Storie originali > Soprannaturale
Segui la storia  |       
Autore: DennisCD    18/09/2022    0 recensioni
Qual'è lo scopo della vita? Che cosa significa vivere? Il protagonista è un ragazzo la cui vita sembra essere perfetta fino ad un avvenimento che sconvolgerà l'equilibrio mantenuto fino ad allora.Questa storia parlerà di un ragazzo che non ha memoria del suo nome e che scoprirà di avere un potere che solo in pochi possiedono , ma che lui ha in un modo unico.
Genere: Avventura, Azione, Introspettivo | Stato: in corso
Tipo di coppia: Het, Shonen-ai, Shoujo-ai
Note: nessuna | Avvertimenti: Contenuti forti
Capitoli:
 <<  
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
[15] L'esule di luce

Tutti rimasero a bocca aperta di fronte a questo avvenimento soprannaturale.
Io iniziai ad avvicinarmi lentamente a Jack, un pò per meraviglia e un pò per paura camminavo a tentoni e quando mi ritrovai vicino mi disse:
[Jack]:John! Sento una forza incredibile , sento che con questa forza sarò in grado di rubare gli occhi alle persone che li hanno meravigliosi!
Jack disse tutto ciò con un sorriso e un tono totalmente delirante; non riuscivo a capire come mai avesse fatto un discorso così fuori di testa.
[John]:Ma che cazzo dici?! Gli occhi? eh?
[Jack]:Grazie a questa forza donatami dalla luce del cielo che ho appena ricevuto potrò farci evadere! però mi spiace .. egregio signore io per farla evadere con me devo dirle che sarà obbligato a lavorare con me!.
Jack sembrava fuori di se, o forse non è mai stato mentalmente sano , ma resta il fatto che in quel momento lui stava risplendendo di luce propria, nel vero senso della parola.
Allora io , risposi :
[John]:Non lavorerò mai per te hai capito! tu sei fuori di testa!

[Jack]:Chi mi parla!? Chi sei? Cosa? Un'ombra? Raggiungerò il mio obbiettivo? Davvero?!
[John]:Ma con chi diavolo stai parlando ?
[Jack]:Si, io accetto!
Jack accettando qualcosa di soprannaturale , iniziò a svanire e mentre svaniva gli apparvero nelle mani dei cristalli rossi e poi improvvisamente sparì.
Jack svanì completamente davanti ai miei occhi , in una nebbia scura , cioè anche l'ultima cosa che i miei occhi videro.

------------------------------------------------------------------------------------

[Io]:....

[Rob]:....

------------------------------------------------------------------------------------

Ebbene si , quel giorno i miei occhi videro per la prima volta nella loro vita un qualcosa di soprannaturale , ma fu anche l'ultima volta che ebbero la capacità di vedere la luce.
Successivamente Huge disse qualcosa , non riuscivo a capire cosa e smisi di sentire anche lui poco dopo.
Le guardie mi riportarono in cella , io ero completamente traumatizzato e poi durante la notte...
[John]:Ma com'è possibile che è successo tutto questo? eh? Huge?
Huge non rispondeva ,ma non essendo più in grado di vedere non potevo capire se era li o no.
Poco dopo , mentre ero in cella sentii una strana presenza attorno a me. Io non vedevo , anzi vedevo completamente nero ,ma in quel momento l'oscurità che percepivo era ancora maggiore.
questa presenza sentivo come se si stesse avvinghiando a me.
Ad un certo punto inziai a sentire una voce , era una voce molto rilassante e calda.Mi disse:
[Voce]:L'oscurità ti ha privato della luce , il tuo equilibrio con questi due è stato interrotto...
Io dopo questa frase rimasi pietrificato; un pò perchè faceva paura e anche perchè sentivo come se non potessi muovermi.
[Voce]:Hai rancore per quello che ti è appena successo? Brami forse vendetta? Vuoi uccidere colui che ti ha fatto tutto questo? 
Io gli risposi:
[John]:N-no , no io voglio solamente poter capire che potere è mai questo! Vorrei poter continuare a vivere tranquillamente e capire questo potere assurdo.
[Voce]:Se questo è il tuo desiderio , allora farò in modo che si avveri.
Dopo questa frase sentii che la presenza oscura era svanita e anche un silenzio incredibile.
Poco dopo non riuscivo più a capire dove mi trovassi e muovendomi un po inciampai su qualcosa, quel qualcosa era un tavolo , ma non era un tavolo qualunque, era il tavolo di casa mia..


------------------------------------------------------------------------------------


[Io]:Quindi vorresti dire che questo è il motivo per cui non vedi più e hai dei poteri? Ma come hai scoperto di averli? 
[John]:Nei giorni e nei mesi successivi ho iniziato ad imparare ad assottigliare le mie capacità uditive e di percezione e ora dopo tutti questi anni sono diventato in grado di percepire qualunque cosa come se vedessi.Il potere ho capito di averlo siccome, quando ho cominciato a percepire tutto a volte mi teletrasportavo senza volerlo in posti non troppo lontani da me e piano piano ho iniziato a gestire questo potere , che probabilmente ho sempre avuto da quel giorno fuori controllo.
[Rob]:Luca sei soddisfatto della sua storia ? Pensa che quando l'ho visto teletrasportarsi davanti ai miei occhi non ci ho pensato due volte a portarlo al "posto" con me.Però che fosse stato in prigione non ne ero a conoscienza.
[Io]:Ah, quindi è così che è andata, che storia surreale.
[John]:Rob , Luca , io ora devo lasciarvi , sapete Mark mi aveva chiesto un favore , quindi devo andare ... alla prossima.
Eravamo noi tre(Io,Rob e John) ,seduti in un tavolo di una gelateria ormai quasi da un ora ad ascoltare la storia di John , che ora se ne stava andando.
[Io]:Rob ma-
Rob mi interruppe istantaneamente:
[Rob]:Si ti starai chiedendo chi è Mark, è uno dei tre fondatori del "posto" , siamo :lui, io e Dustin.
[Io]:Ma precisamente questo "posto" quan-
[Rob]:E' stato fondato nel 2059.
[Io]:Ah,capisco.

------------------------------------------------------------------------------------


<10 Gennaio 2065 , aeroporto di Milano>

[Adam]:Dove mi trovo? 
Adam si guardava attorno, ma non riusciva a capire dove si trovasse.
Quello che vedeva erano soltanto molte persone, bus, aerei e macchine.
Spaesato e anche un pò impaurito , Adam , iniziò a cercare di uscire dall'areoporto; uscendo chiese a un signore delle informazioni:
[Adam]:Scusi signore, mi saprebbe dire il nome di questo aeroporto?
[Signore]:Non capisco la tua lingua mi dispiace.
Essendo in Italia , il signore parlava italiano e sfortunatamente non sapeva l'inglese , cioè la lingua di Adam.
[Adam]:Devo trovare qualcuno che parla la mia lingua, speriamo di trovarlo.
Disse impaurito Adam.


------------------------------------------------------------------------------------


<14 Luglio 2060 , spazio indefinito>

[Jack]:Si, io accetto!
Jack accettò , probabilmente quello che aveva accettato era qualcosa che solo lui aveva potuto vedere.
Era stata una luce , un qualcosa di luce, fatto di luce.
Però dopo la sua accettazione lui non venne accolto da una luce o qualcosa del genere,ma bensì venne circondato da un'oscurità e si ritrovò in un luogo completamente estraneo al mondo.
Questo posto non era identificabile , l'unica cosa che Jack vedeva era oscurità , come se fosse nello spazio più profondo ,ma allo stesso tempo privo di ogni stella o pianeta,ma solo colmo di vuoto infinito.All'improvviso gli apparve di fronte Huge, :
[Jack]:Questo bastardo mi ha seguito , non posso crederci ,ora lo ammazzo.
[Huge]:Che cosa fai ?
Disse Huge con un tono imperativo.
[Jack]:Eh?
[Huge]:Non ti ricordi di me ?....
.... fratello

----------

-------------------------

-----------------------------------------------------------------------------------
   
 
Leggi le 0 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
 <<  
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Soprannaturale / Vai alla pagina dell'autore: DennisCD