Recensioni per
Rimasugli di pensieri
di alessandroago_94

Questa storia ha ottenuto 1044 recensioni.
Positive : 1041
Neutre o critiche: 3 (guarda)


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
Recensore Junior
16/06/21, ore 20:23
Cap. 133:

Ciao! Recensisco solo ora, mi dispiace!
Questa poesia è un filo ritorto di ragionamenti, si percepisce il suo nascere e snodarsi in versi derivato dal rimuginare. Lascia aperte le porte a tantissimi spunti di riflessione.
Nel mio piccolo sono felice di percepirti contento a prescindere dalla presenza di una seconda persona (anche perché sono fermamente convinta che se dobbiamo aspettare che sia il nostro compagno a renderci felici staremo a secco per sempre, la felicità è personale e la si trova individualmente). Per quanto riguarda l'amore l'unica cosa che l'esperienza mi ha insegnato è che finisce, SEMPRE. Si trasforma in mille altre emozioni del tutto diverse da quello che ci aspettavamo.
Sto provando ora per la prima volta un tipo di amore completamente diverso, di gran lunga più viscerale e ancestrale, il quale trovo innaturale possa terminare ed è quello per i propri figli.
Non hai niente che non va, non è strano che le persone passino senza fermarsi, è la normalità.
Un abbraccio e tanti complimenti! A presto!
Jean

Recensore Master
09/06/21, ore 08:43
Cap. 133:

Buongiorno Ale,
ti ammiro molto sai? Nelle tue poesie traspare sempre sincerità mescolata a un turbine di sentimenti e dubbi, nei quali anche il lettore può identificarsi.
Per quanto riguarda le tue domande nelle note, non posso aiutarti a trovare una risposta, purtroppo non ho tutta questa conoscenza. Una cosa la posso dire con certezza: non sei affatto una persona egoista! Se lo fossi, condivideresti delle poesie che rispecchiano la tua anima ed essenza?
Mai dire mai, probabilmente qualcuno busserà alla porta, tutto dipende se sarai disposto ad ascoltare il "toc toc", ma soprattutto ad aprire.
Spero di non essere sembrata polemica, perché non era quella la mia intenzione xD
Ti mando un caro saluto e, posso assicurarti che ti considero il mio amico poeta con un grande talento!^^
Un abbraccio e a presto!

Recensore Veterano
08/06/21, ore 09:54
Cap. 133:

Mio caro,
non sei un "diverso", tu.
Sei un poeta.
E come i poeti, i migliori, ti approcci "imnacolato", timido, stupito alla vita alle sue persone e cose.

E se pensi "che in fondo sto bene anche così" non è per egoismo. È perchè sospetti, nel tuo intimo, che tutte quelle "storie d’amore altrui" che vai ascoltando forse non sono così sincere o così durature. Così come le vorresti tu.

Non avere certezze ("Con la certezza però che nessuno busserà mai alla porta del mio cuore"). Le certezze sono i paraocchi dell'anima.

Ecco, ho finito per recensire più la tua Nota che la tua poesia.

La tua poesia non ci vanno tante parole per commentarla.
È bellissima: delicata, colta, malinconica. Uno sfogo, a volte tremendo ("Molte volte, vorrei non essere mai nato"), che non sembra uno sfogo.

Un abbraccio, amico mio.

Recensore Master
07/06/21, ore 11:54
Cap. 133:

Caro Alessandro, una poesia intrisa di amarezza la tua e si sente in ogni parola che hai scritto, ma nel contempo sempre quelle stesse parole sono piene di amore verso tutto ciò che hai a portata di mano, che ti circonda e che pare ti rassereni. Forse per un amore tutto tuo da poter vivere, e che con te condivide gli stessi interessi, non è ancora venuto il momento, ma ciò non vuol dire che sei fatto per restare da solo a guardare gli altri che passano nella tua vita senza sostare più di un attimo alla tua porta o per ascoltare le storie d’amore altrui.
Tutto l’amore che hai in te è il tuo carburante per continuare la tua vita, costruire ed abbellire la tua fortezza dalla quale, quando avrai trovato la giusta conformazione delle tue ali, potrai librarti e spaziare su mondi lontani e incontrare così persone che comprendereanno il tuo io più profondo e la tua necessità di dare amore in ogni sua forma. Non sei votato alla solitudine, a meno che non sia tu stesso a chiuderti come un riccio. Continua a parlare, raccontando di te, e a seminare e vedrai che al momento opportuno il tuo raccolto sarà piacevolmente sorprendente.
Un augurio che ti faccio dal profondo del cuore.

Recensore Junior
07/06/21, ore 00:54
Cap. 133:

Carissimo Alessandro *u* *u* *u*
come ti ho già detto più di una volta scambiandoci recensioni e messaggi, il tuo problema più grande è che non hai mai avuto la fortuna di incontrare le persone giuste...e capisco benissimo che, visti i tempi che corrono, il solo tentare di consigliarti di aprirti più al mondo e di incontrare nuove persone con interessi comuni meriterebbe una pena capitale per l'idiozia!!! 8O 8O 8O comunque sia, negli anni hai costruito una schiera di persone che ti stimano e ti leggono su questo sito, per cui forse un suggerimento (anche se magari non particolarmente intelligente) sarebbe proprio di partire da qui, anche solo per coltivare più a fondo le amicizie...*u* *u* *u*
Venendo alla poesia, penso sinceramente che sia una delle più belle che ho mai letto di te. Mi sono piaciuti particolarmente gli ultimi versi: il senso della vita è che la vita abbia senso, e questo senso ci viene dato unicamente dall'Amore... <3 <3 <3
un superbacione *SMAAAAAACK* ;o ;o ;o a presto!!! <3 <3 <3 <3 <3

Recensore Master
06/06/21, ore 22:25
Cap. 133:

Che piacere leggere una tua poesia!
Questo componimento è veramente bellissimo, puro.
L'amore che senti dentro è sufficiente per conferire un senso alla tua persona, alla tua vita che pullula di vita e la ama in tutte le sue forme, anche quelle più indifese e di cui spesso si ha molta attenzione.
Ti auguro di volare davvero con queste ali di tua produzione: ogni cosa fatta da sé genera più soddisfazione e credo che per te sarà proprio così.

Complimenti!

-Bigin

Recensore Master
06/06/21, ore 22:12
Cap. 133:

Ti sveli, ti metti a nudo, fidandoti di noi, amici lontani, invisibili, ma quanto mai presenti.

Non ho risposte alle tue domande.

Questa, però, ti è uscita particolarmente bene.
Sarà che si sente il tuo cuore.
Si sente tutto.

Permetti un abbraccio?

Recensore Junior
06/06/21, ore 20:59
Cap. 133:

Sei molto più di ciò che pensi di essere. Solo per le domande che ti poni e i dubbi che albergano nel tuo cervello.
Sai scrivere con una cristallina sincerità che ti contraddistingue.
Ti auguro il meglio. Anche per la pubblicazione faccio il tifo x te 💪

Un caro saluto
Roberto

Recensore Master
06/06/21, ore 20:01
Cap. 133:

Carissimo!
Questa poesia mi è entrata dentro come un pugno.
Mi ha attraversato per intero, come se guardando il fantasma di qualcun altro, passarmi attraverso lo avessi scoperto così incredibile simile a me...
Essere diversa, rassegnarsi a non trovare un amore che ricambi il mio, la solitudine con cui sto in parte facendo amicizia... ma non credo meritiamo l'emarginazione. Questo mondo ha costruito una certa immagine di amore, illudendoci ed escludendoci se non rientriamo in quei parametri. Ma l'Amore è molto, moltissimo altro.
L'Amore è quel voler spiccare il volo, quella natura che ama senza parole, è quella ricerca incessante di senso, è un Amore che dà, a prescindere dalle volte in cui è stato ferito.
Questa poesia è così incredibilmente reale. Grazie per averla condivisa.
Buona ricerca, buon cammino, buon volo.
Fabiola

Recensore Master
28/05/21, ore 18:54
Cap. 132:

Carissimo, l'importante è ricordarsi di non abbattersi e continuare a combattere (in senso metaforico).
Sicuramente, non è facile e semplice, soprattutto se vivi in prima persona momenti come quello presentato nel testo. La speranza che tutto finirà, per quanto possa essere esile, non bisogna perderla o dimenticarsene. Presto o tardi, sarà tutto un brutto ricordo da sommergere con tanti altri belli e felici.
Un grande abbraccio ^^

Recensore Master
28/05/21, ore 18:43

Nelle parole presenti in questa poesia, percepisco appieno la stanchezza di tutta questa situazione. Ti dirò, sono più che sicura che molti lettori si saranno immedesimati, perché, purtroppo, è un vivere che tutti conosciamo e sopportiamo. C'è chi si è esasperato prima e c'è chi ha raggiunto il limite adesso, ma è una cosa normale. In fondo, anche il più solitario, alla fine ha necessità di un minimo contatto umano con i propri simili.
Cielo, che commento orrendo! xD
Chiedo venia, mi sono lasciata trasportare da quanto letto e questo è il risultato. In conclusione, hai scritto un testo molto profondo e attuale- Bravissimo! Sono contenta di leggere nelle note che hai scritto come un fiume in piena, vuol dire che l'ispirazione non ti manca, ed è sempre una cosa positiva! :)

Recensore Master
28/05/21, ore 18:32

Buonasera Ale,
le osservazioni che fai in questa poesia, fanno riflettere e tanto. È triste come qualcosa di valore come la nostra storia, sia stata sepolta e ormai ignorata a causa della tecnologia. Anche questa volta, il testo è ricco di sentimento e di abbandono. Complimenti, un'ottima poesia! ^^

Recensore Junior
17/05/21, ore 01:20
Cap. 132:

Alessandro carissimo,

rispunto fuori dall'Oltretomba dei Poeti estinti e vengo a farti visita per un breve istante...era da una vita che non leggevo qualcosa di tuo!!! :O :O :O :O e, ahimé, devo dire che ho trovato dei toni e dei sentimenti che non mi sarei mai aspettata di trovare in te! :O :O :O sarà che non ti leggo da tantissimo tempo, ma mi sembri una persona completamente diversa! Più disillusa, più addolorata, più sconcertata....a quanto pare questa pandemia ci ha cambiati tutti....

Ti mando un super abbraccione e un bacio! *SMAAACK* a presto!!! ;o ;o ;o <3 <3 <3

Recensore Veterano
28/04/21, ore 03:04

Rieccomi.
Beh, questi sono versi toccanti, inequivocabilmente diretti, mesti ma coscenziosi. Molto belli.
"Le parole sono, nella mia non modesta opinione, la nostra massima e inesauribile fonte di magia, in grado sia di infliggere dolore che di alleviarlo." Ho appena citato J.K Rowling, penso che si sposa benissimo con questa poesia.
Ed io aggiungerei, che se le parole sono così ostili da non regalare amore, allora meglio se vengono sostituite dai fatti! E non se ne parla più, letteralmente.

Un abbraccio!

Recensore Veterano
28/04/21, ore 02:48
Cap. 124:

Ciao caro, ero molto attratta dal titolo... ogni tanto, come vedi, mi faccio viva io! (riconosco che sono troppo spesso presa dai miei studi, ma provo a rimediare, ahaha!)
Anzitutto: ribadisco, il titolo mi ha colpita particolarmente, perché penso le meduse siano una specie assai singolare, curiosa, mistica, mi incutono a tratti timore e non a caso l'idea di contemplarle credo celi dietro una sensibilitá profonda, messaggi da parte del subconscio.

Gli interrogativi "ho mai amato? Cosa ho provato?" per me sono un altro punto centrale, che ricorrono ad un apparente senso di impotenza, di stordimento, di disillusione. Un amore forse non corrisposto abbastanza, un amore finito male forse, ci fa riflettere poi su cosa sia amare e in certi casi, proprio cosa voglia significare anche per noi questo verbo. Perché tutto poi è destinato a finire. Domande a cui credo nessun saggio può rispondere.

Altro tema: l'amor proprio. Beh, forse questo è quello più positivo. In qualsiasi ambito, in qualsiasi situazione capitiamo, la cosa più importante è non dimenticarsi di stringersi forte. Veniamo prima noi, il nostro ego, i nostri desideri. E quando lo accetteremo impareremo anche a superare tutto il male che ci circonda. Amarsi non è mai sbagliato. Certo, ma anche un giorno amare la persona giusta.

Ciao, ti abbraccio
(Recensione modificata il 28/04/2021 - 02:51 am)