Recensioni per
Due Marlboro
di holls

Questa storia ha ottenuto 11 recensioni.
Positive : 11
Neutre o critiche: 0


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
Recensore Veterano
19/10/21, ore 11:13
Cap. 1:

Ciao, eccomi a recensire per ti dedico una recensione del giardino di Efp.

Intanto, devo dirti che la storia mi ha presa dalle prime battute. Trovo l'ambientazione fantastica e le descrizioni di prim'ordine, e man mano che proseguivo nella lettura mi sono meravigliata della perfezione del testo, sia nella parte narrativa che nei dialoghi. Ritornando alla storia in sé, tovo il protagonista molto credibile, con le sue riflessioni sulla vita e le sue interazioni col mondo che lo circonda. Devo dire che quegli occhi verdi hanno fatto venire un brivido lungo la schiena anche a me, ma temo sia proprio lo scontroso poliziotto a possedere la scena dopo la rapina alle poste. E sebbene sia un po antipatico, mi piace! Ammetto che trovo il tuo stile semplice e allo stesso tempo molto accattivante, senza sproloqui e paroloni difficili, ed ho apprezzato l'impaginazione e il carattere grande che facilità la lettura anche a un'ultra quarantenne come me... Giuro che ho sorriso dopo averlo letto! A conti fatti è una bella storia, una che mi piacerebbe continuare a leggere inserendola fra le seguite. Sono davvero felice di essere passata e aver scoperto un nuovo autore/autrice con così tanto talento.

N.b. Ho letto nelle note che non trovavi la spinta di finire la storia. Non so se poi lo hai fatto, ma sarebbe brutto continuare la lettura e appassionarsi senza avere un finale che metta un punto, perciò, visto che questo racconto vale la pena leggerlo, spero che tu lo concluda anche.

Alla prossima allora, Tea.

Nuovo recensore
13/10/21, ore 18:18
Cap. 4:

Ciao! Finalmente riesco a trovare il tempo per lasciare una recensione a questa storia che, in realtà, sto seguendo dall’inizio (anche se in maniera silente) e che mi sta davvero incuriosendo parecchio.
Innanzitutto devo dire che questo intreccio di trama poliziesca e introspettiva, accentuata dall’uso della prima persona nella narrazione, mi sta molto intrigando. Solitamente apprezzo molto di più le storie introspettive che quelle poliziesche, ma in questo caso trovo i due elementi piacevoli da leggere e molto equilibrati. Per ora mi riserbo dal fare ipotesi sul lato investigativo, anche se bisogna proprio dire che la figura di Michael sembra non raccontarla proprio giusta!
E a proposito del tipo di narrazione, solitamente non apprezzo moltissimo il narratore in prima persona, ma devo dire che stai rendendo i due pov di Nathan e Alan molto peculiari, cosa per niente semplice e scontata, e anche interessanti … Quindi thumbs up! 😊
E che dire di Alan e Nathan: insieme mi fanno morire, con i loro battibecchi e frecciatine 😂 anche se bisogna dire che in questo ultimo capitolo sono andati un po’ oltre al limite e infatti la serata non è finita esattamente bene… In ogni caso vedo parecchio potenziale (e parecchio feeling nonostante tutto) tra di loro, anche se al momento entrambi sembrano ancora legati a persone del loro passato. Chissà che succederà in futuro, però!
Devo dire che, al momento, pur apprezzando anche Nathan, la mia preferenza va ad Alan, forse perché i personaggi apertamente tormentati e malinconici esercitano un certo fascino su di me, e mi piace sempre moltissimo sia leggerli in qualità di lettrice che scrivere di loro come autrice.
Insomma, per concludere ti faccio i miei complimenti e aspetto con ansia i prossimi aggiornamenti!
Greyjoy
 

Recensore Master
13/10/21, ore 16:43
Cap. 3:

Ciao, cara! 
Eccomi qui, finalmente, questo capitolo è stato molto bello e ben gestito. Hai delineato bene il personaggio di Nathan, le sue sfumature e soprattutto il suo concetto di amore e di come sia ancora legato al suo primo amore. Ho percepito molta verità in ciò che hai scritto. 
Interessante anche la figura di Harvey, un primo amore ancora non dimenticato e forse perché con le prime esperienze impari a capire molte cose di te, e Nathan con lui ha avuto una relazione non equilibrata, Harvey mi è parso controllante e molto incentrato su se stesso a tratti, e forse sono delle mie supposizioni, ma sono cose che ho percepito soprattutto nelle reazioni di Nathan e della loro vita sessuale. 
Non mi aspettavo che Alan invitasse Nathan così, anche perché come dice Nathan stesso ha dato l'impressione di essere una persona piuttosto fredda e distaccata, è stato un primo passo che mi ha stupita ma è chiaro che tra questi due personaggi ci sia stato un colpo di fulmine. 
Nathan stesso rimane impressionato da Alan, quando parla con Steve gli viene subito in mente Alan, lo descrive esattamente come lui mentre parla del suo fidanzato immaginario (al momento), e questo rivela che effettivamente qualcosa c'è, e  quell'invito al concerto è magari solo l'inizio di un qualcosa di concreto. 
Non mi aspettavo l'incontro alla fine tra Nathane Harvey, sono passati tre anni ma sembra quasi che il tempo si sia fermato per loro. Hai una scrittura molto matura, attenta ai dettagli e alle descrizioni, ho apprezzato molto il modo in cui stai portando avanti i tuoi personaggi. Ti faccio i miei complimenti, alla prossima!

Shakana

Recensore Master
08/10/21, ore 13:43
Cap. 4:

Eccomi qui! Contavo di passare qualche ora prima, ma lo studio non mi lascia mai! xD
Come al solito, rimango totalmente affascinata dal tuo modo di scrivere... questo capitolo, come tutti gli altri, è veramente sublime! Descrizioni e sentimenti sono curati nei minimi dettagli, e ho amato molto il punto di vista di Alan!
"Perché si vive finché si ha uno scopo, finché c’è qualcosa che può rendere la nostra vita migliore. Ma quando la realtà prende il sopravvento, e ti affanna, e ti appanna la vista, tanto che tutto sembra insignificante e sconclusionato, una routine di cui non cogli più il significato, non è così semplice non desiderare che tutto finisca."
Questa frase è veramente molto profonda, nonché veritiera. In Alan alberga ancora quella sorta di malinconia che lo tiene indissolubilmente legato a Oliver. A stare con un altro non ci pensa nemmeno, proprio perché gli sembra di tradirlo. Lui e Nathan, almeno a prima vista, sembrano due poli opposti, ma in realtà sono entrambi rimasti legati a quel primo amore che li ha fatti palpitare, a quelle esperienze che non sono mai riusciti a dimenticare.

Mi ha fatto sorridere il fatto (scusa il gioco di parole xD) che Alan provi la stessa attrazione che, ai tempi, provava Nathan per il suo primissimo amore. Quella sigaretta fumata da Nathan sembra attragga Alan, che quasi si sente a disagio e in colpa nei confronti di Oliver, quindi tenta di mascherare il tutto giocando sull'immaturità e sull'irriverenza di Nathan... delle caratteristiche a lui non piacciono affatto, ma che, nel contempo, lo attraggono indissolubilmente verso di lui! All'inizio tutto sembra andare abbastanza bene tra di loro, ma poi la situazione precipita. Devo dire che mi sento somigliante a entrambi, per certi versi, per il discorso "malinconia". Spesso mi perdo anch'io nei ricordi, ma è anche vero che questi non servono per andare avanti o per costruirsi un nuovo futuro... e chissà che entrambi non possano capirlo, prima o poi! Per ora, Alan mi sembra il più restio nell'instaurare una relazione sentimentale, dato che comunque non ci ha pensato per anni. Anche l'altro, però, non mi sembra troppo diverso... fa tanto il gradasso (anche se ha dimostrato anche parecchio imbarazzo), ma sotto sotto soffre anche lui per quanto vissuto in passato.
La parte investigativa, che non mi aspettavo comparisse, è stata altrettanto interessante! Non vedo l'ora di scoprire come proseguiranno le indagini riguardo a Michael!

Di nuovo, i miei complimenti per la minuziosa cura con cui scrivi questi capitoli - davvero meravigliosi! <3
Alla prossima,
Eleonora

Recensore Master
05/10/21, ore 18:17
Cap. 3:

Bellissimo capitolo! Mi scuso se sono passata più tardi rispetto al solito, ma l'università non mi concede tregua alcuna, come potrai benissimo immaginare! Sono sempre più affascinata dal tuo stile di scrittura (credo mi insegnerà molto!), come mi ha affascinato molto l'excursus che hai narrato riguardo a Nathan. L'esperienza vissuta con Harvey lo ha senza dubbio fatto crescere, per certi versi, ma anche intrappolato nel viziaccio del fumo e, non per ultimo, nel ricordo che ha ancora di lui, malgrado siano trascorsi tre anni. Per esperienza, come credo sappiano un po' tutti, il trascorrere del tempo non implica dimenticare necessariamente una persona, anzi. Molto spesso, più passa il tempo e più i ricordi si rafforzano, cristallizzandosi dentro di te come il calcare che incrosta le padelle... xD
Mi ha stupito molto che Alan abbia chiesto a Nathan di uscire, anche se per me c'è lo zampino del collega! E la reazione di Nathan all'incontro con Harvey, a mio avviso, è stata più che normale. In fondo, per lui Harvey è stata una persona importante: il primo amore, come da lui stesso definito. E persino Harvey non mi è sembrato poi tanto indifferente. A ogni modo, è ormai certo che le loro vite non siano più destinata a incrociarsi in modo tale che possano legarsi per sempre; ormai c'è il caro Alan, che penso farà penare un sacco Nathan! Come sempre, complimenti per questo capitolo! *_*
Ps: quanto alla risposta che mi avevi dato la volta scorsa, anche io mi vergognerei se dovessi pubblicizzare un mio libro, un giorno, ma credo che correrò il rischio e penso che anche tu sia perfettamente capace di buttarti! Poi, con un tipo di scrittura così bella... sarebbe un peccato non provarci! :)
Un abbraccio, alla prossima!
Eleonora
Ps: quando Nathan ha nominato i polimeri... ho pensato al mio esame di Chimica Organica II (mamma mia, era un programma immenso)! xD
(Recensione modificata il 05/10/2021 - 06:18 pm)

Recensore Master
28/09/21, ore 11:37

Ciao, cara! ♥ 
Eccomi qui di nuovo, ho deciso di proseguire volentieri questa storia e qui ci catapulti in un'atmosfera totalmente diversa con quella del capitolo precedente, e ciò perché ci presenti Alan. L'inizio è più intimo e ho apprezzato il modo in cui rappresenti la malinconia del protagonista, si percepisce che la base di tutto è il dolore; bello il concetto della vita paragonata al colore grigio, lui ha un'anima più introspettiva e una personalità abbastanza diversa da quella di Nathan, anche se credo che andando avanti troveremo qualcosa che li unirà (sono mie supposizioni, al momento). 
Leggiamo le testimonianze delle vittime coinvolte nella rapina, e quello maggiormente interessante sembra essere proprio quello di Nathan, è forse l'unico dei tre che riesce a dare qualche indizio più utile per le indagini, inoltre stai descrivendo benissimo soprattutto la parte tecnica. La tua scrittura è semplice ma ben dettagliata, si vede che c'è un lavoro dietro e ho apprezzato il modo in cui sei riuscita a entrare nella mente di chi fa questo mestiere, leggere queste testimonianze mi ha dato proprio l'impressione di essere presente in prima persona durante le indagini, e tutto ciò porta a interrogare i genitori di Michael Cossner. 
La strutturazione del capitolo è impeccabile, quando Alan parla con i genitori di Michael ho trovato il tutto molto credibile e hai fatto trasparire la preoccupazione di queste due persone che hanno compreso quanto il figlio si sia cacciato in dei guai, a loro modo hanno cercato di "proteggerlo", anche se il modo migliore per farlo è proprio collaborare e dare più informazioni possibili, a questo punto. 
Nathan è un personaggio che mi piace, sembra effettivamente differente da Alan, e penso che sia anche più trasparente di quest'ultimo, si capisce ciò che prova e forse "accetta" questa strana sensazione che prova quando è vicino a lui. Alan lo vedo più distaccato da questo personaggio, sente che c'è qualcosa che lo attrae (?) di questo ragazzo, o forse è solo incuriosito, ad ogni modo lo tiene a debita distanza. Forse lo fa per lavoro, ma credo che dipenda anche dal dolore che si trascina dietro. Come vedi non ho nulla da ridire, è una storia bella, interessante e anche ben pensata, mi piace e sono una fan del genere thriller/romantico. Quindi ti faccio tanti complimenti e alla prossima!

Shakana 

Recensore Master
27/09/21, ore 20:24
Cap. 1:

Ciao, cara! ♥ 
Eccomi qui per la bellissima iniziativa del Giardino "Ti dedico una recensione", è un piacere conoscere nuovi autori in questo modo e visto che è la prima volta che passo da te ho deciso di passare sul tuo ultimo lavoro, anche perché la trama mi ha attirata. 
Mi è piaciuto questo primo capitolo, l'ho trovata una lettura gradevole e un buon inizio che promette bene. Ci mostri il punto di vista di Nathan, e hai usato una narrazione in prima persona già ben delineata, la scrittura è scorrevole e attenta ai dettagli, sia sulle descrizioni fisiche e sia sull'aspetto caratteriale del protagonista. Attraverso questo primo capitolo ci mostri uno spicchio di quotidianità, dal suo lavoro sottopagato al mini-market con piccoli episodi con vari clienti, al momento in cui Nathan si reca nell'ufficio postale ed è incosapevolmente testimone di una rapina. 
Attraverso questo episodio vediamo anche il suo modo di approcciarsi alle persone, mi ha fatto sorridere ciò che pensava durante l'interrogatorio del poliziotto più "scorbutico"; attraverso il suo punto di vista conosciamo anche questo uomo che definisce rigido e tutto d'un pezzo, sono delle caratteristiche forse abbastanza comuni per i poliziotti, ma in questo caso Nathan nota anche qualoca un più, forse una freddezza dovuta a un periodo particolare confermato persino dal collega. So che è una storia che hai scritto tempo fa, spero che il mio parere (senza dubbio positivo) ti possa dare una carica in più per concludere i capitoli finali. Ti faccio i miei complimenti e ci vediamo al prossimo capitolo, conto di passare entro stasera!

Shakana

Recensore Master
25/09/21, ore 21:06

Ciao!
Questa capitolo dedicato ad Alan mi è piaciuto molto. Sia perché Alan è un personaggio molto interessante, sia perché la parte investivagativa è condotta molto bene.
In base alle testimonianze e a quello che ha scoperto Alan a casa dei genitori, mi sono fatta l'idea che i due rapinatori stessero cercando proprio il figlio dei Cossner che deve essersi ficcato in un brutto guaio ed è scappato proprio per questo.
Sono curiosa di sapere come procederà l'indagine!
Passando ad Alan, mi sembra di capire che il suo ragazzo sia morto e lui sia ancora nella fase di lutto. Mi piace il modo triste e leggermente aggressivo con cui affronta tutto. Mi sembra un modo molto realistico di descrivere il suo dolore.
Bello anche lo scambio con Nathan, in cui Alan pur non volendo si ritrova attratto dal modo di fumare del ragazzino irritante e da quel breve sprazzo di malinconia e maturità che traspare quando Nathan ricorda il periodo difficile passato dopo i diciotto anni.
Quel passato sicuramente doloroso di Nathan, ha creato un piccolo legame con Alan che ancora non ha superato la morte di Oliver (almeno credo sia morto, da come ne parla).
Mi piace anche l'amicizia con Ashton, il modo in cui l'amico cerca di aiutarlo a superare il dolore.
Devo dire che questa storia mi ha proprio preso!
Complimenti e a presto! 😊
AlbAM

Recensore Master
23/09/21, ore 14:55

Cosa dire... se non che mi piacerebbe condurre le indagini poliziesche come stai facendo tu in questa storia? Ho sempre ammirato chi è capace nel costruire thriller romance o giù di lì, ci stavo provando pure io con Dusk ma mi sono dovuta fermare (devo finire persino altre due storie, prima di riprenderla...), spero di riprendere, prima o poi! A ogni modo, spero che questo scritto mi possa ispirare per continuarla!
Complimenti ancora per il tuo modo di scrivere (hai mai pensato di pubblicare cartaceo?): ho adorato in tutto e per tutto la parte iniziale, come il resto del capitolo! Descrizioni perfette, così come la psicologia di Alan e Natan. Entrambi dimostrano di avere un bel caratterino, sono curiosa di scoprire come interagiranno prossimamente! Sicuramente hanno un qualcosa in comune: il dolore. Quel dolore che entrambi hanno cercato di estirpare per quanto possibile, ma che è risulta ancora vivido in loro. In particolare ho trovato molto bello il contrasto interiore che vige in Alan: da un lato è attratto palesemente da Nathan, dall'altro lo ripudia. Ed è chiaro che una delle due fazioni dovrà per forza prevalere sull'altra, prima o poi!
Ancora complimenti per tutto, il capitolo è veramente perfetto! ^^
(Recensione modificata il 23/09/2021 - 02:56 pm)

Recensore Master
20/09/21, ore 20:29
Cap. 1:

Ciao!
Visto che sei stata così gentile da lasciarmi una recensione ho pensato di fare anche io un giro dalle tue parti! 😊
Ho trovato questo primo capitolo molto carino e ben scritto!
Mi è piaciuto molto come hai introdotto il personaggio di Nathan, presentando prima i tanto terribili quanto realistici clienti del minimarket dove lavora.
In effetti mi hai sorpreso perché non mi aspettavo che in realtà il protagonista di questo primo capitolo fosse proprio il malcapitato commesso! 😂
Di lui mi pare di capire che é abbastanza a corto di soldi, ha il senso dell'umorismo ed è piuttosto giovane, visto che i due poliziotti venticinquenni sono più "vecchi" di lui. In ogni modo. Ha già attirato le mie simpatie!
Molto divertente il dialogo con il poliziotto scorbutico e interessante il fatto che dalla tua introduzione risulta che in realtà il protagonista sia proprio il poliziotto. Mi piace che lo abbia presentato dal punto di vista di un altro personaggio che oltretutto racconta in prima persona!
Complimenti, devo dire che sei risuscita a stuzzicare la mia curiosità e ora voglio proprio vedere come sarà il secondo incontro tra Nathan e Alan, per cui se ti fa piacere continuerei volentieri gli scambi con te! 😊
AlbAM

Recensore Master
19/09/21, ore 07:31
Cap. 1:

Ciao! Premetto di aver adocchiato questa storia sin dalla prima volta in cui è comparsa in questa sezione: solitamente non leggo mai storie slash, ma questa qui è scritta talmente bene, che sono davvero curiosa di intraprendere questo viaggio all'interno del mondo che tu hai creato! Tra l'altro, tempo addietro avevo già letto qualcosa di tuo e mi ero ripromessa di leggere Naughty Blu, cosa che a questo punto farò non appena avrò terminato di leggere questo prequel! Questo primo capitolo l'ho letto tutto d'un fiato: mi è piaciuta molto la presentazione che hai fatto su Nathan e gli altri due agenti della polizia, in particolare dello scontroso e burbero Alan! Sicuramente è davvero intrigante il fatto che questo ragazzo sia piuttosto introverso e che abbia un'indole non proprio affabile, dato che certamente avrà di nuovo a che fare con Nathan! Ti faccio i miei complimenti per il tuo impeccabile modo di scrivere: non è facile imbattersi in storie così curate su questa piattaforma, ed è sempre un piacere quando ciò accade! Condivido anche il fatto che, molto spesso, sia determinate il supporto dei lettori per poter aggiornare con più frequenza o terminare una qualsiasi storia (io ne so qualcosa...!); io ultimamente sono in una fase di stallo, ma sto leggendo molto per ritrovare quella grinta che mi permetterà di proseguire e non procrastinare sempre – complice anche la pigrizia dovuta al rientro dalle vacanze.
Concludo dicendo che la tua storia mi sembra molto interessante, anche Nathan appare come un ottimo personaggio, con delle solide basi; perciò... al prossimo capitolo! :)
(Recensione modificata il 19/09/2021 - 07:33 am)