Recensioni per
Nome in codice: Hati
di Old Fashioned

Questa storia ha ottenuto 194 recensioni.
Positive : 194
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
[Precedente] 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 [Prossimo]
Recensore Master
25/07/21, ore 13:04

Ciao,
che bello questo capitolo così ricco di tensione.
Da una parte abbiamo Max che, scoperta la presenza dell'agente inglese, si organizza per coglierlo di sorpresa e ucciderlo, dall'altro il Werewolf in ansia per il ragazzo di cui si è innamorato. Tra loro un implacabile Bishop in attesa delle sue prede.
Per una volta anche il Werwolf appare come un semplice essere umano. Mi ha fatto sorridere quel sopracciglio sollevato che testimonia un piccolo motto di gelosia nei confronti del cadetto Von Wangenheim e ho trovato bello l'incidente sfiorato a causa dell'animale selvatico. Mette in risalto il fatto che la preoccupazione per le sorti di Max gli ha fatto perdere il consueto autocontrollo!
Max, come sempre si comporta in modo avventato e ingenuo, vuole salvare se stesso e aiutare l'amico, ma ovviamente è troppo inesperto per affrontare The Bishop.
Il finale di capitolo mi ha messo una notevole ansia! Mi sono affezionata a Max e spero che quelle lame nello stomaco non preludano ad un finale tragico!
Come sempre sono molto belle tutte le parti in corsivo. In particolare quella in cui The Bishop ripensa al Werwolf come una specie di essere quasi sovrannaturale che si contrappone, come dicevo prima, all'immagine molto umana fornita in questi ultimi capitoli in cui, credo non a caso, viene nominato più spesso con il suo vero nome.
A presto! ♥️
AlbAM

Recensore Master
18/07/21, ore 20:36

Ciao!
Finalmente torno alla tua storia storia! Avevo lasciato Won Knobelsdorff stupito dalla notizia di avere ottenuto la tanto agognata decorazione e ora lo ritrovo a disagio con le inevitabili celebrazioni ad essa legate. Povero Maximilian, era tanto ansioso di potersi fregiare di quella decorazione per scoprire che in fondo averla ricevuta non gli dà alcuna gioia!
E in più il tempo libero lo porta inevitabilmente pensare al Werwolf e a come abbia perso la sua occasione con lui!
Dal canto suo l'agente segreto è impegnato a brutalizzare la donna che aveva fornito informazioni a The Bishop.
Ammetto che la scena mi ha impressionato, non è piacevole l'immagine di un uomo che picchia una donna, per quanto si tratti di spie.
Se poi consideriamo che nella realtà sicuramente sono cose accadute e probabilmente anche con più violenza, mi fa anche più impressione. D'altronde in guerra si commettono le azioni più orribili...
Tornando alla storia... In aiuto del Barone, arrivano i giornali dell'albergo dalle cui pagine si affaccia il nostro Maximilian!
Ecco, ora che il Werwolf ha capito l'obiettivo dell'inglese credo che non ci sia davvero tempo da perdere!
Complimenti come sempre e a presto! ❤️
AlbAM

Recensore Master
13/07/21, ore 10:07
Cap. 22:

Ciao Old Fashioned,
questo è un gran bel capitolo finale. Il Werwolf ho deciso di non seguire il saggio consiglio di non affezionarsi ai segugi dato da zio Oswald, ma ha portato con sé un lupacchiotto a cui insegnare il mestiere. Sì, si tratta di un lupacchiotto stupido e impulsivo, ma credo che alla fine imparerà.
Complimenti per la storia scritta in modo magistrale sotto tutti i punti di vista.
Cos'hai in mente come prossimo lavoro?
A presto
MaxT :)

Recensore Master
12/07/21, ore 11:42
Cap. 21:

Ciao Old Fashioned,
il climax è stato più rapido di quanto pensassi, alla fine il terribile Bishop si è sconfitto da solo lasciando la pistola a portata delle mani di Maximilian, e poi non è stato in grado di organizzare un valido confronto con un avversario che pure era atteso e si era preannunciato ad alta voce.
Mi è piaciuta molto la parte del soccorso, dell'attesa e della trasfusione.
Immagino che il prossimo capitolo sarà l'epilogo, e sapremo se i due personaggi sono destinati a sopravvivere o meno.
Complimenti per la qualità magistrale delle descrizioni e dei dialoghi.
A presto
MaxT :)

Recensore Veterano
11/07/21, ore 15:08
Cap. 22:

Ciao, carissimo! ^^
Come ti dicevo, necessitavo di leggere il finale di questa storia quanto prima. E devo dire che è degnissimo. Mi dispiace solo per la recensione breve, la sto facendo di fretta.
Ma insomma: tutto combacia, diciamo. Tutto ha un senso.
I lupi tornano a cacciare insieme, e gli hai dato un happy ending che, visto l’andazzo generale, non era per nulla scontato. Reiner “passa”, diciamo, a Maximilian il ruolo di compagno, e lui e il Werwolf rimarranno insieme (me lo concedi un piccolo “aww”?).
Entrambi i personaggi sono cambiati dall’inizio della storia. Maximilian è diventato più cinico, il Werwolf si è aperto.
Tra l’altro adoro il flashfoward del titolo “nome in codice: Hati”.
Ho letteralmente amato questa storia, ogni sua parte. Tutto era perfetto, dall’ambientazione alla psicologia dei personaggi. Il mio preferito è rimasto sempre e comunque Maximilian, ma anche i due agenti segreti, sia il Werwolf che The Bishop, erano magnifici (nonostante sia prossima la finale degli europei e io non mi senta molto bendisposta nei confronti degli inglesi).
Sai già tutto ciò che vorrei dire ed evito di ripetermi, ma grandi complimenti, sul serio.
A prestissimo, spero!^^

Recensore Veterano
10/07/21, ore 13:39
Cap. 21:

Carissimo,
sai che amo tutto ciò che scrivi, ma finire un capitolo con “tutto si fece buio” è ai limiti dell’illegale. Però vedo che la passione per i maledetti cliffhanger ti è rimasta.
In ogni caso durante la lettura mi stava prendendo un infarto. Succedono troppe cose.
Da una parte abbiamo Reiner/Maximilian che, nonostante stia più di là che di qua, riesce comunque a ferire The Bishop.
Dall’altra c’è il Werwolf, che fa di tutto per salvarlo.
Mi è piaciuta molto la morte di The Bishop, che non è più fondamentale per il nostro tedesco. Non c’è nessuna resa dei conti all’americana, nessuna frase ad effetto (a pensarci bene, le frasi ad effetto non hanno molto senso in quel frangente. Con uno come The Bishop, non fai a tempo a dire “Il mio nome è Inigo Montoya, tu hai ucciso mio padre, preparati a morire”, che ti ha già crivellato di proiettili, se n’è andato e ha bevuto un cocktail sulla nave salpata per le colonie).
Vabbè, la smetto con le stupidaggini e continuo la recensione.
La parte introspettiva, incentrata sui pensieri del Werwolf e sul fatto che non può perdere anche Maximilian, a livello emotivo è una mazzata.
Alla fine, tutto sembra risolversi per il meglio (si spera). Non so se abbia qualche valore simbolico il fatto che i due abbiano lo stesso sangue, ma in ogni caso è una cosa molto romantica. Il Werwolf riesce a fare per Maximilian ciò che non è riuscito a fare per Reiner.
A questo punto devo leggere il finale il prima possibile, nonostante io non abbia molto tempo.
A presto!^^
Ps. Ma la baronessa sospetta dei sentimenti che il Werwolf prova per suo figlio?

Recensore Master
09/07/21, ore 20:11
Cap. 22:

Carissimo credo che questo sia il finale che tutti ci aspettavamo.
Non è un lieto fine da storia romantica certo, ma i pezzi hanno ugualmente trovato il modo di combaciare e credo che al Tenente non mancherà la sua carriera di pilota... O meglio non avrà tempo di avere nostalgia :)
Oltre a rivedere il Werewolf in azione in questa storia ho apprezzato moltissimo i retroscena sulla "Vita delle spie ai tempi della Prima Guerra Mondiale".
Si è scritto e visto molto sulle spie della guerra fredda e su quelle moderne, ma l'epoca a cavallo tra Ottocento e Novecento ha un fascino molto particolare, che fa sognare avventure esotiche e missioni "impossibili" con meno effetti speciali, ma con molta più arguzia e inventiva.
Peccato per il Bishop, un avversario di tutto rispetto, implacabile e determinato come dovrebbe essere un buon vilain che si rispetti. Sarà proprio morto-morto? Insomma una piccola speranza di vederlo in azione c'è sempre ^^

Recensore Veterano
08/07/21, ore 16:59
Cap. 22:

Eccoci qua, carissimo.
È con tanta gioia, e un po' di magone, che accolgo questo finale. Ci hai fatto appassionare al tuo racconto ed affezionare ai tuoi personaggi, non è facile salutarli.
Che sia un addio o un arrivederci, li lasciamo con serenità, contando sul fatto che sappiano badare a sé stessi e guardarsi le spalle a vicenda.

Questo capitolo tira molto bene i fili del racconto: abbiamo il definitivo passaggio di consegne tra Reiner, che credo sia davvero l'anima di Reiner e non un semplice sogno, e Max. Tutto il capitolo è stupendo, con particolari cesellati ad opera d'arte, ma lascia che mi concentri sul finale.
Max vince ogni esitazione e abbraccia la sua natura, legandosi quindi in modo indissolubile al Werwolf. Non è più il ragazzo orgoglioso e spericolato, oltre che terribilmente confuso, che abbiamo conosciuto all'inizio. È ormai uomo fatto, è arrivato dove il suo maestro non era riuscito e ha acquisito consapevolezza del suo ruolo nel mondo. È stupendo, e molto toccante, come il Werwolf abbia avuto nei suoi confronti il ruolo di un maestro che, nel dolore e nella sofferenza che accompagna ogni nascita, ha portato alla luce il suo vero io.

Anche il nome in codice: Hati, è meraviglioso. Il lupo norreno che insegue la luna. Come il Werwolf, è legato alla notte, all'ombra ed all'oscurità. Le aquile volano alte, suscitano ammirazione e meraviglia, i lupi sono ammantati da un'aura di mistero e timore, ma la luce della Luna è pur sempre la stessa del Sole, che illumina il loro cammino e le loro azioni. Sono creature della notte, ma non sono affatto privi di onore.
E li lasciamo così, intenti a godersi il neonato Singapore Sling, in attesa di compiere la prossima mossa.
L'alfiere è caduto, ma la partita non è finita.

Tanti cari complimenti, per questa storia stupenda, che mi ha regalato tantissimi bei momenti e tante emozioni.
Hai fatto davvero un ottimo lavoro: devi esserne fiero.
A presto, spero!

Recensore Master
08/07/21, ore 15:52
Cap. 22:

Eccomi di nuovo.
Non poteva esserci una conclusione migliore per questo romanzo: tassello dopo tassello, hai costruito il rapporto tra i due protagonisti che si è sviluppato su due piani, quello simbolico/ideale, fatto di ricordi e immagini oniriche, e quello "reale", che li ha uniti nelle esperienze condivise, combattendo fianco a fianco e salvandosi la vita a vicenda.
Max abbandona il mondo glorioso dei combattimenti aerei, accettando di combattere nell'ombra insieme al Werwolf, ma non lo fa con l'incoscienza sfrontata di uno che cede ai sentimenti senza tener conto delle conseguenze: c'è in lui una nuova consapevolezza, maturata in questi 14 capitoli, e che giunge a compimento nel finale. Perché quella missione lo ha cambiato nel profondo e, tra le altre cose, gli ha fatto capire la vera essenza del combattimento al di là delle medaglie e delle fotografie sulle copertine dei giornali.
Che dire, complimenti per questa bellissima storia: a mani basse una delle tue migliori.
È stato un piacere seguirti fin qui!

Recensore Master
08/07/21, ore 15:26
Cap. 21:

Eccomi, scusa il ritardo vergognoso.
Si comincia subito alla grande, e plaudo alla tua capacità di tenere alta la suspense dalla prima all'ultima riga: ci si sente coinvolti nella vicenda, si teme, si trepida e si spera insieme al Werwolf.
Uno dei conti in sospeso è stato saldato, ma la vita di Max è appesa a un filo. È bello vedere tutti i significati che si celano sotto la superficie di questo capolavoro, come l'eterna dicotomia tra la vita e la morte. Max è come l'ideale reincarnazione di Reiner, l'uomo che ha dato la vita per il Werwolf, e a cui adesso il Werwolf deve salvare la vita infondendo in lui un po' della propria linfa vitale (il sangue).
Questo gesto rende il loro legame ancora più intimo e viscerale.
Un capitolo molto intenso, complimenti.
Vado subito al prossimo!

Recensore Master
08/07/21, ore 14:57

Ciao Old Fashioned,
ecco un altro capitolo da batticuore. Annoiato dalle visite di circostanza di parenti e conoscenti altolocati, Maximilian si reca alle scuderie e chi trova tra i suoi lavoranti? ...LUI!
Decide di farsi giustizia da solo, ma spreca il suo vantaggio con un movimento avventato, e viene trafitto da un forcone senza neppure sparare un colpo.
Nel frattempo il Werewolf, dopo il breve e laconico rituale nella sede dei servizi segreti, corre in moto al soccorso dell'amico. Sa, però, che sta facendo proprio ciò che il suo avversario avrebbe voluto.
Stiamo andando verso l'epilogo?
Complimenti per la scrittura di altissima qualità e per i ritmi che sai dare alla storia.
A presto
MaxT :)

Recensore Master
08/07/21, ore 12:22
Cap. 22:

Carissimo^^
E così anche questa splendida storia giunge al termine.
Nonostante la situazione critica i due riescono fortunatamente a sopravvivere.
Molto suggestive e significative le visioni di von Knobelsdorff, il ragazzo accetta l'eredità lasciata da Reiner. Dentro di sé è consapevole che il suo posto è a fianco del Werwolf.
D'altra parte dopo tutto quello che ha vissuto ha compreso di non poter più tornare alla sua vecchia vita, non era quello che desiderava veramente. La guerra nei cieli è cambiata, lui è cambiato...i suoi sogni e i suoi desideri non sono più compatibili con quelli del suo passato.
Inizialmente il principe cerca di proteggerlo, ma sappiamo bene che Max è testardo, e al resto ci pensano i sentimenti.
Così il nemico inglese è stato sconfitto e la nostra coppia di spie tedesche è finalmente unita. Dalle ultime righe abbiamo prova che i due sono perfetti per lavorare insieme, il loro legame è di certo un punto di forza anche quando sono in azione, ed è stato bello vedere che certe dinamiche tra loro sono sempre rimaste le stesse^^
Una storia davvero bellissima, intensa ed emozionante.
Ovviamente l'ho adorata particolarmente per il contesto storico, ma ho apprezzato davvero ogni aspetto, dalla trama appassionante, ai personaggi ben caratterizzati e mai banali.
Come sempre è un piacere leggere i tuoi bellissimi racconti^^
Bravissimo! :)
Alla prossima!

Recensore Master
08/07/21, ore 11:36
Cap. 22:

Carissimo,
questa storia si classifica decisamente tra le mie preferite e il Werwolf è uno dei personaggi più interessanti che hai creato.
Fino all'ultimo la sopravvivenza di Max è in dubbio, così come quella della spia tedesca. Come lo è anche il loro rapporto, destinato forse a interrompersi per la salvezza di entrambi.
Ma il pilota è testardo, finalmente sa cosa vuole e lo tiene stretto tra i denti di giovane lupo. Ostinato come solo lui sa essere. È questo suo difetto, tramutato ora in virtù di uomo maturo, a dare la svolta definitiva.
L'incontro tra i due non è un addio, anche se il principe cerca di opporsi con tutte le proprie energie. Cede, perché ama, perché un cuore spezzato non lo aiuterebbe e forse perché è meglio vivere pochi giorni con onore e consapevolezza che anni come una bambola vuota destinata a uccidere e basta.
Un degno finale, intrecciato alla perfezione nella vicenda, che cambia entrambi i protagonisti e li rende un'unica anima.
Davvero complimenti, spero di leggere presto un tuo nuovo scritto.
Un bacio! ^^

Recensore Master
08/07/21, ore 11:08
Cap. 22:

E così, tutto è bene quel che finisce bene. Il bastardone inglese è stato tolto di mezzo, Max si è ripreso e può continuare con la sua vita...

...ma anche no. Perchè mai tornare a una vita fatta di lusso e agi, quando si può fare il pirla in giro per il mondo, in missioni in cui 9 volte su 10 rischia di lasciarci le penne?

Scherzi a parte, pur non condividendo la sua decisione, in parte la comprendo. Evidentemente Max ha capito di sentirsi un pò soffocato dalla sua vecchia vita, oltre ovviamente a provare qualcosa per il Werwolf. E così decide di accompagnarlo nella sua vita da spia, e ottiene anche un nome in codice (mi stavo proprio chiedendo quando sarebbe saltato fuori il perchè del titolo).

Grazie per quest'altra bella avventura, caro Old. Alla prossima!

Recensore Veterano
07/07/21, ore 15:17
Cap. 21:

Eccomi qui, mein Liebchen.
Perdona il ritardo clamoroso: il lavoro mi ha tenuto lontana dal PC e non sono riuscita a leggere il tuo aggiornamento prima d'ora.
Inizi subito con il botto: il rombo di una motocicletta che interrompe la sonnolenta pace del parco. Per fortuna, la baronessa non è una pavida nobildonna ma una Signora dai nervi d'acciaio: il suo unico dubbio è se il suo stesso figlio non valga più della Nazione.
Ed è una benedizione, perché il povero Max non se la sta passando bene con the Bishop. Il forcone in pancia è quasi peggio della nagajka.
Se non è addirittura peggio, come le tue parole rendono benissimo.
Ma il nostro non è più il ragazzino scapestrato e immaturo che era all'inizio: è ormai un uomo fatto e finito. Anche nel pieno del dolore, immerso in una pozzanghera del suo stesso sangue, con le ultime forze prende la pistola e spara.
E va a segno! 
Finalmente sembra che il buon Werwolf abbia avuto la sua vendetta e abbia saldato il debito con Reiner salvando Max da lui.
E' struggente e profondamente toccante il momento in cui l'agente segreto lo soccorre. Forse il paragrafo più bello di tutta la storia, giuro!
Sono qui che devo trattenere i singhiozzi perché sono in videoconferenza, ma, santo cielo! Che meraviglia! Ho un nodo alla gola e gli occhi che bruciano di lacrime. Già la sorta di "Pietà" michelangiolesca nel sedile posteriore è stupenda, poi citi anche la splendida "Isola dei Morti": Io, boh, davvero. Alzo le mani.
E migliora ancora! 
E' stupenda la scelta della trasfusione: il sangue è la vita, lo dici tu stesso poche righe sopra, e il Werwolf la dona senza paura per il suo giovane commilitone. S'indebolisce, ha freddo, perde anche i sensi, ma non demorde.
"Perché non c'è amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici."
Ti chiedo scusa: le mie parole non rendono certo giustizia a questo capolavoro di capitolo.
Spero domani di poter leggere il prossimo per tempo.
Tantissimi complimenti!
 

[Precedente] 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 [Prossimo]