Storie originali > Fantasy
Ricorda la storia  |      
Autore: Fiore di Giada    23/01/2023    1 recensioni
Seguito di "Farewell Hero".
Kaidan si reca in un tempio, per offrire preghiere all'anima di Roran.
L'irritazione verso i genitori del suo protetto non è scemata, nonostante il tempo trascorso.
Riceverà una visita inaspettata.
Genere: Angst, Introspettivo, Malinconico | Stato: completa
Tipo di coppia: Nessuna
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
Un tripode d'argento era collocato al centro del tempio e le fiamme, che ivi ardevano, accendevano di bagliori d'oro le pareti e il soffitto.
Kaidan, in piedi, le mani protese verso l'alto, pregava, mentre le lacrime cadevano dai suoi occhi. Cinque lunghe, terribili settimane dal funerale dello sfortunato eroe di Namida.
Roran Sirnan era ancora vivo, quando era stato portato sulla sua barca del Passaggio.
Solo lui, Kaidan Laois, aveva potuto officiare quella cerimonia.
Non doveva finire così!, si disse l'uomo. Quel giovane, accusato di un terribile delitto, aveva sognato la riabilitazione del suo nome.
Ma le tre Signore del Tempo erano state crudeli con lui.
Certo, Roran era riuscito a uccidere il suo crudele zio, ma quell'uomo gli aveva inflitto una ferita mortale, servendosi della sua potente spada, Zanna d'Ombra.
La ferita aveva condannato il giovane, valoroso principe di Namida ad una lunga, crudele agonia.
Le sue magie, a stento, avevano potuto attenuare il dolore di quel corpo sofferente.
Roran, però, aveva sopportato tali prove con spirito fermo.
Gli pareva quasi di sentire il calore del suo corpo, quando, cullato dalle sue magie curative, si addormentava, la testa posata contro la sua spalla.
Perché? Perché? – chiese. L'ira, in quel momento, divampava nel suo cuore, nutrendosi della sua pena.
Lui, Kaidan Laois, era considerato un esperto mago, ma non era riuscito a strappare alla morte quel giovane generoso.
Si era dovuto arrendere al malefico potere di Zanna d'Ombra e del sangue di Morrigan.
I compagni di Roran, che lo avevano accompagnato nella sua impresa, lo avevano guardato con occhi lampeggianti d'odio.
E lui non poteva biasimarli.
O dea Liadan... Tu sei la potente protettrice dei maghi e delle maghe... Ci hanno sempre detto di rispettare la tua saggezza, perché è la luce che illumina le tenebre... Ma io... Io, in questo momento, non ci riesco... Tutto mi sembra privo di senso. A cosa sono serviti anni di addestramento? Che senso hanno avuto le mie pene, se non sono riuscito a impedire la morte di un eroe? – domandò, la voce tremante d'amarezza. In quei cinque giorni, aveva represso le sue domande, ritenendole indegne di se e del suo compito.
Con la preghiera, doveva aiutare Roran nel suo viaggio.
Ma la sua disperazione non era svanita e, in quel momento, era dilagata nella sua anima e aveva rotto le pur dure barriere del suo autocontrollo.
Perché? Perché non aveva potuto fare nulla per Roran?
La dea aveva deciso di lasciarlo solo e di mettere alla prova la sua fede?
Di schianto, crollò e strinse i pugni. Era venuto al tempio per pregare e rendere il viaggio del suo protetto meno pericoloso.
Il Fiume Oscuro, ne era ben cosciente, era pieno di spettri e mostri che cercavano di divorare le anime dei viaggiatori.
L’energia magica, espressa nella preghiera, proteggeva dagli assalti di quelle crudeli creature.
Ma il peso sul cuore cresceva sempre più.

Un debole scalpiccio ruppe il corso dei suoi pensieri e Kaidan, di scatto, si alzò in piedi.
Vide una donna alta, formosa, vestita di un lungo abito bianco, con lunghi capelli rossi e occhi grigi, simili a perle, ombreggiati da lunghe ciglia ramate..
Una fascia d’oro, con al centro un’ametista tagliata a rombo, cingeva la fronte, mentre al petto portava una collana di
Il mago sussultò. Era la regina Aleena, madre dello sfortunato eroe di Namida, prima insultato, poi esaltato.
Perché era lì?
Chinò la testa in segno di rispetto, facendo ondeggiare gli anelli dorati della sua chioma.
Cosa vi porta qui, regina? ─ domandò l’uomo, formale.
La donna, per alcuni istanti, rimase silenziosa. Kaidan non le aveva mancato di rispetto, ma era stato distante.
Per lui, la morte di Roran era stata atroce e si era chiuso in un silenzio impenetrabile.
Sospirò. Era doloroso, ma non poteva non negare le sue ragioni.
Si erano lasciati ingannare dalle manovre di quell’infame di Erwen.
Roran era stato condannato, come un sanguinario fratricida, mentre lui, Kaidan aveva sopportato lunghe ore di prigionia, per avere levato la sua voce contro un’ingiustizia.
Ed erano stati loro a perpetrarla!
Certo, Erwen e Morrigan erano stati puniti con la reclusione nella Prigione dell’Abisso, ma la realtà non mutava.
Roran era morto.
L’eroe sfortunato, da loro scacciato come un criminale, aveva salvato Namida.

Voglio pregare per lui… confessò, il tono vibrante di vergogna, gli occhi colmi di lacrime.
L’espressione del viso di lui rimase impenetrabile, come una statua di pietra, e nessuna parola uscì dalle sue labbra.
La fiamma del tripode, per un istante, arse d’un più vivo bagliore e riverberò sul viso della sovrana, tingendolo d’un chiarore opalescente.
Da quando è morto… Io e mio marito non abbiamo più pace. Lui mi ha confidato che, nei suoi sogni, vede nostro figlio sprofondare in un oceano di cenere, fino a soffocare. E, devo ammettere, anche io ho questo incubo… E’ così doloroso da sembrare reale. confessò.
Cenere. La stessa cenere che gli avete gettato addosso con generosità, in luogo del vostro amore. Tutto torna., pensò Kaidan. Quel sogno era uno specchio dei loro rimorsi.
Il dolore che Roran, innocente, aveva provato, si riversava su di loro e si plasmava in incubi sempre più tormentosi.
E non poteva negare di provare una gioia crudele per la loro pena.
Gli sembrava la giusta punizione per la loro idiozia.

Potrà mai perdonarci? So che non abbiamo nessun diritto verso la sua memoria, ma… ─ si interruppe. Che senso avevano quelle parole?
Esprimevano un rimorso sincero, ma tardivo.
L’uomo le lanciò uno sguardo imperscrutabile.
E’ tutto sbagliato. Noi siamo gli artefici della morte di nostro figlio. E niente cambierà questa realtà. Nessuna preghiera, per quanto accorata, potrà costruire una realtà diversa. Ormai, solo cenere stringiamo tra le nostre dita. ─ affermò.
Un mezzo sorriso sollevò le labbra del mago. Forse, non tutto era perduto.
Lei e suo marito, finalmente, cominciavano a vedere oltre il loro orgoglio.
La cenere è quello che resta della morte. Ma può anche donare vita. Sta solo a voi scegliere come usarla, regina. ─
Chinò un poco la testa davanti a lei, poi girò le spalle e uscì dal tempio.
   
 
Leggi le 1 recensioni
Ricorda la storia  |       |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Fantasy / Vai alla pagina dell'autore: Fiore di Giada