Storie originali > Romantico
Segui la storia  |       
Autore: holls    23/06/2022    0 recensioni
Cinque giorni a Brighton, tra pranzo della Vigilia e novità inaspettate... Cosa potrà mai andare storto? Alan conosce già la risposta, ed è per questo che la direttiva è solo una: basso profilo!
Dal primo capitolo: "Lo cerca in cucina, nelle camere, in bagno - non c’è. Eppure, pensa, non è possibile che la casa se lo sia inghiottito. (...) Prova ad annusare l’aria, in cerca di quell’odore di Marlboro che però sembra come svanito."
Genere: Commedia, Fluff, Romantico | Stato: in corso
Tipo di coppia: Slash
Note: Missing Moments | Avvertimenti: nessuno | Contesto: Contesto generale/vago
Capitoli:
 <<  
- Questa storia fa parte della serie 'Due Marlboro e dintorni'
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A

Senza parole

 

 

Sono solo le sette del mattino quando Alan si sveglia, e manca poco che gli prenda un coccolone quando si accorge che c’è qualcuno nel suo letto. Basta un attimo, però, affinché quell’espressione spaventata lasci il posto a uno sguardo tenero e a un sorriso che non percepiva sul suo volto da almeno un annetto.

Si sistema sul fianco verso il ragazzo davanti a lui e comincia a desiderare che si svegli, perché gli basta sfiorarlo con lo sguardo per pensare a quanto Nathan lo renda felice, di quanto abbia stravolto la sua vita in una maniera che non avrebbe mai immaginato. Sorride pensando al loro primo incontro, a quello che, ora lo ammette, è stato proprio un colpo di fulmine; e il sorriso si allarga di più se ripensa a quanto abbia cercato di negarlo, a quanto si siano rincorsi per essere lì dove sono ora, nello stesso letto, a passare il Natale insieme.

È proprio in quel momento che Nathan emette un gemito, poi struscia la faccia sul cuscino e, infine, schiude gli occhi. Fissa Alan di rimando per un attimo, come a volersi ricordare perché e come sia finito lì, e passa un istante prima che anche le sue labbra si pieghino in un sorriso imbarazzato.

I due smettono di guardarsi solo nel momento in cui Nathan gli posa un bacio a fior di labbra, e Alan sente la gola stringersi di fronte a un gesto che pensava irripetibile per il resto della sua vita.

«Buongiorno», gli sussurra l’altro.

Alan non vuole spaventarlo, eppure le parole non gli escono di bocca; vorrebbe rispondere al suo buongiorno, o anche solo augurargli “Buon Natale”, ma riesce soltanto a pensare a quanto sia felice in quel momento. Nota che l’espressione di Nathan cambia, diventa smarrita, ma nonostante questo non arretra, non reagisce, quantomeno non come l’ultima volta.

«Nathan…», sussurra a sua volta con l’intento di terminare la frase, che però resta sospesa perché non sa cosa dire. O forse sì.

«Dimmi.»

Sì, sì che lo sa. Da almeno due mesi e mezzo.

«… Ti amo.»

   
 
Leggi le 0 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
 <<  
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Romantico / Vai alla pagina dell'autore: holls