Fumetti/Cartoni americani > My Little Pony
Segui la storia  |       
Autore: Clessidrus    26/11/2021    0 recensioni
Ora che Clessidrus è diventato il cavaliere/fidanzato di Twilight dovrà sempre proteggerla da ogni male.........sopratutto da una misteriosa minaccia.
Genere: Avventura, Comico, Fantasy | Stato: in corso
Tipo di coppia: Het
Note: Missing Moments | Avvertimenti: nessuno
Capitoli:
 <<    >>
- Questa storia fa parte della serie 'Le Grandi Storie Di Clessidrus'
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
Come da tradizione il giorno dopo la festa del solstizio d'estate, tutte le spa di Equestria chiudevano per due settimane e Clessidrus fu entusiasta perché era pronto per una rilassante vacanza, così si incamminò verso la biblioteca con due belle valigie.|

Clessidrus: Non vedo l'ora, due settimane in vacanza alle Isole Di Mane con i miei amici, con Princess Cadance e soprattutto con il mio unico amore è proprio quelle che mi ci volevano per ricaricare le batterie. Dentro a una di queste ci sta il set da zampicure che volevo tanto far provare a Twily, e a Cadance se se sarò fortunato.

|Poi aprì la porta|

Clessidrus: Ragazze, eccomi, sono pronto.

|Purtroppo non c'era nessuno|

Clessidrus: Che strano, ma non è che si sono dimenticati di me?

|Poi sentii dei pianti dalla camera della sua ragazza, ed erano di Spike.|

Spike: Ahimè.

Clessidrus: Spike che ti succede? Perché le altre non ci sono?

Spike: Guarda.

|Poi lesse una lettera che Twilight aveva lasciato sulla scrivania|

Cari Spike e Clessidrus

Purtroppo ci siamo dimenticate di dirvi che le Isole Di Mane sono abitate solamente da puledre e i maschi non sono ammessi, quindi mi duole dirvi che non verrete con noi in vacanza a godervi uno dei centri di relax più belli di tutta Equestria. Spero che ci perdonerete visto che l'abbiamo fatto per il vostro bene.

Baci e abbracci

Twilight Sparkle

PS: Ti prometto Clessy che al mio ritorno passeremo più tempo insieme

Clessidrus: Oh, che peccato.

Spike: Non è giusto. Io ci tenevo tantissimo ad andare in vacanza con i nostri amici, a passare le giornate a divertirci, soprattutto servire e riverire Rarity nei suoi momenti di relax.

|In quel momento al clessidriano gli venne un idea|

Clessidrus: E se ci facessimo una vacanza insieme?

Spike: E' dove? Le agenzie di viaggio sono chiuse, i treni sono in sciopero e per viaggiare in mongolfiera ci vuole il biglietto che non abbiamo

Clessidrus: Oh ma io ho un mezzo che ci porterà tranquillamente in ogni angolo di Equestria.

|Poi passarono per casa sua ed entrarono in cantina, li si vide qualcosa coperto da un telo bianco|

Spike: Eh Clessidrus, non credo che un telo ci permetterà di viaggiare.

|Poi il clessidriano diede un pugno in testa al mio amico|

Clessidrus: No testa di pigna, è quello che c'è sotto al telo il mezzo in questione.

|E lo tolse rivelano una piccola auto simile a quella del mondo parallelo.|

Spike: E' il veicolo più buffo che abbia mai visto.

Clessidrus: Ti prego basta elogi non ne posso più. Ad ogni modo, ho preso spunto da quei veicoli che abbiamo visto in quello strano viaggio che facemmo.

Spike: Però è più piccola rispetto a quei bestioni.

Clessidrus: E' logico, così passerà inosservata nelle strade della città, inoltre non inquinerà visto che è alimentata con dell'ottimo sidro preso direttamente dal Giardino Dolci Mele.

|Poi ebbe un idea, prese un cavo di traino e ci attaccò una roulotte. |

Spike: Che sarebbe?

Clessidrus: Una roulotte. Così potremo dormire dentro la notte.

Spike: E quella sarebbe una roulotte? Sembra tanto il carretto dei gelati di Pinkie Pie.

Clessidrus: E' abbastanza grande per noi due.

Spike: Ma con i tantissimi soldi che tieni, non potevi comprare una roulotte più grande?

Clessidrus: Senti se non vuoi venire in vacanza con me basta che me lo dici.

Spike: Nononono non fa niente.

Clessidrus: Allora dove vuoi andare di bello?

Spike: Mi è sempre piaciuto rilassarmi nelle bellissime spiagge di Baltimare.

Clessidrus: Desiderio esaudito, trascorreremo le vacanze là.

Spike: Solo una cosa.

Clessidrus: Dimmi?

Spike: Mica ci sarà il "terzo incomodo", non so se mi spiego.

Clessidrus: Non ti preoccupare, Discord ha deciso di passare le sue vacanze in una zona sperduta di Equestria.

Spike: Yoo Hoo, allora carichiamo.

|Poi il draghetto prese una montagna di valigie e provò a caricare|

Clessidrus: Fammi indovinare, sono le valigie che Rarity ha lasciato a casa?

Spike: Mi ha detto di prenderne cura, e non posso deluderla.

|Spike gettò le valige così a caso senza un ordine preciso e alcune uscirono dall'oblò della roulotte|

Spike: Incredibile ci stanno tutti.

Clessidrus: Ma non così, lascia fare a me.

|Poi mise le valigie sul tettuccio della roulotte|

Clessidrus: E' molto meglio legarli sopra.

|Poi a causa della differenza di peso, l'auto rimase sospesa a mezz'aria|

Spike: Per dove decolliamo?

|Poi con un po di ordine le misero dentro la roulotte e salirono in macchina|

Clessidrus: E' stata dura, ma c'è l'abbiamo fatta.

|Poi partirono|

Clessidrus: Che bello non sembra nemmeno di avere un carico.

|Poi Spike guardò dietro|

Spike: Eh Clessidrus?

|Si girò e notò che la roulotte si era staccata dal gancio, e si era anche presa metà della carrozzeria della vettura. Poi misero le valigie dentro ad un armadio|

Clessidrus: Lasciamole qui che stanno più al sicuro, infondo dobbiamo portarci solo lo stretto necessario.

Spike: Hai ragione.

|Dopo aver caricato la roulotte partirono per le loro vacanze, dopo un paio d'ore erano quasi arrivati a Baltimare|

Spike: Se riusciamo ad arrivare col chiaro, troveremo un ottimo campeggio.

Clessidrus: Ancora un paio di chilometri e qualche svolta e saremo arrivati.

Spike: Mare, stiamo arrivando!!!!!!!!!!!!

|Seguirono tutte le indicazioni stradali al fine di raggiungere la zona il prima possibile, tuttavia dopo un paio d'ore erano ancora in strada......|

Clessidrus: Non capisco eppure ho letto bene i cartelli.

Spike: Per questo abbiamo perso la strada.

|Poi si fermarono in una piccola zona per riposare|

Spike: Non sappiamo neppure dove ci troviamo.

|E così entrarono nella roulotte|

Clessidrus: Il bello delle roulotte e che dove ti fermi puoi dormire.

Spike: Siamo vicini al mare lo sai, sento le onde.

Clessidrus: E tutta impressione. Buonanotte.

|Così si misero a dormire. La mattina dopo si svegliarono e stranamente sentirono dei rimbombi e fuori non si vedeva niente.|

Spike: Clessidrus sei sveglio?

Clessidrus: Che dormita. Dove siamo?

Spike: Siamo in vacanza, non te lo ricordi. Avevi ragione tu, ieri sera ero stanco, oggi non sento più le onde, fuori è una meravigliosa giornata, è tutto azzurro.

|Poi guardò fuori dall'oblò e capì che in realtà il mezzo si trovava nelle profondità marine|

Clessidrus: Credo che ci sia l'alta marea.

|Nell'aprire il finestrino tutta l'acqua entrò, alla fine capirono che avevano parcheggiato sulla spiaggia e che in nottata la marea si era alzata. Puoi giunse il bagnino che bussò alla porta|

Oregon Trail: Hey furbastri, guardate che sulla spiaggia è proibito campeggiare.

|Poi Clessidrus aprì la porta e il bagnino venne inondato da tutta l'acqua che era entrata nella roulotte|

Clessidrus: Ha ragione, ci scusi per il disturbo, c'è ne andiamo subito.

|Poi ripartirono, e girarono per tutta la città di Baltimare|

Clessidrus: Fortuna che non cerchiamo un albergo, sono tutti strapieni.

Spike: Clessidrus guarda!

|Poi notò un cartello|

Clessidrus: "Campeggio Panoramico Dolce Riposo", a solo due minuti dal mare, che bellezza.

|Così con il macinino percorsero una salita molto ripida e raggiunsero la zona in questione e all'ingresso c'era il proprietario del campeggio|

Clessidrus: Salve, è questo il campeggio con la vista sul mare?

Nightjar: Cosa il mare? Il mare lo si può vedere con il cannocchiale che sta laggiù.

Clessidrus: Ma non siamo a due minuti dal mare?

Nightjar: Certo, il nostro campeggio e attrezzatissimo.

|Poi notarono un campeggiatore che stava usando una catapulta e si sparò in aria raggiungendo subito il mare. Clessidrus guardò dal binocolo e Spike aveva un cronometro.|

Clessidrus: Quanto tempo ci ha messo?

Spike: Meno di due minuti.

Clessidrus: E da qui si vede tutto, questo è il campeggio che fa per noi. Presto parcheggiamo.

|Così parcheggiarono in una zona libera, presero il gommone e si diressero alla catapulta|

Spike: Sei pronto?

Clessidrus: Sono nato pronto.

Spike: E allora via.

|Così Spike azionò la leva e in meno di due minuti atterrarono in acqua.

Clessidrus: Ammaraggio perfetto. Ora dobbiamo solo farci cullare dalle onde.

|Poi notarono alcuni pony che facevano sci-d'acqua|

Clessidrus: Vogliamo provare pure noi?

Spike: Mmmmmmmm perché no.

|Poi Clessidrus cacciò un motore e lo attaccò al gommone, poi si mise degli scii e si tuffò|

Clessidrus: Ok, ci sono quasi. Ecco puoi partire.

Spike: Si parte!!!!!!!!!!

|E così Spike partì, tuttavia a causa della forte velocità Clessidrus si capovolse e rimasi con la testa sott'acqua, così azionò dal cappello un paracadute e spiccò il volo. Tuttavia andò a sbattere contro un aquilone e precipitò al suolo|

Liza Doolots: Quel cattivone mi ha distrutto l'aquilone.

Sea Spray: Come si permette razza di teppista.

|E dopo essersi fatto malmenare dalla signora, il clessidriano ritornò da Spike che era risalito a riva|

Spike: Andiamo Clessidrus, e ora di pranzo, dobbiamo sbrigarci se vogliamo mangiare.

|Così fecero la salita per raggiungere in campeggio|

Clessidrus: Un po di moto ci metterà appetito.

|Poi, mentre salivano, Clessidrus iniziò a leggere i cartelli.

Clessidrus: Spaghetti.

Spike: Clessidrus ho fame, ho tanta fame

Clessidrus: Panini e fieno fritto.

Spike: Clessidrus ho fame, ho tanta fame.

Clessidrus: Sidro.

Spike: Clessidrus ho sete.

Clessidrus: Sidro e dolci, questo campeggio è davvero attrezzatissimo.

|E con molta fatica raggiunsero il posto, e notarono che il proprietario stava schiacciando un pisolino|

Clessidrus: Mi scusi, dove si mangia?

Nightjar: Dove? Vorrà dire "Quando", le cucine hanno chiuso 10 minuti fa.

Clessidrus: Ma noi dobbiamo pranzare.

Spike: Già.

Nighjar: Shhhhhh. E fino alle sedici è obbligatorio parlare sottovoce, pena l'espulsione dal campeggio.

Clessidrus: Va bene, va bene, non vorremo farci buttare fuori il primo giorno.

|E se ne andarono.|

Clessidrus: E poi è giusto che si preoccupino della tranquillità dei campeggiatori.

|Tuttavia a causa delle tantissime tende non riuscivano a trovare la nostra roulotte, così Spike salì sulla testa del suo amico e controllò|

Spike: E' strano, eppure ero sicuro che avevi parcheggiato qui nelle vicinanze.

|Poi Spike riuscì a trovare la nostra roulotte|

Spike: Eccola!!!!!!!!!!

|Tuttavia a causa del suo facile entusiasmo, il draghetto cadde addosso al clessidriano e ovviamente i campeggiatori si lamentarono|

I Campegggiatori: Zitti vogliamo dormire!!!!!!!!!!!!!!!!!!

|Così strisciarono a terra senza fare rumore e raggiunsero la roulotte|

Clessidrus (A bassa voce): Vorrei tanto sapere che ci faceva qui.

|Poi provò ad aprire dolcemente ma la porta scricchiolò|

I Campegggiatori: Silenzio!!!!!!!!!!!!!!!!!!

|Dalla paura Clessidrus saltò addosso a Spike. Poi decisero di aprire velocemente la porta e di entrare e per un pelo non vennero colpiti dagli oggetti vaganti che lanciavano i campeggiatori.|

Spike: Quanto sono suscettibili.

Clessidrus: Dai non te la prendere.

|Poi si misero nei letti a castello, Spike era in cima mentre Clessidrus in basso|

Clessidrus: Un po di riposo ci vuole, per essere il primo giorno ci siamo già strapazzati troppo mio caro.

|Ma dopo pochi secondi.....|

Nighjar: Attenzione, sono le sedici, riprendolo i viaggi per la spiaggia!!!!

|E dalla rabbia Clessidrus mise un cuscino in faccia per trattenersi|

Clessidrus: Non è possibile, dai.

|Intanto alcuni pony passavano attraverso i due oblò aperti della roulotte e Spike se ne accorse|

Spike: Mi è sembrato di veder passare qualcuno.

Clessidrus: Impossibile.

|Poi guardò dall'oblò|

Clessidrus: Ma siamo sulla traiettoria di lancio!

|Così i pony, incuranti del pericolo, si lanciavano con la catapulta e passando dalle finestre della roulotte arrivavano alla spiaggia. Così i due se ne andarono inorriditi dal campeggio.|

Spike: Altro che "Dolce Riposo", abbiamo fatto un "Amaro Riposo" là.

Clessidrus: Lo puoi ben dire.

|Poi il draghetto guardò all'orizzonte e vide un isola.|

Spike: Quanto sarebbe bello andare in quell'isola deserta, li potremmo riposarci in santa pace. Però è impossibile raggiungerla.

Clessidrus: Lascia fare al sottoscritto.

|Poi premette un pulsante e una cupola di vetro venne messa sulla vettura|

Spike: Ma come..............

Clessidrus: Te lo detto che la mia creatura può portarti ovunque.

|Così si immergemmo in acqua e in pochissimo tempo raggiunsero l'isola|

Spike: Che meraviglia, non c'è un anima viva qui.

Clessidrus: Già questo sarà il nostro piccolo paradiso di tranquillità. Qui passeremo meravigliosamente le nostre vacanze.

|Ad un certo punto sentirono delle voci familiari provenire da una piccola barchetta|

Flim: Yoo Hoo, avete voglia di visitare le grotte dell'isola?

Spike e Clessidrus: Flim e Flam.

Clessidrus: Ehhhhhh no grazie.

Spike: Di sicuro è un trucco per spillare soldi a qualcuno.

Flam: Ma ora siamo cambiati, non potremmo mai fare un imbroglio del genere.

Flim: E se salite sopra, invece di otto monete a testa, vene faremo pagare solo quattro.

Spike: Beh è un offerta vantaggiosa.

Clessidrus: Mmmmmmmmmmmm e va bene.

|Così salirono sulla barca dei fratelli unicorni|

Flam: Avete fatto un affare, praticamente pagate una moneta per una grotta.

|Così iniziarono la gita di piacere ed entrammo nella prima grotta|

Flim: Attenzione battaglione, nella Grotta Azzurra entra il barcone.

Spike: Wow.

Clessidrus: Interessante, che bello.

|Poi uscendo dalla grotta e senza che i due potevano accorgersene, la barca fece il giro intorno all'isola ed entrarono di nuovo nella stessa grotta|

Flam: Attenzione popolazione, la prossima è la Grotta Degli Innamorati.

Spike: Wow.

Clessidrus: Interessante, che bello.

|Poi fecero il terzo giro|

Flim: Attenzione turistoni, la prossima è la famosissima Grotta Dell'Eco.

Spike: Wow.

Clessidrus: Interessante, che bello.

|Infine fecero il quarto giro|

Flam: Attenzione boccaloni, l'ultima è la Grotta Del Mistero.

Spike: Wow.

Clessidrus: Interessante, che bello.

|Poi pensò|

Clessidrus: Ma a me queste grotte sembrano tutte uguali.

|Alla fine della gita scesero dalla barca e pagarono.|

Flim: E perché le otto monete che ci avete dato non sono tutte uguali?

|Poi Flim e Flam se ne andarono sghignazzando. Più tardi i due erano su delle sedie a sdraio.|

Clessidrus: Questa è l'ora migliore per gustarsi il Sole più caldo in una giornata leggermente ventilata.

|Tuttavia arrivarono dei turisti.|

Sunburst: Eccoci qua miei cari, questa è la famosissima "Isola Dei Pesci Canterini", un rudere è tutto quello che rimane di un anfiteatro in cui i reali di tutta Equestria venivano ad ascoltare i concerti dei pesci musicisti.

|Intanto in lontananza|

Spike: Ma cos'è questa storia dei pesci canterini?

Clessidrus: Mi sa che questa deve essere un'altra truffa come quella delle grotte.

|Poi i turisti si avvicinarono ai due fecero delle foto|

Sunburst: E qui potete ammirare degli indigeni del luogo che vivono in modo primitivo.

Pampered Pearl: Mamma mia, queste creature sono le più strane che abbia mai visto.

Match Game: Su cara fammi una foto con questi rozzi e primitivi.

|Dopo un paio d'ore in cui i turisti fecero le foto a loro se ne andarono. Dopo che il sole tramontò....|

Clessidrus: Speriamo che sia finita per oggi.

Spike: E' finito anche il Sole.

Clessidrus: Grazie per aver fatto tramontare in anticipo il Sole mammina.

|Poi in lontananza sentirono della musica ad alto volume|

Clessidrus: Oh no si sono aperte le discoteche, prima delle due di notte non si potrà dormire.

|Dopo molte ore, finalmente ci fu solo e solamente il silenzio....|

Spike: Tutto tace finalmente sono andati a letto, buonanotte Clessidrus.

|Ma prima di poter chiudere gli occhi sentirono degli strani rumori provenire dall'acqua|

Clessidrus: E adesso che succede ancora?

|Così si diressero nel posto in cui provenivano i suoni e capirono che erano stati i pesci che cantavano e stonavano in una maniera pazzesca.|

Spike: I pesci canterini non erano una truffa per i turisti, esistono veramente.

Clessidrus: Sarà, però non mi sembrano poi così intonati.

|E così dovettero ascoltare per tutta la notte. Intanto in cielo un alicorno stava posizionando al meglio la luna, ma a causa della mancanza di senso canoro dei pesci perse la concentrazione e fece cadere il satellite in acqua.....|

Princess Luna: Vorrei tanto sapere il babbeo che ha raccontato che i reali apprezzavano la loro musica.

|La mattina dopo i due erano stremati e avevano dormito per un paio d'ore nella zona vicino all'acqua. Fu Spike ad alzarsi per primo|

Spike: Ho dormito solo un po, e tutta colpa di quei stonati di prima categoria.

|Mentre passeggiò inciampò a terra e vide la causa della sua caduta|

Spike: Come se non bastasse mi sono fatto male per colpa di questo stupido zaffiro.

|Poi lo lanciò via e per sbaglio colpì la zucca di Clessidrus.|

Clessidrus: Ehy! sta un po più attento.

|Poi notò la pietra.|

Clessidrus: Che bello uno Zaffiro Stellato, non ne avevo mai visto uno in vita mia, lo porterò a casa, questa è l'unica nota positiva di questa vacanza. Su andiamocene dA qui.

|Così se andarono da Baltimare|

Spike: E' stata davvero una tortura, e non ci siamo proprio rilassati. Di sicuro se fossimo andati in campagna ci saremo rilassati meglio.

Clessidrus: Ideona, se non mi sbaglio siamo nelle vicinanze di Unicorn Range, li staremo tranquilli.

Spike: Evviva, allora che stiamo aspettando.

|Così dopo un bel viaggio si ritrovarono nell'aperta campagna|

Clessidrus: Eccoci in aperta campagna Spike, aria pura e tranquillità. Una vera vacanza per le orecchie vecchio mio, solo il cinguettio degli uccelli.

|Mentre cercavano un posto dove accamparsi, la vettura rallentò fino a quando non si spense del tutto|

Spike: Oh no che succede?

Clessidrus: Mi sa che abbiamo finito il carburante.

Spike: Non hai delle scorte di sidro nella roulotte?

Clessidrus: No perché pensavo che avremo trascorso le vacanze a mare. E adesso che facciamo?

Spike: Aspetta vedo se c'è un posto nei paraggi.

|Così Spike salì su un albero e cercò di vedere un posto nelle vicinanze|

Clessidrus: Trovato qualcosa?

Spike: Ancora niente.................bingo!!!!!! Clessidrus nelle vicinanze c'è una fattoria.

Clessidrus: Grandioso. Potremo stare la per qualche giorno.

Spike: E finalmente potremo mangiare.

|Tuttavia si agitò molto dalla gioia e cadde dal ramo in cui si era messo e sbatté la testa sul suolo|

Spike: Che botta.

Clessidrus: Su non perdiamo altro tempo, andiamo.

|Così raggiunsero in serata il posto ed entrarono nel portone che stranamente era aperto. Intanto Clessidrus lesse un cartello "Fattoria Di Apple Strudel"|

Clessidrus: Che fortuna, è la fattoria di zio Apple Strudel, di sicuro a un membro della famiglia Apple potrà concedere ospitalità.

|Dopodiché il clessidriano bussò alla porta di casa di zio Apple Strudel che vide dallo spioncino|

???: Chi è?

Clessidrus: Zio, sono io Clessidrus.

Apple Strudel: E che cosa vuoi?

Clessidrus: Ecco io e il mio amico abbiamo avuto dei problemi, non è che potremo rimare qui per stanotte.

Apple Strudel: Certo, poi domani decideremo il da farsi. Adessi andate a dormire!!!!!!!!!!!

Clessidrus: Grazie, ben gentile.

|Poi andarono nella roulotte|

Spike: Quel tipo non mi piace.

Clessidrus: L'abbiamo svegliato nel cuore della notte, è stato fin troppo gentile.

|Così andarono a dormire. Dopo un paio di minuti uscì dalla casa un tipo losco che guardò la roulotte|

???: Accidenti, tra tutti i posti che potevano andare, sono venuti proprio qui. Ma so come sistemare la cosa.

|Intanto con un fischio chiamò i suoi scagnozzi|

Prima Ombra: Dicci capo.

|Poi diede degli schiaffi ai suoi compari|

???: Idioti, vi distraete solo per un attimo e fate entrare due intrusi.

Seconda Ombra: Avevamo fare, dopotutto era il nostro spuntino di mezzanotte.

???: Siete due idioti. Adesso state di guardia, non vorrei che qualcuno approfittando del buio volesse scappare. Io intanto vado a far cantare il gallo.

Prima Ombra: Ma è ancora presto per l'alba.

Tipo Incappucciato: Decido io quand'è l'alba.

|E così andò nel pollaio e prese il gallo che stava dormendo|

???: Adesso canta gallo, altrimenti credo che ti farò alla cacciatora con le patate.

|Dalla paura il gallo iniziò a cantare.......|

Clessidrus: Ma è già l'alba?

Spike: Mi sembra di essere appena andato a letto.

|Poi Clessidrus notò che era ancora buio|

Clessidrus: Sì, è ancora buio, ma in campagna ci si alza con il canto del gallo.

|Intanto il canto del gallo era talmente forte che aveva raggiunto il castello di Canterlot, dove una principessa stava dormendo.....|

Princess Celestia: Oh cielo sono in ritardo, spero che i miei sudditi non abbiano notato la mia gaffe.

|Così Princess Celestia con la sua magia fece sorgere il Sole. Tornando alla storia....|

????: Visto ragazzi ci vuole poco a far sorgere il Sole. Tutti gli schiavi davanti a me!!!!

|Mentre il contadino chiamava gli schiavi composti da tre pony terrestri, due pegasus, due unicorni e una puledrina terrestre.|

???: Il Sole è già alto, tutti ai posti di lavoro, iniziamo la produzione. I pony terresti alla produzione di latte, i pegasus alla produzione di lana, e gli unicorni al reparto confezionamento. Mentre tu nanerottola raccogli più mele che puoi perché nel pomeriggio faremo la produzione di sidro. E se mi disubbidirete saprete cosa succederà. Muoversi!!!

|Per tutto quel tempo i pony lavoravano ad un ritmo velocissimo e stavano quasi per svenire, i pony terreste mungevano il latte dalle mucche, i pegasus filavano la lana, gli unicorni confezionavano i prodotti che i pony di terra e i pegasus producevano, mentre la puledrina raccoglieva grandi quantità di mele. Dopo un ora i lavoratori caddero stremati al suolo. Intanto lo zio bussò fortemente la porta della roulotte|

??? : Hey voi due, cosa fate ancora a letto?

|Poi sfondò la porta|

???: Non vorrete dormire tutto il giorno? Fuori, muoversi!!!!!

|Così uscirono dalla roulotte, mentre lo zio li trascinò nel fienile|

???: Allora che cosa volete fare?

Clessidrus: Avevamo intenzione di trascorrere delle vacanze tranquille.

???: Visto che non avete preferenze, vi faccio fare qualche lavoro manuale.

|E li portò nel fienile e li fece vedere delle uova|

???: Drago? Cova quelle uova.

Spike: Scordatelo, ho una mia dignità, non lo farò mai.

|Ma Spike venne preso per la testa e venne fatto sedere delicatamente sulle uova|

???: Zitto e cova le uova.

Clessidrus: Andiamo Spike, dopotutto è una cosa naturale per i draghi.

|Dopo un paio di minuti Spike sentì qualcosa che si muoveva|

Spike: Mamma mia, ma che sono queste, uova con sorpresa?

|Le uova si erano schiuse e i pulcini fecero librare in aria Spike|

???: Adesso giù.

|Ma i pulcini lo disubbidirono|

Spike: Auguri, non è facile farsi ubbidire da questi neonati.

???: Hey pulcini dei miei stivali, non vorrete disubbidirmi appena nati? Ho detto giù!!!!!!!!!!!

|I pulcini dalla paura obbedirono al capo e Spike cadde e rovesciò il latte dal secchio|

???: Bene, bene. Hai rovesciato il latte della giornata. Ci penserà il tuo socio a mungerne dell'altro.

|Così lo zio mise Clessidrus su uno sgabello e dandogli un calcio lo fece arrivare proprio vicino alla mucca|

Clessidrus: Ciao bella mucchina.

???: E non fatevi vedere finché il secco non è pieno.

|Poi se ne andò|

Clessidrus: Allora vediamo un po come si fa. Ah sì mi ricordo, una volta Applejack me lo fece vedere. |

|Poi iniziò a mungere, ma qualcosa andò storto|

Clessidrus: Strano, è come se non avesse più latte.

|Spike intanto provò a disincastrarsi dal secchio.|

Spike: Quel bovino sta boicottando Clessidrus, aiutami così glielo farò mollare io il latte.

|Poi giunse la puledrina|

Apple Mint: Siete dei mostri, la mucca aveva già dato la sua dose giornaliera, è ingiusto chiederle ancora latte.

Red Delicious: Apple Mint calmati, non puoi prendertela con loro.

Apple Mint: Lo so ma non c'è la faccio più a stare alle dipendenza di quell'essere senza cuore.

Red Delicious: Cara pensaci tu.

|Poi una puledra abbracciò la sua piccolina|

Candy Apples: Andrà tutto bene vedrai.

Clessidrus: Possiamo sapere con chi abbiamo il piacere e l'onore di parlare?

Red Delicious: Siamo i dipendenti di questa fattoria. Io sono Red Delicious, lei è mia moglie Candy Apples, mia sorella Apple Brown Betty, le cugine Lemony Gem e Sea Swirl, i cugini Compass Star e High Note, e poi la mia piccola Apple Mint.

Spike: Piacere, e scusami piccola per come ho trattato la tua mucca.

Apple Mint: Acqua passata.

Red Delicious: Ultimamente stiamo vivendo un momento no, il capo ci maltratta ogni giorno. E usa sempre ingiuste forme di sfruttamento

Spike: Ma perché non vi ribellate?

Candy Apples: Per voi è facile dirlo, non avete mai conosciuto Garble.

Spike e Clessidrus: Cosa Garble?!

Sea Swirl: Lo conoscete?

Spike: Sì purtroppo. Ecco perché si era messo il cappuccio.

Clessidrus: Già. Che è successo a zio Apple Strudel?

Compass Star: Proprio tre settimane fa quel trio di draghi è venuto in queste terre e hanno iniziato a fare i comodi loro.

High Note: Apple Strudel si è ribellato, ma Garble l'ha rinchiuso in cantina e ci ha minacciato dicendo che se non lavoravamo per lui lo avrebbe ucciso.

Apple Mint: E' solo un essere senza cuore.

Clessidrus: Ci dispiace, pensavamo che era tutto tranquillo qui, perché non siete scappati ad avvertire le principesse di questo problema.

Compass Star: Cosa credi, noi abbiamo provato a volare via.

High Note: Ma gli scagnozzi di Garble erano più veloci di noi e ci hanno catturato subito.

Spike: Potevate scavare un tunnel.

Lemony Gem: Abbiamo provato anche così ma le guardie con il loro fiuto ci hanno trovato subito.

Candy Apples: Per quanto ci proviamo è impossibile uscire dalla fattoria.

Red Delicious: La fattoria è circondata da reticolati, muri, palizzate, senza contare le guardie. Non sappiamo come fare.

Clessidrus: Mmmm è chiaro che uscire da qui è impossibile. Però potremo far uscire loro.

Spike: Mi dici come faremo?

Candy Apples: Sappiamo che Garble deve uscire per portare le gemme guadagnate nella valle dei draghi, avremo tutto il tempo per organizzare la rivolta.

Clessidrus: Fantastico, io penserò agli scagnozzi di Garble, Spike addestra a dovere le nostre leve.

Spike: Agli ordini.

Clessidrus: Io vado, conto su di te.

|Poi uscì dal fienile|

Spike: Molto bene truppa, abbiamo poco tempo per diventare un ottimo esercito. Prima di tutto organizziamo una banda per le parate, quando un esercito fa bella figura in una parata eccome se avesse già vinto la guerra.................

|Mentre il draghetto addestrava l'esercito Clessidrus, nascosto in un cespuglio, aspettò che Garble uscisse.|

Garble: Ok ragazzi, vado, deposito e torno.

|Poi Garble se ne andò|

Clessidrus : Sono ceto che quei golosi non resisteranno a questo gigantesco smeraldo che ho trovato durante una delle ricerche che ho fatto per Rarity.

|Poi lo agganciò a una lenza e lanciò la gemma al loro cospetto e subito ebbero l'acquolina in bocca|

Dee Dee: Hey, c'è lo pappiamo?

Joey: E se torna Garble?

Dee Dee: Manco se torna tra tre secondi, io quello smeraldo l'ho già digerito.

|Così i due draghi si avvicinarono alla gemma ma prima di acchiapparla Clessidrus tirò la lenza e portò la gemma da lui. Intanto gli amici di Garble avevano fatto capa e capa|

Dee Dee e Joey: Ahia

Clessidrus: Abbiamo i riflessi lenti a quel che vedo.

Joey: Tu razza di parassita, questa c'è la pagherai.

Clessidrus: Venitemi a prendere se ci riuscite.

|E corse via.|

Dee Dee & Joey: Prima divoriamo la gemma e poi divoriamo te.

|Così lo inseguirono per molto tempo, ormai Clessidrus era molto stanco e i due avevano mangiato tutto lo smeraldo, così entrò dentro alla trebbiatrice|

Dee Dee & Joey: Sei in trappola mostriciattolo.

|E così entrarono pure loro nel macchinario, ma il clessidriano uscì subito e si avvicinò alla leva|

Clessidrus: Hey ragazzi, spero che il pranzo che avete fatto non vi vada di traverso.

|Poi azionò la macchina e i due draghi si fecero un bel viaggetto e alla fine uscirono sotto forma di balle da fieno|

Dee Dee e Joey: Mamma mia.

Clessidrus: Eccoli sistemati.

|Poi Clessidrus tornò al fienile|

Clessidrus: Scommetto che Spike ha addestrato bene i ragazzi per la rivolta.

|Tuttavia quando rientrò vidi una cosa agghiacciante. Le ragazze suonavano mentre i maschi cantavano......|

Spike: Che te ne pare Clessidrus? Imparata faremo un figurone.

Clessidrus: Per mille pergamene, che hai fatto? Una band?

Spike: Non hai sensibilità musicale, l'orecchio vuole la sua parte.

Clessidrus: Già, è a Garble?

|Rimasero tutti di sasso|

Clessidrus: Quando ritorna gli cantiamo una canzoncina? E mi meraviglio di tutti voi che gli avete dato corda. Ma basta tergiversare, Garble tornerà a minuti. Presto tutti alla casa.

|Così si diressero nella casa dov'era stato imprigionato Apple Strudel, ma prima Clessidrus spiegò il piano. Intanto Garble ritornò e si rimise il cappuccio.|

Garble: Ma dove sono quegli scansafatiche? Se li becco in cantina ad ubriacarsi con il sidro li faccio allo spiedo. Che strano e tutto così tranquillo.

|Poi entrò in casa|

Garble: E la tavola non è apparecchiata. il pranzo non è pronto.

|Intanto nelle cucine Apple Mint pensò tra se e se|

Apple Mint: E' pronto, è pronto.

|Dopo aver preparato da solo la tavola Garble si sedette, ma non si accorse che era seduto su un sediolino dell'altalena, infatti sotto al tavolo c'era l'altra parte. |

Garble: Voglio mangiare!!!

|Poi entrò Clessidrus vestito da maitre.|

Clessidrus: Il signore ha chiamato?

Garble: Bene, vedo che qualcuno mi è rimasto fedele, che c'è nel menù?

Clessidrus: Oggi mio signore abbiamo toro al salto, uova scappate, mozzarelle di pecora e sidro della casa a volontà.

Garble: Bene non perdiamo tempo, cominciamo con un piatto forte.

Clessidrus: Subito.

|Con un schiocco di dita chiamò Lemony Gem e Sea Swirl che stavano trasportando un toro|

Clessidrus: Ecco a lei il toro al salto.

|Poi le due puledre lanciarono in aria il toro che atterrò sulla pedana dell'altalena, di conseguenza il drago fece un volo e sbatté la testa contro il soffitto per poi cadere stordito e perse anche il cappuccio rivelando il suo volto|

Spike: Un piatto pesante non credi?

Clessidrus: Il pranzo prosegue con le uova scappate.

|E dal cielo i pegasus colpirono Garble con tantissime uova|

Spike: Forse le preferiva sode.

Garble: Come osate, io ve la faccio pagare.

Clessidrus: Adesso è la volta delle mozzarelle di pecora fresche di giornata.

|E i pony di terra lanciarono le mozzarelle contro il nemico che ora era con le spalle al muro, ormai circondato|

Garble: Su non fate così, parliamone.

Clessidrus: Prima mio caro signor Garble si rischiari la voce con dell'ottimo sidro della casa, non vorrà parlare con la gola secca.

|Poi tutti i pony presenti afferrarono Garble e lo misero dentro a un barile di sidro e lo sigillarono|

Garble: Fatemi uscire!!!!

|E con un calcio Clessidrus fece rotolare il barile fuori dalla casa e nello stesso tempo centrò la balla di fieno dove gli altri due draghi erano bloccati e si frantumò|

Garble: Presto filiamocela!!!!

|Alla fine i tre draghi volarono via e non misero più zampa in quelle terre. Più tardi Apple Strudel fu liberato.|

Apple Strudel: Grazie di cuore ragazzi, senza di voi non c'è l'avremo mai fatta. Chiedetemi cosa volete in cambio e io ve la procurerò.

Clessidrus: Beh in effetti qualcosa ci servirebbe.

|Più tardi alcuni pony li aiutarono a fare il pieno di carburante alla vettura, mentre altri caricarono la roulotte con 3 barili di sidro|

Apple Strudel: Spero che questi barili vi bastino.

Clessidrus: Grazie di cuore zio, ci rivediamo presto.

Red Delicious: A nome di tutti noi vi ringraziamo per averci aiutato in questa situazione difficile. Da domani potremo tornare alla solita routine lavorativa.

Apple Strudel: Io non ne sarei così sicuro.

Candy Apples: Che volete dire?

Apple Strudel: Che da questo momento la fattoria inizia un mese di vacanze, dopo il modo in cui vi hanno trattato e il minimo che possa fare.

Tutti i pony: Evviva!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Clessidrus: Sarà meglio andare, grazie di tutto, abbiamo fatto una bella esperienza.

Apple Mint: Spike?

Spike: Dimmi.

Apple Mint: Volevamo ringraziarti per quella bella canzone che ci hai fatto imparare.

|Poi gli diede una gemma|

Apple Mint: Tieni, un piccolo regalino per non scordarti di noi.

|Poi la puledrina gli diede un bacino sulla guancia|

Clessidrus: Chissà cosa dirà Rarity quando gli dirò della tua nuova cotta.

Spike: Tu provaci soltanto e dirò a Twilight che tu la spii nel bagno ogni mattina alle sette.

|In quel momento Clessidrus diventò rossissimo.|

Spike:E adesso mi mangerò questa bella delizia.

|Poi la addentò ma si fece male ai denti|

Spike: Questa gemma è stantia, non riesco a romperla.

|Poi la gettò via, ma Clessidrus la prese da terra e rimase felice del souvenir|

Clessidrus: Che bello, questo è un Quarzo Citrino, molto bello e soprattutto molto raro.

Apple Mint: Lo rubato a Garble mentre dormiva qualche notte fa.

Clessidrus: Dovrei restituirla secondo te Spike.

|Dopo un paio di secondi............|

Clessidrus e Spike: No.

|Così ripartirono, e dopo un paio d'ore mentre erano in strada.....|

Clessidrus: E' così abbiamo già trascorso metà ferie mio caro.

Spike: E io non sono ancora riuscito ad usare la canna da pesca.

Clessidrus: A mare non torno.

|Poi il draghetto vide qualcosa nei pressi delle Cascate Del Neighagra|

Spike: Ehy vicino alla zona delle cascate c'è un lago, andiamo a pescare^

Clessidrus: Va bene.

|Così girando verso destra presero un sentiero che li porto direttamente al lago|

Spike: Tu sai che zona è questa?

Clessidrus: Certo, questo è il Lago Maretoba. Ahhhhhhhhhhh la zona è sia tranquilla è silenziosa. Sono sicuro che qui finalmente troveremo un po di pace.

|Poi parcheggiarono la vettura, presero le canne da pesca e si diressero nella loro postazione|

Spike: Da oggi si mangia pesce.

Clessidrus: Fidati, oggi mangerai come un re grazie al sottoscritto. So tutto sulla pesca, esca preferita mollica di pane.

|E prese dal cappello un pezzo di pane|

Spike: Davvero? Allora ti propongo una gara. Tu userai come esca il pane, mentre io questa.

|Poi il draghetto prese uno scatolino e lo aprì, dentro c'era un verme da pesca.|

Clessidrus: A me sembra un normale verme da pesca.

Spike: Sei proprio un ignorante. Lui è Slick, uno dei vermi da pesca più premiati da parte dell'Ordine Dell'Esca, mi hanno detto che è in grado da solo di catturare oltre cento pesci.

Clessidrus: Accetto la sfida.

|Così la garà iniziò.

Spike: Ok Slick attaccati alla lenza, è ora di lavorare.

|Lui lo fece ma poi ebbe paura dell'acqua e si rintanò nella scatola.|

Spike: Forse è molto timido.

Clessidrus: O forse ha paura dell'acqua. Io comincio a pescare con il pane, ok.

|E il clessidriano si mise a pescare|

Spike: Slick se non esci immediatamente, ti denuncio all'Ordine Dell'Esca.

|Il verme uscì subito e si agganciò|

Spike: Molto bene, così va meglio. Adesso datti da fare, non voglio perdere la gara.

|E così Spike lanciò l'esca, tuttavia il verme appena vide un pesce gigante si spaventò e tirò la lenza|

Clessidrus: Oh no.

Spike: Oh sì, i pesci abboccano, abboccano.

|Tuttavia quando tirò la lenza, ma su di essa non c'era niente, solo Slick che dalla paura se ne ritornò nella scala|

Clessidrus: Secondo me l'unico che ha abboccato sei tu quando hai creduto alla storia del verme campione.

|E Clessidrus rise un pochino.|

Spike: Ride bene chi ride per ultimo. Mi avevano avvertito che aveva un carattere difficile e così mi hanno venduto anche il rimedio.

|Poi Spike prese uno stereo e aggiunse una cassetta e prese un poema|

Clessidrus: Devo smetterla di portarti nei negozi a fare spese, sei un cliente troppo facile da imbroiare.

|Intanto Spike recitò il poema.|

Spike

Vermicino vermicello
Vieni fuori dal castello
Caccia via la sonnolenza
Attaccandoti alla lenza

Vermicino esci esci
Che ti aspettano tanti pesci
Per le mele con i bignè
Salta fuori e fatti in tre

Come premio avrai funghi al cioccolato
Tantissimi coni gelato
E un grossa girella
Con moltissima cannella

Il lavoro non è male
L'acqua del lago è senza sale
E pescare è molto bello
Vermicino vermicello

|Slick venne ipnotizzato e si attaccò alla lenza|

Spike: Benissimo ha funzionato. Adesso ci divertiamo.

|Poi il draghetto gettò il verme in acqua|

Clessidrus: La vittoria non può sfuggirmi. Più tardi invita anche il tuo Slick a mangiare dell'ottimo pesce pescato.

|Durante il periodo di pesca, Slick notò che il lago era tutto sporco, pieno di rifiuti, poi vide i pesci che erano attirati dal pane ma li fermò subito e mise un cartello, "Una mollica in cambio di una cianfrusaglia". Così ci fu il baratto, poi il vermetto astuto mise tutto nella rete, la attaccò alla lenza di Clessidrus e iniziò a tirare|

Spike: Oh no.

Clessidrus: Oh sì mio caro, la vittoria è mia.

|Poi portai la lenza in superficie e vide il bottino|

Clessidrus: Ma cosa?

Spike: Ecco da dove vengono le cianfrusaglie che tieni a casa.

|Rise il draghetto, poi notarono il verme in cima a quella roba|

Clessidrus: Mi sa che Slick stia ripulendo il lago.

Spike: Ma il nostro pranzo?

Clessidrus: Se vuoi ci possiamo fare un brodo di latta o magari delle galosce al burro.

Spike: Io con la pesca ho chiuso.

Clessidrus: Sinceramente il pesce non mi piace molto, e tutte queste cose te le regaliamo Slick, senz'altro troverai il modo di usarle.

Spike: Puoi sempre aprire un negozio di antiquariato.

|Così c'è ne andarono e salutarono il vermetto.|

Clessidrus: Se non si monta la testa, quel verme potrebbe diventare un pezzo grosso del lago, dico bene Spike?

|Poi notò che era rimasto imbambolato davanti a un cartellone "Noleggio Pedalò"|

Spike: Mi è sempre piaciuto fare un giro su quei cosi.

Clessidrus: E allora facciamolo.

|Così noleggiamo il veicolo e lo provarono.|

Spike: Allora che ne pensi?

Clessidrus: Questa sì che è vita!

|Mentre percorrevano il lago sentirono dei pony....|

Lucky Clover e Caramel: Fermi! Tornate indietro! E' pericoloso!!!

|Ma da quella distanza non sentirono niente|

Clessidrus: Guarda ci salutano.

Spike: Che gente simpatica.

Clessidrus: Già, in questo paese sono tutti così gentili.

|In realtà i pony li volevano avvertire che stavano per avvicinarsi ad una cascata e alla fine precipitarono e furono pescati da un pescatore che era nella zona|

Derpy Hooves: Sono i pesci più brutti che abbia mai visto.

Dr.Hooves: Già, dove andremo a finire con queste acque inquinate.

|Più tardi i due si asciugarono...|

Clessidrus: Beh dopotutto un bagno in estate rinfresca sempre.

Spike: Clessidrus, con una vela e un timone non saremo finiti nella cascata.

Clessidrus: Mmmmmm mi hai fatto venire un idea. Diamoci alla vela.

|Così noleggiarono una barca a vela e andarono a largo.....|

Clessidrus: Prima di tutto bisogna raggiungere una zona aperta. Secondo punto, bisogna alzare la vela.

|Poi tirò una corda ma stranamente si alzò Spike che rimase a testa in giù|

Spike: Aiuto! Non sono una vela!!!

Clessidrus: Opsie, che sbadato ho tirato la fune sbagliata.

|Poi lasciò l'altra facendo cadere Spike e prese l'altra e l'alzò.|

Spike: Potevi pensarci prima.

Clessidrus: Adesso vediamo da che parte tira il vento.

|Il vento soffiò e la vela si girò colpendo il clessidriano dietro la testa che cadde in acqua|

Clessidrus: A destra, non c'è dubbio.

|Così risalì sulla barca, e dopo un paio di minuti i due rimasero immobili|

Spike: Clessidrus la vela non si muove.

Clessidrus: Il mio intuito mi dice che sta arrivando il vento.

|La vela si girò tutta ma stavolta il clessidriano si abbassò in tempo per scansarla|

Spike: Clessidrus ma sai controllare una barca a vela?

Clessidrus: Ma certo vedrai che prima o poi ci muoveremo.

Spike: Ma non possiamo restare qui seduti per sempre.

|Poi prese la fune che teneva sulle zampe|

Spike: Perché non leghiamo la vela.

Clessidrus: Buona idea, sei proprio un bravissimo allievo Spike.

|Poi legò la corda e arrivò il vento che mosse la vela e il clessidriano per poco con cadde in mare|

Spike: Evviva ci stiamo muovendo.

Clessidrus: E' logico questa è una vecchia tecnica da veri lupi di mare mio caro.

|Poi riuscì a ritornare in barca, tuttavia il vento era talmente potente che rovesciò la barca. Poi risalirono sopra alla barca capovolta....|

Spike: Scusami Clessidrus, è questa manovra come si chiama?

Clessidrus: E' l'antica manovra dell'aiuto!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

|Poi il drago vide un battello.|

Spike: Un battello, siamo salvi.

|Così inviarono aiuto al capitano del battello che li fece salire, e gli raccontarono cosa successe.....|

Clessidrus:........naturalmente avevamo già percorso più di quaranta chilometri quando il mio nostromo ha voluto come al suo solito strafare.

Brass Blare: Già, sono incidenti che possono capitare anche a navigatori esperti come voi.

|Poi il battello si fermò davanti a un castello|

Clessidrus: E' quello cos'è?

Brass Blare: Il "Castello Della Sventura", visitatelo con calma, vi verrò a riprendere tra un ora.

|Così scesero dal battello ed entrarono nel castello, non prima di passare per il botteghino il cui gestore si chiamava Frank.|

Frank: Siete proprio sicuri di voler entrare? Non avete letto i cartelli?

|Infatti c'erano molti cartelli con scritto "Pericolo", "Via Di Qui", "Vietato L'Ingresso Ai Gatti"|

Clessidrus: Perché non dovremo? Sembra interessante.

|Così il custode diede i biglietti|

Frank: Allora fate in fretta finché è in piedi. Qui crolla tutto.

|E poi iniziarono la loro visita|

Spike: Te lo dico io, quello è un pessimista.

Clessidrus: Quello cerca di scoraggiare le visite per lavorare di meno.

Spike: Che razza di pigrone.

|Intanto il botteghino andò in frantumi e il povero Frank rimase con solo lo sgabello. Poi salirono le scale....|

Clessidrus: Andiamo sbrigati, ho fame di cultura.

Spike: Adesso che ci penso anch'io ho fame, ma un piatto di cultura non lo mai assaggiato.

|Così entrarono in una porta e quando la chiusero cadde a terra|

Clessidrus: Mmmmmmmm questo castello ha un aria strana.

Voce fuori campo: Posso esservi utile?

|In quel momento Spike si spaventò e salì sulla testa di Clessidrus|

Spike: L'ho visto è stato lui a parlare.

|E mi indicò un quadro raffigurante un draconequus simile a Discord.|

Clessidrus: Ma per favore Spike, non vedi che è solo un vecchio quadro.

Quadro: Bada a come parli giovanotto.

Clessidrus: Hehehe mi scusi.

Spike: Potrebbe indicarci l'itinerario della visita?

|Poi il quadro indicò la strada|

Quadro: Sempre dritti.

Clessidrus e Spike: Grazie ben gentile.

|Poi se ne andarono, tuttavia il quadro stava per cadere|

Quadro: Oh no, non dovevo muovermi. Lo sapevo!!!!!!!!

|E il ritratto cadde a terra, intanto ii due passarono per una stanza molto polverosa|

Clessidrus: Va bene rispettare l'antico, ma almeno un pulizia la potevano dare.

|Poi entrarono in una stanza piena di polvere e ragnatele|

Clessidrus:Guarda questa sala, potrebbero affidare a qualcuno le pulizie.

|Poi sentirono dei passi, era un armatura di metallo senza nessuno dentro e venne verso di loro che si spaventarono. |

Armatura: E invece per risparmiare le hanno affidate a me, che con i miei millecentoventicinque anni mi sento arrugginito.

Spike: Amico questo castello non mi piace.

Armatura: A chi lo dici. |

Poi estrò dal suo foderino la sua arma.........lo spolverino|

Armatura: Ma la mia età dove posso andare? Assumono solo personale giovane.

|Poi salì su uno scaletto e pulì il soffitto|

Armatura: E inoltre non ho referenze dato che le mie sono morte da più di mille anni.

|Poi l'armatura cadde dallo scaletto e andò in mille pezzi|

Clessidrus: Non dovrebbe andare in pensione?

|Poi l'armatura piano piano si ricompose|

Armatura: Buona questa. Il giorno che mi pagheranno gli arretrati mi compro tutto il castello.

Spike: Beh sarebbe un buon investimento. Anche perché qui non ci sono i fantasmi.

Armatura: Invece sì, sono nella sala accanto quegli scocciatori. Ogni giorno rendono questo posto molto caotico. Andate, appena possono spaventare qualcuno sono tutti contenti.

Clessidrus: Vi prego, non ci sono fantasmi qui.

Armatura: Ci sono, hahahahaha ci sono,hahaha!!!!!!!!!

|Poi l'armatura se ne andò continuando a sghignazzare. I due proseguirono la visita...|

Clessidrus: E io alla mia età dovrei credere ancora a questa storia dei fantasmi? Mi fate ridere fantasmi. Aprite bene le orecchie......

|Intanto Spike vide dei fantasmi che porsero le orecchie|

Clessidrus: Mi fate ridere fantasmi!!! Hahahaha !!!!!!!!!

|Poi il draghetto si mise dentro al suo cappello|

Spike: Clessidrus, ci sono fantasmi!!!!!!!!!

|Poi lo recuperò da la dentro.|

Clessidrus: Ti prego Spike, quante volte dovrò dirtelo, i fantasmi non esistono.

Spike: Ma-ma-ma-ma.................

Clessidrus: Ti stai comportando da vero draghetto nervosetto.

|Intanto i fantasmi fecero delle boccacce a Spike|

Spike: Clessidrus, allora facciamo così.

|Poi chiuse gli occhi|

Spike: Conta fino a tre, voltati, e dimmi cosa vedi.

Clessidrus: Ok, uno, due e tre.

|Poi si girò ma non c'era niente|

Clessidrus: Di fantasmi non c'è ne. Andiamo fai come me.

Spike: Ok.

|Poi i fantasmi ricomparirono ed erano in tre.|

Spike: Uno...due....tre, Clessidrus sbaglio o ti stanno facendo saltare?

|Infatti due fantasmi usavano il terzo come tappeto elastico e lo fece saltare....|

Clessidrus: Aiuto i fantasmi!!!!!!!!!!!

|Così fuggì e si portò dietro Spike e i due scapparono e provarono a nascondersi, ma in qualsiasi posto in cui si mettevano loro li trovavano sempre, prima dentro a un vaso, poi dentro a un bagno, ed infine entrarono in una cantina buia, così accesero un fiammifero e capirono dove si erano nascosti....|

Clessidrus: Mamma mia, siamo finiti ne deposito dei fuochi artificiali per la festa del paese, se quegli scalmanati...........

|Tuttavia uno dei fantasmi prese il fiammifero|

Fantasma 1: Ti dispiace?

|Poi il secondo lo prese|

Fantasma 2: Ti dispiace?

|Poi il terzo lo prese|

Fantasma 3: Ma certo che gli dispiace.

|Poi accese un razzo|

Clessidrus: Oh mamma.

|E così si creò un gigantesco disastro pirotecnico che portò all'esplosione dell'intero castello, di esso rimasero solo le rovine, per fortuna Clessidrus creò una bolla magica per proteggere lui e Spike dall'eplosione, e i fantasmi risero tantissimo.|

Clessidrus: Non pensate di aver esagerato un tantino?

|Poi i tre gli diedero ascolto|

Clessidrus: Va bene l'allegria, ma adesso dove andrete a vivere? Senza contare che lasciate senza una casa un giovanissimo quadro.

Quadro: Già.

Clessidrus: Un armatura medievale.

Armatura: Vero.

Clessidrus: E un custode con almeno un secolo di onesto servizio

Frank: Un secolo è mezzo per essere precisi.

Clessidrus: Vergogna, vergognatevi.

|E i tre piansero|

I Tre Fantasmi: E non potremo più cantare!!!!

Spike: Poverini, infondo dovremo aiutarli.

Clessidrus: Beh non sarà facile trovare una casa a dei tipi così particolari.

|Mentre pensò, sentì il rumore del battello che stava per venire a riprenderli ed ebbe un idea.|

Brass Blare: Lo sapevo, perché i turisti devo sempre prendersi delle pietre come souvenir?

Clessidrus: A dire la verità non è andata così capitano. A proposito vorremo imbarcare alcuni amici.

|Poi i mostri del castello salutarono|

Brass Blare: I mostri del castello!!!!

Clessidrus: Capitano non faccia così, sono esseri pacifici, e possono tornare utili al suo lavoro. Ad esempio Frank potrebbe fare il controllore, l'armatura sa fare delle ottime pulizie, il quadro potrà metterlo nella sua cabina, e i fantastici fantasisti fantasmi rallegreranno le serate del suo battello.

Brass Blare: Ma quanto mi costerà tutto ciò?

Spike: Gratis, per tutta la vita e oltre!!!

Brass Blare: Ok, su salite a bordo.

|Così tutti quanti salirono nel battello, tranne Clessidrus che notò tra le macerie del castello una strana pietra|

Spike: Clessidrus, muoviti dobbiamo andare.

Clessidrus: Aspetta, ho notato una cosa.

|Poi la prese|

Clessidrus: Incredibile, questa è una gemma favolosa. E' una rarissima Tsavorite, la terrò come souvenir di questa esperienza.

Spike: Questa tua mania per le pietre preziose deve finire.

Clessidrus: Lo dici solo perché non le puoi mangiare.

Spike: Ti odio quando hai ragione.

|Così salirono sul battello e dopo un breve viaggio tornarono al veicolo, e dopo aver salutato i loro nuovi amici, partirono di nuovo.....|

Clessidrus: Io del lago ne ho avuto abbastanza, pensavo che ci saremo rilassati e invece ci è capitato di tutto.

Spike: Torniamo a casa allora?

Clessidrus: No, ci rimane ancora una settimana di vacanze. Ormai le abbiamo provate tutte......tranne la montagna!

Spike: Mmmm proviamo.

|E così si diressere verso le Montagne Di Cristallo, tuttavia durante il viaggio bucarono una vuota.|

Spike: Che succede?

Clessidrus: Per Celestia e Luna, abbiamo bucato una gomma. Animo vecchio mio, la cambieremo in un baleno.

|Così Clessidrus prese dal portabagagli una ruota di scorta, tuttavia inciampò e fece rotolare via la ruota. La inseguì e alla fine la trovò che la teneva come collare una mucca|

Mucca: Quuuuuuuuuanto sono bella così.

|E gliela sfilò subito|

Clessidrus: Mi dispiace ma questa mi serve.

|E se ne andò|

Mucca: Nuuuuuuuuuuuu.

|Intanto....|

Spike: Ehy Clessidrus, ho pronto il cric.

Clessidrus: Sei sicuro di saperlo usare Spike?

Spike: Mi credi un pappa molla?

|Poi lo azionò|

Spike: Per queste cose ci vogliono i muscoli.

|Tuttavia non notò minimamente che invece della vettura stava sollevando Clessidrus.|

Clessidrus: Invece di usare i muscoli Mr.Equestria perché non usi un po più di cervello?

|E gli lanciò la gomma in testa e lo intontì-|

Spike: Sarà l'aria di montagna ma mi sento la testa un tantino pesante.

|Dopo un paio di minuti ......|

Clessidrus: Prima di azionare il cric, ti devi assicurare che il veicolo si sia agganciato bene.

|Poi azionò il cric, tuttavia durante la sua spiegazione non mi rese conto che aveva ribaltato la vettura|

Spike: Agganciata l'hai agganciata, ma in quanto a cervello non ne hai usato molto nemmeno tu mio caro.

Clessidrus: Ma di che cosa stai parlando? Questa è la posizione ideale per cambiare una ruota.

Spike: Ma ceeeeeeeeeeeeerto.

|Così dopo un paio di minuti sistemarono la ruota|

Clessidrus: Adesso dovremo solo ribaltarla. Mmmm ma come?

|Poi vide nelle vicinanze la mucca di prima, chiamò la mucca e gli propose un cambio. Se lei ribaltava la vettura lui gli avrebbe dato la gomma bucato. Il bovino li aiutò e ricevette il suo premio.|

Clessidrus: E adesso proseguiamo il nostro viaggio.

Spike: Ma come faremo ad andare in montagna?

Clessidrus: Basta seguire quel sentiero.

Spike: No, intendevo come faremo ad andare in montagna se siamo solo attrezzati per il mare e il lago? Insomma non possiamo andare fin lassù a duemila metri con costumi da bagno e sandali.

Clessidrus: Sai che non ci avevo pensato.

|Ad un certo punto scese dalla montagna una carrozza trainata pony di terra che si fermò proprio vicino a loro, poi due pony di cristallo scesero da lì|

Crystal Arrow: Scusate ragazzi, per caso state per andare sulle Montagne Di Cristallo?

Spike: Sì, perché?

Autumn Gem: Noi stiamo scappando dalla montagna e vorremmo andare a mare, ma abbiamo solo attrezzature per la montagna. Non è che potremo fare un cambio.

Clessidrus: Questa si chiama coincidenza.

Spike: Lo puoi ben dire.

|Così fecero questo baratto, la coppia prese tutte le loro attrezzature da mare, mentre i due vacanzieri presero la loro attrezzatura da montagna.|

Crystal Arrow: Grazie di tutto amici, e buon divertimento in montagna.

|Poi la loro carrozza partì e se ne andò|

Clessidrus: Ciao ciao.

Spike: Perché quelli fuggivano dai monti.

Clessidrus: Sprovveduti, la vita di montagna è fatta per creature forti, per chi ama la natura, la solitudine e la tranquillità.

Spike: Davvero?

Clessidrus: Me la detto Rainbow Dash, e lei non mi direbbe mai una bugia, di questi tempi pochi preferiscono stare la.
Sono certo che finalmente troveremo quella pace che stiamo cercando.

|Poi partirono ma stranamente la vettura andò in retromarcia|

Clessidrus: Ma che succede?

|Poi videro che in realtà c'era una capra di montagna che spingeva il macinino.|

Spike: Ma che bell'animaletto.

|Poi scese dalla vettura e andò ad accarezzare la bestiola|

Spike: Sei proprio una simpatica capretta.

|Poi la capra caricò e colpì Spike che andò a finire sulla cima di un albero. Clessidrus si avvicinò per capire cosa voleva dire la capra....|

Clessidrus: Il Dottor Caprone ha ragione, non si può offenderlo chiamandolo "simpatica capretta".

Spike: Appena scendo da qui te la farò pagare caprone dei miei stivali.

|Ovviamente la capra si arrabbiò....|

Clessidrus: Stai calmo, non voleva offenderti, è sempre burbero con gli animali. Spike raccogli dei fiori come gesto di pace e poi scendi.

Spike: Ricevuto.

|Spike scese dall'albero e prese i fiori mentre Clessidrus fece le presentazioni|

Clessidrus: Spike, ho il privilegio di presentarti il Dottor Caprone.

Spike: Dottore? Vorrei tanto vedere la laurea io.

|Poi notò che la capra lo guardò storto e lui dallo spavento gli diede i fiori che si mangiò.|

Clessidrus: Lui è un piccolo orfano errante, e ha deciso di farci da guida fino in vetta, in cambio di 3 pasti al giorno. Su andiamo la montagna ci aspetta.

|Così il clessidriano e la capra salirono, mentre Spike era ancora arrabbiato|

Spike: Uno scroccone affamato, dovevo immaginarmelo.

|A quel punto proseguirono il viaggio, mentre il loro nuovo amico stava mangiando un sandwich con giunchiglie e margherite|

Spike: Mi sa che il tuo amico abbia appetito.

Clessidrus: Forse è l'aria di montagna.

|Poi si fermò perché la strada era bloccata causa caduta massi|

Spike: E adesso cosa facciamo?

|A quel punto la capra scese e con la sua forza riuscì a liberare il passaggio|

Clessidrus: Bravo.

Spike: Questo caprone deve essere laureato in forza bruta.

|Così proseguirono il nostro viaggio e verso sera arrivarono nei pressi di un rifugio|

Clessidrus: Che bello, potremo fermarci qui.

Spike: Già, sembra molto accogliente, ma credo che sia strapieno, guarda quanti zaini ci sono fuori.

|Poi la capra di montagna scese dalla vettura tutta arrabbiata e andò nel rifugio.|

Spike: Che ho detto? Non mi sembra di averlo offeso questa volta.

|In realtà la bestia caricò ed entrò nel rifugio, poi si sentirono dei forti rumori, come se si stesse facendo del wrestling|

Clessidrus: Sembra che il Dottor Caprone sia molto conosciuto da queste parti.

|Poi videro tutti gli ospiti che c'erano dentro che scappavano a zoccoli levati|

Spike: Eh già, ma mi sembra che non sia visto di buon occhio però.

Clessidrus: Almeno ci ha liberato il rifugio.

|Quando entrarono videro la capra che aveva un tovagliolo al collo e un piatto|

Spike: Il tuo amico forse ha un po di fame.

|Così iniziarono a preparargli la cena|

Clessidrus: O sole mio!!!!!!!!!!

Spike: Ha già mangiato cinque chili di pasta, due chili di frittura all'italiana, otto pizze e ha ancora fame. Questo non è appetito, è fame disperata.

Clessidrus: Non fare così, dopotutto è stato gentile con noi, è il minimo che possiamo fare e dargli il vitto.

|Poi sfornò l'ennesima pizza margherita e il drago la consegnò alla capra|

Spike: Ecco qua la sua nona pizza.

|E lui mangiò.|

Spike: Ma riuscirà a dormire stanotte, con questo spuntino sullo stomaco?

|Più tardi andarono a dormire, ma non riuscirono a prendere sonno perché la capra russava tantissimo, peggio di un grizzly, a quel punto uscirono dalla capann....a|

Clessidrus: Forse è meglio dormire in roulotte, lì staremo senz'altro più tranquilli.

Spike: In un sacco a pelo al calduccio.

|E così entrarono nella roulotte e dormirono beatamente, purtroppo in nottata si scatenò una classica nevicata e rimasero congelati. La mattina dopo la capra di montagna uscì dal rifugio e li recuperò, erano diventati dei cubetti di ghiaccio, poi entrando nel rifugio li mise in una pentola che era sotto al fuoco e si scongelarono, mentre il cucciolone dormiva beatamente vicino alla fuoco|

Clessidrus: Capperi mi ero dimenticato che siccome siamo vicini ai ghiacciai dell'Artico la temperatura di notte di queste zone si abbassa fino ai venti gradi sotto zero. Meno male che il caprone ci ha salvati dal congelamento.

Spike: Presto andiamo via da qui, prima che ci rimetta a cucinare.

|Così piano piano se ne andarono fuori ben coperti|

Clessidrus: Ha fatto proprio una bella nevicata, c'è abbastanza neve che possiamo sciare. Che bello non ho mai fatto sci in vita mia. Tu invece Spike?

Spike: Scherzi, io sono un drago in questa specialità. Se vuoi posso farti da istruttore.

Clessidrus: Davvero? Forte, pendo dalle tue labbra maestro.

Spike: Molto bene giovane clessidriano, ti mostro come si scia.

|Poi si mise gli sci|

Spike: E' semplice, basta che metti gli sci paralleli e parti.

|E così Spike partì ma si era diretto nella zona più ripida della montagna e si stava dirigendo verso un precipizio|

Clessidrus: Oh no Spike!!!

Spike: Aiuto! Questa è la fine!!!

|Ma prima che potesse cadere venne salvato dal caprone che gli diede una bella incornata e lo fece cadere proprio nel punto in cui era partito|

Clessidrus: Meno male sei salvo. Grazie Dottor Caprone.

Spike: Però la prossima volta fai più piano.

|Poi notarono che la capra stava sciando e anche in maniera veramente elegante|

Clessidrus: Accipicchia, il Dottor Caprone è anche un grandissimo sciatore.

Spike: E' logico, le corna gli danno molta aerodinamicità, anch'io se le avessi farei faville

Clessidrus: Suvvia Spike, non essere invidioso.

|Ad un tratto la capra andò a schiantarsi contro un ristorante|

Spike: Ti sta bene, razza di presuntuoso.

Clessidrus: Non credo che ci sia finito per caso laggiù.

|Dopo un paio di minuti giunse il proprietario del ristorante|

Hors D'oeuvre: Quella bestiaccia mi ha detto che siete i suoi proprietari.

|Poi fece vedere una lista lunghissima|

Hors D'oeuvre: Questo è il conto di tutto quello che sta mangiando, se continua così mi finirà i rifornimenti, sono rovinato.

|E Clessidrus pagò|

Clessidrus: Ecco qua i i soldi, c'è anche un extra al patto che lo tenga rinchiuso nelle cucine per tutto il giorno. Andiamo Spike, sta cominciando a diventarmi antipatico.

|E così se ne andarono. Presero la vettura e si diressero in un altra zona, poi il clessidriano rimase affascinato da una cosa|

Spike: Clessidrus, tutto bene?

Clessidrus: Stavo pensando che ne dici di raggiungere la vetta, là c'è una funivia, saremo la nel giro di un paio di minuti. Ho sempre sognato di arrivare fino al picco più altro e dire "Sono il sovrano di tutta Equestria!!!!!!". Allora che ne pensi?

Spike: E va bene, purché la smetti di urlare, mi hai fatto venire mal di testa.

|Così parcheggiarono la vettura e presero la funivia e dopo poco tempo raggiunsero la zona|

Haymish: Fine corsa da qui si prosegue a piedi.

Clessidrus: Un po di roccia non ci farà male. Grazie, ben gentile.

Haymish: Arrivederci.

|Così passeggiando.....|

Spike: Una curiosità, dopo che avrai fatto tutto questo ambaradan che faremo?

Clessidrus: Beh ci godremo la pace e la tranquillità. Inoltre potremo riposare in questo paradiso terrestre.

Spike: E poi?

Clessidrus: Io ti dovevo lasciare a casa, non c'è soddisfazione a farti vedere Equestria.

|Poi si fermarono a vedere il picco della montagna e iniziarono a scalare, beh tecnicamente ero Clessidrus che scalava mentre con una corda faceva salire Spike che era molto impaurito e teneva perennemente gli occhi chiusi.|

Spike: Clessidrus ti prego fammi scendere, non ne posso più, non voglio vedere Equestria, poi me lo racconti. Sono stanco.

Voce fuori campo: Sono stanco!!!!!!!!!!!!!

Clessidrus: E va bene, calmo, non c'è bisogno di gridare.

Voce fuori campo: Non c'è bisogno di gridare!!!!!!!

|Poi si spaventarono|

Clessidrus: Aspetta ho capito, deve essere l'eco. Guarda, Yoohoo!!!!!!!!

Voce fuori campo: Yoohoo!!!!!!!!!!!!

Spike: Voglio provarci pure io. Sei l'eco??????!!!

Voce fuori campo: No!!!!!!!!!!

|E rimasero basiti da ciò che avevano sentito|

Clessidrus: Ripetiamo forse abbiamo sentito male. Sei l'eco??????

Voce fuori campo: No!!!!!!!! |

Poi sbucò dalla neve una strana ed enorme creatura|

Voce Fuori Campo: Sono L'Abominevole Pony Delle Nevi

Clessidrus: Presto scappiamo!!!!!!!

|Poi corsero e raggiunsero la vetta, poi ripresero fiato|

Clessidrus: Fortuna che eri stanco vero Spike?

Spike: Quando si tratta di scappare mi ricarico subito.

Clessidrus: Ad ogni modo, c'è l'abbiamo fatta, eccoci al picco più alto della montagna. Di certo più in alto di così non si può.

|Poi notarono che il pony di neve li aveva messi sulla sua groppa|

Abominevole Pony Delle Nevi: Se volete vi aiuto io.

|Clessidrus e Spike urlarono e il mostro pianse.|

Abominevole Pony Delle Nevi: Cattivi, io volevo solo aiutarvi.

Clessidrus: Scusaci tanto, non volevamo ferire i tuoi sentimenti.

Abominevole Pony Delle Nevi: So di non essere bello, cerco di farmi volere bene da tutti, faccio anche l'eco per divertire i turisti ma appena mi vedono iniziano a urlare e scappano.

Spike: Ma la colpa è tua che sbuchi così all'improvviso.

Abominevole Pony Delle Nevi: Ho solo fatto quello che mi ha detto mio cugino che vive in città, appare all'improvviso nelle foreste e lascia impronte enormi per far divertire la gente.

Spike: Sei cugino di Bighoof, lo conosciamo.

Abominevole Pony Delle Nevi: E' come sta quella canaglia? Come sta?

Clessidrus: Lui voleva dire che ne abbiamo sentito parlare, ma non abbiamo mai avuto l'onore di incontrarlo dal vivo.

Abominevole Pony Delle Nevi: Cavoli, uno di questi giorni gli invio una lettera, così viene a farmi un po di compagnia, sono sempre solo.

Clessidrus: E' stato un vero piacere incontrarla signor Abominevole, ma ora dobbiamo andare.

|Ma prima di poter scendere, la creatura con il suo corno ci bloccò|

Abominevole Pony Delle Nevi: Voi rimarrete con me per sempre, così finalmente potrò avere compagnia.

Clessidrus: Ci piacerebbe ma io tra tre giorni torno a lavoro.

Spike: Già. |Poi gli venne un idea| Inoltre abbiamo lasciato a valle quella simpatica capretta!!!!!!!!!!!

Abominevole Pony Delle Nevi: Simpatica capretta?

|Poi giunse alla velocità della luce la capra di montagna che era arrabbiata perché Spike aveva gridato ai quattro venti l'offesa. Appena giunse tuttavia le due creature rimasero di sasso|

Abominevole Pony Delle Nevi: Dottor Caprone, sei tu?!

|E così i due si abbracciarono|

Clessidrus: Vi conoscete?

Abominevole Pony Delle Nevi: Ma certo è il mio cucciolo, purtroppo a causa di una tormenta ci separammo e non ci ritrovammo più. Che bello, posso riabbracciare il mio migliore amico. Prometto che non ti perderò più, e per farmi perdonare ti preparerò subito un pasto da gigante degno di un reale.

|E la capra di montagna gioì più che mai|

Abominevole Pony Delle Nevi: Grazie di cuore ragazzi, ci avete fatto ritrovare.

|Poi cacciò da dentro il suo corpo nevoso una pietra|

Abominevole Pony Delle Nevi: Per tutto questo tempo è stato il mio amico immaginario, voglio che lo teniate voi.

|Poi il pony lo diede a Clessidrus|

Clessidrus: Che bello un Topazio Ciliegia, è incredibile sono secoli che non si vedono più in giro. Grazie, bene ora c'è ne andiamo, non vorremo disturbarvi in questo momento toccante.

Spike: Già, arrivederci, è stato bello conoscervi.

|Così iniziarono a scendere la montagna|

Abominevole Pony Delle Nevi: Addio ragazzi, e mi raccomando acqua in bocca. Non voglio che si sappia di me in giro.

Spike: Stai tranquillo.

|E così ritornarono al macinino e partirono, lasciando così la montagna|

Spike: E adesso dove si va.

Clessidrus: A casa. Passeremo gli ultimi giorni di vacanze a Ponyville, almeno lì troveremo la pace e la serenità che cerchiamo.

|Disse tristemente.|

Spike: Che c'è?

Clessidrus: Niente, è solo che ti ho deluso.

Spike: Come deluso?

Clessidrus: Ti avevo promesso che avremmo passato delle vacanze tranquille e invece niente, siamo stati a mare è abbiamo avuto problemi, in campagna problemi, al lago problemi e persino in montagna. Adesso starai pensando "Era meglio la vacanza con Twilight e le altre che quella trascorsa con me", e ti do ragione, abbiamo fatto tutto tranne che rilassarci. Mi dispiace.

|Ma Spike rise.|

Clessidrus: Perché ridi?

Spike: Perché quello che hai detto è ridicolo. Io mi sono divertito da morire.

Clessidrus: Davvero? Non lo dici per consolarmi?

Spike: Certo che no, ho visto e fatto cose che non pensavo di fare. Tipo la storia dei "Pesci Canterini", umiliare un'altra volta Garble e compagnia bella, visitare un castello infestato da mostri, e scoprire una creatura leggendaria. Certo non è stato rilassante, ma affrontare queste cose insieme mi ha fatto capire di quanto sono strafortunato ad averti come amico, anzi come fratello.

Clessidrus: Non ci avevo mai pensato.

Spike: E poi quelle pietre disgustose e senza sapore sono un ottimo ricordo di questa avventurosa vacanza.

Clessidrus: Già, sei il mi migliore amico, e sono certo che ci sarai sempre per me.

Spike: Così come tu con me.

|E così con il trabiccolo Clessidrus e Spike tornarono a Ponyville, e il clessidriano nascose la sua invenzione dentro a una cantina segreta. Passarono le restanti vacanze a leggere fumetti, con Spike che lesse un opera fatta di cinquanta volumi fatta da Clessidrus chiamata "Il Cavaliere Della Notte."|

Clessidrus: Che ne pensi?

Spike: Devo ammetterlo è un ottimo fumetto, e Paladin è veramente un portento. Perché non li vendi?

Clessidrus: Non voglio.

Spike: Perché?

Clessidrus: Non è proprio un fumetto, diciamo che è una specie di diario dove spero che un giorno alcune cose si avverino.

Spike: Tipo il fatto che un giorno pony e clessidriani vivano in armonia.

Clessidrus: Sì.

Spike: Oh anche che la tua specie impari che la vendetta non serve ad un tubero?

Clessidrus: Sì.

Spike: Oh che un giorno tu ti possa sposare con Twilight..............

Clessidrus: Sì, sì e sì. Adesso mettiamoli apposto.

|E presero i fumetti.|

Spike: Va bene. Comunque è un vero peccato, ha creato un eroe originale.

Clessidrus: Lo so, peró non voglio pubblicarla, è come se mettessi a nudo tutti i miei pensieri, pensa come reagirebbero scoprendo tutto ció. Promettimi che non parlerai di questo fumetto con gli altri.

Spike: Hai la mia parola.

|Ma tenne gli artigli incrociati. Poi la porta fu sbattuta molta forte, ed entrarono Twilight e Cadance.|

Spike: Che succede?

|Poi corremmo per le scale e scoprimmo chi c'era all'ingresso|

Clessidrus: Per tutti gli astri. Twilight, Cadance, tutto bene?

Twilight Sparkle: Ti prego non c'è lo chiedere?

|Poi la principessa dell'amicizia se ne andò sul letto|

Clessidrus: Qualcosa non va?

Princess Cadance: Ecco diciamo che le Isole Di Mane non erano molto rilassanti.

Spike: In che senso?

Princess Cadance: L'isola era abitata da giganteschi titani fatti di roccia che sono stati risvegliati dalla tribù dell'isola il cui capo pare che ci conosceva bene perché ha spifferato alla tribù i nostri punti deboli.

|Poi salironoo in camera e Cadance si appoggiò sul letto insieme alla sua cognata|

Twilight Sparkle: Ci abbiamo impiegato dieci giorni per distruggere i mostri e portare la pace fra le fazioni. E ovviamente io e Cadance siamo molto sfinite, come del resto pure le nostre amiche. Giuro che se scopro chi è il capo della tribù lo faccio allo spezzatino e lo offro in pasto a Cerbero.

Clessidrus: Via non fare così. Vi siete goduti un po i benefici del centro relax?

Princess Cadance: Sfortunatamente no, prima di immergerci nel fango è iniziata la battaglia.

Clessidrus: Poverette, mi fate tenerezza.

|Poi gli venne un'idea da grande approfittatore|

Clessidrus: Senti Spike, sono più che sicuro che Rarity vorrà un aiuto da te, sai disfare i bagagli, preparargli una tisana, farla stare comoda sul suo divanuccio. Non so se mi spiego.

|Poi capì tutto|

Spike: Giusto, hai ragione. Io vado, vengo ad aiutarti lady Rarity.

|E corse via come un pazzo|

Clessidrus: Oh ma guarda come siete carine sullo stesso letto, scommetto che la notte dormivi insieme alla tua ponysitter Twily.

Twilight Sparkle: In effetti è vero. Proprio come ai vecchi tempi, eh.

Princess Cadance: Già.

Clessidrus: Beh, vi lascio riposare allora, io sono giù se volete.

|Poi le due principesse ebbero un idea|

Princess Cadance: Veramente c'è qualcosa che potresti fare per farci riposare al meglio.

Clessidrus: Cioè?

|Poi le ragazze agitarono i loro zoccoli|

Clessidrus: Dato che sono costretto. (Evviva quel libro di psicologia mi è servito eccome)

|Così il clessidriano passò il resto di quella giornata a fare una rilassante zampicure alle due esauste principesse che dopo un po si addormentarono, e Clessidrus le lasciò riposare e scese in soggiorno.|

Clessidrus: Non l'avrò fatto nella vacanza, però è sempre meglio di niente.

|Poi dal suo cappello sbucò una lettera|

Clessidrus: Una lettera. Chi sarà mai?

|Poi la aprì e la lesse|

Ciao Ragazzo

Scommetto che la tua vacanza è stata molto noiosa al contrario della mia. Infatti ho fatto amicizia con degli strani indigeni che mi hanno venerato come un dio, era come ritornare ai bei vecchi tempi. Purtroppo nonostante ho tenuto in scacco le principessa alla fine hanno vinto, però mi sono divertito tantissimo. Ti racconterò i particolari magari davanti ad una tazza di té

Abbracci e Baci

Discord

Clessidrus: Perché non mi stupisce che c'era di mezzo lui. Comunque lo devo ringraziare, perché se non avesse stressato le ragazze non avrei mai potuto toccare i loro zoccoli.

Intanto aldilà del monte Everhoof, quattro misteriose entità rinchiuse in alcune crisalidi cominciarono a brillare
  
Leggi le 0 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
 <<    >>
Torna indietro / Vai alla categoria: Fumetti/Cartoni americani > My Little Pony / Vai alla pagina dell'autore: Clessidrus