Recensioni per
Il mondo di Felicia Fortunata
di Biblioteca

Questa storia ha ottenuto 116 recensioni.
Positive : 116
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
[Precedente] 1 2 3 4 5 6 7 8 [Prossimo]
Recensore Veterano
23/04/21, ore 15:13
Cap. 45:

Scusami per l'assenza,ho letto i capitoli nuovi e rieccomi qui.Certo questo capitolo ti lascia proprio a bocca aperta.Victor....e chi se lo aspettava ma sono proprio gli insospettabili a cui non bisogna dare fiducia.Povera Felicia è sempre più sola,ora sarà anche sconfortata.Ormai una cosa l'ho capita bene,questo Despotismo elogia i maniaci,gli asociali,i pervertiti e tutti quelli fuori di testa.A quanto sembra Felicia di trasferirà a Milano o esser venuta a conoscenza di Victor cambierà tutto?Vedremo.Complimenti ancora per la tua storia.A presto e un bacio

Recensore Master
12/04/21, ore 08:22
Cap. 45:

Ciao^^
Beh, qui non se ne salva uno, nemmeno Victor. Già avevo avuto il dubbio per quelle frasi uguali a quelle pronunciate da Kruger, ma le parole di Gelsi lasciano poco spazio all'interpretazione.
E quindi adesso che succede? Felicia è sempre più sola, e di pari passo i capi del Despotismo si rivelano sempre più feroci e amorali. Penso a Gigliola Lama, ad esempio, che si è presentata con le teste dei familiari nel borsone da ginnastica, oppure al mai abbastanza esecrato Kruger.
Sempre più questo Despotismo sta diventando il "parco giochi" di manutengoli, antisociali, scocomerati e ladri da quattro soldi. Mi chiedo se la nostra troverà il modo di salvare se stessa, la sua salute mentale ed eventualmente anche Gelsi.
Storia sempre più bella, capitolo dopo capitolo. Aggiorna presto che sono curiosissimo!!

Recensore Master
01/04/21, ore 08:20

Ciao!^^
E così, il cerchio comincia a stringersi. Mi ha fatto morire la "lauta" ricompensa promessa ai civili, ovvero un pacco viveri in più e la possibilità di non essere puniti per un mese. Paradossalmente, è proprio questo premio che descrive meglio il Despotismo: il niente che dà a chi ci si trova dentro, le disparità tra le varie classi (soldati e civili, per dirne una), la naturalezza degli abusi di certi individui nei cofnronti di altri, ma soprattutto il valore nullo che viene attribuito alle persone.
Veramente agghiacciante, così come agghiacciante è l'indifferenza con cui viene accolta la "taglia" su Gelsi affissa su tutti i muri.
Felicia si trova a dover dissimulare qualsiasi cosa, anche il cappuccino in più che prende al bar, perché nel clima di sospetto del Despotismo anche quello sarebbe sufficiente a perderla.
Come sempre un bellissimo capitolo, attendo con impazienza il resto!

Recensore Master
24/01/21, ore 18:15

Ciao^^
Mah, non sono sicuro che quell'Ambra sia così limpida. Certo è che potrà tornare molto utile a Felicia, dato il suo impiego.
Il fatto che abbia organizzatotutto per la partenza di Felicia, all'insaputa della stessa, che invece pensa di non avere ancora deciso nulla, apre un altro scorcio inquietante sul Despotismo, che ad ogni momento si rivela più sinistro.
Sono proprio curioso di vedere come proseguirà questo capitolo con Ambra, visto e considerato che nascosto in casa di felicia c'è anche Gelsi. Bravissima come sempre!^^

Recensore Veterano
04/01/21, ore 20:36

Mai titolo è stato più appropriato a un capitolo.Leggere il modulo per la richiesta degli schiavi mi ha rivoltato lo stomaco.La sola idea che sia legale possedere una persona come schiavo e potergli fare tutto è orribile.Felicia pensa di andare a Milano e salvare anche Gelsi.Tutta questa storia l'ha fatta cambiare,prima avrebbe pensato solo a se stessa come una despota.Anche sentire solo il nome di Kruger mi mette ansia,capisco bene la reazione di Gelsi.Ancora complimenti per la tua magnifica storia.Un bacione

Recensore Master
04/01/21, ore 10:01

Ciao^^
Quando c'è di mezzo Kruger si vedono le pieghe più purulente e luride del Despotismo. La congiura sembra sfuggire da tutte le parti, ad ogni svolta della faccenda c'è qualcosa di poco chiaro. Forse effettivamente è meglio che Felicia accetti il trasferimento.
Il rapporto con Gelsi sta acquisendo note umane, pian piano. Sembra che in qualche modo i due stiano raggiungendo una sorta di confidenza.
Adesso però si ripresenta Ambra. Ormai sospetto di tutti, ma mi sembra una cosa poco chiara. Cosa vorrà veramente?
Sempre più curioso di leggere il seguito!^^

Recensore Veterano
27/12/20, ore 19:11

Gran bel capitolo.Ti faccio i complimenti,il tuo modo di scrivere tiene incollato il lettore alle pagine.Sei capace di insinuare il sospetto in chiunque,di non fidarsi di nessuno.De Rossi è fortunato,questo è il secondo tentativo di ucciderlo.Stavolta è stato salvato da un banale scambio di bicchieri,fortunato è dir poco.Ormai non c'è più tempo,manca poco alla distruzione di Roma.Felicia non sa che fare perché da lei dipende la vita di altre due persone.Insomma un gran bel casino.Leggerò con piacere il prossimo capitolo,continuerò a seguirti.Un bacione

Recensore Master
14/12/20, ore 11:46

Ciao^^
Ma davvero sarà un errore? È vero che spesso la realtà supera ogni fantasia, ma mandare a monte un attentato per una faccenda come uno scambio di bicchieri sarebbe veramente assurdo...
Sarà stato così o ci sarà qualcuno che ha individuato i congiurati e ha intenzione di farli fuori uno ad uno?
Ci sono comunque una serie di inconguenze, di piccoli particolari che in qualche modo generano un senso di sospetto e allarme. Perché Victor insiste per portare lui il corpo all'inceneritore? Ci sarà qualcosa sotto? Hai fatto sì che anche il lettore cominci a sospettare di tutto e tutti, quindi complimenti, come sempre un bgran capitolo, e un gran lavoro questa tua storia distopica.

Recensore Master
23/11/20, ore 11:04

Ciao^^
un cliffhanger di tutto rispetto, complimenti. E adesso?
Il Despotismo si sta rivelando sempre più perverso. È un regime nel quale l'omicidio, "con coraggio e parsimonia" è ammesso, ma chiunque si autocensura quando parla.
Hai reso molto bene la congiura che rischia di sfuggire di mano da tutte le parti, anche se si è considerato qualsiasi fattore, previsto ogni imprevisto...
Felicia un po' cerca di gestire la situazione, un po' ne è trascinata. Manco a dirlo, adesso sono curiosissimo di vedere cosa succederà, perché sei una specialista nel presentare una situazone in un modo e farla diventare poi completamente diversa...
Complimenti e aggiorna presto!^^

Recensore Master
30/10/20, ore 10:45

Ciao^^
lo strano mondo del Despotismo, dove hai valore nella misura in cui uccidi, e più le persone che uccidi ti sono vicine, più questo valore aumenta, assieme al prestigio.
Il nuovo regime è nato come volontà di distruzione rispetto a ciò che c'era prima, un po' come tutte le rivoluzioni, ma qui l'omicidio è stato non solo "sdoganato", ma anche portato a metro di valutazione del valore personale.
La faccenda si complica sempre di più, mi chiedo cosa farà Felicia.
Come sempre complimenti, una storia veramente complessa e ben scritta!

Recensore Veterano

Bello questo capitolo tutto su Emanuele Gelsi.Racconta gli eventi dal suo punto di vista.E' proprio vero che l'odio è il sentimento più forte assieme all'amore.De Rossi odiava Gelsi perché desiderava il suo potere,voleva essere lui a comandare il paese.Ma non bastava,voleva distruggerlo fisicamente e psicologicamente.Direi che ci è riuscito alla grande.Cmq De Rossi è un pazzo e dev'essere fermato prima che distrugga Roma.L'unica notizia positiva è che la famiglia di Gelsi è ancora viva e libera.Ora sono curiosa di sapere come la resistenza di Felicia e gli altri agirà.Questo è il momento di agire.Ancora complimenti Biblioteca e un bacione

Recensore Master

Ciao carissima,
il racconto di Gelsi conferma entro certi limiti l'idea che mi ero fatto del Despotismo: essenzialmente interessi economici e lotte di potere, come peraltro in qualsiasi regime.
Il racconto, così freddo e impersonale, mi è piaciuto molto, dà proprio l'idea della perdita di ogni umanità, del mero interesse. Niente sentimenti e niente ideali.
Bella anche l'idea della resistenza che è stata spazzata via essenzialmente da una cazzata...
Questa storia è sempre più sinistra e inquetante, sono curiosissimo di vedere come proseguirà. Complimenti e alla prossima!^^

Recensore Junior
13/09/20, ore 23:55

Gelsi è un personaggio strano, o meglio quello che rimane di lui.
Dopo quello che ha subito fa fatica anche a ricordare quello che è successo prima il che è perfettamente comprensibile, Felicia però, un po' per paura di ciò che provoca avere Gelsi in casa e un po' per il suo fare da soldato crede che ricaverà qualcosa con le minacce, un altro lato di lei invece è più gentile ed empatica, in ogni caso per quanto azzardata sia stata la sua mossa Gelsi probabilmente sarà la chiave di tutto

Recensore Master
13/09/20, ore 21:08

Ah, quindi era questo il piano originale della cospirazione, quello che ha accidentalmente messo Felicia su questa pista. Un piano che avrebbe avuto la sua probabilità di siccesso, puntando sull'amore degli ufficiali per l'umiliazione delle loro vittime.
Interessanti le conversazioni tra Felicia e Gelsi: un tizio traumatizzato, che inizia a tornare alla civiltà dopo anni di abusi, ma nelle mani di una tizia a cui ha dato una delusione pazzesca.
Altro bel capitolo, complimenti!

Recensore Master
13/09/20, ore 14:47

Interessante la conversazione di Felicia e Oliver. La ragazza mette sempre al primo posto il proprio interesse, certo, ma è anche capace di riflettere sulle parole degli altri e su cosa questa situazione possa significare per loro.
Così come quella con Victor, che e piu perspicace di quanto Felicia gli avesse dato credito. Quindi la Dusi era nella cospirazione? Si inizia ad averne il senso delle proporzioni.
Complimenti per un altro bel capitolo!

[Precedente] 1 2 3 4 5 6 7 8 [Prossimo]