Storie originali > Soprannaturale > Vampiri
Segui la storia  |       
Autore: Allen Glassred    07/06/2020    4 recensioni
Ivy è una giovane ragazza, figlia di due Hunters molto famosi. Dopo il brutale assassinio dei suoi genitori da parte di Vanitas, il così detto re bambino e sovrano di Veritas, la ragazza vive insieme al fratello Garry, ed entrambi hanno un solo scopo: trovare ed uccidere l'assassino dei genitori. Ma cosa succederà quando Ivy si troverà faccia a faccia con il re dei vampiri, ora ventenne è più spietato di prima? Quale tremenda verità emergerà dal loro incontro? E cosa succederà in seguito? Ragione o sentimento, cosa seguirà la bella cacciatrice? Vi ho incuriositi? Allora leggete la mia storia, e scoprirete tutto quanto.
Genere: Sentimentale, Sovrannaturale, Suspence | Stato: in corso
Tipo di coppia: Het, Shonen-ai
Note: nessuna | Avvertimenti: Contenuti forti, Incest, Violenza
Capitoli:
 <<    >>
- Questa storia fa parte della serie 'La diciottesima Luna '
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
Sono trascorse solamente poche ore dall’incontro tra Ivy e Vanitas Hikari, e da quando lui le ha detto che è la persona che cercava da anni. Ma come sarebbe? Cos’h a che fare lei con la famiglia Hikari? Si sente in oltre una sciocca: non ce l’ha fatta. Non è nemmeno riuscita ad affrontarlo, si è immobilizzata come una perfetta sciocca. Ha messo a rischio non solo la propria vita, ma anche quella di Anna e di Hans. E quello sguardo... Diamine, lo sguardo di Vanitas, lei non riuscirà mai a scordarlo fino a quando vivrà. Mentre cammina per ritornare a casa sente un rumore. Un rumore che la fa subito fermare di colpo. Mette una mano sulla sua pistola, e si guarda attorno. “ chi c’e? “ chiede solamente. Nessuna risposta. Forse è stato solo un animale, e lei si sta facendo delle paranoie inutili. Si gira di scatto, ma un’arma che non riesce ad identificare le fa cadere a terra la pistola poco dopo averla estratta. Qualcuno le tappa la bocca di colpo, tirandola a sè.

“ stai zitta e non ti azzardare a gridare, o ti assicuro che te ne pentirai “. È una voce femminile, ma chi accidenti sarà? “ il mio signore mi ha ordinato di portarti da lui, ed io devo obbedire. Anche perché così potrò pareggiare i conti con il caro Garry “. Ammette la misteriosa donna, ma chi sarà mai? Ivy cerca di ribellarsi, ma non ci riesce. La donna con un’unica mossa riesce a colpirla, facendola svenire. La prende in braccio, per poi fissarla intensamente. “ dolce Ivy, dopo anni ed anni ti abbiamo finalmente trovata “. Poi prende in braccio la giovane, ma il suo sguardo celeste,uguale a quello di Vanitas, si sposta verso il villaggio poco distante. “ Garry... Ti ritroverò... È una promessa “. Sussurra per poi saltare abilmente su un albero. Il suo mantello blu svolazza nella notte. Ed anche questo è un elemento che la accomuna a Vanitas: il mantello blu degli Hikari. Ma chi sarà in realtà? 

Passano diverse ore dal rapimento di Ivy. Garry si trova solo a casa, preoccupato: non ha notizie di Ivy, starà bene? Lui è rimasto accanto a Lukas, per curargli il braccio al meglio. La ferita si stava infatti già infettando, è solo il pronto intervento dell’amico a salvarlo. Il ragazzo è agitato. “ Garry voglio andare dai miei genitori! Oltre tutto Ivy non è tornata, ho un brutto presentimento “ mormora il ragazzo. Il ragazzo dai capelli argentati annuisce: senza indugiare oltre prende la sua arma, per poi fare cenno a Lukas di seguirlo. Andranno a casa Delacour. Lukas andrà avanti per primo, mentre Garry gli coprirà le spalle. I due amici si avventurano nella foresta, ed il giovane Perry non può fare a meno di essere un ansia per la sorella, maledicendosi mentalmente: non avrebbe mai dovuto lasciarla andare da sola! Ma è anche vero che la giovane l’ha quasi costretto a restare lì insieme a Lukas: quello sguardo autoritario non ammetteva la minima replica. Lukas cammina a passo spedito, ma un rumore lo fa fermare. Garry lo affianca subito. 

“ ascoltami bene, Lukas. Vai a casa e controlla che i tuoi ed Ivy stiano bene. Io resterò qui a vedere se è stato solo un animale o qualcos’altro “. Sentenzia l’Hunter, ed il compagno decide di fare come gli ha detto lui. Garry rimane solo, ma il suo istinto di cacciatore lo sta avvertendo: c’e un pericolo nei dintorni. Non l’ha voluto dire a Lukas per non farlo rimanere: nel suo stato attuale sarebbe stato solo un impiccio più che un aiuto. Oltre tutto deve sincerarsi delle condizioni dei suoi. Il giovane fa un ghigno, per poi lanciare un pugnale che teneva nascosto sotto il cappotto. Lo lancia in un punto ben preciso, ma l’arma viene respinta per poi sfiorare il viso del mittente e conficcarsi in un albero retrostante. Una misteriosa figura si palesa nell’ombra, rivelando di indossare un abito femminile. I suoi occhi azzurri brillano nell’oscuritá della notte. Garry tiene alta la guardia. “ chi sei? “ chiede gelido. La donna ghigna, per poi finalmente prendere parola. 

“ Garry, come sei aggressivo. Eppure tre anni fa non ti saresti mai rivolto a me in questo modo “. Ride sprezzante la misteriosa donna. Garry riflette un momento, fino a quando non gli sovviene finalmente l’identitá della fanciulla. 

“ tre anni fa non sapevo chi fossi, Jeanne “. Dice in modo apatico, rivelando l’identitá della donna di fronte a se. Lei ride un po', per poi togliere il cappuccio e rivelando i suoi bellissimi capelli biondi. I suoi occhi azzurri incontrano quelli di colui di fronte a lei. 

“ cercavi Ivy? “. Chiede, mentre Garry inizia ad agitarsi. “ spiacente ma non la troverai. Il mio signore mi ha ordinato di portargliela, ed io l’ho fatto. Ma era te che volevo incontrare “. Sussurra la bionda, mentre Garry si arrabbia. 

“ adesso basta, Jeanne Hikari “. Fa su tutte le furie. “ parla! Perché tuo fratello ha voluto mia sorella? “. Chiede, rivelando che la bella Jeanne altro non è che la sorella minore di Vanitas. 

“ diciamo che ha i suoi motivi “ sentenzia la bella vampira, avvicinandosi fino ad arrivare ad un millimetro dal viso dell’avversario. “ come io ho avuto i miei per venire qui. Mi sei mancato “. Gli accarezza il viso, per poi dargli un bacio. Lui da prima ricambia ma in seguito, come risvegliato da un sogno, respinge la ragazza è si stacca dalle sue labbra. 

“ adesso basta! Il passato è passato. Tu sei la sorella di colui che ha ucciso i miei! “. Jeanne sospira, per poi guardarlo. 

“ sorellastra, ti ricordo. La sua vera sorella... Beh lei.... “. Ma si ferma di colpo. Non può parlare della principessa di Veritas. 

Ivy si sveglia dopo diverse ore. È in una stanza bellissima e lussuosa, ma che è successo? Ah sì, ora ricorda: una donna misteriosa l’ha rapita, ma chi è? La giovane si alza, e rimane sorpresa: ma che ci fa con una vestaglia da notte?! Chi glie l’ha messa?! Si guarda allo specchio, chiedendosi chi sia stato a spogliarla per farle indossare un indumento da notte? “ ti sei svegliata “ sentenzia una voce, per poi far voltare di scatto la ragazza. Non si era neppure accorta di non essere sola! Riconosce immediatamente chi si trova davanti. 

“ tu!? Ma che ci faccio qui? E con questo abbigliamento... “ fa la giovane, e lui vedendo la sua faccia sorpresa si mette a ridere. 

“ tranquilla, è stata Jeanne a vestirti. E comunque credimi, presto questo sarà l’ultimo dei tuoi pensieri “. Le mette le mani sulle spalle, avvicinandosi a lei. Per istinto la giovane arretra, arrivando però ad essere bloccata spalle al muro. Vanitas la fissa qualche istante, per poi prenderle il mento con due dita, esattamente come la volta prima. Un brivido di paura scorre lungo la spina dorsale della giovane cacciatrice, che trema incontrando di nuovo lo sguardo dell’avversario. 

“ cosa vuoi da me? “ chiede la mora, spaventata. Lui continua a fissarla, con uno sguardo tra il folle ed il serio. 

“ cos’e questa cosa che sento nel mio corpo? Cos’e questo calore assurdo? “ le chiede, e lei non riesce a capire dove voglia andare a parare. “ ah sì, forse lo so. È una cosa simile a quello che gli umani chiamano... “ le si avvicina, ormai sono ad un millimetro di distanza, e lei è quasi inchiodata al muro. “... Amore? “ chiede lui in fine, prima di afferrarle i polsi per tenerla ferma e darle un passionale bacio, una cosa che di certo per Ivy è nuova. La ragazza, spaventata dalla situazione fa per staccarsi e divincolarsi, ma lui è decisamente più svelto. La spinge nuovamente sul letto, cadendo su di lei e stringendole forte i polsi, tanto da farle fare una smorfia di dolore e da farle mancare il fiato. Quel contatto tra loro la terrorizza, mentre a lui sembra piacere, sembra mandarlo fuori controllo. Si stacca dalle labbra della giovane, che lo guarda shoccata. “ oh sì. Come sei dolce. E quell’espressione che hai ora mi sta facendo impazzire. Io devo avere tutto di te. Ogni cosa “. La guarda, il suo sguardo è mutato, diventano completamente folle. “ sposami,Ivy! Sposami e diventa mia “. Una proposta che arriva come un fulmine a ciel sereno, tanto che la giovane hunter sente quasi il cuore fermarsi. È forse impazzita? Ha sentito male? No! Questa è la realtà, che le di sta palesando in tutta la sua durezza. E con mille sorprese. Ma l’ultima certo l’ha sconvolta. L’assassino dei suoi genitori l’ha letteralmente immobilizzata sotto di lui, l’ha baciata ed in fine le ha chiesto di sposarla! 
 

Salve miei fans! Come state? Intanto ringrazio tutti coloro che leggono e recensiscono, ma anche chi mette la storia tra le ricordate, le preferite e le seguite, siete davvero un sostegno. Che dire? Abbiamo conosciuto Jeanne Hikari, sorellastra di Vanitas che pare innamorata di Garry. Anche Vanitas ha fatto la sua mossa. Ma cosa farà alla bella Ivy ora che è nelle sue mani? Le ha chiesto di sposarla, che vi pare di questa proposta inaspettata? Noi ci rileggiamo al capitolo 4, alla prossima!
   
 
Leggi le 4 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
 <<    >>
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Soprannaturale > Vampiri / Vai alla pagina dell'autore: Allen Glassred