Storie originali > Fantasy
Segui la storia  |       
Autore: Mixxo    19/07/2021    2 recensioni
"Passare dalla sala del trono le gelava il sangue ogni volta. Lo sguardo penetrante di suo zio si era spostato su di lei, lo sentiva sulla pelle, abbassò lo sguardo. Yaroi era figura capace di incutere timore solo guardandoti."
Genere: Azione, Fantasy | Stato: in corso
Tipo di coppia: Het
Note: nessuna | Avvertimenti: Tematiche delicate
Capitoli:
 <<  
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
Darkraria Cap3 «Certo certo, ora sparite, voglio godermi il momento con lei.»
Clare entrò nella stanza dove tenevano la prigioniera. Spoglia, l’unica fonte di luce era una lampada posta al centro, emanava un cono luminoso che puntava ad una sedia. Su di essa con la testa reclinata una giovane dalla pelle ambrata e capelli neri che le calavano sugli occhi.
Clare si avvicinò saltellando.
«Ciao Seira. Come va oggi, sensi di colpa per la tua incapacità?»
La prigioniera non aveva mosso un muscolo. Clare fece qualche passo girando attorno alla sedia. Emise un mugolio.
“Si è spezzata così in fretta?” Alzò una mano e diede un colpetto sulla spalla di Seira. Nessuna risposta. Clare si piegò in avanti raggiungendo l’orecchio della prigioniera. «Così non è divertente giocare con te sai?»
Attese in silenzio una risposta. “Uffa l’ho già rotta.”
Clare si mise a seguire la circonferenza luminosa creata dalla lampada come se stesse facendo un gioco d’equilibrio.
«...Va bene, basta perdere tempo.» Clare frugò nel camice e tirò fuori un cristallo irregolare, lucido e di colore nero. Afferrò la testa di Seira e la alzò. Clare fissò lo sguardo vuoto che aveva davanti. «Una leader ridotta così, patetica. Hihihi»
Clare afferrò il cristallo come se fosse un pugnale e lo fece calare verso la testa della ragazza. Entrò nella carne, brillò. Come dotato di vita propria crebbe sulla ferita chiudendola prima che anche una singola goccia di sangue potesse uscire.
Clare fece qualche passo indietro per osservare la situazione: Seira non aveva mosso un muscolo o emesso un gemito. Il petto si alzava ed abbassava regolarmente.
“Avere qualcosa che sia in grado di stabilizzare le condizioni di un ferito in battaglia è qualcosa, ma non stavo cercando questo.”
Clare sbuffò, cacciò le dita nel camice per tirare fuori un altro cristallo dalla forma più sottile e lunga, simile ad uno spillo. «Dovremmo fare una seconda prova probabilmente.»
Si avvicinò «Non ti dà fastidio vero Seira? Hihihi!»
Si chinò all’altezza della prigioniera rimasta con la testa calata. «Non sarai morta vero?»
In quel momento Seira alzò la testa di scatto, guardando dritta negli occhi Clare.
“La sclera del soggetto è diventata viola e luminosa.” Un sorriso si allargò sul viso della bionda.
«Quello sguardo d’odio sul tuo volto è magnifico. Avrei voluto vederlo anche su tuo fratello quando gli ho fatto staccare la testa, hihihi»

§§§

Era stato un momento rilassante.
Forse vedere Chariot non rimanere impassibile dopo la battaglia era quello che serviva a Toshi per distendere del tutto i muscoli. Appoggiata la testa sul sedile aveva chiuso gli occhi ed iniziato a fare il conto delle piccole ferite che si era procurato, come un piccolo appello mentale. Il bruciore annunciava la loro presenza una ad una.
Avrebbe voluto parlare di più con Chariot, ma dopo essersi lasciata andare per quell’istante si era staccata ed era sparita chissà dove. Probabilmente a recuperare la navetta per la fuga lasciata in qualche luogo nascosto in caso di copertura compromessa. Avrebbe voluto provarne una prima o poi, le aveva viste solo una volta in vita sua. Molto piccole, quel che bastava per portare una persona, simili a piccoli caccia.
Toshi aprì un occhio. Una ragazzina giovane dai capelli rosa scuro aveva scosso la testa come se lo stesse guardando fino ad un momento prima e, sentendosi scoperta, avesse distolto lo sguardo in tutta fretta. Gli occhi ametista della ragazza ogni tanto tornavano verso di lui, ma cambiavano immediatamente direzione.
Toshi non trattenne il sorriso nel ricordare che quello scricciolo era una sua superiore di rango.
“Come si chiamava?” Cercò di fare mente locale, ma non gli venne nulla. “Beh, durante la cerimonia lo diranno più volte... oppure posso approcciarla all’arrivo.”

Toshi riaprì gli occhi all’atterraggio della nave. Spostò lo sguardo verso la ragazzina. Trovò il sedile vuoto. Si guardò attorno. All’uscita adocchiò le due code rosa uscire in tutta fretta.
Toshi si grattò la testa. «Com’è che tutte le ragazze scappano oggi?» Si alzò dal posto e si diresse verso l’uscita.
Il viavai di gente che tornava o partiva dalla prossima missione era ormai la routine del loro mondo dalla disciplina militare, Toshi aveva smesso di farci caso, specie perché in quel momento stava cercando nel traffico la ragazzina.  La vide infilarsi in una viuzza secondaria, si diresse verso quella svolta.
Vicolo cieco. Arrivato in quella via a parte tre edifici chiusi, un armaiolo, un alchimista ed una casa in disuso, non vi era nulla. Toshi si avvicinò alla vetrata dell’alchimista, la piccoletta non sembrava tipo da usare qualcosa di pesante, e se fosse, probabilmente avrebbe usato qualche incantesimo per alleggerirla. Mise le mani a conca sugli occhi e tentò di sbirciare all’interno del negozio. Calma piatta, non un minimo movimento.
Il suono di passi alle sue spalle lo fece girare di scatto con la mano pronta sulla spada. La ragazzina era all’entrata del vicolo agitata. Con un paio di falcate sparì dalla sua vista.
«Aspetta!» Toshi iniziò ad inseguirla.
“È veloce per essere così piccola.” Toshi allungò le falcate.
«Voglio solo parlare!» Quando riuscì a metterle la mano sulla spalla, la ragazzina si voltò di scatto.
Toshi sentì come il frammentarsi di vetro, poi sentì una serie di fitte alla mano. Ritrasse l’arto, girò il palmo verso sé. Una serie di schegge di vetro erano conficcate lungo tutta la mano. Alzò lo sguardo, vide la ragazzina spiccare un salto e tuffarsi verso una vetrata opaca. Strabuzzò gli occhi quando sparì sotto i suoi occhi.
“Ma che diamine-?” Si guardò attorno in cerca di qualche segnale per capire dove fosse finita la ragazzina. Si guardò la mano. Si appoggiò ad un muretto basso e poco a poco estrasse tutte le schegge.
“Quindi è una maga, anche se non ho mai visto usare così la magia. Si sono inventati roba nuova?”
Estratto l’ultimo frammento provò a chiudere la mano lentamente. “Mi servirà qualche giorno per riprendermi da questo, diamine. Almeno non è la dominante.”
Un boato fece tremare la terra. Un suono simile ad un ruggito. «Che ce adesso!?» Toshi iniziò a correre verso la fonte del suono.

Alzò lo sguardo, da uno degli edifici del confine della città si era sollevato uno spettacolo pirotecnico simile di un vortice di fiamme violacee, un puntino nero in lontananza era al centro di esso.
Immaginava di cosa si trattasse: gli esperimenti della sezione scientifica spesso creavano trambusto per le loro fughe, ma stavolta sembrava ancor più pericoloso del solito.
I laboratori erano ad una certa distanza dal resto delle abitazioni proprio per questi motivi, ma quello spazio era stato divorato velocemente dalle fiamme violacee emanate dalla cavia, la quale in quel momento si trovava sospesa in aria aveva un’altra persona tra le mani.
“Uh, giornata sfortunata per te, amico.”
Dal malcapitato in mezzo al vortice cadde qualcosa. Rimbalzò un paio di volte e finì ai piedi di Toshi. Una gemma con diversi sbozzi che la faceva sembrare una stella.
“...Chariot?!”
Toshi non perse tempo. Tirò fuori da una delle tasche dei pantaloni un coltello da lanciò e prese la mira. Portò il braccio indietro socchiudendo gli occhi per il calore delle fiamme e scagliò il coltello.
Un verso disumano provenì dalla creatura, Chariot precipitò. Toshi scattò e scivolò in avanti per prenderla al volo.
La ragazza era priva di sensi, aveva a pelle arrossata, i vestiti presentavano buchi causati da bruciature.
“Devo portarla via da qui prima di tutto.” Toshi si tirò su e si mise a correre verso la strada dalla quale era arrivato. Davanti a lui si abbatte una fiammata violacea che gli tagliò la via di fuga. Si voltò verso l’essere. “Troppo precisa come mira.”
L’essere scese lentamente alla loro altezza. Occhi spalancati, forme femminili. Non gli era nuova quella silhouette, tantomeno quello sguardo.
Per un momento si trovò con la mente nella cella della Galactrix. Una figura con un vestito bianco si mise davanti alla barriera della prigione. Un bastone bianco con delle decorazioni dorate, due occhi azzurri e la pelle ambrata. Parlata ferma, chiara e controllata. Non il tipo che aveva intenzione di ripetersi. L’aveva vista portare via qualche ora fa. Seira Nagareboshi, comandante dell’ultima divisione Galactrix.
Clare doveva averle messo le mani addosso appena erano arrivati e chissà che razza di esperimento doveva aver fatto su di lei: ora che era vicina faticava ad associare quella cosa alla nemica sconfitta. Da alcune parti del corpo dei cristalli bucavano la sua pelle come spuntoni, altre parti del corpo erano invece ricoperte dal cristallo, modellati in versioni più grottesche e primordiali.
Normalmente non gli sarebbe importato di cosa aveva intenzione di fare la leader dei laboratori di ricerca, ma ora uno dei suoi “giochini” era problema suo.
Toshi teneva su Chariot con un braccio dietro le sue spalle, stringeva la sua spalla per cercare di svegliarla; con l’altra mano prendeva la spada attaccata al suo fianco.
«Non mi lascerai mettere lei al sicuro prima immagino.»
Seira ringhiò, gli occhi brillarono come fluorescenti. Gonfiò il petto ispirando e soffiò.
Toshi ebbe appena il tempo di scansarsi con Chariot che una fiammata azzurra investì il terreno. Appoggiò Chariot a terra e caricò verso Seira. La ragazza-bestia non reagì, la lama saettò rapida verso una porzione di pelle “pulita” al fianco.
Un clangore, la punta della spada che rimbalzava, sbilanciandolo. Toshi spalancò gli occhi. “Ma che cosa-!?”
Un arto cristallizzato di Seira, più simile ad un artigliò, lo afferrò e lo scagliò in aria. Toshi si trovò a roteare in aria, la visuale confusa si fermò nello stesso momento in cui la fitta di dolore allo stomaco gli tolse il fiato. Sangue scarlatto tinse l’arto cristallizzato della bestia. Toshi strinse i denti ed ingoiò il grido di dolore. Alzò il braccio e sferrò un fendente tra la spalla ed il collo della bestia. La spada rimbalzò nuovamente. Alzò l’arma ancora, ma la bestia alzò l’arto con la quale l’aveva impalato e muovendolo verso il basso lo scagliò a terra. Al contraccolpo un conato di sangue uscì dalla sua bocca. La vista gli si annebbiò, mentre vedeva la bestia scendere in picchiata.
Fu un lungo istante, interminabile. Mosse la testa di lato. Chariot priva di sensi accanto a lui. Strizzò gli occhi, si diede la spinta puntando il gomito a terra per mettersi tra la ragazza e la creatura. Chiuse gli occhi ed attese.

“Mi dispiace, Kama.”

Toshi sentì un rombo sopra di sé. Un’ala di cristallo era stata sotterrata da un cumulo di macerie. Ruotò lentamente la testa.
La ragazzina che aveva inseguito prima imbracciava un fucile di cristallo. Si avvicinò verso di loro tenendo puntato verso i resti dove la bestia era stata scagliata.
Toshi abbassò lo sguardo verso Chariot. Espressione sofferente ed il tremare delle ciglia, il loro lento alzarsi, gli occhi gialli aprirsi, le pupille restringersi leggermente.
“È viva.” Toshi abbozzò un sorriso prima di perdere i sensi.

§§§

Toshi aprì gli occhi. La luce che vedeva era bianca, artificiale, niente fiamme. Batté le palpebre un paio di volte, si guardò attorno, il bianco delle pareti dell’ospedale lo stordiva. Girando la testa verso sinistra incontrò il nero di una lunga chioma. Una ragazza sull’altro letto della stanza lo stava osservando preoccupata.
«...Kama? Come-?»
«Sono contenta che tu stia bene.» Lo anticipò con un sorriso poco convinto.
Toshi cercò di tirarsi su, diverse fitte allo stomaco gli fecero scappare qualche imprecazione. Decise di rinunciare al mettersi a sedere. Rimase a fissare il soffitto, sconfitto dalla situazione.

«Come è accaduto?»
Kama abbassò lo sguardo. «Distrazione.»
«Proprio tu? Non ci credo.»
Kama sorrise. «Mi metti su un piedistallo ora che non posso più essere un modello?»
Toshi si guardò la mano fasciata, la alzò per farla vedere. «Con questa non ti potrei spostare di un millimetro.»
«Cretino.»
«Da sempre.»
Calò il silenzio per qualche istante, poi Kama scoppiò a ridere.
Toshi spostò lo sguardo su di lei sorridendo. «Non ti sentivo da troppo.»
Kama abbasso lo sguardo, le gote si colorarono leggermente. «Anche tu mi sei mancato.»
Qualcuno bussò alla porta. Kama alzò la testa riprendendo il suo atteggiamento militare. «Avanti»
Una camminata lenta, quasi esitante, una mano si appoggiò allo stipite per poi staccarsi di colpo seguita da un’imprecazione soffocata. Poco a poco Chariot prese il centro della stanza per guardare i due. «Check dei moribondi?»
Toshi la squadrò. “I bendaggi coprono tutto corpo, le bruciature devono farle davvero male.”
«Moribondi assenti, crespella.»
«Mi sento più un tacchino.» Chariot spostò lo sguardo verso Kama. «Quanto rimarrete dentro voi due?»
Kama sembrava star trattenendo il fiato tanto era tesa. «Troppo. Darkraria ha bisogno di tutti per il suo funzionamento.»
«Non siete gli unici soldati del pianeta.» le fece notare Chariot.
Toshi annuì. «Se ci feriamo è per loro. E anche per la gloria, ma non tutta gloria.»
Il silenzio piombò di nuovo sulla stanza. “Possibile che non sappiamo come tenere su una conversazione?”
Chariot si voltò verso Kama. «Posso... fare qualcosa?»
Toshi guardò Kama. Lo sguardo freddo che aveva la ragazza presentava una luce negli occhi diversa di quando dava ordini ai sottoposti. Tendeva allo sguardo che aveva quando era con lui, da soli.
«Ho fatto ciò che mi chiedevi, ora ho bisogno che tu faccia qualcosa per me, Chariot.»





Note di Mixxo:
Due mesi quasi, guh. Dovrei riprendere ritmo invece di perderlo.
Carino come ogni volta che hai un'idea e la prepari poi esplode perché te ne viene una migliore in testa, ahhh il bello della scrittura creativa.
Tengo a precisare una cosa che ho dimenticato di dire nel capitolo precedente: Chariot e due probabili future apparizioni sono di proprietà di Alcor_, fanno una capatina qui in attesa di uno spin off che verrà scritto chissà quando. Questo giustifica perché ho recensioni, ce una persona interessata a vedere come muovo i suoi personaggi e pronta a tirarmi le orecchie se sbaglio.
Grazie a chi legge!
Alla prossima
  
Leggi le 2 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
 <<  
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Fantasy / Vai alla pagina dell'autore: Mixxo