Recensioni per
Nell’abbraccio del nemico
di Nadine_Rose

Questa storia ha ottenuto 71 recensioni.
Positive : 70
Neutre o critiche: 1 (guarda)


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
[Precedente] 1 2 3 4 5 [Prossimo]
Recensore Veterano
09/05/21, ore 19:01

Ciao! Avevo già letto la tua storia sino a un certo punto, poi l'ho ripresa. Adesso sono ormai alla fine e mi sembra giusto commentare. A discapito di quel che si dice, a me Herman piace, boh... sarò strana io, ma a me i personaggi come lui tra luci e ombre piacciono, inoltre sei riuscita perfettamente a far evincere il suo lato più umano e fragile dietro la corazza di aguzzino crudele. Penso che anche loro fossero uomini, anche se uomini che si sono macchiati di crimini; erano costretti a sottostare al volere dei potenti, e questo evince in questo capitolo. Lui sembra libero ma è prigioniero come l'ebrea che tanto lo accusa e che lui, seppur a suo modo, ama. Trovo molto realistici loro due, anche se è una storia un po' sui generis, ma è normale che lo sia considerato il contesto. Chi desidera il principe azzurro non guarda il contesto o crede nelle fiabe. La loro storia richiama quella che ci fu davvero tra un'ebrea e un tedesco. Ad ogni modo, io ho sempre pensato e sempre penserò che aderire al contesto della storia e imprimerci realismo sia più importante in sé dell'opinione del lettore medio. Cerco anche io di dare una vena realistica alla storia senza costruire personaggi nel "politically correct" ; chi lo dice che quel qualcosa di esterno al politicamente corretto sia totalmente sbagliato? Cioè: non fraintendermi, per quanto anche io tratti in alcune mie storie di relazioni malsane (Comfortably Numb soprattutto), non intendo dire che la normalizzazione sia moralmente giusta... nessuno vuole normalizzarle, è giusto che siano considerate sbagliate, però se ci si approccia a personaggi come Hermann non ci si può aspettare la fiaba, parliamo di un personaggio che ha avuto una determinata educazione ed è vissuto in un determinato contesto che lo ha forgiato negativamente; normale che lui, oppresso da chi ha maggiore potere, abbia commesso azioni immonde, anche se sbagliato; sarebbe come pretendere dal mio protagonista la perfezione assoluta, personaggio che nel prologo finisce in overdose di cocaina perché ha vissuto in un contesto disfunzionale e sbagliato... Ma la ragione per cui non vedo Herman totalmente negativo come personaggio è il fatto che lui stesso non sia stato totalmente il male nella vita di Sarah, a suo modo - nel suo piccolo - l'ha aiutata. Dunque, ti rinnovo i miei complimenti per questa storia, una delle più belle in assoluto :) !

Recensore Master
30/04/21, ore 13:24

Buongiorno,
insomma, adesso che abbiamo scoperto per bene il carattere del maritino, sappiamo che una coppia così non può resistere a lungo. Poi i modi di lui sono veramente da rozzo, incapace di amare. Amare non è questo, non è proibire, ma sostenere! Possiamo capire i tempi meno... evoluti, diciamo così, però la tensione, la violenza e i divieti non sono di aiuto alla coppia...

Recensore Master
30/03/21, ore 06:15

buongiorno,
stiamo attraversando un momento molto difficile per la protagonista, sia nel presente e sia nel passato.
Di certo tutto ciò non aiuta.
Ma, c'è da dire che ci sono persone poverette costrette veramente a vivere una sciagura dopo l'altra. Si dice che la vita sia una ruota che gira... ciò che non si ha, arriva... vediamo se funziona così anche qui.

Recensore Master
05/03/21, ore 06:50

Buongiorno,
insomma, le cose in ambo i livelli narrativi stanno andando decisamente malissimo!
Sempre peggio!
Però a questo punto Sarah ha rischiato di essere uccisa immediatamente... lui le può fare di tutto, qui sembra quasi che il rapporto sia paritario o livellato da questa sorta di amore malato, ma non è così che stanno le cose nella realtà... comunque alla fine non ha perso le staffe...
Nel proseguo, del marito non si può fidare più, la loro storia è già finita. In fondo anche lui è un carnefice, come lo sono stati tanti altri uomini, ahimè...

Recensore Master
18/02/21, ore 06:29

Buongiorno,
non so come si possa passare la vita così... e sai cosa più mi spaventa, addolora, sconvolge? Che anche al giorno d'oggi ci sono donne che vivono così la loro quotidianità.
E' terribile, assolutamente...
Comunque il male non dura in eterno; ce lo insegna la vita.

Recensore Master
04/02/21, ore 06:34

Buongiorno,
un altro fatto gravissimo, Hermann esegue solo gli ordini, ma non è anche questo un reato e un peccato gravissimo commesso verso l'umanità?
Credo che Sarah ne soffrirà molto.
Purtroppo siamo tornati a rivivere l'inferno più buio...

Nuovo recensore
03/02/21, ore 16:50

Eccomi qui a commentare anche questo capitolo. Come al solito il tuo stile mi ha completamente rapita, portandomi a leggere le righe tutte d'un fiato. Ho adorato il modo in cui hai descritto le sensazioni di Hermann, che affronta un vero e proprio conflitto interiore.
Brava 🥰
(Recensione modificata il 03/02/2021 - 04:53 pm)

Nuovo recensore

Come al solito il tuo stile è impeccabile e poetico, e ti dirò, ho riletto questo capitolo 3 volte in attesa Trepidante del seguito ❤
Spero tanto che tu riesca a pubblicare questa storia, e sappi che io sarò la prima ad acquistare la copia cartacea 😊
Di questo capitolo ho apprezzato molto i dialoghi in dialetto, dato che anche io sono napoletana e l'ultima frase l'ho trovata perfetta come chiusura del capitolo. Matteo sempre più deludente, ma coerente con il tempo in cui è ambientata la storia putroppo.

Nuovo recensore
20/01/21, ore 16:51

Ciao, visto che wattpad non mi fa leggere i capitoli, te li commento qui 😊
Allora, ti confesso che all'inizio ero un po' scettica sul rapporto tra Hannah e Davide, proprio perché mi dispiaceva per Maria. Nonostante questo però, tu sei riuscita a farmi innamorare della loro coppia. Hai descritto alla perfezione i loro sentimenti e questo ti fa capire quanto tu sia abile nella scrittura ❤

Buongiorno,
la scelta di Sarah è sempre più deleteria, il marito è solo un ometto piccino (mentalmente) e invischiato in una ideologia retrograda e violenta, io penso che lei meritasse molto di più, con questo ragazzo a suo tempo ha corso troppo.

Recensore Master
24/12/20, ore 06:17

Buongiorno,
è stato un capitolo bellissimo! Ogni scena è stata descritta con una grandissima abilità, sembrava di leggere una poesia.
Suo marito è in mare, la tempesta è violenta...
Ma anche le emozioni dentro il cuore di Sarah sono fortissime, avvolgenti, ricche di profondo sentimento.
Lei è molto sensibile, anche un po' ingenua in un certo senso, spero che nessuno se ne approfitti troppo da metterla in pericolo...

Recensore Master
02/12/20, ore 06:55

Buongiorno,
be', dopo questa unione ormai si è già caduti nella routine, che è pure già noiosa... ogni primo tempo è sfumato, resta solo il dolore.
Mi avevi già preannunciato in qualche modo che lui riuscirà a trovarla. Credo che Sarah quel giorno scapperà in Argentina senza voltarsi indietro nemmeno una volta.

Nuovo recensore
17/11/20, ore 14:03

Stilisticamente, non posso fare critiche negative; è un racconto ben strutturato, che chiarisce subito il contesto, presenta i personaggi senza troppi fronzoli, e non si perde in digressioni varie. Il problema semmai è nel tema scelto: ma quando mai un'ebrea prigioniera poteva perdere la testa per il suo aguzzino, che magari le aveva pure ammazzato gli amici e i parenti? Francamente non la trovo plausibile come love story, ma a questo mondo, come si dice, può succedere di tutto... Per ora continuo a leggere, magari in seguito cambierò idea.

Recensore Master
17/11/20, ore 07:11

Buongiorno,
è tristissimo però fingere con il proprio compagno... ma questo mi fa pensare a quante altre persone, ancora oggi, ''si accontentano'' così, poiché la vita ha allontanato in qualche modo da loro ciò che più desideravano. Ed è triste essere una seconda scelta...

Recensore Master
03/11/20, ore 06:51

Buongiorno,
un capitolo che sembra un po' di transizione, molto poetico nella profondità del suo dolore, come una porta aperta tra passato e presente.
No, c'è qualcosa che non fa per la protagonista, inutile ignorarlo, inutile fare passi indietro, quando qualcosa non funziona non funziona e non funzionerà. Ma naturalmente speriamo in bene.

[Precedente] 1 2 3 4 5 [Prossimo]