Anime & Manga > Lady Oscar
Segui la storia  |       
Autore: LatazzadiTea    07/06/2017    7 recensioni
Oscar inizia a rendersi conto di ciò che prova, quando André smette di parlarle come faceva un tempo. Ora che tutto sembra cambiato, lei cercherà di ritrovare se stessa aprendo il suo cuore a un nuovo sentimento. Il suo amore per lui cresce dentro al suo cuore facendosi strada giorno per giorno, divendo sempre più intenso e opprimente, quanto il silenzio che la circonda senza il suono della sua voce.
Genere: Romantico | Stato: in corso
Tipo di coppia: Het | Personaggi: Alain de Soisson, André Grandier, Oscar François de Jarjayes, Un po' tutti
Note: Lime | Avvertimenti: nessuno
Capitoli:
   >>
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A

Image and video hosting by TinyPic

 
Erano passate solo poche settimane da quando André le aveva confessato di amarla, ma da allora, aveva smesso di parlarle. I loro rapporti erano scemati: a mala pena le rivolgeva il saluto, se non per obbligo verso l'etichetta, o perché costretto dalle circostanze. Aveva mantenuto la parola data quella sera, ma allontanandosi a quel modo, tutto aveva smesso di avere un senso per entrambe. Aveva giurato che mai più nella vita le avrebbe fatto una cosa come quella, ma ora, era peggio di prima per lei. Era stato un pazzo, un egoista, o forse più un vigliacco, sia nel dichiararle il suo amore quanto nel tenerlo nascosto, ma era pur sempre il suo André ad averlo fatto. Quello stesso André che ora, invece era scomparso. Quello strappo insanabile le aveva tolto in un istante, non solo un fratello, ma anche il solo, vero e unico amico, che avesse mai avuto in tutta la sua vita. E da una parte, lo odiava per questo.

Ma c'era dell'altro, e lei sapeva bene cosa.

A quel pensiero sii sentì sporca fin dentro le ossa perché in fondo al cuore, aveva sempre saputo che i sentimenti che André nutriva per lei, erano più profondi di quelli che avrebbe dovuto provare per una semplice amica. Aveva visto come la guardava di nascosto, come il suo sguardo l'accarezzasse languido quando pensava di non essere visto, o sentito come il suo tono  cambiava, facendosi più caldo e tenero quando le attenzioni che avevano l'uno dell'altra, erano rivolte soltanto a loro.

Ma non ne aveva tenuto conto, o più semplicemente, era stato più facile ignorarlo.

Oscar si alzò dal sedile del pianoforte, e diede un occhiata fuori dalla finestra; quei pochi giorni passati ad Arras, nella loro villa di campagna vicino all'oceano, non era serviti a schiarirle le idee su quella spinosa situazione. L'unica cosa di cui era certa, era che André le mancava. Le mancava tutto di lui: la timida carezza dei suoi occhi gentili, quanto la struggente e dolce irriverenza della sua voce, quando la stuzzicava o la canzonava per gioco. All'improvviso notò la sua figura slanciata e asciutta appressarsi ad una delle tante fontane, che abbellivano gli splendidi giardini di casa Jarjayes; André era solito andarci per rinfrescarsi, dopo aver accudito i cavalli. Spesso si sedeva all'ombra delle pergole fiorite di glicini e bouganville, e ancor più spesso, in passato, avevano condiviso quel momento con lei, come del resto avevano fatto con in tutte le altre occasioni in cui erano stati insieme.

La sua stessa ingombrante assenza, era difficile da sopportare. Quanto il non poter più sentire l'odore intenso e speziato del suo profumo, o del bearsi della piega insolita che le sue labbra assumevano, quando le arricciava in una nota di disappunto. Tutte cose a cui non aveva mai dato un peso prima ma che ora mancavano come l'aria nei polmoni, quando l'avvicinava per sbaglio nei corridoi della loro abitazione, o nei pressi delle stalle. Ogni cosa smetteva di risplendere senza di lui, e veniva meno, come la luce del giorno durante un eclissi, quando inevitabilmente abbassava il capo, evitando volutamente di incontrare il suo sguardo. Esattamente come in quel momento: l'aveva di sicuro sentita suonare quel pomeriggio, e sapeva perfettamente che da quella finestra che dava sul retro del palazzo, qualcuno l'osservava. Eppure, Andrè era lì, con gli verdi e scuri di tristezza a fissare un punto indeterminato e lontano di un mondo da cui l'aveva esclusa, e del quale, lei non poteva più né vedere, né sentire nulla.

Ed era quello a mancarle più di ogni cosa, il suono della sua voce, quella vera, quella proveniente dalla sua anima. Lasciò scivolare le dita lunghe e affusolate sul vetro cristallino della finestra tornando coi pensieri alla loro infanzia e ad un giorno lontano, persi in un mare di fiori dorati come il miele, con un solo strumento a farle compagnia, un violino, e una voce, la sua.



Carissimi lettori, una storia buttata giù di botto, in uno slancio struggente e nostalgico verso una storia che mi ha accompagnata negli anni più belli e spensierati dell'infanzia. Ho sognato di essere lei, Lady Oscar, e come tante fanciulle come me, ho sognato un amore come il loro, come quello di André per lei e viceversa.
Buona lettura e alla prossima.

 
   
 
Leggi le 7 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
   >>
Torna indietro / Vai alla categoria: Anime & Manga > Lady Oscar / Vai alla pagina dell'autore: LatazzadiTea