Storie originali > Fantasy
Segui la storia  |       
Autore: Mixxo    08/05/2022    1 recensioni
"Aggrapparsi a un fantasma non è ciò che la riporterà indietro."
Genere: Fantasy, Hurt/Comfort, Introspettivo | Stato: in corso
Tipo di coppia: Nessuna
Note: nessuna | Avvertimenti: nessuno
Capitoli:
 <<  
Per recensire esegui il login o registrati.
Dimensione del testo A A A
Remnant 2 La zona superiore della Corona è stata costruita attorno a un precipizio. Le strade selciate e le abitazioni formano un anello, solo una decina di metri di terreno sabbioso le separano dal vuoto. Sporgendosi da esso ciò che si vede è una distante piana di verde.
Kaedra cerca un punto dove atterrare. Stringe appena gli occhi, le serve un posto libero dalle chiome o da larghe foglie di piante di dimensioni notevoli. Una lieve brezza scuote i rami, creaturine spuntano da un cespuglio e si rincorrono tra loro.
«Uh, spappolare di nuovo qualche animaletto potrebbe non essere il modo migliore per presentarmi ad Ostara.»
Ricorda ancora quando Prim le aveva detto di saltare. Lei si era fidata, era finita su un nido di qualche specie di volatile, schiacciando le uova e perdendo il saluto di Ostara per qualche anno.
Stende la mano in avanti, linee luminose appaiono sotto di essa tracciando una serie di cerchi concentrici. Due linee brillanti appaiono sul terreno sabbioso, parallele tra loro. Nel loro percorso si avvicinano sempre più al bordo. Altre linee vengono tracciate: delineano ruote collegate da bielle, una struttura imponente e una cabina abbastanza grande per una persona nella parte posteriore della struttura.
“Una FS 800 uguale fino all'ultimo bullone. Che Cubo perfetta."
Kaedra chiude la mano, i cerchi luminosi spariscono. Gli occhi le brillano, un sorriso si delinea sul suo viso. Appoggia la mano sulla locomotiva, la lascia scivolare sul metallo fresco, sale i due gradini che la portano dentro la cabina di pilotaggio. Guarda la rotaia che ha appena creato, sorride. La allunga verso la leva dei comandi, l’altra tira la cordicella mentre spinge in avanti la leva. Il fischio annuncia la partenza della locomotiva.

I binari scendono per l’immenso fossato, girando attorno alla base del paese. Kaedra lancia un’occhiata fuori mentre la locomotiva viaggia spedita sui binari agganciati alla roccia. La vegetazione è quieta, nessuna creatura grossa è stata allertata dal rumore del veicolo.
Kaedra vede il fondo del precipizio, tira la leva di controllo. Lo stridere dei freni le ferisce le orecchie, la locomotiva rallenta sempre più fino a fermarsi. Salta i due gradini ed atterra sull’erba. Il muschio azzurrino sugli alberi illumina la radura.
“Possiamo fare di meglio.” Chiude di colpo la mano, una linea di luce sgorga tra le dita. Si solidifica nell’asta della lancia. Dà un colpetto per terra, la lama inizia a brillare di luce propria. «Meglio.»
Fa un passo in avanti, rametti scricchiolano alle sue spalle. Si volta.
Due occhi gialli sono sospesi in mezzo ad una nube di denso fumo nero che la scrutano vacui.
Kaedra s’inumidisce le labbra. «Liliyan.»
La nube nera si condensa in una forma minuta, una ragazzina avvolta in un giaccone nero sagomato sulle spalle. Alza una mano guantata, una tazza fumante compare sul suo palmo. «Reggente.»
Kaedra fa un cenno con il capo, gira i tacchi e s’incammina nella radura. I passi leggeri di Liliyan la seguono. «Rapporto.»
«Selene dice che si tratta di una capsula. Probabilmente non doveva nemmeno aprirsi in questo momento.» Il sorseggiare di Liliyan raggiunge le sue orecchie.
«Certo che non doveva aprirsi in questo momento,» ribatte secca.

«Sarà l’ultima che libererò prima di... lasciare il lavoro.»

Sente ancora la risata di Prim. Stringe la presa sulla lancia, si morde l’interno della guancia.  «Dove l’avete trovata di preciso?»
«Nella punta della Corona, l’ingresso della stanza era sepolto. Ostara pensava si trattasse di un animaletto incastrato.»
Kaedra spicca un saltello per superare un dislivello. L’albero di fronte a loro troneggia sul resto della foresta. Le sue enormi radici spuntano dal terreno e si dipanano per la piana.
«Saprò di più direttamente da lei.»

Visto dalla sua base, l’albero di Ostara sembra in grado di circondare il mondo intero, piccole luci colorate di qualche specie sconosciuta a Kaedra svolazzano tra la chioma rendendo il panorama un dipinto cangiante di luci.
Appoggia la lancia alla sua spalla. Abbassa lo sguardo su un alberello più piccolo, vicino alla base di quello gigante. Mentre si avvicina prende a occhio le misure, l’alberello è ad altezza d’uomo. Appoggia la lancia sul tronco.
Un ramo si piega, la punta metallica scivola e cade a terra.
Kaedra piega le labbra in un sorriso divertito. «Ostara.»
I rametti alle estremità dell’albero diventano dita lunghe e affusolate, i due rami si trasformano in braccia con liane legate attorno per formare un guanto, l’edera sul tronco copre il corpo di donna in cui si è tramutato.
Gli occhi placidi verde palude fissano Kaedra. «L’unica cosa che voglio che si posi su di me è la pioggia proveniente dal cielo.»
Kaedra s’inumidisce le labbra. «Capisco che i dizionari sono di carta, ma questo linguaggio forbito da quando?»
Ostara alza un braccio, sulle sue dita si appoggia un minuscolo grifone dalle piume ramate. «Non sei a conoscenza di quante cose siano state scritte sui miei fratelli.»
“Inquietante.” Pensa Kaedra. «La stanza nascosta? Hai scoperto altro?»
Ostara muove le dita, il minuscolo grifone vola via. Lo guarda raggiungere con un paio di colpi d’ala un ramo basso per poi spiccare un salto da esso e scomparire tra le foglie. «...Risale alla creazione della Corona, ho percepito il cambiamento di forze al suo interno immediatamente.»
Kaedra stringe la mano sulla lancia. «Vuoi dire che sapevi che era lì? Da quanto?»
Ostara abbassa il braccio e rivolge lo sguardo verso Kaedra. «Da quando mi hai scelta, Reggente.»
Kaedra abbassa gli occhi, li stringe appena. “Inizio a pensare di sapere troppo poco di questo luogo nonostante tutto il tempo che ci passo.”
«Portami lì.»
«Sei certa di essere pronta per queste risposte?»
  
Leggi le 1 recensioni
Segui la storia  |        |  Torna su
Cosa pensi della storia?
Per recensire esegui il login oppure registrati.
Capitoli:
 <<  
Torna indietro / Vai alla categoria: Storie originali > Fantasy / Vai alla pagina dell'autore: Mixxo