scoprirlo

Recensore Junior
10/04/22, ore 22:22

Lei è fantastica, siamo tutti stati Hayley almeno una volta nella vita. Apprezzo!

Recensore Junior
10/04/22, ore 22:13

Ciao cara,
Mi dispiace aver letto tardi la tua storia, conosco lo sconforto che provi, capita anche a me spesso quando non ricevo nessun feedback, per questo commento tutto quello che leggo, in modo da supportare gli altri.
A me è piaciuto tantissimo questo capitolo, è stato intimo e molto bello. Continuo a leggere!

Recensore Junior
09/04/22, ore 23:40

Onestamente non l’ho trovato privo di interesse. Alcuni capitoli, alcune parti talvolta, devono essere meno densi, secondo me è fisiologico.
Mi piace. Continuerò nei ritagli di tempo a leggere come un topolino 😂

[Precedente] 1 2 3 [Prossimo]