Recensioni per

di

Questa storia ha ottenuto recensioni.
Positive : 0
Neutre o critiche: (guarda)


Devi essere loggato per recensire.
Registrati o fai il login.
Recensore Junior
29/05/12, ore 19:09
Cap. 1:

Oh mio dio! Finalmentee!** Madre mia che dolce Duncan, è il più dolcino di tutti alla fine*w* Non c'è stato un secondo di questo capitolo noioso! Giuro, sei fantastica. E poi hai fatto una cosa bellissima che in pochi sanno fare: hai raccontato una scena di sesso in modo romantico e poco volgare, e pochi lo sanno fare credimi. Queste scene quasi tutti le descrivono in modo volgare e sinceramente non mi piacciono molto D: Invece tu hai descritto la scena in modo così dolce che credimi, mi hai fatto venire il diabete:') Bravissima ancora! Complimenti, un abbraccio, duncney_love

Nuovo recensore
28/05/12, ore 08:06
Cap. 1:

Dato di fatto 1: dovrei DAVVERO studiare letteratura francese per non beccare un bel due (che a fine maggio non è l'ideale)
Dato di fatto 2: mi sono rimessa in pari con questa fantastica storia, invece di studiare (sentiti in colpa ù.ú)
Scherzi a parte, avrei voluto recensire ogni singolo capitolo che avevo saltato, ma mi manca il tempo, così mi limito a scrivere qui. Arrivano gli zombie e i nonmorti! Si limiteranno a rantolare, braccia in avanti e comportasi peggio delle
Scimmie come in Dead Rising, oppure saranno creature Oscure, dotate di senso a tutti gli effetti? *^* non vedo l'ora di scoprirlo! E poi... Come riavrà indietro la sua mano? E la guerra? Accidenti, quante cose mi ero persa! Sono contenta di essere tornata di nuovo in pari! Aspetto con ansia il prossimo capitolo!
Baci,
Smollo

Ps:( dopo ...quant'è ? Tre mesi? ) credo di aver finito il secondo capitolo di Iris (devo solo rivederlo... SOLO per modo di dire)... ah se la mia petulante pignoleria in fatto di scrittura si estendesse anche a tutto il resto!

Nuovo recensore
27/05/12, ore 22:58
Cap. 1:

oh.mio.dio. questa fan fiction mi sta appassionando sempre d piu', la adoro! il lessico è facile e la lettura è piacevole e scorrevole. la seconda parte, quado Taemin dice a Minho che lo ama, è la mia preferita, quanta pena , ma anche dolcezza, mi ha fatto Taemin ç.ç . l'unica cosa che mi dispiace è il comportamento di MInho, voglio dire, sa che si sta innnamorando di Taemin pero' continua a pensare del loro rapporto di amicizia. poi , la MInkey, nono ne vado assolutamente pazza, ma Kibum come scopamico è qualcosa di spettacolare! detto questo non farmi aspettare di nuovo un mese e mezzo perche' stavolta ti lincio sul serio, potrei morirne ;___; aggiorna presto, ti prego~
continua cosi'
~ un bacio~
( ps: passa a leggere la mia se ti va
~ )

Recensore Junior
27/05/12, ore 21:49
Cap. 1:

Bellisimo come sempre!!
Vorrei che la storia tra harry e bechy continuasse ma nello stesso tempo mi piace anche quella di robin e anne e non vorrei che si lasciassero, pero' preferisco harry e bechy!!
Comunque e' una tua scelta e qualunque sara' mi piacera'!!
Spero che continuerai presto questa fantastica ff
Illistyles

Recensore Veterano
27/05/12, ore 21:36
Cap. 1:

Bellissimo, davvero stupendo... anche se mi immaginerò la protagonista, diversa... ti spiego brevemente il perchè, mi piace leggere perchè amo immedesimarmi, e sono il contrario ,fisicamente intendo, della protagonista(aparte per il colore dei capelli)... tt qui per il resto nn cambierei neank una virgola... STUPENDO

Recensore Junior
27/05/12, ore 16:17
Cap. 1:

E' Bello :3
E' solo l'inizio perciò non so bene cosa dire.. Metto la storia tra i "seguiti" :3

Recensore Junior
26/05/12, ore 21:13
Cap. 1:

Ireeeeeee!!!! Questa ff e' stupenda!!! Je l'aime bien!!
E' molto bella, adoro Abbie!!! E Harry e' jiebuiuwdnibiwdunxiwjndixjwdn e poi ce lo vedrei benissimo con Lauren... <3
zayn e' ancora piu' iwfbuiundwnuiunwodjnowdjnwfjnidwjnjodwnjowdinwdkdwdj e sisi e' cotto di Abbie
Ma Ashley con chi stara'? <3
aspetto presto il continuo, avvertimi quando aggiorni e se puoi passa da me.
Tanti baci ad una ragazza jneifniwdnuwidfji come te *___* che scrive splendidamente <3
Xx Leanne

Recensore Master
26/05/12, ore 18:04
Cap. 1:

Santi numi, Margherita (se chiamo qualcuno con il nome intero, mettiti ai ripari).
Io ci provo, e ci metto tutta la mia energia per farti migliorare. Ma se poi non mi ascolti, io non posso farci niente se non sospirare a ripeterti sempre le stesse cose fino allo sfinimento (il mio).
Ma prima i fatti positivi.
Un capitolo in cui non c'è molta azione, ma si scoprono nuove cose di varie faccende. Non mi aspettavo che Beatrice fosse una regina/principessa, e soprattutto non mi aspettavo che volesse cedere a Zhalia il trono così di punto in bianco. Va bene, ci avrà riflettuto. Ma lasciare il proprio regno a una ragazza, che seppur quasi una figlia, non si è fatta sentire per anni ed è sparita.
Mi incuriosisce molto il segreto (uno dei tanti) dei Casterwill, e Giulietta ed Alain hanno una perenne aura di mistero. Non mi sembrano caratterizzati bene, sono superficiali.
E ora, le note negative.
A parte i nomi sbagliati, di nuovo, questo capitolo mi è parso forzato. Insomma, i personaggi si muovono a fatica. E le decisioni prese mi sembrano insensate.
Quindi, secondo il mio parere, è un capitolo confusionario.
*sospiro* Lo sai che non te lo dico per cattiveria.
Vampire Ninja

Recensore Master
26/05/12, ore 11:58
Cap. 1:

Che fan fiction interessante devo dirtelo mi aspetto grandi cosa dalle tue storie ! spero che aggiorneraoi presto ciao bella

Recensore Master
26/05/12, ore 10:27
Cap. 1:

Stupendo! Veramente bellissimo questo capitolo! Sherlock geloso è adorabile! Anche John, però, ha avuto i suoi momenti di gelosia, ben più motivati però! Sherlock sembra proprio un adolescente alla prima cotta! In effetti per lui lo è! Il primo incontro con i suoi sentimenti! é come un ragazzino alle prime armi, John deve aiutarlo in qualche modo, no? Ha fatto bene ad arrabbiarsi, secondo me, ma è stato bello poi quando si è addolcito.... Comunque, bella l'idea di inserire Moran. Che il cecchino voglia in qualche modo vendicarsi di Moriarty? Sono curiosissima!

Recensore Veterano
25/05/12, ore 17:20
Cap. 1:

Complimenti! Era da un po' che non ti facevi viva!
La storia è iniziata proprio bene, anche se non ho capito di che concorso parli. Sarò io che a queste cose non ci penso mai.
Comunque, come inizio è promettente, anche se Lok all'inizio mi ha fatto un po' pena. Mi sono sempre immaginata un migliaio di modi in cui il padre sarebbe mai tornato, ma mai come se ne fosse andato. Continua così!
socorro98

Nuovo recensore
24/05/12, ore 21:40
Cap. 1:

Bellissimo capitolo!
Adoro come riesci a rendere Santana una bastarda cronica e poi una ragazzina dolce e innamorata allo stesso tempo...
e devo ammettere che nelle relazioni sono una persona molto simile a Finn pur essendo femmina, voglio essere sempre 'la salvatrice' della situazione :)
Spero che aggiornerai presto, anche se dubito che lo farai dato che il tuo ultimo aggiornamento risale a dicembre...
mi sono tanto affezionata a questa storia!
baci. <3

Recensore Veterano
24/05/12, ore 21:11
Cap. 1:

I love you very much!
But I hate Liam...
Come ha potuto dirle quelle cose orribili?
Ma stiamo scherzando? Un assassino? In discoteca poi...
Non approvo per niente il suo comportamento...
Comunque, amo come scrivi=)
(Recensione modificata il 29/05/2012 - 11:27 pm)
(Recensione modificata il 29/05/2012 - 11:27 pm)

Recensore Junior
24/05/12, ore 14:59
Cap. 1:

Questo cappittollo (?) me gusta ya ya!
Lo adoro. Continuaaaaa!!!!! Mi raccomando!

Nuovo recensore
24/05/12, ore 13:59
Cap. 1:

Stelle.
"Le stelle, sulla parete e sul soffitto - stelle e stelline ovunque, e giallino e azzurro e blu."

Oh sì, anche questo capitolo di pensieri-random ha il suo fascino, e non lo posso negare. Un Matt adulto e completamente diverso da quello del primo capitolo, incazzato allo stesso modo a dire il vero, stanco, fuso, che gioca a una partita a Fruit Ninja mentre aspetta che il mostro s'addormenti.
Tutto questo mi ha catapultato con ancora più fretta in quella che dovrebbe essere una notte come tutte le altre; ma no, perché appena compare il cellulare e le chiamate perse, capisco che c'è qualcosa, e immediatamente mi ricollego al pezzo finale del capitolo precedente, che mi è rimasto impresso in testa.
"Una volta in corridoio, il panico che mi aveva bloccato la gola scende fin giù allo stomaco e si trasforma in angoscia pura. Traffico brevemente con il touchscreen, le dita che pasticciano sui comandi, rivelando prima la schermata ed infine l'autore delle chiamate, bianco su nero sotto l’iconcina di un telefono rosso mozzato.
Dom."
Come credevo, ora è Dom ad avere un problema - un gran problema, e non mi riferisco solo alla sua espressione impassibile, ma anche alla frase inglese iniziale (infinito amore per quella canzone che avevo ascoltato sì e no una volta e mezza di sfuggita ma che è qualcosa di meraviglioso). Quella frase ha un non so che capace di sprigionare in me tanti di quei sentimenti da far tremare le mani mentre scrivo. E Dom, nel breve modo in cui vien descritto ora, senza il bisogno di soffermarsi sui particolari, sembra dipinto alla perfezione con la melodia malinconica di questa canzone - ormai sono innamorata del modo in cui descrivi i personaggi scavando nella loro personalità e tirando fuori i lati più deboli e fragili.
Un esempio è Bellamy, alle prese con questa specie di flusso di coscienza/soliloquio/monologo rivolto a quell'esserino di Bing. 
Non puoi immaginarti la tenerezza che mi ha fatto questo uomo che ho sempre visto come un frontman e mai come un padre - sarà che ogni cosa legata alla normalità, a una famiglia normale e a una vita normale sembra ai miei occhi fuori dai suoi schemi.
Fuoriesce proprio di tutto: emozioni sovrastanti che gli riempiono la mente fino allo sfinimento, come accade quando ci si sveglia di scatto svegliati dalle urla di un bambino.
"Il punto è che non sono una persona particolarmente paranoica - o meglio, lo sono eccome, ma ciò che voglio dire è che non mi sono mai preoccupato troppo per gli altri. Forse le parole che cerco per definirmi sono ancora una volta “merdina egoista egocentrica egotutto”, ma preferisco evitare di ricadere sotto quell’etichettatura, scegliendo invece una semplice e diplomatica litote. 
Insomma, ‘fanculo, è Dom quello che si preoccupa per gli altri, la fottuta crocerossina della situazione, quello gentile e disponibile verso tutti, anche se in fondo a volte non gliene frega una mazza neanche a lui; più volte mi sono effettivamente chiesto come faccia a sopportare le aspettative di tutti e soprattutto le mie, cosa ci guadagni, insomma, a starsene lì a subire i miei repentini cambiamenti d’umore e gli insulti, tutti gli insulti più o meno sentiti che gli sputo contro ogni qual volta oltrepassi la linea (quella che definisce l’amicizia dalla pietà, ma non davvero, perché ancora una volta è tutto solo nella mia testa), tutte le volte in cui gli ho tirato contro un pugno, due, tre, e poi alla fine mi sono ritrovato con la testa schiacciata contro la moquette a sputare odio anonimo e lacrime contro polvere e lanugine, lui che mi stringe i polsi e mi ringhia dietro di calmarmi. Perché l’abbia fatto finora è quello che mi sfugge; perché ultimamente vi abbia rinunciato, arrivando ad evitarmi come la forfora, è quel che invece non mi dà tregua."
“merdina egoista egocentrica egotutto” e hai riassunto in breve il modo in cui Matt si sente quasi alle tre di notte mentre impreca per precipitarsi a calmare il bambino.
E poi l'intero tema dell'invidia, seppur lieve, che mostra ancora una volta lo stretto legame tra Matt e Dom - tant'è che il primo si prende una specie di attacco di panico quando legge sullo schermo del cellulare, e il secondo chiama lui come potrebbe chiamare chiunque, ma chiama lui.
"È proprio il pensiero che possa frequentare altre persone, altri ambienti, trovando godimento nella loro compagnia forse più che nella mia, ormai, che mi fa ribollire la bile nelle vene, nello stomaco o dove cavolo sta - soprattutto se ripenso al fatto che per vederci, io e lui, bisogna prendere l’appuntamento come dal dentista, o minacciarlo con le prove in sala. Ah, beh."
Qui invece traspare qualcosa di nuovo, e cioè una specie di blocco tra i due che hanno difficoltà nel parlarsi, nel vedersi, nonostante non siano più ragazzini. 
"La mia paura più grande, assai immatura e bambinesca e per niente attribuibile ad un trentaepassenne appena diventato padre, è naturalmente che Dom possa avermi rimpiazzato, come del resto crede abbia fatto io - perché non sono un idiota e certe cose non sfuggono neanche a me - con lui e Kate. Stronzate, ovviamente, forse anche e solo paranoie, ma a notte fonda - coi pantaloni alle ginocchia e gli stivali infilati al primo tentativo senza nemmeno i calzini perché no, non tornerò in camera dove la mia letale donna giace per recuperarli - ad un uomo come me è concesso almeno qualche pensiero ridicolo da quattordicenne ultrasensibile, no? "
Ecco un punto che secondo me è abbastanza importante: la paura di essere sostituito che colpisce Matt non appena si mette a pensare al posto in cui Dom è andato a ficcarsi; i pensieri che attraversano la sua mente sono dei più svariati, e arriva quasi a contraddirsi con i suoi stessi dubbi e con le sue stesse paranoie - perché è un uomo terribilmente paranoico.
Alla fine si giustifica, diciamo, usando la scusa del "è tardi e sono mezzo fuso, mi è concesso dire certe stronzate" - quella che uso anch'io, e su questo direi che ci assomigliamo.
"Una volta dentro mi ritrovo a galleggiare come in un flashback dei tempi andati, l’atmosfera anche solo della sala d’ingresso carica di ombre e sensualità gratuita proprio come il nostro tourbus fino a qualche anno fa, prima che la cosa assumesse un tono totalmente ridicolo e tutto diventasse semplicemente troppo. Le dita nude che si agitano scomode negli stivali, mi avvicino alla reception, piccolo e fuori luogo, con i miei pantaloni di velluto, i capelli da cuscino e la giacca decisamente poco elegante, e lì la tipa mi guarda come si fa con un ragazzino che abbia smarrito la propria mamma mentre le chiedo di ‘Sergio Georgini, un mio amico’, perché so che Dom ha ripreso quest’abitudine di fornire false identità in giro proprio dal sottoscritto. Mentre salgo le scale indicate, pur sempre inseguito da un chiacchiericcio breve e derisorio, tutta la preoccupazione accumulata nell’ora precedente si risolve in rabbia, e la prospettiva di prendere a calci in culo quella troia del mio batterista diventa sempre più invitante, nonché concreta - oh, perché lo sarà. Mi ci vogliono esattamente due minuti per arrivare alla sua suite schifosamente lussuosa (si tratta bene, il principino) e altri due per aprire quella cazzo di porta con la chiave elettronica. Una volta dentro, mi faccio strada verso la camera da letto tra le bottiglie vuote sul parquet e quelle che somigliano terribilmente alle chiazzette giallastre che Bing graziosamente riversa sui miei vestiti puliti quando non è riuscito a digerire la sua poppata - che amore."
Ti riporto questo lungo pezzo perché sinceramente lo trovo davvero ben riuscito: dapprima ritorna indietro nei ricordi, scavando a fondo, e la cosa mi provoca quella leggera tenerezza che colpirebbe chiunque. E poi, ancora mezzo addormentato, va a cercare Sergio Georgini, mentre ogni sua emozione e ogni suo pensiero di colpo si trasformano in rabbia, e ogni cosa che per quel breve tempo gli ha attraversato la mente gli ricade addosso.
"Non mi accorgo della nota d’isteria che vela la mia voce, né delle mani che stringono un polso e la spalla fino a fare male; tutto cessa quando incrocio il suo sguardo grigio e vago, e il panico e la confusione e la stessa isteria scemano lasciando spazio alla consapevolezza, la voglia di chiudere gli occhi e non essere, non più davanti a quel sorriso che di attraente ormai ha poco o niente. Disteso con le gambe penzoloni sui bordi del materasso, la camicia aperta fino all’ombelico e il capo abbandonato su un lato al centro del letto, Dominic è perfettamente sveglio."
Mi è piaciuto anche questo pezzo, nel quale Matt passa da uno stato di (quasi) calma uno stato isterico delineato dalla voce sicuramente acuta che gli sta uscendo dalla gola, mentre Dom sta disteso e quasi senza coscienza sul letto di quella suite lussuosa cosparsa di bottiglie di vino semi-vuote e di macchie di vomito dipinte sulla moquette.
Davvero, hai fatto il quadro della situazione muovendoti con abilità dentro l'animo contorto di Bellamy a notte fonda con i probabili segni di un sonno arretrato sotto alle palpebre. E' terribilmente realistico, in certi punti va oltre l'etichetta fanfiction-sui-Muse ma si perde nell'introspettivo, quasi ti fossi trovata tu a dover calmare un bambino e a doverti mettere in macchina verso l'hotel dove il tuo migliore amico si è fottuto il cervello - allo stesso modo, catapulti il lettore nei panni di questa specie di padre/cantante/amico, capace di telefonare anche a notte fonda a Tom per calmare la sua ansia e sapere che fine ha fatto quel Dominic dagli amici hipster.
 
La storia si fa più coinvolgente e intrigante, e mi precipiterò presto a leggerne il seguito; forse mi sento partecipe della vita di questi due nonostante abbia letto solo i primi due capitoli, e per questo ho intenzione di scoprire come la porterai avanti. 
 
xxx