Recensioni per
A Summer Tale
di Himenoshirotsuki

Questa storia ha ottenuto 30 recensioni.
Positive : 30
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
[Precedente] 1 2 [Prossimo]
Recensore Master
24/04/17, ore 21:28
Cap. 3:

- Sono solo un buon osservatore. - replicò Hirad. E io aggiungo che in un capitolo è diventato, dopo Nemeria, il mio personaggio preferito. E' un tipo sveglio, scaltro, intelligente, che fa un lavoro che pochi osano fare - la stessa Noriko ammette di non aver avuto il coraggio di addentrarsi nelle catacombe - inoltre è logorroico e ha un passato difficile alle spalle, magari non all'altezza di quello disastroso di Nemeria, ma ci va quasi vicino. Spero solo che, adesso che ha scoperto anche lui il segreto di Nemeria non la tradisca, ma che le rimanga fedele come ha promesso nelle battute finali del capitolo.
Venendo a Nemeria, di sicuro per lei è molto difficile ambientarsi in questa nuova "famiglia", i cui componenti la ignorano o ridono di lei e spero davvero che Hirad si dimostri un buon amico - è troppo presto per poterli shippare, però chissà! :3 - e le sti accanto in questo momento di difficoltà in cui gli incubi la perseguitano - quello iniziale è stato un colpo al cuore, così vivido nelle descrizioni che l'ho vissuto pienamente parola dopo parola.
E nulla, anche se di passaggio anche questo capitolo mi è piaciuto molto. Sempre accattivante, ben scritto, coinvolgente. Brava! ;)
Scusami ancora per il ritardo con cui sono passata, spero davvero di reccuperare i prossimi più velocemente, perchè questa tua storia mi sta piacendo davvero molto.

Alla prossima,
V.
(Recensione modificata il 24/04/2017 - 09:31 pm)

Recensore Master
20/04/17, ore 22:30

Ciao!
Per prima cosa devo farti i complimenti per la frase, perché è bellissima. Sant’Agostino è stato un’ottima scelta e, come sempre, anche molto calzante.
Dispiace sempre molto vedere Nemeria in preda agli incubi, a quell’eterno ricordare lo strazio dello sterminio della sua tribù. Ogni ricordo una pugnalata (per lei e per noi). Rimembro che, studiando Nietzsche, un mio compagno si interrogava su quanto potesse avesse senso l’eterno ritorno di un qualunque istante della propria vita, se questo è negativo. Interessante, non trovi?
Comunque, sono contenta che Noriko sia stata al suo fianco e l’abbia abbracciata e consolata, prendendosi cura di lei. Non c’è nulla di cui abbia bisogno di più in questo momento che di una mano amica e una spalla su cui piangere. Questo cambierà inevitabilmente i loro rapporti e in futuro… chissà. Immagino che solo tu lo sappia con certezza.
Straziante la descrizione del quartiere della Pietra; come nel secondo capitolo, non ho accolto con piacere la minuziosità delle tue descrizioni, il loro realismo crudo e terribile. Si tratta, infatti, di una povertà assoluta che fa quasi male tanto è estrema e che ti fa dubitare della possibilità che questi ragazzini possano davvero farcela a sopravvivere più di qualche mese.
Arsalan e Azuka sono molto teneri, soprattutto con Noriko. Sembrano quasi dei… genitori per lei, o perlomeno si comportano come tali nei suoi confronti. E sono anche una delle poche, se non l’unica coppia delle tue storie a essere solida, con entrambi i membri vivi e un rapporto basato su affetto e complicità in egual misura. Mi sono piaciuti talmente tanto che ho quasi perdonato loro quello che hanno fatto dopo. Non tanto per il tatuaggio bellissimo e un po’ inquietante da membro onorario del popolo dell'Ukyio-e, quanto per aver tagliato i suoi bellissimi capelli, ricordo delle sue origini. Spero che, quando ricresceranno, lei possa farne l’orgoglioso simbolo della sua tribù.
Per quanto riguarda l’incontro finale con la misteriosa Pavona e la sua curiosità riguardo Nemeria… sento che sarà importante, in futuro e che potrebbe determinare una svolta nel destino della ragazza. Forse è ora di lasciare la Famiglia e… spiccare il volo.

Viviana

Recensore Junior
13/04/17, ore 09:59

Ciao!
Sono in ritardo come al solito, che disastro!
E io che mi ero illusa che per una volta Dariush facesse la parte del "bravo Leader" che antepone a tutto la sicurezza della sua famiglia... e invece in men che non si dica è tornato odioso come sempre. Non si può biasimare in alcun modo il comportamento di Altea ma, ovviamente, Dariush è Dariush.
Comunque già troppe volte il caro Leader ha sottolineato l'inutilità di Nemeria, penso e spero che si ricrederà presto. A proposito, anche questa volta è andata molto vicina all'esplosione e penso che se avesse visto qualche segno di ribellione tra gli altri sarebbe successo... ma poi è intervenuto Hirad, che ha cercato di placare Dariush con diplomazia anche se poi forse si spinto un po' troppo oltre (trattandosi di Dariush doveva essere più cauto) e purtroppo ne ha pagato le conseguenze. Mi dispiace molto per come è stato trattato, non se lo meritava proprio (ovviamente nemmeno Altea!).
L'idea di Altea sui disegni di Hirad non è così fuori luogo: se lui è davvero così bravo potrebbero cercare di venderli e ricavarci qualcosa...
Nemeria ha rischiato tantissimo a scappare così, non è in grado di difendersi da sola dalle altre bande, figuriamoci dal predone! Meno male che è arrivata Noriko che, nonostante Nemeria cerchi di allontanarla, si preoccupa per lei e le promette di proteggerla. Si creerà un legame fortissimo tra le due, ne sono sicura!
Alla prossima!
Ciao
Giulia

Recensore Master
10/04/17, ore 21:59

Ciao!

Coraggio, paura, rassegnazione… ci sono molti sentimenti in questa storia, molti sentimenti forti che rispecchiano bene i suoi personaggi, a partire da Nemeria. Soprattutto in una situazione così critica come quella in apertura, quando la sua stessa vita è messa a dura prova, il suo segreto lo è, perché viene chiamata a decidere cosa deve fare fra la cosa più giusta e quella più… sicura in quel momento.

Dariush è indubbiamente una persona crudele, ma non mi sento di definirlo un villain, perché sono sicura che anche lui ha una storia complicata da raccontare. E’ un uomo che cerca di essere un leader, ma che sa di essere debole e quindi, per farlo, deve ricorrere al mezzo della forza. Sa di non essere nulla, soltanto il più forte di una banda di accattoni, e che la sua vita è appesa a un filo sottile come quello delle Parche. E’ insicuro e il suo nervosismo è evidente anche al resto della Famiglia, ma il suo essere un Dominatore lo protegge da qualsiasi ribellione. E’ un’eterna lotta per la sopravvivenza e questa volta è Hirad a pagarne il prezzo. Un prezzo altissimo, che non meritava, ma questa è la dura, cruda realtà delle cose.

Malgrado potrebbe essere difficile da credere, capisco, però, la reazione degli altri, la loro indifferenza di fronte all’umiliazione di un loro “fratello”. E’ pura e semplice paura, perché, in fondo, sono soltanto dei ragazzini cresciuti troppo in fretta.

MA (c’è sempre un ma, ci hai fatto caso?) per fortuna c’è ancora qualcuno che ricorda i valori che contano: Altea e Nemeria. Il tentativo delle due di scherzare e risollevare l’umore di Hirad mi ha fatto una tenerezza assoluta, con le loro utopie per il futuro. E’ un tocco di ironia a spezzare un capitolo che, altrimenti, sarebbe stato pesante, un altro segno distintivo del tuo stile sempre più maturo.

Infine, la sequenza con Noriko. Mi chiedo sempre che cosa pensi questa ragazza, è davvero impenetrabile, ma è anche questo il suo fascino. Al contrario di Nemeria, è assennata e sa sempre cosa è giusto e cosa sbagliato, o perlomeno dà l’impressione che sia così. Forse, in questo momento, sostituisce un po’ Ehteram come guida e “spalla su cui piangere”, quando finalmente la nostra piccola protagonista si deciderà a fidarsi di lei (capisco sia dura visto quello che è accaduto alle persone che ama).

Bellissima l’atmosfera della città in festa, mi sembrava davvero di essere lì, a perdermi nei riflessi della luce che emanano i fanoos, il vento che mi accarezza le spalle, stordita dai mille profumi che si sprigionano dalle bancarelle dei venditori ambulanti, come l’uomo burbero e gentile che mi ha ricordato tanto Bacht di Iadera che le offre qualcosa da mangiare, invece di cacciarla via come fanno tutti gli altri. E’ un po’ la differenza fra vedere ed osservare.

Però, anche in tutta questa magia c’è qualcosa di… marcio, qualcosa che la rovina irrimediabilmente, ricordandoci che Nemeria non è mai al sicuro: il misterioso predone nero. Questa volta, tuttavia, sarà Noriko a salvarla, un gesto insolito, è vero, ma che immagino sia solo il primo di una lunga serie che darà inizio a un nuovo rapporto fra  le due.

Perché, anche se durante la disperata fuga nelle catacombe non lo avrei mai detto, alla fine Nemeria torna a casa. La sua nuova casa.

Viviana

Recensore Master
08/04/17, ore 18:18

Buongiorno <3
E dopo tanto tempo torno a farmi viva ^^ ti sono mancata, lo so *stringe forte Hime e la spupazza*
Bene, che bello ritornare su questa storia!
Meno bello la situazione in cui Nemeria si trova, povera... sola e senza una direzione. Io darei di matto se fossi nei suoi panni, credo che non ci sarebbe disperazione più grande...
E nonostante quello che ha vissuto e passato, la piccola ha ancora un senso di sopravvivenza che non le permette di cadere. E' forte, davvero, ripeto che non so quanti avrebbero fatto come lei... perché non lasciarsi morire in quel deserto, addormentarsi per sempre sotto il Sole ed evitare di andare incontro a chissà quale realtà, chissà quali misteri e prove?
Ma ciò non è nel suo Destino; e si vede fin da subito, per esempio da quando comprende che la città che intravede all'orizzonte è il luogo dove deve andare... come se qualcuno, comunque, fosse al suo fianco, pronto a sostenerla e guidarla.
Mi è piaciuta così tanto l'apparizione dell'Elementale <3
L'ho vista proprio davanti a me, dalle forme antropomorfe ma di una potenza assurda, come una divinità ancestrale... è stata una bellissima immagine, complimenti per l'idea! E il modo in cui si rivolge a Nemeria, come veramente fa una madre con la sua bambina, mi ha fatto intenerire.
Ma la parte più bella è stata l'incontro con Altea - che bel personaggio! Particolarissima fin dalla descrizione fisica, con la testa metà rasata e l'orecchino particolare - la discesa nelle catacombe, e l'incontro con i ragazzi indesiderati e soli, come lei.
Dariush lo attaccherei via per i piedi e lo lascerei urlare per l'eternità, a dire il vero -.- ancor prima che abusasse di Altea mi stava già antipatico, ma Noriko e i gemelli, che ancora non sono stati introdotti, mi intrigano assai.
Mi viene il dubbio che Noriko sia anche lei capace di dominare gli elementi - quello spiffero di vento che accarezza Nemeria... hmm -, e comunque prevedo che saranno molto legate.
Non sembra una città per niente facile quella in cui la piccola è finita, e questo accresce la tensione e l'interesse; e poi davvero, ora sono curiosa di saperne di più riguardo ai suoi nuovi compagni... wow, mi hai già presa del tutto.
Mamma mia... mamma mia.

Alla prossima, Hime <3
Tua Manto :*

Recensore Master
03/04/17, ore 23:38

Questa storia è veramente molto, molto affascinante.
E' un fantasy, ma un fantasy mistico, direi. Di certo non il tipico mondo alla Tolkien, per intenderci, e, sebbene io ami quel tipo di ambientazione classica, amo ancora di più una tale esplosione di fantasia! Solo nel primo capitolo c'è l'introduzione a questo scorcio di mondo un po' particolare, questo villaggio magico, mistico, appunto, dove tutto ruota attorno alla natura, ai quattro elementi. Nonostante sia scritto in terza persona (io prediligo la prima), tu sai narrare in un modo unico, coinvolgente, e questo è meritevole, davvero. Ho conosciuto già diversi personaggi, ho avuto modo in pochissimo tempo di affezionarmi a loro, alla sorella, che poi muore... cioè, ci sono rimasta davvero male! Avevo già deciso che fosse il mio personaggio preferito... e niente, boom così T.T
La seconda parte del capitolo, l'attacco, è stata bellissima, da cardiopalma. Uno dei miei più grandi limiti sono le scene d'azione. Forse ho uno stile troppo "da introspezione", così mi trovo in seria difficoltà a renderlo veloce e immediato, come dovrebbe essere per le parti, appunto, d'azione. Ti invidio tantissimo questa capacità, davvero. Lo scontro è stato magnifico, descritto bene... cioè, assurdamente bene. Hai un'ottima padronanza del tuo stile e della narrazione in generale, questo si vede e si percepisce. Da fuori sembra cosa da niente, ma so che in realtà dietro c'è molto lavoro, impegno e soprattutto studio, esercizio. E' una cosa che ammiro, e tu, mia cara, sei bravissima.
L'unica cosa che vorrei segnalarti è l'impostazione dei dialoghi (gestiti benissimo). Tu hai scelto di usare i trattini (si chiama trattino medio spaziato, in realtà, o emdash), piuttosto difficili da gestire e molto diversi come regole rispetto alle caporali o ai doppi apici. Il modo in cui li impieghi tu non è molto corretto. Se vuoi, ti giro un prospettino molto utile che può aiutarti :)

Metto la storia tra le preferite perché è oggettivamente una delle più belle che abbia letto su EFP negli ultimi tempi. E la continuerò, questo è certo.

Un grande abbraccio,
Shadeyes

Recensore Junior
02/04/17, ore 18:31

Ciao ed eccomi qui come promesso! Per una volta che non arrivo in ritardo xD
Allora, che dire? Dal punto di vista grammaticale e sintattico, tutto inappuntabile e perfetto, non ho riscontrato errori di nessun tipo e come sempre la storia si lascia leggere con fluidità, tanto che nemmeno la gente che mi gira per casa riesce a distrarmi u.u
Ma passiamo al capitolo in sé! Questa volta a Nemeria è toccata la superficie e finalmente abbiamo una spiegazione su cosa sia Kalasprit e di come sia organizzata. Davvero, più vado avanti continuo ad avere in mente tutti gli scenari di Prince of Persia: li vedo in ogni dettaglio che dai, nel modo in cui parli di persone e gruppi, tanto che mi piacerebbe riprendere in mano il gioco (anche se forse la versione che ho io non riuscirà manco a partire T.T)
Adoro l'ambientazione orientaleggiante, l'aria del deserto che impregna ogni parola: trovo il tutto davvero molto evocativo!
Per quanto riguarda i personaggi, stanno diventando sempre più chiari certi passaggi riguardo ad Altea e ciò che fa per soddisfare Dariush, che a quanto pare è cambiato nel corso del tempo. Sono emersi particolari interessanti, la capacità di Dariush di dominare la terra ha qualcosa che mi incuriosisce, così come Noriko, che a quanto pare è una dei "big" della famiglia... Sono proprio curiosa di sapere come si evolveranno le cose, perché il tuo modo di dare indizi è qualcosa che reputo meraviglioso <3
Per quanto riguarda ancora Altea, anche lei è un personaggio che non ha ancora avuto il suo tempo per mostrarsi ma il suo mancamento mi ha dato l'impressione che anche lei abbia la sua buona dose di mistero u.u E l'incontro con l'altra "banda"! Mamma mia, i brividi! Sono come Nemeria, quindi immagino vorranno qualcosa da lei e spero che non le succeda nulla di male, perché povera cucciola non può soffrire ancora! E riguardo a questo, mi è piaciuto il modo in cui la "famiglia" la stia abituando alla nuova situazione e come si stia lentamente lasciando alle spalle il dolore per la perdita dei suoi cari. Davvero bellissima costruzione del personaggio, non c'è che dire u.u
Spero di poter leggere presto il prossimo capitolo e grazie come sempre per i tuoi consigli, li apprezzo moltissimo e sto facendo molta più attenzione a certi aspetti nelle storie che sto scrivendo ora! Grazie mille davvero <3
Beh, detto questo mi congedo e alla prossima.
Una bacione,

Zenya_

Recensore Junior
31/03/17, ore 16:45

Eccomi! Ciao!
Davvero un bel capitolo! Molto carina e simpatica la scena con Chalipa e Afareen, molto dolce invece la parte con Altea dove prima è Nemeria ad aver bisogno di un sostegno e poi la situazione si ribalta.
Immaginavo che il dominatore fosse Dariush, altrimenti non avrebbe fatto tanto il prepotente... però non immaginavo che tutti avessero così paura di Noriko... beh, strana è strana!
Nemeria ha fatto davvero fatica questa volta a trattenersi, quando i due ragazzi sono comparsi... pensavo proprio che avrebbe fatto ricorso al dominio del fuoco, invece è stata brava. Ma prima o poi esploderà, questo è certo!
Aspetto il seguito, la tua storia mi incuriosisce sempre di più!
A presto!
Ciao
Giulia

Recensore Master
27/03/17, ore 23:13

Di bene in meglio, il tuo stile diventa più bello. Ogni capitolo che leggo vedo un miglioramento in quello che scrivi.
La tua storia è molto appassionante, merito tuo e dell’impegno che metti nello scrivere.

Recensore Master
27/03/17, ore 23:13
Cap. 3:

Che dire, ogni capitolo diventa sempre più appassionante.
Anche se devo dire che questo all’inizio – ma solo all’inizio – l’ho trovato un pochino noioso, ma poi ti sei ripresa molto bene con il resto.
Ottimo, continua così.

Recensore Master
27/03/17, ore 23:13

Come ho detto, il tuo stile mi piace molto.
Il tuo modo di descrivere le scene mi piace parecchio, molto coinvolgente.
Vado subito a leggere il terzo capitolo. ^^

Recensore Master
27/03/17, ore 23:13

Eccomi qui, dato che sto per finire internet recensisco i capitolo tutti insieme. xD
Allora iniziamo, questo primo capitolo mi è piaciuto tanto. Devo dire che lo stile è davvero ottimo, scorrevole e leggibile.
La punteggiatura va bene.
Ottimo lavoro.

Recensore Master
27/03/17, ore 21:37

Ciao!
Questa volta già dal titolo ho paura e questo sentimento strisciante e divoratore è proseguito man mano che il capitolo è andato avanti, sino a prendere il sopravvento nel finale. A volte mi chiedo se per questa ragazza ci sarà mai un futuro felice come lo è stato il passato fino alla fuga precipitosa.
Mi ha stupito molto la frase di Altea all’inizio: questi ragazzi vivono nella miseria (perché sì, alla fine è così), eppure hanno conoscenze basilari di medicina tali da sapere che non possono vivere sempre sottoterra. E’ sorprendente. C’è forse anche qui lo zampino del saccente e sveglio Hirad…? Soprattutto perché, subito dopo, capiamo che sopravvivono fondamentalmente rubando, in un’eterna lotta contro le bande rivali che fa sembrare Kalasprit uno scenario di guerra, più che una cittadina di un mondo molto più grande.
Afareen e Chalipa, le “cuoche” della famiglia, sembrano due gemelle inseparabili, al punto che mi sono stupita non finissero le frasi l’una dell’altra. Bella anche l’idea di descrivere una ricetta reale, quasi tutti gli scrittori avrebbero finito per fare un elenco noioso e superfluo, invece tu sei riuscita a renderla parte della narrazione, sfruttando l’occasione per svelare anche altri particolari dei personaggi, come si muovono, come si esprimono, come reagiscono alle situazioni.
Noriko…. Noriko è strana e sembra che questa opinione sia condivisa anche da Altea (e quindi dal resto della famiglia?). L’impressione è che ne faccia parte perché… serve, non perché gli altri la vogliano realmente fra loro, dato che non sembra particolarmente integrata nella comunità. Come se volesse o dovesse tenersene ai margini e “usarla” solo come un mezzo necessario, ma sgradevole per sopravvivere.
Altea, invece, è adorabile, il che rende ancora più orribile la sua storia. Quando chiama Nemeria “scoiattolo” mi sono sciolta in una pozzanghera di lacrime di feels. Mi ha ricordato la dolcezza di Etheram e credo che anche per lei sia stato così.
Brava anche ad aver usato il pretesto della spesa per descrivere un po’ la città e, soprattutto, i quartieri che la compongono, in previsione dell’importantissimo ruolo che avranno in futuro. Anche perché, di solito, le città sono una versione in miniatura del mondo al di fuori e Nemeria non passerà a Kalasprit tutta la vita. Come dimostra il fatto che la “Famiglia” non è l’unica banda e che ne esistono altre, più terribili, più spietate e più in forze altrettanto determinate a sopravvivere e a vincere nella lotta per il più forte. E il Finale lo dimostra in tutta la sua potenza, facendo sembrare Nemeria, Hirad e Altea ancora più piccoli e fragili di quanto già non siano, malgrado le dure lezioni che la vita ha già impartito loro.
A presto,
Viviana

Recensore Veterano
25/03/17, ore 02:35
Cap. 3:

Eeeeeccomi qua come promesso :3 Scusami ma ci ho messo un po' di più del previsto, ci tenevo a recensirti decentemente e in questi ultimi due giorni sono stata sempre di fretta.
Inizio col dirti che sei stata una piacevole sopresa, e con 'piacevole' non intendo qualcosa che mi è piaciuto e basta, ma mi hai davvero spiazzata, tant'è che nonostante pensassi mi sarei fermata al primo capitolo poi, senza quasi rendermene conto, l'avevo divorata fino all'ultima riga. Hai uno stile scorrevole, fluido, coinvolgente, una grammatica impeccabile: in poche righe sai sapientemente tracciare un quadro delle situazioni, dei personaggi, delle ambientazioni, che risultano vive e reali come in un film, come se le avessi vissute davvero; amo il tuo modo di scrivere, si sposa benissimo con il genere e lo trovo ben caratterizzato, proprio 'tuo': non sopporto gli stili che vogliono ricalcare quelli sulla scia di Tolkien, tanto per intenderci, o quelli che semplicemente sono forzati. 
Sono del parere che non importa di cosa si scrive, ciò che fa la differenza è come lo si scrive: e tu ne sei la dimostrazione. Potrà non essere originale la scelta di questo mondo popolato da creature che domani i quattro elementi, ma l'hai raccontato in una maniera tale da non rendere neanche un aspetto banale o scontato: la spiegazione di Etheram mi ha letteralmente fatto volare con l'immaginazione. Ho amato anche come hai delineato tutti i  personaggi: ci hai dato uno scorcio di ciascuno di loro, come un qualcosa che si guarda con la coda dell'occhio: sfumato, magari poco chiaro, ma che man mano che prosegui prende forma, rivela aspetti sempre nuovi. Amo quando i personaggi non si spiegano da subito, ma si scoprono progressivamente: partendo dalle Jinian all'Alta sacerdotessa, fino a questa banda di 'spiantati', di ladruncoli che vive nelle catacombe di Kalaspirit un po' alla giornata, senza sapere cosa riserverà loro il mattino seguente, hai disegnato in pochi capitoli un universo coerente, verosimile e affascinante. Mi intriga moltissimo Noriko, ma anche Hirad: è evidente che entrambi siano molto più di ciò che vuoi dare a vedere, che anche loro, come Nemeria, nascondano un segreto. 
"Bene, ora lo sai. E comunque, Nemeria, non penso che questo sia il tuo più grande segreto. Sono le lacrime che ti brillano negli occhi e il tuo completo silenzio il tuo più grande e doloroso segreto". Ho amato questa parte! 
Di solito tendo a non apprezzare particolarmente le protagoniste/i delle storie fantasy, perché spesso sono delle Mary sue insopportabili: ma non riesco a trovare un solo difetto nemmeno a Nemeria, così vulnerabile, così umana eppure anche così caparbia. Non riesco a trovare un difetto alla tua storia, a essere sincera, e ti lascio dicendo che non vedo l'ora di trovare il prossimo aggiornamento! <3 
Grazie per lo scambio di recensioni, sei stata davvero una bellissima scoperta.  Alla prossima, cara! 
 

Recensore Junior
24/03/17, ore 19:49
Cap. 3:

Ciao e finalmente eccomi qui u.u
Scusa il ritardo, ma sono riuscita a liberarmi dell'università solo oggi ^^" Allora, ti ringrazio ancora per il tuo parere su WYS, non finirò mai i ringraziarti, anche se inizierò a risultare pedante come una radio rotta u.u
Comunqueeee, passando alla storia e saltando a piè pari le mie considerazioni su forma e grammatica, perché non ho trovato errori e se li ho trovati erano di distrazione e non riuscirei a ritrovarli, vediamo finalmente quella che è a vita di Nemeria con questa gente che deve iniziare a considerare una famiglia. La descrizione dei sogni che la attanagliano mi stringono il cuore, tanto che vorrei stringerla e cercare di consolarla T.T 
La sua situazione è davvero difficile e sembra che non tutti la capiscano, Noriko in primis sembra quella che più di tutti riesca a capirla ma se ne tiene abbastanza lontana nascondendosi, secondo me, dietro a una maschera di indifferenza dovuta alla fine della sua curiosità. Il suo comportamento mi fa pensare che lei sia più di quanto non voglia far credere e credo possa essere un personaggio di spicco all'interno della storia. E poi che Hirad che sembra essere diventato un buon amico per Nemeria, il che è una cosa positiva per la nostra protagonista. Spero che lui riesca a tirarle su il morale, ne ha bisogno e spero che le cose tra loro vadano per il verso giusto, anche se anche lui ha la sua buona dose di mistero u.u
Nel capitolo non succede molto, ma ho comunque trovato interessanti le interazioni tra Nemeria, Hirad e Noriko, come spero anche di sapere cosa succederà alla ragazzina e se sarà in grado di risalire ai predoni che hanno devastato la sua specie. La storia si segue che è un piacere e non vedo l'ora di leggere il seguito u.u Adoro il tuo modo di scrivere, davvero!
Non so che altro dire, se non alla prossima e un bacione!

Zenya_

[Precedente] 1 2 [Prossimo]